Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Modifiche legge caccia. Lollobrigida chiede istanze alle associazioni venatorieLombardia: approvata caccia in deroga al piccioneRegione Lazio "ecco le nuove misure per il contenimento dei cinghiali"Lazio approva Piano straordinario contenimento cinghialiLa caccia nel Dibattito alla Camera sul Decreto AgricolturaApprovato Odg Bruzzone su urgenza riforma della legge 157/92Ok del Governo a Odg per inserimento stambecco tra specie cacciabiliOggi riunione al Ministero con le associazioni venatorie sulla 157/92Veneto, associazioni chiedono urgente incontro in GiuntaNasce alleanza Coldiretti - Fidc in ToscanaStretta sui cinghiali in Piemonte. In arrivo 176 militariSpagna: quaglie in buono stato di conservazioneDa Federcaccia Lombardia critiche per alcuni emendamenti approvatiBASC alla ricerca di conferme dal nuovo governo laburistaA Palermo un importante convegno sulla lepre italicaBaggio in Tribunale contro gli animalisti "Vado a caccia da 30 anni e rispetto la legge"Massardi (Lega, Lombardia): “Bene approvazione modifiche in materia venatoria”Bravo (FDI): "approvate in Lombardia modifiche alla legge sulla caccia"Caccia in deroga: Italia fanalino di coda in UESondaggio in Romania: i giovani conoscono e apprezzano la cacciaNovità dalla Regione Toscana su controllo del cinghialeRidefinì territori di due squadre di caccia: condannata Regione CalabriaOsservazioni di Arci Caccia Toscana sul Calendario venatorioDocufilm Anuu "Atalante: I Custodi dell'Equilibrio Naturale", su Prime VideoUmbria, il cinghiale si caccia per quattro mesiPuletti, Assessore Morroni approvi caccia in deroga nonostante IspraCastellani (Anuu) a Lollobrigida "ritiro emendamenti beffa ingiustificabile"Enalcaccia al Governo "urgente nuovo Dl per dare certezze normative ai cacciatori"Da Fiocchi stoccata a Bruzzone sul DL Agricoltura "ha illuso i cacciatori"In Puglia in arrivo Piano straordinario cinghialeEcco l'Odg sulle Aziende Venatorie accolto dalla Commissione del SenatoFace: "Gli stagni dei cacciatori potenziano la biodiversità delle zone umide in Italia"Umbria, Mancini (LEGA): servono almeno 120 giorni di caccia al cinghialeLollobrigida cerca di riconquistare i cacciatoriDecreto Agricoltura, esultano animalisti e M5SFidc Lombardia: "Sui valichi soluzione inaccettabile"Il Presidente FACE Larsson ribatte alle critiche del Past President EbnerFiumani (CPA) denuncerà Ispra per mancato calcolo "piccole quantità" sulle derogheAnlc: “non ci arrendiamo”Lollobrigida: "avremo altre occasioni per discutere di caccia"Senatrice Fallucchi (FdI): soddisfazione per l'ampliamento della caccia al cinghialeSottosegretario La Pietra (FdI): "cacciatori mai come ora trattati con rispetto"Lettera aperta di Castellani (Anuu) a Francesco BruzzoneBuconi: "problema calendari venatori rimane, Governo trovi soluzione"Arci Caccia: "Modifica 157, la montagna partorisce un topolino"Bruzzone: "dietrofront del Governo sulla caccia, mi sento preso in giro"Decreto Agricoltura: Ritirati emendamenti della Riforma Bruzzone sulla cacciaDecreto Agricoltura: Ok alla caccia al cinghiale notturna con visori Fidc "Legge ripristino natura fondamentale per ambiente e fauna selvatica"Decreto Agricoltura riprende l'esame. Protestano gli animalisti per emendamenti cacciaVeneto, rettifica Calendario Venatorio su due giornate integrativeGli Ex Presidenti dell'Intergruppo Caccia Ue contestano la FACECinghiali, Abruzzo: "Regione a fianco degli agricoltori"Le posizioni di Fidc Uct Toscana sul Calendario Venatorio 2024 - 2025 Cinghiali, botta e risposta tra Caretta e VaccariAbruzzo "riconosciuti dal Tar diritti dei cacciatori"Fidc Campania: improcedibile ricorso animalisti su calendario venatorio 2023 - 2024Violenta rapina nella villa vicentina di Roberto BaggioSottosegretario Barbaro annuncia svolta sulla caccia in derogaDecreto Agricoltura: le impossibili proposte animaliste sulla cacciaFidc Brescia "da Decreto Agricoltura attese risposte a promesse elettorali"Al Congresso scientifico ECCB, Fidc porta due progetti sulla lepreOasi Valpredina, Wwf perde al Tar contro alcuni capannistiIn Spagna la RFEC chiede istituzione reato d'odio contro i cacciatoriToscana, approvata caccia in deroga a storno, tortora dal collare e piccioneArci Caccia Pistoia "se non si fa manutenzione Padule di Fucecchio a rischio"Marche: ok a modifiche legge sulla cacciaPresentati gli emendamenti sulla caccia al Decreto AgricolturaLazio: approvato Calendario Venatorio 2024 - 2025Emilia Romagna: annunciato nuovo bando depopolamento cinghiali Lombardia, in arrivo il Piano straordinario controllo fauna selvaticaVerdi e animalisti sconfitti in UE: perdono un quarto degli europarlamentariMarche, approvati piani caccia selezione al cinghiale 2024 - 2025Adottata la Legge per il ripristino della Natura in UeVeneto: Confavi, Acr, Italcaccia, Acv criticano Calendario VenatorioApprovato Calendario Venatorio Veneto 2024 - 2025Richiami vivi, Arci Caccia Pistoia avanza richieste di modificaFidc Brescia: da Regione un chiarimeno sui richiami viviPiani contenimento cinghiale, Coldiretti si mobilita

News Caccia

Alessandro Mò: “Emozioni e utilità sociale, ecco la caccia spiegata ai giovani”


venerdì 12 maggio 2017
    

 Emozioni indescrivibili, adrenalina, consapevolezza dei propri mezzi, conoscenza dell'ambiente. Questo ed altro è caccia per Alessandro Mò, giovane seguace di Diana residente a Biella. “Credo che sia un ottimo modo per unire la passione per un’attività ai benefici che questa può portare”.

