Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<giugno 2024>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567
Mensile
giugno 2024
maggio 2024
aprile 2024
marzo 2024
febbraio 2024
gennaio 2024
dicembre 2023
novembre 2023
ottobre 2023
settembre 2023
agosto 2023
luglio 2023
giugno 2023
maggio 2023
aprile 2023
marzo 2023
febbraio 2023
gennaio 2023
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
giu10


10/06/2024 9.35 

 
 
Ci risiamo a confrontarci con la PA la quale, in tema di armi, forte del principio che “la regola è che il Cittadino sia disarmato, tutto il resto è una eccezione”, talvolta (spesso?) trasforma il potere discrezionale in arbitrio.

In ragione, poi, che il popolo dei cacciatori è in declino per mancanza di ricambio generazionale, che gli sport con le armi sono una realtà di nicchia e che opporsi agli arbitrii ha costi elevati (TAR), tempi lunghi e risultati assai incerti, in molti casi la PA nemmeno subisce quella opposizione che sarebbe dovuta.
Mi permetto quindi di scrivere queste due righe, partendo da un caso recente, per dare un paio di consigli a quanti di noi, malauguratamente, dovessero vivere contrasti in tema di licenze di polizia.

Il caso.

In estrema sintesi al Cittadino in questione venne notificata nel Novembre 2023 l’avviso di avvio di procedimento amministrativo teso alla revoca del porto di arma per uso sportivo. La motivazione indicata era che lo stesso, in “frequenti occasioni” era stato controllato “in compagnia di persone colpite da vari pregiudizi di Polizia, relativi a stupefacenti e a misure di prevenzione” e ciò induceva la Questura “a formulare una prognosi di inaffidabilità circa il corretto uso delle armi”.

Basito, il Cittadino fece immediata richiesta per l’accesso agli atti e, rimanendo questa inevasa, inviò per PEC una memoria difensiva nella quale raccontava (e documentava) ogni aspetto della sua vita. Vita esente da censure di ogni tipo.

Dopo questa PEC arrivò la risposta per l’accesso agli atti. Due fogli. Il primo consisteva nell’avviso dell’avvio del procedimento (documento già conosciuto in quanto notificato proprio a lui), il secondo era una Nota di PS del Luglio precedente dove si dava atto che il Cittadino era stato controllato... omissis… Nomi, date, tutto era cancellato, illeggibile. Di contro, a metà Gennaio 24, la Prefettura notificava il provvedimento di revoca del titolo di polizia.

Di qui il ricorso al TAR Lazio.

Neppure in sede di ricorso il Difensore del Cittadino ha potuto svolgere una difesa oltre il “piano tecnico”, perché nemmeno a questi (Avvocato), erano state fornite le copie in chiaro degli atti.

Solo all’approssimarsi dell’udienza cautelare, la Questura inviava all’Avvocature dello Stato una nota (due pagine) nelle quali in Dirigente estensore, oltre a sperticarsi sui soliti “mantra” (eccezionalità alla concessione di licenze in materia di armi, tutela della pubblica incolumità, discrezionalità posseduta dalla PA in materia, etc.), da un lato segnalava come  “particolarmente insidiose” le condotte dei terzi coi quali il Cittadino era stato colto in compagnia, dall’altro mutava questi “pregiudizi” da “relativi a stupefacenti” a “spaccio di stupefacenti” (sic!).

Ma, finalmente, forniva i nomi di questi terzi e le date (ma non le circostanze! Sarebbe stato chiedere ancora troppo) dei controlli.
Il Difensore poteva così replicare compiutamente (cosa fatta, ovviamente, con controdeduzione integrativa depositata). Ma in cosa consistevano dette “frequentazioni” e detti “pregiudizi? Quattro persone. Quattro controlli.

Si noti che per “frequentazione” non è sufficiente che Tizio sia controllato assieme a Caio una volta sola. E per di più di giorno e sulla pubblica via. Occorrono ulteriori circostanze quali una pluralità di controlli (due o tre) ovvero una particolarità di circostanze (es. in auto, di notte). Poi, in cosa consistevano i “pregiudizi” di queste quattro persone controllate insieme al Cittadino?

