Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Fiocchi "sospensive Tar ormai prassi per bloccare la caccia"Sicilia: Tar sospende in parte calendario venatorioCalabria: Tar sospende alcune parti del Calendario venatorioUe. Si discute sul futuro della selvagginaVeneto. Calendario valido. Sospesa caccia moriglione e pavoncellaCalabria. Tar si esprime su calendario 2019 - 2020Puglia: anticipato avvio caccia al colombaccioBelluno. La caccia al cervo rimane in vigoreSos Moriglione. Fidc "concluse analisi ali della scorsa stagione"Lombardia. Due giornate integrativeIncidente mortale. Lega "serve immediato cambio di rotta su gestione fauna"Arci Caccia: Piano faunistico Abruzzo sia base di partenzaToscana, storno "iter rendicontazione inapplicabile"CCT: Giani si occupi da subito di urgenze faunistico venatorieSardegna: Tar sospende caccia a moriglioneAbruzzo: Piano faunistico venatorio approvato all'unanimitàSagra degli Osei Sacile. Prime conseguenze per gli animalistiValle Salimbene: Diffida Anuu persuade il sindaco"Regione Umbria e mondo venatorio: il confronto non è più rimandabile"Inizio di stagione. In bocca al lupo anche dalla Cabina di Regia Buconi: "in bocca al lupo a tutti i cacciatori"Sparvoli: una stagione serenaVeneto: mobilità venatoria da ottobreLombardia: cacciatori autorizzati al controllo di 20 mila piccioniAnuu diffida sindaco di Valle Salimbene "no all'assurdo divieto di caccia"Abruzzo: Piano Faunistico al varo. Imprudente: "Passaggio storico"Lombardia: modifiche al Calendario VenatorioToscana. Massimo Fabbri cacciatore ecologistaUngulati. Vicini a un provvedimentoUna medaglia per i migliori trofeiUmbria. Guardie senza licenzaMoriglione. Raccolta ali, "più facile contribuire alla ricerca"Andrea Pieroni. Candidato cacciatore in ToscanaCovid e sicurezza a cacciaVeneto. La Regione va avantiToscana. Un cacciatore candidato in RegioneLiguria, Alessio Piana: “Gli ultimi cinque anni a difesa della caccia”Francia. Willy Shraen "cacciatori è il momento di resistere"FACE incontra il commissario per l'ambiente Sinkevičius sulla direttiva UccelliBrescia: riapre la caccia in due valichi interessati da rotte migratorieLiguria: approvata giornata di caccia aggiuntiva in appostamentoSacile: Caretta interroga il Ministro su aggressione animalistaRegione Toscana: accordi reciprocità caccia Umbria e LazioToscana: Tar sospende caccia pavoncella e moriglioneSardegna. Ok a Piani di prelievo per lepri e perniciCacciatori francesi sul piede di guerraToscana. Coldiretti chiede l'assessorato all'AgroalimentarePiombo. La Face rincara la doseDreosto (Lega), no a bando piombo, presentata proposta di risoluzioneIl patto coi lupi. Alle origini della cacciaSacile, ancora un'aggressione animalista alla Sagra degli OseiGoverno impugna riforma caccia ToscanaSicilia. Wwf impugna Tar respingeBelluno. Riapre caccia al cervoBuconi fa rettificare articolo diffamatorio su RepubblicaCaretta risponde a Sofri: "ipocrita è chi è contro la caccia"FACE: inattuabile proposta Comitato REACH sul piomboPiana candidato in Liguria: "cacciatori fondamentali per il territorio"Puglia, Fidc: "un successo la sentenza del Tar"Piombo zone umide. Dreosto "sarà battaglia all'ultimo voto"Liguria: approvato nuovo calendario venatorioSalute e caccia. Fidc risponde agli animalistiNuova stagione venatoria vecchie polemicheMacerata: progetto scuola delle FedercaccciatriciPreapertura. Fidc Veneto chiede delibera urgenteRegione Toscana: la preapertura resta in vigoreVeneto. Preapertura in parte sospesa dal TarPreapertura caccia 2020: dove e comeRegionali. Da Massaciuccoli un candidato cacciatoreToscana. Confermata preaperturaAbruzzo: approvato Piano faunistico e calendario venatorioSicilia, modificato Calendario VenatorioToscana. Chiarimenti sulla preaperturaBelluno: stop all'abbattimento di cervi

