Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Fidc: dall'Ue richiesta divieto caccia moriglione e pavoncellaToscana approva caccia in deroga allo stornoBruzzone "La legge ligure sui Parchi rimarrà in vigore"Puglia: ok legge caccia 20 giornate migratoria in mobilitàGoverno impugna legge Liguria su riperimetrazione ParchiFidc Veneto sull'incontro con l'assessore PanA Macerata ripartono i corsi per nuove guardie venatorieAbruzzo. Presentata proposta calendario venatorio Tar Campania ordina ricalcolo del territorio cacciabileCaccia Veneto. Le richieste di Berlato alla RegioneBrescia. Otto rinviati a giudizio per il controllo del cinghiale Roccoli, ancora nulla di fatto in LombardiaFidc Umbria: dalla Regione inutili penalizzazioni sul calendario venatorioFidc Bergamo "i cacciatori siano impiegati nel controllo faunistico"Caccia cinghiale. Regione Calabria sollecita modifica 157 I cacciatori catanesi impegnati nella tutela ambientaleBerlato alla guida di ACRAncora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatoriPiemonte. La nuova GiuntaCCT: attenti a ddl tutela animaliModena. Nuove guardie volontarieCalendario Campania: la Federcaccia dissenteFoggia. Corso di formazione per cacciatori di selezioneSvizzera: meno vincoli per l'abbattimento dei grandi predatoriSICILIA. La Regione incontra i cacciatoriFIDC. Si riunisce a Roma il consiglio di presidenza Benevento. Proposte per la caccia al cinghialeCalendario Venatorio CampaniaLARA COMI RINUNCIATOSCANA: PIANO DI PRELIEVO DEL CAPRIOLOPIEMONTE. FEDERCACCIA SUL CAPRIOLOFIDC BERGAMO: UN CORSO DI FORMAZIONE PER LA CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALEUK. I GIOVANI E LA CACCIALOMBARDIA. LO SCIOPERO DEI CINGHIALAI MUOVE LA REGIONESTUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALIArezzo Corso Articolo 37Caccia bloccata. Fidc Piemonte scrive agli associatiDopo servizio de Le Iene dietrofront sulla volpe della RegioneCCT: in Toscana servono convenzioni per superare parere Ispra Atc Firenze Sud, tempo di bilanciIn Senato inizia esame su Ddl proteggi animaliFACE, il progetto del mese è quello di FedercacciaComo: i cacciatori di selezione incrociano le bracciaPiccoli uccelli. Campionato spagnolo di cantoFidc Veneto, Tosi lascia. Possamai nuovo PresidenteUmbria, nuovo sistema informatico per la caccia di selezioneKC: la Spagna dice la sua"Sui calendari venatori il solito terrorismo animalista"Notizie da WeHunter: in Puglia presentate modifiche al Piano faunisticoCalabria, "l'agricoltura si impegni su cinghiale e per la biodiversità"Marche, Regione inserirà tortora in preaperturaSu Instagram la caccia è under 30Francia. La migrazione pre nuziale del beccaccinoBenevento, ancora ferme abilitazioni venatorieGiunta non approva. Caccia di selezione bloccata in PiemonteRavenna, Coldiretti chiede Piani controllo ungulatiLav: Regione Lazio finanzi ricerca su contraccettivi per cinghialiMassimo Bulbi Presidente Fidc Emilia RomagnaCacciatori salentini in campo per la difesa dell'ambienteFidc, Liguria. Sui caprioli pieno appoggio alla RegioneBaggio: attacchi animalisti mi avvicinano ai cacciatori Fauna selvatica. Sul tavolo del Ministro Centinaio la proposta CiaBornaghi (Fidc Bg): novità positive per la caccia lombardaSpecie aliene tra cause principali perdita biodiversitàMazzali "mio emendamento salverà molti appostamenti fissi"Salvini spara sui Ministri Cinque Stelle: "avanti senza Toninelli, Trenta e Costa"Piemonte. Vignale esce dal Consiglio regionaleFiocchi va in Ue "voglio mantenere gli impegni presi"Berlato torna al Parlamento europeoSuggerimenti EPS su Calendario Venatorio CampaniaLombardia, via libera all'Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"KC, Italia isolata. Commissione UE riapre la partita Quasi debellata peste suina in SardegnaSardegna. Parere positivo Ispra su caccia a lepre e perniceLega, in Ue almeno 8 parlamentari pro cacciaPD, riconfermati a Bruxelles De Castro e SassoliForza Italia. Passano Comi* e TajaniEuropee. Fratelli d'Italia, più voti per i pro cacciaCCT: l'animalismo esce sconfitto dalle urneEuropee: netta vittoria per la Lega. Animalisti allo 0,6%In Liguria all'esame nuovo regolamento su richiami viviTar Campania annulla Piano controllo cinghialeLazio, protocollo d'intesa su cinghiali accontenta gli agricoltoriIl punto sulla caccia con il Commissario uscente Karmenu VellaEuropee. Cacciatori al votoIl Botswana reintroduce la caccia agli elefantiCinghiali, Rolfi: servono risposteElezioni Europee 2019. I candidati vicini al mondo venatorioAnimalisti rinviati a giudizio per aggressione a cacciatoriFidc Pg: i candidati alle europee amici dei cacciatoriFidc, chiarimento sulle coperture assicurative "Giornata della biodiversità. Insostituibile il ruolo dei cacciatori"Appostamenti caccia Toscana, Montemagni (Lega) bacchetta la GiuntaEuropee. Fiocchi "meno burocrazia e ostacoli per i cacciatori"Il Ministro upupaFano, 400 bambini alle lezioni di didattica ambientale Fidc

