Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov12


12/11/2019 10.58 

 
 
Per una volta l’essere mancino è stata una fortuna più che un piccolo handicap. Infatti, se non fossi stato sinistro, non credo che sarei riuscito a diventare felicissimo possessore di un’arma tanto bella quanto rara: una stupenda carabina Steyr Mannlicher modello M Stutzen, con azione destra, ma col calcio sinistro, incisa e super accessoriata. L’arma è stata importata direttamente dal Regno Unito, ha i suoi anni ma se li porta benissimo, e deve essere stata costruita espressamente per la caccia all’orso europeo all’aspetto perché, oltre ad avere un bellissimo plantigrado inciso sulla pala, una bella coccia tartarugata e un impeccabile portacolpi incassato nel calcio, non poteva che essere camerata nel re dei calibri europei per la caccia ai grandi selvatici a pelle dura: il 9,3 x 62 Bock. Poi, un 10 x 52, montato su attacchi ad incastro a piede di porco saldati è ovviamente d’obbligo. Ma vediamo bene l’arma nei suoi particolari.
 

La calciatura Stutzen, o come la chiamano gli anglofili “Mannlicher Stock”, fa parte della tradizione mittleeuropea sin dalla nascita delle armi da caccia. Qualcuno in passato ha sostenuto che le Stutzen erano armi destinate alla caccia in montagna e che la loro protezione in legno doveva servire a proteggere meglio la canna dagli urti accidentali contro le rocce e a consentire un appoggio migliore durante i tiri di emergenza. Nonostante il peso aggiunto del legno in più sia minimo (comunque compensato dalla canna più corta del normale) e la precisione sia comunque accettabile, il fatto che gli Stutzen non sono mai stati molto indicati per la caccia a lunga distanza in montagna dipende molto dalle munizioni con cui erano camerati. Durante le cacce più praticate d’inizio secolo, quelle fatte da appostamento fisso prevalentemente all’imbrunire e/o di notte, poteva invece capitare che durante l’azione la canna venisse inavvertitamente appoggiata sulla traversina dell’altana, della Ceka piuttosto che sull’astina, inficiandone drasticamente il tiro. Un altro fattore molto importante durante questa tecnica di caccia è sempre stato quello di riuscire a mantenere il silenzio totale, perché di solito si doveva sparare verso una zona adibita a carnaio o al foraggiamento, sita poco distante dall’appostamento e dove il selvatico arrivava particolarmente guardingo. Di notte, si sa, un conto è sbattere un tubo di ferro contro il legno, un altro è cozzare un pezzo di legno sul legno, che provoca un rumore molto più naturale. La nostra Steyr Mannlicher – Daimler – Puch dovrebbe risalire agli anni settanta-ottanta, come testimonia il numero di matricola e il modello di ottica adottata. Un periodo quello in cui la Steyr fu costretta a fabbricare fucili più competitivi se voleva accaparrarsi una preziosa fetta di mercato, passando dall’acciaio ricavato dal pieno alla plastica prestampata nella costruzione del caricatore e del ponticello guarda grilletti, che pur essendo super tecnologica è pur sempre plastica. Non poter più fabbricare quei gioielli della meccanica, che erano il caricatore rotante ideato da Schoenauer e l'azione progettata da Ferdinand Ritter von Mannlicher, deve essere stato duro per molti nostalgici, ma dobbiamo ammettere che tutti i nuovi modelli di Steyr Mannlicher, dall’M 72 all’SBS 96 LUXUS, sono ottimi con molti e moderni accorgimenti tecnici. Non somigliano neanche lontanamente ai Mannlicher Schoenauer che si erano guadagnati l’appellativo di "World’s Finest Rifle", uno dei migliori fucili rigati mai costruiti, ma sono ugualmente splendide armi che in molti considerano anche oggetti di culto da tenere gelosamente in collezione, non tanto per la loro qualità quanto per le emozioni che sanno suscitare tutte le volte che vengono imbracciate, per il profumo di tradizione che emanano e come rappresentanti della vera cultura venatoria mitteleuropea. Come accennato il modello M Stutzen in oggetto della nostra prova è una versione fuoriserie costruita con azione destra e calciatura sinistra in calibro 9,3 x 62, una combinazione classica per la caccia grossa europea.
 


