HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
  Cerca
Federparchi: ecco come cambia il testo della 394 Agricoltori: siccità, danni già per un miliardo di euro Ispra: il consumo di suolo rallenta ma non si ferma Lo sciacallo in espansione in Italia? Al Senato primo passo verso l'abolizione degli animali nei circhi Ambientalisti: la Camera bocci la riforma sui Parchi No Vegan: è il momento della controinformazione "Le aragoste provano dolore", condannato ristoratore fiorentino Trento chiede la possibilità di rimozione dei lupi dannosi In Australia gli ambientalisti alla guida della più grande eradicazione di gatti e volpi Corte Europea: no alla denominazione "latte" per prodotti vegetali Fruttariano a Cruciani “mangiare pasta è un delitto, si uccidono semi di grano” In Umbria stanziati quasi 7 milioni per interventi in aree naturali Coldiretti lancia la campagna No Vegan: “Il 95% degli italiani mangia carne” E' il Piemonte la Regione con la maggior superficie di boschi Nell'ambra conservato uccello di 100 milioni di anni Romano (M5S) "no agli abbattimenti, le nutrie sono molto amate" Onorificenza per meriti ambientalistici a Franco Zunino Veneto. Eradicazione cinghiali: 200mila euro dalla Regione al Parco Colli Euganei Ispra, l'istituto è in crisi: protestano i dipendenti Presentati dati di Life WolfAlps: in Piemonte vivono 151 lupi Il 5 giugno si festeggia la Giornata mondiale dell'Ambiente I Comuni toscani chiedono la riapertura del Piano lupo Sammuri gela l'ambientalista che vuole salvare i mufloni: "Il Parco non è uno zoo" Anche la caccia tra gli scatti in onore della Madre Terra Progetti LIFE: il 52% dedicato alla lotta contro le specie invasive "Fondazione UNA e Parco della Maremma insieme per valorizzare la biodiversità"

News Natura

Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi


venerdì 31 marzo 2017
    

Gli assessori all’Agricoltura, Gianni Fava, e al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, hanno scritto al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, chiedendo un finanziamento straordinario pari a 1 milione di euro, specificatamente indirizzato a sostenere l’attuazione del “Piano regionale di contenimento ed eradicazione della nutria”, già promulgato con delibera il 14 luglio 2015.

“La nutria, diffusa in oltre il 70% del territorio della Lombardia, ha un impatto negativo sullo stato sanitario delle popolazioni animali autoctone, sulle infrastrutture di supporto alle attività agricole ed in particolare sulla rete irrigua e, inoltre, può essere causa di problemi sanitari – hanno spiegato Fava e Gallera -. Tale roditore di conseguenza, oltre a rappresentare esso stesso un serbatoio di patogeni, deve essere considerato soprattutto un possibile vettore passivo, in quanto l’ambiente che frequenta risulta spesso contaminato da microrganismi patogeni e non va trascurata anche la compresenza nello stesso areale di popolazioni di animali selvatici, come ratti e uccelli acquatici”.

La lotta alle nutrie, secondo Regione Lombardia, oltre ai danni in agricoltura deve poter svolgere un’azione di contrasto contro il rischio di diffusione di agenti patogeni zoonosici.

“La presenza di consistenti popolazioni di nutrie, anche in zone limitrofe ai centri abitati, soprattutto nei parchi cittadini e nelle zone rurali, solleva molti quesiti sanitari per l’interazione con animali da compagnia; il rischio sanitario per gli animali stessi o per le persone conviventi, soprattutto anziani e bambini; l’interazione con popolazioni di animali randagi e/o selvatici; il rischio per gli animali domestici sia allevati che da compagnia; la contaminazione di alimenti per animali in allevamento; i casi di botulino in allevamenti per contaminazione dei foraggi (rotoballe fasciate) con carcasse di animali morti;
casi di rinvenimento di farine animali nei foraggi per contaminazione del trinciato di mais con carcasse di nutrie con conseguenti provvedimenti giudiziari per l’allevamento”, hanno precisato gli assessori lombardi.