News Caccia

Filiera selvaggina? Un'occasione di riscatto per i cacciatori


martedì 13 dicembre 2016
    

Uno degli argomenti cardine sull'avvio di una filiera della selvaggina è quello della formazione dei cacciatori, veri protagonisti di un'operazione concepita come un reale ritorno di interessi e di immagine a favore della valorizzazione della caccia stessa. A parlarne, durante il convegno Selvaggina. Carne buona e sana, da onorare con rispetto organizzato dalla Confederazione dei Cacciatori Toscani a Firenze poche settimane fa, è stato Cristiano Pieracci, uno dei tanti cacciatori "formati" (sia alla scuola mitteleuropea, sia con i corsi organizzati in Toscana), sensibile e appassionato, che ha dato conto delle sue esperienze formative e ha tenuto a evidenziare come una caccia eticamente avanzata oltre a fornire "carne buona e sana" (il tema del convegno) è in grado di mettere ancora più in evidenza i valori di un vero e altrettanto sano ambientalismo dei cacciatori.

"Una filiera di carni provenienti da animali selvatici in senso stretto, e come tali, cacciati - ha detto - è una occasione, per tutti, e come tale può essere usata bene o male. Si tratta in effetti di un punto di svolta di tutto il modo tradizionale di utilizzarle. Gli animali selvatici, hanno carni di eccezionale valore organolettico, nutrizionale, e soprattutto sono le uniche carni naturalmente “biologiche”. Per altro verso, hanno un impatto sul territorio spesso non trascurabile in termini di danno agricolo, ma anche forestale, insomma sono specie su cui l’ambiente investe molto per portarli a maturazione (proprio come un frutto):  un cervo adulto, per esempio,  può consumare fino a venti chili di materiale vegetale al giorno e che siano mele di un contadino o corteccia di un bosco poco importa. Rimane un onere importante."

"In questa ottica - ha proseguito - l’unica quadratura del cerchio sembra proprio l’ipotesi di riuscire a far implementare su queste carni un vero processo di costruzione di valore che possa far comprendere anche al grande pubblico che siamo di fronte a un prodotto di eccellenza, unico e soprattutto sano. E’ un processo in cui vincono tutti, i cacciatori che potranno cominciare ad avere la dignità che si deve a un produttore primario, il mondo agricolo che avrà facile accesso ad un valore riconosciuto e riconoscibile anche a fronte di un danno subito, la selvaggina stessa che a fronte di un consumo gestito dovrà esser anche tutelata e conservata, l’ente pubblico che potrà gestire questo valore facendolo uscire dal un circuito anonimo, e soprattutto il consumatore che finalmente avrà carni buone e, soprattutto, sicure."
 
Due sono i passaggi fondamentali, dice. La formazione dei cacciatori, che dovranno imparare a prelevare correttamente, con calma, tempo ed eccezionale accuratezza, e in questo senso l’attuale quadro normativo non aiuta. In particolare l’utilizzo dei piani di prelievo a scalare è incompatibile con gli obiettivi della filiera stessa. E anche la valorizzazzione del prodotto, che deve uscire dal circuito domestico e dalle poche ricette tradizionali, per entrare in quello della ristorazione di alta e altissima qualità, che crea valore, attenzione mediatica e soprattutto innovazione gastronomica necessaria per portare questa fantastica materia prima nella gastronomia del terzo millennio. (CCT)

 

Leggi tutte le news

8 commenti finora...

