Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove date Bruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoFidc: "una nuova rotta per la sorveglianza dell'aviaria"Cabina Regia Toscana a difesa del calendario venatorioFidc Lombardia: non ancora chiusa causa contro il calendario venatorioL'Aquila, a Cagnano Amiterno riprende la caccia senza limitazioni per PSAUmbria: Mancini (Lega) chiede piano straordinario cinghialePatrizio La Pietra e Vannia Gava sottosegretari ad Agricoltura e AmbienteArci Caccia Toscana chiede trasmissione dati su tortora, storno e piccioneIn Toscana nuovo ricorso contro calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

"In Umbria si abbattono solo 21 mila cinghiali l'anno"


venerdì 7 dicembre 2018
    

 
 
In Umbria secondo Confagricoltura, a fronte di  130/ 150 mila cinghiali stimati ne vengono abbattuti 21 mila l'anno,  di cui un migliaio nell’ambito delle azioni di contenimento organizzate dagli Atc e gli altri 20 mila nel corso delle battute di caccia durante la stagione venatoria.

“E’ evidente lo squilibrio che si genera – sostiene il Presidente di Confagricoltura Umbria Fabio Rossi – con danni in continuo aumento, che, nel 2017, si sono attestati sui 700mila euro, ma che sono certamente sottostimati. La cifra potrebbe quasi raddoppiare, se consideriamo oltre ai danni alle colture, quelli alle attività di trasformazione, commercializzazione e alienazione dei prodotti agricoli; quelli provocati dalla fauna selvatica agli argini dei fossi, ai corsi d’acqua, ai fiumi e laghi e al regime delle acque in genere, che non vengono risarciti“.

“Questo incremento dei danni – ha concluso Rossi – è la testimonianza più evidente del mancato adempimento da parte della Regione agli obblighi di contenimento previsti dalla legge. A cui, dall’altro, lato, non corrisponde neanche un adeguato indennizzo per gli agricoltori, con il rischio che essi abbandonino, prima o poi, le aree più marginali, con gravi conseguenze dal punto di vista idrogeologico e ambientale. Auspichiamo, dunque, una rigorosa applicazione della norma che ottemperi le esigenze di tutti gli attori coinvolti”.
 
Proprio l’incremento dei risarcimenti per i danni provocati dai cinghiali è alla base dell’aumento della quota a cario dei cacciatori decisi dagli Atc del Perugino e del Ternano (mentre nella zona di Foligno, Spoleto e Valnerina i conti sono risultati in ordine). Aumenti decisi dagli stessi Atc, ma con alcune associazioni venatorie che hanno chiesto alla Regione di incrementare il contributo pubblico.

Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:"In Umbria si abbattono solo 21 mila cinghiali l'anno"

Occorre cominciare a darsi una regolata anche su come vengono distribuiti i nostri soldi dagli atc per pagare i danni prodotti dalla fauna. Tali soldi cominciano ad essere troppi è meglio darli agli agricoltori per i miglioramenti ambientali.

da francesco 09/12/2018 17.16

Re:"In Umbria si abbattono solo 21 mila cinghiali l'anno"

Non c'è giorno tranquillo se ci sono in giro questi bastardi di cinghialai.GRADOLI - Incidente di caccia questa mattina nelle campagne di Gradoli. Durante una battuta al cinghiale, un cacciatore è stato ferito da un proiettile alla gamba destra, all'altezza del gluteo. Il colpo sarebbe partito dal fucile di un altro cacciatore per cause accidentali. L'uomo, un 49enne, è stato soccorso dal personale paramedico del 118 ed è stato trasportato in codice rosso in ospedale. Non sarebbe tuttavia in pericolo di vita.

da Migratorista 09/12/2018 8.39

Re:"In Umbria si abbattono solo 21 mila cinghiali l'anno"

mancato adempimento da parte della Regione agli obblighi di contenimento previsti dalla legge. Quindi perché mandare un tale comunicato in un portale di caccia? Lo si mandi alla Regione cosa caxx centriamo noi? A cui, dall’altro, lato, non corrisponde neanche un adeguato indennizzo per gli agricoltori, con il rischio che essi abbandonino, prima o poi, le aree più marginali, con gravi conseguenze dal punto di vista idrogeologico e ambientale. Non vorrete mica farci credere che voi fermate i rischi idrogeologici dopo aver estirpato anche l’ultimo albero e siepe che vi era possibile estirpare sia sugli argini di fiumi , torrenti e in ogni zolla di terra coltivabile? Steso discorso vale per l’ambiente con l’aggiunta che se voi vi levaste dai cxxx con le vostre schifezze chimiche il patrimonio ambientale faunistico e flora tirerebbe un bel sospiro di liberazione. Avete mai pensato al rischio d’impresa? A già voi siete sempre vissuto di sussidi ma anche per voi la pacchia sta per finire. L’agricoltura non tira? Cambiate mestiere.

da Patetici 07/12/2018 16.00

Re:"In Umbria si abbattono solo 21 mila cinghiali l'anno"

Anche troppi 21.000 cinghiali in Umbria. Questi accattoni vadano a fare in c..o!!

da X cia 07/12/2018 14.16

Re:"In Umbria si abbattono solo 21 mila cinghiali l'anno"

ma confagricoltura ha provato a battere cassa al mondo ambientalista invece che rivolgersi sempre al mondo venatorio (quando fà comodo). perchè ci considerano solo quando dobbiamo fare gli spazzini e quando facciamo i cacciatori spesso ci bacchettano assieme a tutti gli altri cittadini che di caccia purtroppo non ne sanno niente? perchè dobbiamo controllare la selvaggina quando non ne siamo abilitati dalla 157? perchè di dà per scontato che il problema lo dobbiamo risolvere noi?

da claudio 07/12/2018 12.49