Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<agosto 2020>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456
Mensile
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
lug27


27/07/2020 15.02 

 
 
Fino a qualche anno fa era ancora possibile cacciare all’interno del meraviglioso Parco della Maremma, meglio conosciuto come Parco dell’Uccellina. Ora non più! Nessuno ne conosce il motivo, chissà, forse perché dopo un attentissimo monitoraggio della specie, i competenti Dirigenti dell’Ente Parco hanno deciso che i Selecontrollori non erano più idonei a contenere la popolazione di daini presenti sul territorio, affidando l’arduo e ingrato compito alle stesse Guardie del Parco. Questo nonostante tutti quelli che hanno avuto la fortuna di andarci si siano sempre comportati impeccabilmente, sia come persone sia come cacciatori. E per dimostrarlo voglio raccontarvi una delle ultime avventure che ho vissuto in quell’angolo di paradiso sul litorale Toscano.

La caccia nella zona protetta si esercitava a turni di dieci Selecontrollori alla volta, in base ad una rigida graduatoria che teneva conto di molteplici fattori, come il punteggio ottenuto agli esami e la dedizione personale di ogni singolo cacciatore a questo tipo di attività. Di solito i Selecontrollori venivano convocati una sola volta l’anno, ma poteva capitare, come successe a me, di ritornarci per sostituire un collega assente. Il regolamento interno del Parco prevedeva che, se un cacciatore di turno non poteva esercitare la caccia di contenimento per inderogabili impegni personali, affinché non venisse penalizzato nella graduatoria generale doveva provvedere lui stesso a trovare un sostituto.
 
 
I Tecnici faunistici del Parco avevano saggiamente deciso di consentire la caccia nei giorni di martedì e di venerdì per evitare interferenze con altre attività venatorie in corso nella zona, così la mia insolita avventura iniziò un giovedì sera, sul tardi. Daniele, un “collega” oltre che amico da sempre, mi telefonò per comunicarmi con rammarico che suo padre non stava molto bene e che l’indomani avrebbe dovuto accompagnarlo ad una visita specialistica. Purtroppo quel venerdì, al colmo della sfortuna, era anche di turno al Parco e quindi mi chiese se potevo sostituirlo. Accettai con tale entusiasmo che d’impeto gli promisi di ricaricargli almeno un centinaio di colpi per la sua carabina preferita! Non mi mancava certo l’occasione di andare a caccia in molte altre zone, ma, credetemi, la natura all’interno del Parco dell’Uccellina è talmente incontaminata e meravigliosa che tutte le volte che avevo l’occasione di ritornarci lo facevo sempre con immenso piacere. Il giorno prefissato raggiunsi il luogo d’incontro presso il Podere Spergolaia con largo anticipo ma trovai le guardie già pronte ad aspettarci con la lista dei cacciatori per il sorteggio delle poste.
 
 
 
“E’ lei che sostituisce il cacciatore che non è potuto venire?” mi chiese il Comandante Luca Tonini quando gli consegnai il porto d’armi. Annuii pregandolo di estrarre lui la posta per me; cosa volete, ognuno ha le proprie superstizioni, specialmente a caccia. Mi mostrò un pallino con sopra il numero undici, decisamente una buona zona. Sapevo dove si trovava, ai margini di un uliveto secolare cresciuto tra due immense e intricatissime macchie. Tutti noi dieci cacciatori convocati per quel mattino salimmo su tre fuoristrada in base alle nostre rispettive destinazioni. Del gruppo di cui facevo parte fui l’ultimo a scendere dall’automezzo, così pregai il conducente di rallentare e di farmi scendere “al volo”, consapevole, che anche a notte fonda tutti i nostri movimenti erano controllati a vista dalla consistente popolazione selvatica. Mi illudevo di non segnalare troppo la mia intrusione nel loro territorio.Veloce raggiunsi l’appostamento assegnato e silenzioso mi sedetti a ridosso di un grosso ulivo con la carabina adagiata sul bipede, carica e in sicura, e con il binocolo  8 x 50 BN a portata di mano. Non faceva molto freddo, ma me ne stetti ugualmente raccolto e ben riparato nel mio giaccone in attesa che il primo chiarore della nuova alba mi permettesse di definire almeno i contorni della zona.Ben presto, anche con quella pochissima luce intravidi un branco di cinghiali, due istrici ed ebbi il sospetto che lo sgranocchiare metodico e persistente alle mie spalle fosse provocato da uno dei numerosi scoiattoli presenti sul territorio.