La Meccanica: Il castello della Steyr modello M è di forma cilindrica, ricavato da una barra d’acciaio di superlativa qualità, per asportazione di materiale. Ha un diametro di 30 mm circa e, fatto assai raro, il “recoil lug” è posizionato sotto la coda dell’azione. La finestra di espulsione è talmente stretta e ben proporzionata che permette a malapena l’espulsione del bossolo. Questa, oltre ad essere stata una scelta estetica, assicura sicuramente anche una grande rigidità del castello. L’otturatore è costituito da tre pezzi principali: da un lungo percussore, dal corpo (che presenta sulla testa un recesso che circonda interamente il fondello della cartuccia, interrotto dall’estrattore a unghia di dimensioni medio-corte, ma dal funzionamento corretto) e, all’interno, dall’espulsore a pistoncino. La parte posteriore dell’otturatore vero e proprio è quella che presenta la manetta di armamento e i tenoni di chiusura, sei disposti su tre file, che vanno ad inserirsi in altrettanti recessi presenti all’interno del ponte posteriore del castello. La leva d’armamento è azionabile con un movimento di soli 60°, come quasi tutte le meccaniche che si avvalgono di tre tenoni di chiusura. La sicura,ben proporzionata e giustamente sagomata, è posizionata dietro la finestra della leva di armamento, offre un buon appiglio per la manovra ed è sufficientemente silenziosa. Quando l’arma è in sicura, si scopre un pallino avvisatore di colore bianco e l’otturatore è bloccato, mentre quando il cursore si fa scorrere per predisporre l’arma allo sparo, appare un pallino di colore rosso che ci avvisa dello stato dell’arma.
 

La Canna: La canna dell’esemplare provato è lunga 470 mm e presenta al suo interno quattro principi di rigatura destrorsi. E’ inserita molto in profondità nell’anello anteriore del castello, sino a circa 6 -7 mm dalla finestra di alimentazione.Questa conformazione costituisce un forte e solidale accoppiamento tra i due elementi e, considerando che la testa dell’otturatore ha un recesso di 3 mm, possiamo dedurne che per circa 25 mm la camera di cartuccia nella canna è a sua volta racchiusa nel castello. Canna e castello sono uniti con un procedimento diverso rispetto a quello usato dalla maggior parte dei costruttori di carabine “bolt action”, infatti non vengono accoppiate né per mezzo di una filettatura, né per mezzo di spinatura, ma tramite interferenza a caldo. L’anello anteriore del castello viene riscaldato per ottenerne la dilatazione e quindi una macchina inserisce a pressione la canna nel manicotto-castello. Questo sistema, oltre a rappresentare una scelta costruttiva diversa dal solito, assicura una maggiore coassialità tra canna e castello. Le canne sono il punto di forza delle carabine Steyr e probabilmente il pezzo più invidiato e meglio costruito con il procedimento di rotomartellatura a freddo e viene utilizzato un acciaio Spezial-Boeler con una resistenza di 95 kg/mm2 . Quello adottato dalla ditta austriaca è senza dubbio il migliore in assoluto, non solo per la tipologia e la qualità delle macchine preposte allo svolgimento del lavoro, quanto per la particolare tecnologia impiegata, che impone di montare dei pattini con inseriti delle pietre speciali per lappare meccanicamente il fondo della canna mentre questa viene contemporaneamente rigata. Grazie a questo procedimento, le canne si presentano più lucide, trattengono meno depositi dovuti alla combustione e consentono una migliore resa balistica.Tutti i tubi mantengono la classica finitura esterna a “tortiglione” a sedici facce, che negli ultimi anni è diventato un po’ come il simbolo distintivo dei prodotti Steyr.
 


