HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
 Cerca

News Natura

Galletti "i Parchi italiani devono mettersi in gioco"


mercoledì 29 marzo 2017
    

“I Parchi italiani non possono più essere visti soltanto come i luoghi della conservazione: devono mettersi in gioco nella grande sfida di sviluppo sostenibile del nostro Paese. La riforma che arriva in Aula alla Camera ci avvicina molto a questo obiettivo”. Lo afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.

“Il nuovo testo – spiega il ministro – punta al buon funzionamento degli Enti, alla semplificazione e alla certezza nei tempi, a quella programmazione che in troppe realtà ancora manca. I piani dei Parchi Nazionali – aggiunge Galletti – vengono innanzitutto sottoposti a Valutazione Ambientale Strategica, assicurando dunque il controllo forte dei ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali per gli aspetti paesaggistici e saranno approvati in tempi definiti. Viene introdotto un nuovo metodo di selezione dei Direttori del Parco: la governance sarà aperta alle espressioni del territorio secondo requisiti definiti e rigorosi. E’ previsto anche un piano triennale di programmazione per le aree protette terrestri e marine, con la definizione di obiettivi e priorità, da realizzare attraverso uno stanziamento di 30 milioni di euro in tre anni”.

“Grazie alla legge 394 del 1991 che ha istituito il sistema Parchi nazionali e delle aree marine protette – afferma il ministro – è cresciuto molto il grado di tutela ambientale del nostro Paese: oggi la sfida è ancor più ampia ma diversa, perché si fonda su quel concetto di sviluppo sostenibile che un quarto di secolo fa non era declinato come lo è oggi in ogni settore della nostra economia. Questo per i Parchi – conclude Galletti – vuol dire saper valorizzare la biodiversità accompagnandola all’agricoltura di qualità, all’innovazione, al turismo sostenibile, alle energie rinnovabili, alla spinta culturale e giovanile”.

 

Leggi tutte le news

6 commenti finora...

Re:Galletti "i Parchi italiani devono mettersi in gioco"

La signora Boldrini in ogni occasione mi delude profondamente!!

da fabrizio 54 14/04/2017 11.56

Re:Galletti "i Parchi italiani devono mettersi in gioco"

Caro ministro i parchi devono mettersi in gioco??? Si a mosca cieca forse!!!

da Il Nibbio 30/03/2017 16.36

Re:Galletti "i Parchi italiani devono mettersi in gioco"

Solo le pale eoliche ! Io ho l'impressione che andando a fare una passeggiata nei parchi si scoprirebbero parecchie case costruite nuove dopo aver insidiato i parchi, alla faccia dell'ambiente da proteggere.

da jamesin 29/03/2017 20.23

Re:Galletti "i Parchi italiani devono mettersi in gioco"

Il turismo sostenibile e' una definizione senza alcun senso! E' quello di pochi? Non porta benefici degni di nota. Non e' di certo quello di massa, ancor peggio quello che prevede stazioni sciistiche, l' uso continuo di mezzi inquinanti etc. etc. In pratica il turismo vero e proprio e' solo NEGATIVO per la conservazione dell' ambiente. Mai visto il contrario! Visto che chi vive nei parchi e' e sara' soggetto ad enormi restrizioni rispetto a chi vive in citta', il restare perennemente tra asfalto e cemento non e' poi questo grosso sacrificio.....turismo? No grazie! Idem per le energie alternative! Cosa ci azzeccano le stazioni eoliche con i parchi? Tutte queste cose non le scrivo a caso. Sono gia' realta'!!! Non si puo' essere credibili di fronte a scempi ed abusi.

da Flagg 29/03/2017 14.30

Re:Galletti "i Parchi italiani devono mettersi in gioco"

Mi sembra che il Ministro Galletti non sia afferrato in materia di parchi, in Italia poi!!!... Ma non è capace di farli abolire tutti?!!

da s.g. 29/03/2017 13.03

Re:Galletti "i Parchi italiani devono mettersi in gioco"

Ma quali parchi Ministro? Non tutti i parchi sono tali, è facile dire parco, non tutti hanno quei requisiti per esserlo, per alcuni basterebbero solo le forme di tutela delle zps e basta, senza presidenti, direttori e impiegati, solo il controllo del CFS o della Provinciale, perché tutto questo dispendio di soldi del contribuente?

da giusva 29/03/2017 11.43