Finalmente il giorno nascente e l’eccellente qualità del mio strumento ottico mi permisero di controllare se qualche daino era già fuori dal bosco o se magari stesse rientrando. Pazientemente osservai tutti gli angoli più recessi con la speranza d’individuare un selvatico, spaziando con il binocolo da destra a sinistra e viceversa ma senza successo. Era la seconda o la terza volta che guardavo verso una piccola radura distante un centocinquanta metri dalla mia postazione quando mi sembrò di aver visto un daino. Si presentava di punta e con il muso abbassato si confondeva con la potatura degli alberi. Fu soltanto dopo un attento controllo che in quella sagoma grigio–bruna riconobbi una giovane femmina. Non persi tempo ed imbracciai subito la mia Remington 700 BDL LH calibro 7 mm RM, regolai i piedini del bipede nella giusta posizione e attraverso le limpide lenti del mio  6 x 42 continuai a spiare l’ignaro animale mentre brucava la magra erbetta cresciuta rada al confine del bosco. Aspettavo impaziente che si mettesse meglio, con la rugiada che mi bagnava le gambe attraverso i pantaloni. Trascorsero degli attimi interminabili durante i quali cercai di non rimanere troppo in punteria per non affaticare la vista, ma cominciai a temere che la giovane daina potesse rientrare nel bosco senza neanche avermi dato l’opportunità di sparare.
 
 
 
 
La distanza era buona, la mia arma era estremamente precisa e quindi per una volta decisi comunque di tentare il tiro anche se l’animale non si presentava perfettamente di fianco, a “cartolina”. Misi il reticolo tra il collo e la spalla, controllai il respiro ed infine sfiorai il grilletto. La luce ancora incerta e il vigoroso rinculo della 7 millimetri m’impedirono di veder bene l’esito del colpo, ma notai una femmina di daino corrermi incontro per poi deviare a sinistra con la sua caratteristica corsa saltellante. Ricaricai velocemente mentre contemporaneamente lanciai un lungo fischio modulato. La daina rallentò la corsa fino a fermarsi del tutto dopo qualche metro. Una precisa palla Nosler Partition da 160 grani la colpì sulla spalla fulminandola sul posto. Non seppi giustificarmi come mai l’avessi fallita col primo colpo, ma fui comunque soddisfatto del secondo tiro e di constatare che almeno la taratura dell’ottica non si era alterata. Raccolsi i bossoli sparati e ricaricai la Remington senza muovermi dalla mia posta. Sperai che quei due colpi non avessero arrecato troppo disturbo alla zona e mi rimisi in paziente attesa.Quando caccio all’interno del Parco il tempo trascorre troppo velocemente. Non mi godo appieno l’uscita perché sono sempre in apprensione e controllo l’orologio in continuazione. Il regolamento è molto rigido: alle nove in punto è obbligatorio interrompere la battuta e riporre l’arma scarica nella custodia in attesa di venir recuperati dalle guardie, senza scuse o eccezioni.
 
