Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Molise, parte caccia di selezione al cinghialeToscana. Il piano per il cinghialeAnimalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in Toscana

News Caccia

I cacciatori europei determinanti per la biodiversità


mercoledì 20 maggio 2020
    

 
 
La strategia dell'UE sulla biodiversità per il 2030  delinea i piani per affrontare la crisi della biodiversità nel prossimo decennio in Europa e aiutare a rispettare gli impegni globali previsti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica e dagli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Il primo elemento della strategia è di aumentare l'area del territorio protetto nell'UE al 30% (dal 26% attuale), compresa la percentuale di terreni rigorosamente protetti a livello nazionale. Fino ad ora, la rete Natura 2000 dell'UE ha faticato a fornire risultati e necessita di una migliore attuazione e sostegno da parte delle comunità locali. Sarà necessario prestare attenzione per invertire la tendenza alla perdita di biodiversità. Per questo motivo, FACE accoglie con favore le azioni più innovative per la conservazione della natura in un panorama più ampio per superare i ritardi e adottare  misure di conservazione utili a migliorare la connettività ecologica tra i siti con il vantaggio di interagire con una più ampia gamma di portatori d'interessi.

Le direttive sulla natura rimangono strumenti adeguati per la conservazione e la gestione della fauna selvatica, compreso l'uso sostenibile. La loro attuazione dovrebbe basarsi su principi scientifici e prove concrete. I primi risultati della segnalazione ai sensi della direttiva Habitat mostrano che solo il 15% registrano segnaòli positivi, molto indietro rispetto all'obiettivo fissato nella strategia dell'UE sulla biodiversità fino al 2020. Un obiettivo chiave per il 2030 è garantire che gli habitat e lo stato di conservazione delle specie selvatiche; e almeno il 30% raggiunga uno stato di conservazione favorevole o almeno una tendenza positiva. Anche per raggiungere questo ambizioso livello di conservazione, FACE ritiene che la priorità debba privilegiare il ripristino e la conservazione degli habitat rispetto alla mera protezione delle specie.

FACE si aspetta che la nuova politica comunitaria PAC adotti soluzioni chiare a vantaggio della biodiversità nelle  aree coltivate, che siano a vantaggio della piccola selvaggina come la starna e la lepre,  che al momento stanno soffrendo. Come sempre, i cacciatori europei continueranno a offrire la loro collaborazione per la biodiversità, adeguando il Manifesto FACE ai nuovi obiettivi della PAC.


"La strategia è globale - ha dichiarato David Scalla, segretario generale FACE - e FACE spera vivamente che gli obiettivi vengano raggiunti e che i risultati siano favorevoli alla valorizzazione della biodiversità. I ​​cacciatori europei sono stati e continueranno a lavorare sodo per promuovere e conservare la biodiversità, sulla base di una analisi approfondita degli obiettivi" .


Per questo, FACE continuerà a chiedere all'UE un maggior
e riconoscimento del ruolo dei cacciatori e dell'importanza  e dell'attività di sette milioni di europei a vantaggio della natura e della società.
 

Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:I cacciatori europei determinanti per la biodiversità

X Fausto,in alcune province hanno già superato abbondantemente il 30% del territorio protetto per legge!!! un saluto

da Fucino Cane 22/05/2020 10.18

Re:I cacciatori europei determinanti per la biodiversità

Credo che in italia siamo già al 30% di territorio protetto e sicuramente i nostri politici ne approfitteranno per limitare ulteriormente le giornate di caccia nei siti di rete natura 2000 perchè è solo questo che sanno fare per la biodiversita parolona di cui tanti si riempiono la bocca senza avere la più pallida idea di cosa vuol dire.

da fausto 20/05/2020 22.07