    1) Cittadino controllato in compagnia di Tizia, “pregiudicata” per guida in stato di ebbrezza nel 2005. Ma da un semplice accesso agli atti (Polizia Stradale di altra Città), è poi risultato che Tizia era stata semplicemente sanzionata per eccesso di velocità (che non costituisce reato e quindi non costituisce alcun “precedente”, né penale e nemmeno di Polizia);

    2) Cittadino controllato in compagnia di Caio, “pregiudicato” ex art.75 DPR m309/90 (detenzione sostanza stupefacente per uso personale. Sanzione amministrativa e non penale) nel 2001 (e da allora ad ora trascorrono ben 22 anni) e per guida in stato di ebbrezza nel 2009 (ma il Difensore ha prodotto sentenza di assoluzione “perché il fatto non sussiste”, quindi questo non è un precedente, invero è inesistente!);

    3) Cittadino controllato in compagnia di Sempronio, “pregiudicato” ex art.582 c.p. (lesioni personali) e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Da accertamenti del Difensore (nota di servizio degli operanti il controllo) sia il Cittadino che il Sempronio furono controllati (controllo documenti) e lasciati andare. Ma chi è agli arresti domiciliari, se esce sulla pubblica via, è un evaso! E deve essere immediatamente arrestato. Quindi, delle due l’una: o gli operanti che non hanno arrestato Sempronio hanno commesso una omissione di atti di ufficio, oppure Sempronio non era agli arresti domiciliari (come la Tizia di cui sopra non aveva mai guidato in stato di ebbrezza);

    4) Cittadino controllato in compagnia di Mevio, pluripregiudicato ex art.73 DPR 309/90 (spaccio di sostanze stupefacenti). Invero Mevio era condomino del Cittadino, il quale, sentendosi minacciato, ebbe a chiamare i Carabinieri, che intervenuti generalizzarono tutti i presenti (relazione di servizio dei CC). Che poi la Questura ritenga che il Cittadino e Mevio si “accompagnino” è come dire che se il rapinatore Mario Rossi mi entra in casa e chiamo i CC che intervengono e prendono Rossi, poi la Questura potrà sostenere che io “frequento” il noto pluripregiudicato rapinatore Rossi…   

In udienza per la sospensiva è stato fatto notare al Collegio anche come fosse vano il reiterato appello alla “pubblica incolumità” agitato dalla Questura la quale aveva bensì sospesa e poi revocata la licenza, ma mai ritirate le armi, rimaste in ininterrotto possesso del Cittadino (oppure temevano che questi potesse nuocere a qualcuno arrotolando stretta stretta la licenza per poi colpire il malcapitato?).

L’epilogo, per ora, è che con Ordinanza n.02229/24, pubblicata il 29.5.2024, il TAR Lazio, Sezione Prima Ter, ha accolta la domanda cautelare sospensiva ordinando l’immediata restituzione della licenza al Cittadino.

 Nel merito, fissato per il prossimo mese di Dicembre 2024, si introdurrà anche l’argomento dello “elemento soggettivo”.

Ossia, quanto prima indicato (concetto “frequentazioni”, concetto “pregiudizi”, penali o di polizia, sono tutti elementi che o sussistono o non sussistono) attiene al concetto di oggettività, ossia all’esistenza o meno di una cosa sul piano materiale.
L' “elemento soggettivo”, invece, attiene al piano del soggetto (il Cittadino) nella di lui consapevolezza.

La domanda da porsi è “come fare per conoscere lo stato di incensuratezza della persona che incontro per la strada”? O anche per la quale lavoro, con la quale lavoro, con la quale mi ritrovo nella stessa palestra, circolo, gruppo di genitori scolastico, etc. etc.?

Quale norma mi impone l’obbligo, in quanto titolare di licenza di polizia per armi, di richiedere ad ognuno di fornirmi casellario penale e certificato carichi pendenti? (che poi non sarebbero sufficienti perché, per la Questura, basta essere stati appena denunziati -quindi non ancora entrati in nessun certificato- ovvero avere ipoteticamente infranto una norma anche non penale, per essere considerati “inaffidabili”).