Lo Scatto: Lo scatto è il classico schnneller bigrillo, con la prima leva che serve ad alleggerire la seconda. Alcuni modelli più recenti avevano anche adottato uno scatto singolo dotato di stecher "alla francese”. Al primo grilletto è anche affidato il compito di fermo dell’otturatore. In ambedue i casi è permesso intervenire su una piccola vite per regolare il peso di scatto secondo esigenza.

Il Caricatore:
Il caricatore rotante è frutto del genio inventivo di Otto Schoenauer, perché chiaramente inspirato a quello da lui ideato nel lontano 1903. Si tratta di un caricatore rotante a chiocciola della capienza di cinque cartucce (indipendentemente dal calibro), e sin da quando è iniziata la produzione dei modelli L-M-S-T (nel 1965 circa) è stato sempre realizzato in materiale plastico ad alta resistenza,testato in ambito militare e denominato Makrolon che non subisce alterazioni a –100° e a +135°.Le sue caratteristiche sono: la parete posteriore trasparente, che permette, a caricatore estratto dall’arma, il controllo visivo del numero dei colpi contenuti, il fatto di presentare le cartucce sempre nella stessa posizione come se si trattasse di un monofilare, l’impossibilità di essere alimentato da inserito. Purtroppo come nota negativa occupa un volume esagerato all’interno dell’incassatura, ma essendo un piccolo gioiello dell’inventiva umana, non possiamo che inchinarci davanti alla perfetta funzionalità del progetto dopo più di 100 anni di servizio.

Gli Organi di mira:
Gli organi di mira sono composti da una tacca regolabile in deriva con finestra marcata da un riferimento triangolare bianco e da un mirino regolabile in altezza. Entrambi sono montati su una rampa come dotazione standard dell’arma, ma carabine del genere, destinate al tiro di precisione a lunga distanza, richiedono esclusivamente l’utilizzo di un buon cannocchiale che, permettetemi di dirlo, dovrebbe sempre essere di stretta produzione europea. Sulla nostra Steyr è stato montato un bellissimo cannocchiale  10 x 52 con attacchi classici ad incastro a “piede di porco” saldati, che oltre ad offrire un rapid e affidabile smontaggio-rimontaggio dell’ottica, confluiscono all’arma uno stile e una estetica ancora ineguagliabile.
 

 
I Legni: Il calcio in sè è una piccola opera d’arte archibugiera, l’esecuzione è perfetta, sotto tutti i punti di vista, con l’impugnatura a pistola ben pronunciata e stop Montecarlo. E’ in noce europeo di ottima qualità. Purtroppo anch’essa ha quegli odiosissimi inserti bianchi nel calciolo, nella coccia e nel puntale presenti anche nell'ultima versione MCA dei Mannlicher Schoenauer. Comunque la linea è sempre bella e funzionale. Il brandeggio è ottimo in virtù della bontà del disegno, con uno zigrino scozzese che offre il massimo della presa. L’incassatura è realizzata interamente a macchina, ma rifinita a mano. Sotto il recoil lug, è stato realizzato un provvidenziale tassello di resina, con l’intento di rendere migliore l’accoppiamento meccanica-calciatura. Ciò che preoccupa un poco della calciatura è una certa “snellezza” in prossimità dell’alloggiamento del caricatore, ma posso confermare che non ha mai fatto riscontrare nessun inconveniente strutturale, anche in altre armi camerate in grossi calibri. Sulla pala è intagliato a mano un bell’orso bruno europeo e nella parte inferiore troviamo incassato un comodissimo porta colpi in metallo, anch’esso rifinito con trattamento “tartarugato”, come la bella coccia in metallo sull’impugnatura.

La Finitura: La brunitura di tutte le armi Steyr è semplicemente splendida, sia quella dell’azione e della manetta dell’otturatore, sia quella del castello e della canna. La brunitura è sempre perfetta e può avere due tonalità: classica scura lucida o tendente al blu. I doppi grilletti sono cromati.