 

I timidi raggi di sole cercavano invano di farsi strada tra cupi nuvoloni mentre io smaniavo dalla voglia di vedere da vicino il selvatico abbattuto. Ma non osai muovermi perché per esperienza ben sapevo che i daini si sarebbero potuti presentare all’improvviso nell’uliveto in qualsiasi momento. Soffro della sindrome dello “sbinocolatore”, così quando ho con me il mio fidatissimo binocolo non riesco a togliermelo dagli occhi e pur consapevole che a caccia non devo distrarmi, non disdegno mai d’ammirare qualsiasi forma di vita si aggiri nelle vicinanze. Lontano da dove giaceva la femmina di daino abbattuta mi colpì un fugace movimento. Concentrai la mia attenzione in quella direzione e immediatamente vidi tre giovani daini “calvi” che costeggiavano il confine tra l’uliveto ed il bosco, sicuramente in cerca di un comodo passo per rientrare nel folto. Mi sdraiai di nuovo in punteria per osservare i movimenti dei tre selvatici attraverso il cannocchiale della carabina. I daini camminavano lentamente vicino alla macchia, quindi se volevo tentare un tiro dovevo essere al contempo veloce e preciso. La caccia di contenimento dei branchi è qualitativa e quantitativa e include tutte le classi di età, così quando il primo daino della fila fece un piccolo stop non ebbi esitazioni e lasciai partire la pesante palla. Lo vidi accasciarsi al suolo come se avesse inciampato, mentre gli altri due sorpresi dall’insolito comportamento del compagno sembrarono indecisi sul da farsi, fermandosi a loro volta. Quelle rarissime occasioni non vanno di certo sprecate. Ricaricai velocemente e sparai ancora al daino che si presentava meglio. Non cadde, ma mi sembrò che accusasse il colpo ed ebbi la quasi certezza di aver sentito il sordo impatto della palla sul suo corpo. Con pochi salti i due daini si eclissarono all’interno dell’intricatissima vegetazione mediterranea. Avevo tirato quattro delle sei cartucce che avevo con me e per un momento mi venne il sospetto ed il timore di rimanere senza colpi. Mancava più di mezzora alle nove e pensai cos’altro mi avrebbe riservato quella meravigliosa mattina. Decisi di resistere ancora alla tentazione di controllare anche l’esito di quell’ultimo tiro. Trenta minuti trascorsero in fretta senza ulteriori emozioni e allo scoccare dell’ora prefissata finalmente mi avviai verso il bosco. Raggiunsi il daino che avevo abbattuto con un colpo preciso. La palla aveva colpito proprio dove avevo mirato. Lo valutai come un maschietto dell’anno ancora senza accenno di trofeo. Pochi metri più il là vidi una spolverata di pelo ed alcune gocce di sangue, e fatti pochi passi all’interno della macchia trovai anche l’altro daino al quale avevo tirato. Le micidiali Nosler Partition, se ben piazzate, difficilmente fanno feriti. Anche questo animale era un giovane calvo praticamente identico al primo e me ne compiacqui, perché al fine selettivo l’abbattimento era stato corretto. Ambedue i daini erano stati colpiti esattamente dove avevo posizionato il reticolo del 6 x 42  e così mi venne di nuovo da pensare come mai avessi sbagliato clamorosamente la femmina tirata in prima mattina. Rammentai che era stato il colpo più meditato della giornata e che senz’altro doveva risolversi diversamente.
 
 
Trascinai i due capi vicino all’appostamento e poi andai al recupero della daina abbattuta. La trovai dove l’avevo vista cadere e la rigirai meticolosamente per controllarla, volevo accertarmi che non avesse addosso tracce visibili del primo colpo. Non trovai nessun segno equivoco, così mi rassegnai di averla involontariamente “volata” ma senza apparente motivo. Misi i tre capi in posa per offrirgli l’ultimo pasto e per scattare le immancabili foto ricordo ma dentro di me sentivo ancora che qualcosa non quadrava e che i conti non tornavano. Prima di riporre tutte le mie attrezzature decisi di andare a vedere dove fosse finito il mio  maldestro primo colpo. Volevo cercare la palla nel terreno per capire cosa fosse successo. Tra la volata dell’arma e il selvatico non c’erano stati ostacoli, la palla (permettetemi di dirlo) era stata magistralmente ricaricata, come avessi potuto “padellare” quella daina non riuscivo ancora a spiegarmelo.
 

