HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
  Cerca
Federparchi: ecco come cambia il testo della 394 Agricoltori: siccità, danni già per un miliardo di euro Ispra: il consumo di suolo rallenta ma non si ferma Lo sciacallo in espansione in Italia? Al Senato primo passo verso l'abolizione degli animali nei circhi Ambientalisti: la Camera bocci la riforma sui Parchi No Vegan: è il momento della controinformazione "Le aragoste provano dolore", condannato ristoratore fiorentino Trento chiede la possibilità di rimozione dei lupi dannosi In Australia gli ambientalisti alla guida della più grande eradicazione di gatti e volpi Corte Europea: no alla denominazione "latte" per prodotti vegetali Fruttariano a Cruciani “mangiare pasta è un delitto, si uccidono semi di grano” In Umbria stanziati quasi 7 milioni per interventi in aree naturali Coldiretti lancia la campagna No Vegan: “Il 95% degli italiani mangia carne” E' il Piemonte la Regione con la maggior superficie di boschi Nell'ambra conservato uccello di 100 milioni di anni Romano (M5S) "no agli abbattimenti, le nutrie sono molto amate" Onorificenza per meriti ambientalistici a Franco Zunino Veneto. Eradicazione cinghiali: 200mila euro dalla Regione al Parco Colli Euganei Ispra, l'istituto è in crisi: protestano i dipendenti Presentati dati di Life WolfAlps: in Piemonte vivono 151 lupi Il 5 giugno si festeggia la Giornata mondiale dell'Ambiente I Comuni toscani chiedono la riapertura del Piano lupo Sammuri gela l'ambientalista che vuole salvare i mufloni: "Il Parco non è uno zoo" Anche la caccia tra gli scatti in onore della Madre Terra Progetti LIFE: il 52% dedicato alla lotta contro le specie invasive "Fondazione UNA e Parco della Maremma insieme per valorizzare la biodiversità"

News Natura

L'Emilia Romagna stanzia 5,5 milioni di euro per i boschi


giovedì 23 marzo 2017
    

L'Emilia Romagna ha messo a disposizione 5,5 milioni di euro per valorizzare boschi e foreste, la cui superficie è cresciuta del 20% negli ultimi trent’anni fino a coprire 611 mila ettari, quasi un terzo dell’intero territorio regionale. L’obiettivo è migliorare l’ambiente e aumentare la possibilità per i cittadini di fruire di spazi verdi che devono diventare sempre più una risorsa anche ricreativa e turistica.

A questo punta il bando della Regione per gli ecosistemi forestali, attivato lo scorso novembre e chiuso in questi giorni, nell’ambito del Programma di sviluppo rurale 2014 - 2020. 50 i progetti ammessi a contributo sul totale di 88 domande complessivamente presentate; 29 i Consorzi forestali ed Enti pubblici (Comuni, Unioni di Comuni, Parchi, Enti di gestione per i parchi e la biodiversità) che beneficeranno di finanziamenti compresi tra i 50 e i 150 mila euro, a totale copertura dei costi.

Gli interventi riguarderanno circa 800 ettari di bosco e 110 km di percorsi escursionistici e relative strutture di accoglienza, sosta e informazione. Percorsi e sentieri attrezzati, interventi per la valorizzazione della biodiversità, la tutela delle specie autoctone e la conservazione degli ambienti naturali in cui vive la fauna protetta. E ancora: realizzazione di punti informativi per migliorare l’accoglienza turistica e la promozione ambientale, riqualificazione di rifugi pubblici storici, recupero di elementi tipici del paesaggio dell’Appennino tra i quali fontanili, pozze per animali e siti di rifugio per la fauna autoctona.

“Proteggere e valorizzare i boschi, rendendoli più fruibili e accessibili, è uno degli obiettivi al centro del Piano regionale per la Forestazione che stanzia 80 milioni di euro fino al 2020”, afferma Paola Gazzolo, assessore regionale alle Politiche ambientali e della montagna. “Proprio il bosco rappresenta una risorsa per tutta la comunità e per lo sviluppo sostenibile, un elemento su cui puntare contro lo spopolamento dell’Appennino e per accrescerne la capacità di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, con azioni capaci di incentivare la presenza delle specie animali e vegetali autoctone e migliorarne l’efficienza ecologica complessiva”.

Oltre 1 milione e 420 mila euro andrà alla provincia di Parma, per 13 progetti; a Modena saranno finanziati 8 progetti per più di 920mila euro; alla provincia di Forlì-Cesena andranno 820 mila euro per 6 progetti; a Piacenza 729 mila (7 progetti); a Ravenna 548 mila (4 progetti); a Reggio Emilia 463 mila (4 progetti); a Ferrara 289 mila (4 progetti); a Bologna 177 mila (2 progetti); a Rimini 88 mila (1 progetto).

Un pacchetto da circa 2 milioni di euro, in particolare, è destinato a sostenere gli interventi del Parco nazionale dell'Appennino tosco emiliano, del Parco nazionale foreste casentinesi, dell'Ente di gestione per i parchi e la biodiversità Emilia occidentale, centrale, orientale, del Delta del Po e dell'Ente Parco Sasso Simone e Simoncello che interessano varie province.

Le risorse stanziate servono a realizzare interventi di miglioramento dei boschi, percorsi e strutture per le escursioni, tutelare habitat e boschi di elevato valore ambiental,e aumentare la resilienza ai cambiamenti climatici, tutelare la biodiversità forestale e conservare gli ambienti caratteristici del paesaggio montano. I lavori dovranno essere avviati entro la fine di settembre 2017 e completati entro il 2018.

L’Emilia-Romagna è una regione ricca di biodiversità, boschi e aree naturali protette con 2.700 specie di piante, oltre 350 specie di animali vertebrati, 73 tra i 231 habitat di interesse comunitario come la laguna della Sacca di Goro e le Dune di Massenzatica (Fe) o le torbiere, come il lago di Pratignano (Mo).

Il 16% della superficie regionale è coperta da aree naturali protette: il Delta del Po e l’Appennino Tosco-Emiliano (Riserve della biosfera Mab Unesco); i parchi nazionali delle Foreste casentinesi, Monte Falterona e Campigna e quello interregionale del Sasso Simone e Simoncello. Inoltre 14 parchi  e 15 riserve regionali; 158 siti della Rete ecologica Natura 2000 e una superficie boschiva che oggi copre 611 mila ettari.

In Emilia-Romagna la fauna di interesse comunitario tutelata nei siti di Rete Natura 2000 è costituta da oltre 200 specie animali, tra cui 80 uccelli.

Tre specie vegetali riconosciute di interesse prioritario per l'Unione europea: la Primula apennina, tipica dell’alto Appennino emiliano; la Salicornia veneta, presente in poche località dal Delta del Po alle Saline di Cervia e la Klasea (Serratula) lycopifolia, asteracea montana recentemente individuata nel piacentino.

Nella fascia della bassa montagna e dell’alta collina si è registrato un incremento del 25% della superficie boscata negli ultimi quarant’anni.

La graduatoria del bando è online sul portale

(Regione Emilia Romagna)

Leggi tutte le news

0 commenti finora...