Il caso esposto mi rammenta uno poco meno recente (TAR Lombardia, Sez I^ distaccata in Brescia, Sent.316 pubblicata il 16.4.24) ove la Prefettura aveva negato l’accesso agli atti al Cittadino, al quale era stato imposto il divieto alla detenzione armi ex art.39 TULPS, ed al quale i Magistrati lombardi hanno accolto il ricorso  motivando come “la Prefettura non può impedire l’accesso agli atti sui quali si basa un divieto di detenzione armi “per ragioni inerenti l’attività di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica”. Non siamo in Germania dell’Est”.

Nel caso appena esaminato la Questura è stata più sottile (“insidiosa”, come hanno amabilmente scritto loro), in quanto hanno apparentemente rispettato ogni norma procedurale, dall’avviso dell’avvio del procedimento all’accesso agli atti, salvo poi vanificare ogni diritto di difesa, dando tardivo accesso agli atti richiesti e fornendo atti inutilizzabili in quanto completamente oscurati (per tutela del diritto alla riservatezza di quei soggetti, per la stessa Questura pregiudicati, sui quali si fondava la sospensione e revoca della licenza).

Anche al suo Difensore, Avvocatura dello Stato, la Questura non ha indicato le circostanze dei controlli, come non ha chiarito al TAR la questione dell’essere, uno dei soggetti, agli “arresti domiciliari”.

Vero che in tema di armi non necessitano precedenti “giudiziali” per essere ritenuti “pericolosi”, di talché una segnalazione ex art.75 DPR 309/90, come preclude alla patente di guida, preclude anche alla licenza per armi. Ma la valutazione temporale (22 anni dall’episodio) è doverosa.

Incide su tutti noi anche la perversa sussistenza del “precedente penale” disgiunta dal “precedente di polizia”, ove questi due rami dello Stato non dialogano tra loro e, per l’effetto, l’imputato poi assolto esce dai carichi pendenti (Procura della repubblica), non entra nel Casellario Giudiziale (Tribunale), ma rimane a vita nella banca dati della Polizia! (A meno che non si faccia parte diligente e, con sentenza in mano, non si faccia cancellare. Ma chi lo fa? E soprattutto, chi lo sa?).

Ma più grave dell’assenza di comunicazione tra Uffici del medesimo Stato, orripila il “facere de albo nigro” realizzato dalla Questura, rappresentato dalla mutazione di una multa per eccesso di velocità in reato di guida in stato di ebbrezza.

Cari amici e colleghi, oltre al vivere in modo irreprensibile ed essere più che cauti a 360°, posso solo augurare a tutti di mai avere contrasti con la PA ma, nel malaugurato caso, vorrei che noi tutti non ci rassegnassimo, subendo inerti.


 

 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.34.59
Aggiungi un commento  Annulla 

2 commenti finora...

Re: Colleghi Cacciatori e Tiratori, ci risiamo!

Mi hanno detto che i provvedimenti afflittivi delle Questure in ambito venatorio sono comminati anche in casi non effettivamente accertati. Avvocato le faccio un esempio e le sarei grato se cortesemente mi smentisse: sono titolare di licenza di caccia, un vicino bilioso o un individuo qualsiasi che mi ha antipatico, mi denuncia per MINACCE, poi successivamente prima di andare in causa, ritira la Querela. Non vado a processo ma la Questura,poichè dopo il ritiro di querela non c'è stata sentenza e le responsabilità non sono debitamente accertate, mi ritira comunque la Licenza di porto di fucile a motivo di "pubblica incolumità".Può essere?

da 1 toscano  10/06/2024 20.02

Re: Colleghi Cacciatori e Tiratori, ci risiamo!

Purtroppo, ci sono persone disoneste, cattive, mentalmente TARATE o estremiste in ogni luogo ed indipendentemente da chi o cosa rappresentano. Questa gente andrebbe RIMOSSA dall' incarico per direttissima al primo "errore" grave (le virgolette sono d' obbligo) come nell' esempio appena descritto per il semplice motivo che non sono all' altezza. Non ha importanza se lo fanno per reali carenze o di proposito. Anzi, nel secondo caso andrebbero severamente puniti. Nei Paesi realmente civili e democratici abusi del genere nei confronti dei cittadini NON sono assolutamente tollerati, anzi! In Italia, purtroppo no. Se chi rappresenta Stato ed istituzioni NON ha credibilita' e' la fine!

da Flagg  10/06/2024 13.43
Cerca nel Blog
Lista dei Blog