HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
  Cerca
Federparchi: ecco come cambia il testo della 394 Agricoltori: siccità, danni già per un miliardo di euro Ispra: il consumo di suolo rallenta ma non si ferma Lo sciacallo in espansione in Italia? Al Senato primo passo verso l'abolizione degli animali nei circhi Ambientalisti: la Camera bocci la riforma sui Parchi No Vegan: è il momento della controinformazione "Le aragoste provano dolore", condannato ristoratore fiorentino Trento chiede la possibilità di rimozione dei lupi dannosi In Australia gli ambientalisti alla guida della più grande eradicazione di gatti e volpi Corte Europea: no alla denominazione "latte" per prodotti vegetali Fruttariano a Cruciani “mangiare pasta è un delitto, si uccidono semi di grano” In Umbria stanziati quasi 7 milioni per interventi in aree naturali Coldiretti lancia la campagna No Vegan: “Il 95% degli italiani mangia carne” E' il Piemonte la Regione con la maggior superficie di boschi Nell'ambra conservato uccello di 100 milioni di anni Romano (M5S) "no agli abbattimenti, le nutrie sono molto amate" Onorificenza per meriti ambientalistici a Franco Zunino Veneto. Eradicazione cinghiali: 200mila euro dalla Regione al Parco Colli Euganei Ispra, l'istituto è in crisi: protestano i dipendenti Presentati dati di Life WolfAlps: in Piemonte vivono 151 lupi Il 5 giugno si festeggia la Giornata mondiale dell'Ambiente I Comuni toscani chiedono la riapertura del Piano lupo Sammuri gela l'ambientalista che vuole salvare i mufloni: "Il Parco non è uno zoo" Anche la caccia tra gli scatti in onore della Madre Terra Progetti LIFE: il 52% dedicato alla lotta contro le specie invasive "Fondazione UNA e Parco della Maremma insieme per valorizzare la biodiversità"

News Natura

Il lupo in Francia


venerdì 21 aprile 2017
    

Il Ministero dell'Ambiente francese ha commissionato a MNHN e ONCFS un'analisi delle condizioni di sostenibilità della popolazione di lupi in Francia e le possibilità di prevedere l'evoluzione delle sue popolazioni. Questa esperienza è stata condotta da un gruppo di scienziati di fama nel campo della biologia e della conservazione. Queste, in sintesi, le conclusioni.

Su un arco di 100 anni, il rischio di estinzione è limitato (10%). Garantito se la crescita è superiore al 12% annuo. La soglia media del 34% di mortalità complessiva comporta una calo delle popolazioni.
Il numero di lupi in Francia sembra stabilizzato dal 2014. Secondo il modello di crescita dotato di dati sul campo, questi numeri variano in media all'anno dal 5% al 12%. In una simulazione di scenari fino al 1930, aumenta l'incertezza dei risultati. Una sostenibilità a lungo termine prevede contingenti dinamici intorno ai 2500 individui, prevedendo un'interfaccia biologica transfrontaliera, regolata da un quadro giuridico UE. La coesistenza fra lupi e mandrie e greggi deve essere attentamente monitorata, per evitarne il declino, utilizzando quando serve anche strumenti in deroga (Direttive Habitata e Natura 2000), con l'obiettivo di mantenere la soglia di mortalità totale al di sotto del 34%, selezionando le azioni più appropriate, compreso il prelievo.

Consulta il rapporto

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Il lupo in Francia

In Italia faremo di meglio,........comitati di benvenuto......e gran buffett con gli agnelli di Arcore.......per par condicio animalista !!!

da Annibale 21/04/2017 22.21