L’ampia diffusione della nutria sul territorio lombardo rappresenta, quindi, “un potenziale rischio sanitario per la salute pubblica e per la sanità animale”. Tale rischio “richiede un costante monitoraggio al fine di valutare eventuali azioni preventive per evitare probabili fenomeni epidemici. 

Pertanto urge la necessità di intraprendere iniziative volte al contenimento di tale roditore”. Attività per la quale Regione Lombardia ha richiesto un finanziamento straordinario da 1 milione di euro al ministero della Salute.

Leggi tutte le news

11 commenti finora...

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

Come quando fanno parte civile e incassano soldi dagli animali nei tribunali(la legge lo consente )......qua ne paghino i danni..se no si tolga l istituzione di parte civile per un animale ...........E CAMMINARE. CON LA VALIGIA !!!!

da Annibale 03/04/2017 9.29

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

In un paese normale la società tutta sarebbe grata ad una categoria di cittadini che si offre gratuitamente per aiutare a risolvere un problema. Da noi non succede ,anzi, sono arrivati alla follia di farci fare i corsi per eliminare i toponi. Pensa un po'. Invece di agevolarci e invogliarci ci perseguitano con regole idiote.

da Arrabbiato 64 03/04/2017 8.40

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

UN MILIONE di euro è proprio la cifra che ci vuole.Con 990.000 euro quereliamo tutte le varie associazioni animaliste e i loro presidenti, nonchè i politici che li appoggiano, con il rimanente ci sbarazziamo sia delle nutrie che di tutti gli altri animali alloctoni

da Mauro 02/04/2017 20.10

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

Ma se siete amici degli animalisti continuerete ad essere inconcludenti.Sarà VOSTRA e solo VOSTRA la responsabilità dei danni delle nutrie.Perché sappiamo tutti che è un animale alloctono e conseguentemente dannoso per il nostro ecosistema.Continuate a dare retta agli animalisti ... ridicoli.

da agostino 02/04/2017 17.35

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

Il "Piano regionale di contenimento ed eradicazione della nutria" è una cagata pazzesca! basta leggerlo per accorgersi delle stonzate che contiene! Richiesta di nuovi fondi per metterseli in tasca senza risolvere il problema! Possibilità di abbatterle ad aria compressa e quota per capi abbattuti! ...ed il problema ve lo risolviamo noi!

da Edoardo 02/04/2017 16.54

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

Non è un problema che riguarda i cacciatori, pensino gli ambientalisti di turno a risolverlo. Ormai le nutrie sono animali da compagnia secondo loro, come visto in una trasmissione televisiva. Quelle in eccesso bisogna sterilizzarle,auguri.

da Pino 02/04/2017 8.49

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

Bla bla bla....c e ne per tutti i gusti........adesso le nutrie diventeranno pure carnivore............il "famosibile "....(vocabolo di fantasia ).lupo di pianura......cari miei patogeni bipedi !!!

da Annibale 01/04/2017 20.30

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

Politici avete stancato con le vostre chiacchiere, aspettiamo i fatti.

da Grank 44 01/04/2017 20.13

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

e basta con sta solfa! chi se ne frega!

da nutria 01/04/2017 17.02

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

Hanno sinceramente rotto i c....sempre le solite chiacchiere per rubare soldi e nulla di fatto. Quanti anni sono che ciarlano, fanno i piani e poi arriva il cretino animalista di turno che fa ricorso al TAR che puntualmente blocca tutto? E' una barzelletta...per continuare a rubare soldi. Andassero al diavolo loro, i TAR, gli animalisti e le nutrie.

da Flagg 31/03/2017 22.03

Re:Lombardia "nutrie sul 70% del territorio", servono soldi per evitare rischi

Lasciate risolvere la situazione alla Sig.a Brambilla e a quelli come lei.

da bretone 31/03/2017 19.07