News Caccia

I cacciatori europei determinanti per la biodiversità


mercoledì 20 maggio 2020
    

 
 
La strategia dell'UE sulla biodiversità per il 2030  delinea i piani per affrontare la crisi della biodiversità nel prossimo decennio in Europa e aiutare a rispettare gli impegni globali previsti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica e dagli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Il primo elemento della strategia è di aumentare l'area del territorio protetto nell'UE al 30% (dal 26% attuale), compresa la percentuale di terreni rigorosamente protetti a livello nazionale. Fino ad ora, la rete Natura 2000 dell'UE ha faticato a fornire risultati e necessita di una migliore attuazione e sostegno da parte delle comunità locali. Sarà necessario prestare attenzione per invertire la tendenza alla perdita di biodiversità. Per questo motivo, FACE accoglie con favore le azioni più innovative per la conservazione della natura in un panorama più ampio per superare i ritardi e adottare  misure di conservazione utili a migliorare la connettività ecologica tra i siti con il vantaggio di interagire con una più ampia gamma di portatori d'interessi.

Le direttive sulla natura rimangono strumenti adeguati per la conservazione e la gestione della fauna selvatica, compreso l'uso sostenibile. La loro attuazione dovrebbe basarsi su principi scientifici e prove concrete. I primi risultati della segnalazione ai sensi della direttiva Habitat mostrano che solo il 15% registrano segnaòli positivi, molto indietro rispetto all'obiettivo fissato nella strategia dell'UE sulla biodiversità fino al 2020. Un obiettivo chiave per il 2030 è garantire che gli habitat e lo stato di conservazione delle specie selvatiche; e almeno il 30% raggiunga uno stato di conservazione favorevole o almeno una tendenza positiva. Anche per raggiungere questo ambizioso livello di conservazione, FACE ritiene che la priorità debba privilegiare il ripristino e la conservazione degli habitat rispetto alla mera protezione delle specie.

FACE si aspetta che la nuova politica comunitaria PAC adotti soluzioni chiare a vantaggio della biodiversità nelle  aree coltivate, che siano a vantaggio della piccola selvaggina come la starna e la lepre,  che al momento stanno soffrendo. Come sempre, i cacciatori europei continueranno a offrire la loro collaborazione per la biodiversità, adeguando il Manifesto FACE ai nuovi obiettivi della PAC.


"La strategia è globale - ha dichiarato David Scalla, segretario generale FACE - e FACE spera vivamente che gli obiettivi vengano raggiunti e che i risultati siano favorevoli alla valorizzazione della biodiversità. I ​​cacciatori europei sono stati e continueranno a lavorare sodo per promuovere e conservare la biodiversità, sulla base di una analisi approfondita degli obiettivi" .


Per questo, FACE continuerà a chiedere all'UE un maggior
e riconoscimento del ruolo dei cacciatori e dell'importanza  e dell'attività di sette milioni di europei a vantaggio della natura e della società.
 

Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:I cacciatori europei determinanti per la biodiversità

X Fausto,in alcune province hanno già superato abbondantemente il 30% del territorio protetto per legge!!! un saluto

da Fucino Cane 22/05/2020 10.18

Re:I cacciatori europei determinanti per la biodiversità

Credo che in italia siamo già al 30% di territorio protetto e sicuramente i nostri politici ne approfitteranno per limitare ulteriormente le giornate di caccia nei siti di rete natura 2000 perchè è solo questo che sanno fare per la biodiversita parolona di cui tanti si riempiono la bocca senza avere la più pallida idea di cosa vuol dire.

da fausto 20/05/2020 22.07