Arrivato ad una quarantina di metri dalla piccola radura dove brucava la femmina alle prime luci dell’alba intravidi una sagoma bruna dell’aspetto familiare. In un attimo capii cosa era successo e tutto mi fu chiaro. Le femmine al pascolo erano due, ma io ne vedevo soltanto una. Il mio primo tiro era stato preciso e micidiale ma aveva spaventato la seconda daina che non vista precedentemente era uscita allo scoperto. Ripensandoci col senno di poi, a caccia sono cose che succedono e se io non fossi stato talmente sicuro del mio tiro, le spoglie di quel selvatico sarebbero servite come alimento per volpi, cinghiali e corvidi. Con un ennesimo sforzo recuperai anche il quarto animale, appena in tempo prima che la guardia arrivasse per prendermi a bordo del fuoristrada. Dei dieci cacciatori che eravamo usciti in quella memorabile mattina avevamo tirato soltanto in due abbattendo un totale di nove capi. Ai miei quattro daini se ne aggiunsero ben cinque tirati dall’amico Luca Rinaldi con la sua bella Sako calibro .264 Winchester Magnum. La sera prima chi se lo sarebbe mai immaginato che invece di recarmi in ufficio avrei trascorso una splendida giornata così ricca di emozioni e di nuove esperienze? Telefonai a Daniele per comunicargli l’esito dell’uscita e per ringraziarlo ancora per avermi chiesto e dato l’opportunità di sostituirlo. Come ulteriore coronamento di quel giorno felice mi disse anche che Pietro, suo padre, stava molto meglio e che la visita di quel venerdì mattina aveva dato ottimi risultati.



Marco Benecchi
 
 

 


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.79.209
Aggiungi un commento  Annulla 

6 commenti finora...

Re: Vecchi ricordi: quando ancora era possibile cacciare nel Parco della Maremma!

anche io sto con Salvini perché sono contro l'immigrazione contro il Despota conte e il pd ( che una volta votavo ma oggi gli sputerei in faccia). Io 15 anni li darei da te BD e anche 15 calci in culo !! E sciacquati la bocca prima di offendere il Capitano l'unico vero PATRIOTA !! W SALVINI

da Marcello  07/08/2020 11.03

Re: Vecchi ricordi: quando ancora era possibile cacciare nel Parco della Maremma!

Se condannano Salvini ci sarebbero tanti altri da condannare... È difficile sostenere che abbia fatto tutto da solo. Mica agiva di nascosto. Salvini si può apprezzare o meno, ognuno ha le proprie idee. Ma quelli che oggi vogliono mandarlo in galera ci hanno collaborato oltre un anno...

da Filippo 53  02/08/2020 6.54

Re: Vecchi ricordi: quando ancora era possibile cacciare nel Parco della Maremma!

Per me ha fatto un unico grande errore : fare il governo con i 5 stelle ed eleggere Conte presidente del Consiglio.Questo nemmeno lo zorfino lo smuove più.

da Massy  01/08/2020 12.58

Re: Vecchi ricordi: quando ancora era possibile cacciare nel Parco della Maremma!

Io sono CONTRO matteo salvini, speriamoche i giudici hli diano 15 anni di onesta galera



da BD  01/08/2020 8.40

Re: Vecchi ricordi: quando ancora era possibile cacciare nel Parco della Maremma!

Tutto il vero popolo Italiano sta con Salvini, checche, drogati e zecche animalare invece no

da Basta aspettare  31/07/2020 14.37

Re: Vecchi ricordi: quando ancora era possibile cacciare nel Parco della Maremma!

Perdonatemi Amici, ma io non avendo un profilo sui social, devo sfruttare i miei "spazi" per poter esprimere le mie opinioni...
Non lo faccio quasi mai, ma questa mattina mi sento in dovere di dire soltanto poche parole:

IO STO CON MATTEO SALVINI

Al quale va tutta la mia solidarietà..
Buona giornata a TUTTI
Marco

da MARCO BENECCHI X TUTTI GLI AMICI DEL BLOG  31/07/2020 5.55
Cerca nel Blog
Lista dei Blog