Le prove Durante tutti i miei test, la precisione intrinseca dell’arma in oggetto è stata sempre notevolissima, con qualsiasi tipo di munizione impiegata. Ho deciso di tarare l'ottica con delle munizioni Original Brenneke con palla TUG da 286 grani alla distanza di 80 mt, sempre per renderlo pronto per un’ipotetica caccia ai grandi selvatici europei da appostamento fisso, magari chiuso. Una carabina Steyr Mannlicher si riconosce subito e a prima vista dalla splendida finitura della canna e dall’estetica accattivante. Cosa dire poi della lucidatura delle guide interne del castello per migliorare la scorrevolezza dell’otturatore, dei legni caldi e perfettamente levigati? E di quella meraviglia che è il serbatoio rotante che evita la fastidiosa deformazione delle punte delle cartucce? Le Steyr Mannlicher hanno fatto scuola nel mondo delle armi da caccia e ancora oggi sono considerate, a ragione, tra le più belle carabine mai costruite al mondo. L’arma in questione è molto bella, oserei dire quasi da tenere in collezione, da custodire gelosamente in rastrelliera, ma è anche la carabina ideale per quei cacciatori che amano le vecchie tradizioni, il bellissimo connubio che da sempre lega il buon acciaio brunito a una bella tavola di noce. A tutti quelli che preferiscono un’arma corta, leggera e maneggevole, da poter usare comodamente dall’interno di una altana chiusa dotata di una sola, piccola finestra per tirare.

Marco Benecchi



SCHEDA TECNICA DELL’ARMA


Costruttore: Steyr – Mannlicher – Daimler - Puch. www.steyr-mannlicher.com

Distributore attuale del marchio: TFC (The Four Company) Villa Carcina (BS)

Modello: M Stutzen “Fuoriserie”

Tipo: Carabina da caccia a ripetizione manuale “Bolt Action”

Funzionamento: Ad otturatore scorrevole girevole con chiusura a sei tenoni posteriori

disposti a due file da tre posti 120° che s’incastrano direttamente nella culatta

Percussore: Lanciato caricato da molla elicoidale coassiale

Sicura: Manuale a due posizioni azionabile da un cursore posto sul lato destro del castello

Azione: in acciaio ad alta resistenza

Calibro: 9,3 x 62 Bock

Canna: In acciaio trilegato al NiCrMo trattato termicamente. Lappata e rotomartellata a freddo. E’lunga 470 mm e nonostante sia calciata Stutzen è flottante

Congegni di puntamento:Le mire metalliche sono costituite da una tacca fissa regolabile solo in deriva e da mirino su rampa non protetto da tunnel e non regolabile in altezza. Cannocchiale da mira  10 x 52 montato su attacchi ad incastro saldati

Alimentazione: Tramite caricatore rotante da 5 colpi in materiale sintetico (Makrolon)

Castello: Chiuso, con finestra di espulsione laterale. E’ predisposto per il montaggio del cannocchiale da mira con 4 fori filettati da 4 mm.

Estrattore:  lungo a unghia posto in testa all’otturatore. E’ montato ad incastro senza l’ausilio di spine

Grilletto: Con stecher bigrillo regolabile

Calcio: di tipo Stutzen fino alla bocca inciso, con pistola ben pronunciata e stop Montecarlo. E’ in noce europeo di ottima qualità con porta colpi e coccia in acciaio inciso e tartarugato
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.79.21
Aggiungi un commento  Annulla 

9 commenti finora...

Re: “Una carabina Steyr - Mannlicher Mod. M. Davvero... fuoriserie"

Ciao Tiroler. Seguirò il tuo consiglio. Non vedo l'ora di provarle. Tanta salute

da Filippo 53  23/11/2019 8.43

Re: “Una carabina Steyr - Mannlicher Mod. M. Davvero... fuoriserie"

Ciao Filippo. Se ti piace il 6,5x68(come al sottoscritto), prova le evo green della rws. Da quando le tm non sono più prodotte uso queste e, a mio parere, sono sotto ogni punto di vista migliori delle precedenti. Piuttosto care(anzi carissime), ma sparando 4 colpi all'anno (un paio di tiri di prova e un paio di camosci) non incidono su alcun bilancio. WH

da tiroler x Filippo 53  22/11/2019 15.05

Re: “Una carabina Steyr - Mannlicher Mod. M. Davvero... fuoriserie"