In questa frase di Alessandro c'è tutta l'essenza della caccia moderna, una delle poche attività che permette di vivere la natura e al contempo essere utile. “Liberiamo i sentieri dei boschi, controlliamo gli animali, li censiamo e abbattiamo animali malati che potrebbero infettare l’intera specie” spiega.

La caccia inoltre “avvicina chi la pratica alla natura e dovendo avere una discreta conoscenza di ciò che si sta facendo, aiuta a mantenere stabile una certa popolazione animale e a conservarne la specie mantenendo integro l’ambiente” continua Mò, ricordando che, ovviamente, per essere cacciatore “non devono mancare una buona etica, una forte passione e una dose di buon senso”.

La soddisfazione della preda

Prosegue poi citando altre costanti nell'universo emozionale del cacciatore: “la complicit�che si sente passeggiando per le montagne con il proprio cane, la fatica nel cercare per giorni la preda adatta e la soddisfazione nello scovarla e abbatterla, il suo recupero e non per ultima la stima e l’unione con i propri compagni di caccia, i quali ci accompagnano durante la stagione e condividono con noi tutti i momenti prima, durante e dopo con l’assaggio finale del capo abbattuto, che poi è il coronamento finale”.
 
"Ho imparato tutto osservando mio padre"

Alla caccia è arrivato solo due anni fa grazie al padre, vedendo in lui così tanta passione e dedizione, ha iniziato a seguirlo sul campo, in silenzio, osservando e imparando. “In famiglia – racconta - sono tutti favorevoli  e abituati da anni ad avere almeno un cacciatore girare per casa, fin dai tempi della mia bisnonna e lo stesso vale per i miei amici. La passione con cui sentono i miei racconti, le foto che vedono e (soprattutto) le cene che assaggiano, fanno in modo che anche chi si sente contrario alla caccia possa esserne affascinato!”.

 
La passione per il camoscio

Pratica la caccia in montagna agli ungulati, soprattutto al “re delle cime”, il camoscio. “Grazie a questo animale – sottolinea -  riesco a vedere posti magnifici appena sopra alle nuvole e mi permette di godere al massimo sia della natura che dell’animale stesso, appostarmi per cercarlo e una volta stanato fare tiri ragionevolmente lunghi per abbatterlo, stupendo! Di rado pratico anche la caccia al capriolo e a fine stagione io e mio papà ci concediamo l’abbattimento di un cervo, un’animale verso il quale provo un immenso rispetto, di una bellezza unica, sfido chiunque a non emozionarsi durante un suo bramito! Durante le varie uscite alterniamo la caccia agli ungulati con quella alla tipica alpina: galli e coturnici animali altrettanto belli, ma li la passione va tutta verso il primo, vero e affidabile compagno di caccia: il cane! Vederlo correre a più non posso tra pietraie, rododendri e canali, vederlo appostarsi e fermare è bellissimo e vederlo felice ad abbattimento compiuto da una grande soddisfazione….ma sono sicuro che mi capirete!”.
 
La caccia e l'impegno

Gli chiediamo se sarebbe disposto ad impegnarsi nell’interesse della caccia. “Si, assolutamente! - risponde -. Adesso sono ancora in pieno “apprendistato” e non finirò mai di esserlo, ma mi piacerebbe seguire corsi per il controllo dei trofei e con la dovuta esperienza seguire le orme del mio vecchio nella gestione di una associazione venatoria”.
 
Delle associazioni pensa che siano molto utili perché aiutano a mantenere la corretta gestione di ambiente”.
 


Alessandro ci racconta un'esperienza di caccia:

Siamo usciti nel tardo pomeriggio per passare la notte fuori e poter cacciare il giorno seguente. Arrivati in baita a sera inoltrata siamo entrati per cambiarci e abbiamo acceso la stufa, abbiamo cucinato qualche trota rimasta dalla stagione di pesca e poco dopo abbiamo deciso di metterci a dormire. Io
sono uscito dalla porta per dare un’ occhiata e nel silenzio più totale in lontananza si sentivano due, forse tre cervi bramire…una sensazione unica, concedetemi la parola, mistica! Il giorno seguente era la chiusura della specie e non potevamo sbagliare…ci siamo avvicinati al posto in cui la sera prima mi sembrava di averli sentiti cantare e appena albeggiava sono spuntati fuori due bellissimi maschi in cima ad un’altura…deciso che l’animale era giusto per noi ,In un religioso silenzio ci siamo preparati e dopo aver appoggiato il fucile sullo zaino…con un colpo ben assestato abbiamo abbattuto il più giovane dei due. Ci siamo avvicinati per recuperarlo e intorno alle 9…10 del mattino era pulito e pronto per scendere. Abbiamo dovuto imbragarlo e con l’aiuto di sei persone siamo riusciti a portarlo fino a valle e dopo quasi 8 ore di marcia abbiamo potuto brindare alla perfetta riuscita e alla splendida giornata!

 Vai alla pagina BigHunter Giovani

 

Leggi tutte le news

0 commenti finora...