Re:Filiera selvaggina? Un'occasione di riscatto per i cacciatori

astore hai sbagliato blog fatti a fare un giro che coglioni ne abbiamo già abbastanza qua dentro ma diavolo vuoi stiamo parlando di carne e arrivi tu con berlato ma che caz ce ne frega !!

da fede 13/12/2016 19.20

Re:Filiera selvaggina? Un'occasione di riscatto per i cacciatori

Baghy qui l'unico leccapiedi che cerca di arrampicarsi sugli specchi sembri essere ti....Dunque la corte costituzionale ,dopo la prima sentenza del 2017 (quella sulla legge elettorale) attesa per il 24 gennaio potrà esprimersi in merito al suo calendario tra cui la legge veneta sulla caccia tanto voluta da berlato e tacciata di incostituzionalità.Ora sarebbe anche interessante tra le tante questioni trattate,dopo la risposta in Europa di Vella sulle piccole quantità e sulle cacce in deroga cosa hai da aggiungere visto che fino all'altro giorno sposavi le tesi di berlato che ci raccontava che solo lui aveva capito come poter farvi avere le deroghe a fringuelli e peppole tanto per rabbonire quelli che aveva imbambolato per avere un voto per accomodarsi in regione.su dai facci sognare,non vedo l'ora di leggere quali fregnacce tenterai di regalarci.........

da Astore 13/12/2016 19.15

Re:Filiera selvaggina? Un'occasione di riscatto per i cacciatori

Occasione di riscatto...ma qualcuno mi spiega da cosa cazzo ci dobbiamo riscattare? Poi questi corsi "di formazione" immagino siano a pagamento, vorrei proprio sapere chi saranno i "formatori"...qua la verità è una, che la caccia come TUTTI noi l'abbiamo conosciuta e che ci ha fatto innamorare ce la dobbiamo scordare, ora vogliono solo "professionisti formati" pure per fare una cacata nel bosco. Be a me questa caccia mi fa schifo.

da wp 13/12/2016 18.44

Re:Filiera selvaggina? Un'occasione di riscatto per i cacciatori

a caccia mi può insegnare MOLTO POCO sulla pulitura TUTTO ma io sono un CACCIATORE non un macellaio e dopo l'eviscerazione senza acqua e il deposito in cella personale PULITA E STERILIZZATA ( COSA DI CUI NESSUNO MAI PARLA ..) lo porto al macellaio che farà il lavoro ! Se hai notato ho aggiunto CARNE ABBATTUTA tu sai cosa vuol dire ? ne consoci il procedimento? sai perché si deve fare? Riguardo le scuole mitteleuropee che io ho frequentato prima del Pieracci non sono per me UN SIGGILLO di qualità , anzi, sono corsi da far spendere soldi agli appassionati come me e forse te ma insegnano MOLTO POCO .

da Fede 13/12/2016 15.52

Re:Filiera selvaggina? Un'occasione di riscatto per i cacciatori

Fede, se ho capito bene, il Pieracci è un di quelli che codeste cose che te non vuoi fare lui le ha imparate. sono a monte della sua preparazione di cacciatore formato. per questo raccomanda che si vada oltre. E' ovvio, lo sanno tutti oggi, che la frollatura per una carne selvatica è indipensabile se si vuole gustare a pieno questo alimento unico e prezioso. tanto che, anche te, che non lo vuoi fare, lo fai fare a chi lo sa fare. sappi però che soprattutto per gli ungulati, il primo passo per ottenere carne ottima lo si deve fare immediatamente, appena dopo l'abbattimento. per inciso, credo che Pieracci in fatto di caccia possa insegnare a te e ad altri più esperti di te.

da monolitica 13/12/2016 15.40

Re:Filiera selvaggina? Un'occasione di riscatto per i cacciatori

pulire correttamente in animale non è un lavoro semplice. Personalmente lo faccio fare a chi lo sa fare e non mi interessa di imparare perché faccio un altro mestiere e non il cacciatore professionista. Mi limito a sistemarlo nel frigo per poi portarlo al macellaio qualche giorno dopo. A me non piace sezionare la carne come non mi piace scuoiare gli animali e credo che faccio più figura io quando regalo un pezzo di carne ben preparata , abbattuta e congelata da un professionista. naturalmente a pagamento. Poi mi sono sbellicato dalle risate quando ho letto: i cacciatori, dovranno imparare a prelevare correttamente, con calma, tempo ed eccezionale accuratezza! Ma questi che scrivono vanno a caccia o leggono le riviste? per prelevare correttamente si devono usare degli strumenti IDONEI e il corso andrebbe fatto sul tiro , sulle strumentazioni ottiche, e le tecniche di caccia e smetterla di scrivere queste castronerie che non DICONO NULLA! SONO IL NULLA.

da Fede 13/12/2016 15.25

Re:Filiera selvaggina? Un'occasione di riscatto per i cacciatori

Chiunque lo faccia, sarà benemerito. Valorizzare la carne di selvaggina è uno degli strumenti più efficaci per riqualificare l'immagine dei cacciatori.

da Ortiz M. 13/12/2016 11.55

Re:Filiera selvaggina? Un'occasione di riscatto per i cacciatori

Molti cacciatori devono solo imparare a trattare,la spoglia dopo l'abbattimento,non aspettare che altri lo facciano al loro posto.

da Il Nibbio 13/12/2016 11.34