HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
  Cerca
Ispra: il consumo di suolo rallenta ma non si ferma Lo sciacallo in espansione in Italia? Al Senato primo passo verso l'abolizione degli animali nei circhi Ambientalisti: la Camera bocci la riforma sui Parchi No Vegan: è il momento della controinformazione "Le aragoste provano dolore", condannato ristoratore fiorentino Trento chiede la possibilità di rimozione dei lupi dannosi In Australia gli ambientalisti alla guida della più grande eradicazione di gatti e volpi Corte Europea: no alla denominazione "latte" per prodotti vegetali Fruttariano a Cruciani “mangiare pasta è un delitto, si uccidono semi di grano” In Umbria stanziati quasi 7 milioni per interventi in aree naturali Coldiretti lancia la campagna No Vegan: “Il 95% degli italiani mangia carne” E' il Piemonte la Regione con la maggior superficie di boschi Nell'ambra conservato uccello di 100 milioni di anni Romano (M5S) "no agli abbattimenti, le nutrie sono molto amate" Onorificenza per meriti ambientalistici a Franco Zunino Veneto. Eradicazione cinghiali: 200mila euro dalla Regione al Parco Colli Euganei Ispra, l'istituto è in crisi: protestano i dipendenti Presentati dati di Life WolfAlps: in Piemonte vivono 151 lupi Il 5 giugno si festeggia la Giornata mondiale dell'Ambiente I Comuni toscani chiedono la riapertura del Piano lupo Sammuri gela l'ambientalista che vuole salvare i mufloni: "Il Parco non è uno zoo" Anche la caccia tra gli scatti in onore della Madre Terra Progetti LIFE: il 52% dedicato alla lotta contro le specie invasive "Fondazione UNA e Parco della Maremma insieme per valorizzare la biodiversità"

News Natura

Ecco come fanno gli uccelli migratori a sapere quando ripartire


martedì 21 febbraio 2017
    

beccafico Come fanno gli uccelli migratori, durante le loro tappe per rifocillarsi di cibo, a sapere quando è ora di ripartire? Il meccanismo che permette loro di non appesantirsi troppo e avere abbastanza riserve di carburante, è regolato da un ormone, la grelina, a cui spetta il compito di comunicare al cervello degli uccelli che le riserve di grasso accumulate basteranno. A scoprirlo è stato uno studio condotto dall'italiano Leonida Fusani, che dirige l'istituto Konrad Lorenz per l'Etologia di Vienna ma che insegna anche a Ferrara. La ricerca, pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences of America e divulgata da National Geographic Italia, si è basata su una specie in particolare, il beccafico,  passeriforme che in Italia nidifica lungo tutto l’arco alpino e ogni anno compie lunghe migrazioni per svernare in Africa.

Gli studi si sono concentrati al Centro di Ricerca sulla Migrazione dell’isola di Ponza, dove si è scoperto che i beccafichi che avevano maggiori scorte di grasso sottocutaneo, registravano livelli più alti di grelina degli altri. Quando gli scienziati hanno somministrato la grelina ai beccafichi, di contro, hanno scoperto che questi mangiavano di meno e aumentavano l’inquietudine migratoria. “I fattori che regolano la decisione se fermarsi o ripartire sono molti, ma la grelina è all’inizio della cascata”, conferma Fusani su National Geographic Italia. “In passato avevamo scoperto che anche la melatonina influenza il meccanismo e crediamo che i due sistemi interagiscano tra loro. Ma è la grelina a dare l’ok per la partenza, forse aumentando le funzioni metaboliche e il metabolismo di base”.

Il prossimo passo per i ricercatori sarà cercare di capire quali sono le interazioni tra la via metabolica della grelina e quella della melatonina. “Ora che sappiamo che sono coinvolte entrambe vorremmo capire meglio quali sono gli effetti diretti sul metabolismo”, conclude Fusani, “in modo da studiare i fenomeni fisiologici che accompagnano quello comportamentale, ovvero l’aumento dell’inquietudine migratoria e la maggior assunzione di cibo”.

Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:Ecco come fanno gli uccelli migratori a sapere quando ripartire

Per essere certi dei periodi cacciabili ci sono già molti studi fatti sia da scienziati e sia dalla Fidc con l'uso del GPS, e delle ali di beccacce, attraverso i quali viene tolto ogni dubbio. Resta solo metterli sul tavolo della discussione con tutti gli interessati, facendo valere la verità senza se e senza ma.

da jamesin 21/02/2017 20.35

Re:Ecco come fanno gli uccelli migratori a sapere quando ripartire

questo e' uno studio,ad esempio,che potrebbe essere usato per analizzare le specie di interesse venatorio per vedere quando e,se cacciarle.....

da vet61 21/02/2017 13.52