Bene, allora vorrà dire che se mai volessi acquistare un 6,5 prenderò in considerazione il 57 (per restare sul classico) oppure il .284 (ben più prestante e moderno, ma ormai sufficientemente collaudato). Il 6,5x68 come sai già lo possiedo, ma si trovano ormai con troppa difficoltà, salvo ricaricare

da Filippo 53  19/11/2019 16.32

Re: “Una carabina Steyr - Mannlicher Mod. M. Davvero... fuoriserie"

Ieri ho tarato sotto la pioggia due splendide carabine Weatherby cal. 300 Weath M.
Pesanti, Laccone, ma per me sempre bellissime!
I gusti son gusti.
Secondo me niente rispecchia più di una Weatherby finita a "palla da Bowling" il gusto tipico americano.
In cal. 300 poi...
Inutile in Italia, ma decisamente prestante!
A me le MK V piacciono veramente molto (altrimenti non ne avrei 5...)
Cosa volete farci?
M

da Marco B x Filippo  19/11/2019 14.07

Re: “Una carabina Steyr - Mannlicher Mod. M. Davvero... fuoriserie"

Io ne so meno di te...

NON HO NESSUNISSIMA esperienza in proposito
Calibro MAI usato, MAI neanche visto fisicamente...
Credo somigli molto esteticamente ad un 6,5 x 55 Swidish

da Marco B x Filippo  19/11/2019 13.53

Re: “Una carabina Steyr - Mannlicher Mod. M. Davvero... fuoriserie"

Domanda innocente (fuori tema, ma in linea con il nome del Blog): che si sa del calibro 6.5 Creedmor? Ho visto ieri sera un servizio su Sky dove una caccia ispanica (anche se la preda era la BarbarY Sheep) è stata affrontata con l'immancabile Blaser nel calibro in questione. E' stata grande la mia sorpresa quando ho sentito il proprietario della carabina precisare che il 6.5 Creedmor ha una traiettoria poco tesa. Ma allora come mai è tanto di moda? che vantaggi ha rispetto ai classici 6.5? (Già ce ne sono per tutti i gusti, dal 57 al 68...). Grazie

da Filippo 53  19/11/2019 10.59

Re: “Una carabina Steyr - Mannlicher Mod. M. Davvero... fuoriserie"

Ho avuto una SSG69, accurata precisissima ma la guardia e il caricatore in plastica sono letteralmente andati, si possono sostituire con una versione fatta dalla StyriaArm in materiale ferroso ma costa un boato, anche i vari olii e solventi accelerano il degrado

da Ivo Sugo  15/11/2019 11.03

Re: “Una carabina Steyr - Mannlicher Mod. M. Davvero... fuoriserie"

Sarà bella e spara anche bene, ma ha un gravissimo difetto: il gruppo "sottoguardia" ovvero il ponticello e l'alloggiamento del caricatore in plastica si rompe facilemente.
L'inconveniente mi è stato confermato anche da armaioli italiani e austriaci.
In occasione di una visita allo stand Steyr a Norimberga ho chiesto spiegazioni a uno standista. Questi mi ha spiegato che in fase di progettazione non si sapeva che quella plastica degrada nel tempo, diventando fragile. Lo standista mi ha consigliato di affrettarmi a comprare più ricambi perchè la produzione della carabina era cessata e quindi anche i ricambi da lì a poco sarebbero scomparsi.
Per quanto mi riguarda piuttosto che un'altra Steyr posso comprare una carabina cinese o turca. La serietà commerciale non potrà essere inferiore.
Gli scettici vadano a consultare il sito "accurate reloading" e ne leggeranno di belle.

da bansberia  14/11/2019 9.41

Re: “Una carabina Steyr - Mannlicher Mod. M. Davvero... fuoriserie"

Avevo sentito parlare di quest'arma. Chissà quanto sarà stato complicato importarla 😉

da Filippo 53  13/11/2019 7.38
Cerca nel Blog
Lista dei Blog