Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca

"CacciaPensieri"

Ortega e la caccia


venerdì 28 novembre 2008
    

Massimo ZaratinSenso e significato della caccia rappresentano indubbiamente le prede più ambite per ognuno di noi. Riuscire a districarsi tra i complicati sentieri della nostra mente per raggiungere quelle prede, non è affatto una facile impresa. Muovendomi con non poche difficoltà tra le intricate giunzioni sinaptiche a caccia di qualche pensiero, mi ritrovai un giorno quale compagno di battuta José Ortega y Gasset, filosofo spagnolo del secolo scorso ed autore di un bel “Discorso sulla caccia”. Ho estrapolato tre sue citazioni che a mio avviso, se lette in successione così come si presentano qui sotto, aiutano moltissimo ad avvicinarsi a quelle ambite prede, aiutandoci a districarci, proprio come è necessario lungo i tortuosi sentieri che percorriamo durante le nostre avventure, tra i pensieri della nostra mente.

Massimo Zaratin

“Il più gran pericolo per l'esistenza della caccia è il motivo”.
(Ortega Y Gasset)

“Il senso e il significato della caccia li capiamo solamente se comprendiamo la natura dell'animale e quella dell'uomo. Capire il senso della caccia presuppone che si capisca l'essere umano”.
(Ortega Y Gasset)

“il cacciatore vero è colui che abbatte perché è andato a caccia e non già l'uomo che va a caccia per abbattere”.
(Ortega Y Gasset)

Leggi altri Pensieri

1 commenti finora...

Re:Ortega e la caccia

"il cacciatore vero è colui che abbatte perché è andato a caccia e non già l'uomo che va a caccia per abbattere." I miei complimenti ad Ortega ed a Massimo Zaratin che me lo ha fatto conoscere, in questa frase c'è tutta l'essenza vera della caccia.

da Luciano da Monza 01/12/2008 18.32