Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Inizio di stagione. In bocca al lupo anche dalla Cabina di Regia Buconi: "in bocca al lupo a tutti i cacciatori"Sparvoli: una stagione serenaVeneto: mobilità venatoria da ottobreLombardia: cacciatori autorizzati al controllo di 20 mila piccioniAnuu diffida sindaco di Valle Salimbene "no all'assurdo divieto di caccia"Abruzzo: Piano Faunistico al varo. Imprudente: "Passaggio storico"Lombardia: modifiche al Calendario VenatorioToscana. Massimo Fabbri cacciatore ecologistaUngulati. Vicini a un provvedimentoUna medaglia per i migliori trofeiUmbria. Guardie senza licenzaMoriglione. Raccolta ali, "più facile contribuire alla ricerca"Andrea Pieroni. Candidato cacciatore in ToscanaCovid e sicurezza a cacciaVeneto. La Regione va avantiToscana. Un cacciatore candidato in RegioneLiguria, Alessio Piana: “Gli ultimi cinque anni a difesa della caccia”Francia. Willy Shraen "cacciatori è il momento di resistere"FACE incontra il commissario per l'ambiente Sinkevičius sulla direttiva UccelliBrescia: riapre la caccia in due valichi interessati da rotte migratorieLiguria: approvata giornata di caccia aggiuntiva in appostamentoSacile: Caretta interroga il Ministro su aggressione animalistaRegione Toscana: accordi reciprocità caccia Umbria e LazioToscana: Tar sospende caccia pavoncella e moriglioneSardegna. Ok a Piani di prelievo per lepri e perniciCacciatori francesi sul piede di guerraToscana. Coldiretti chiede l'assessorato all'AgroalimentarePiombo. La Face rincara la doseDreosto (Lega), no a bando piombo, presentata proposta di risoluzioneIl patto coi lupi. Alle origini della cacciaSacile, ancora un'aggressione animalista alla Sagra degli OseiGoverno impugna riforma caccia ToscanaSicilia. Wwf impugna Tar respingeBelluno. Riapre caccia al cervoBuconi fa rettificare articolo diffamatorio su RepubblicaCaretta risponde a Sofri: "ipocrita è chi è contro la caccia"FACE: inattuabile proposta Comitato REACH sul piomboPiana candidato in Liguria: "cacciatori fondamentali per il territorio"Puglia, Fidc: "un successo la sentenza del Tar"Piombo zone umide. Dreosto "sarà battaglia all'ultimo voto"Liguria: approvato nuovo calendario venatorioSalute e caccia. Fidc risponde agli animalistiNuova stagione venatoria vecchie polemicheMacerata: progetto scuola delle FedercaccciatriciPreapertura. Fidc Veneto chiede delibera urgenteRegione Toscana: la preapertura resta in vigoreVeneto. Preapertura in parte sospesa dal TarPreapertura caccia 2020: dove e comeRegionali. Da Massaciuccoli un candidato cacciatoreToscana. Confermata preaperturaAbruzzo: approvato Piano faunistico e calendario venatorioSicilia, modificato Calendario VenatorioToscana. Chiarimenti sulla preaperturaBelluno: stop all'abbattimento di cerviMarche. Un cacciatore candidato alle regionaliToscana. Preapertura a tortora e storno (in deroga)Tortora. Raccolta ali 2020-21Toscana. Le aspettative di Arci CacciaSicilia. TAR respinge richiesta ambientalistiLazio. Così si caccia il cinghialeLazio. Solo tortora in preapeturaMolise. Calendario venatorio e preaperturaMarche. Candidato cacciatore

News Caccia

Piano Faunistico Toscana pronto a fine anno


mercoledì 15 gennaio 2020
    

Preapertura caccia Toscana
 
Dopo un lungo dibattito, come abbiamo visto, la Regione Toscana è giunta finalmente all'informativa preliminare sul Piano faunistico Venatorio. "Questo documento attesta volontà di governo della Toscana e qui si definiscono gli indirizzi che si intendono seguire” ha detto l’assessore regionale alla caccia, Marco Remaschi, in aula.
 
I prossimi passi: dopo l'informativa inizia la procedura di Vas per arrivare alla proposta finale, si spera, entro fine anno.  “Sono convinto che non riusciremo a chiudere il lavoro prima della fine della legislatura, ma questo confronto servirà ad approfondire il tema e a disegnare una fotografia esaustiva” ha detto Remaschi.
 

Obiettivo principale del piano è la conservazione delle specie di fauna selvatica viventi in Toscana e la programmazione di un prelievo venatorio compatibile con le esigenze di tutela, impostato in modo biologicamente corretto, sulla base di una corretta stima quantitativa per le specie stanziali e della valutazione dello stato di conservazione per le specie migratrici.

Il piano individua, all’interno del comprensorio, le zone e le oasi di protezione, le zone di ripopolamento e cattura, i centri pubblici di riproduzione di fauna selvatica allo stato naturale, i centri privati di riproduzione di fauna selvatica allo stato naturale, le aziende faunistico venatorie, le aziende agrituristico venatorie, le aree di addestramento e allenamento cani, le zone in cui sono collocabili appostamenti fissi, le aree vocate e non vocate per ciascuna specie di ungulato, i parchi nazionali e le aree protette, tutte le ripartizioni del territorio necessarie per l’organizzazione del prelievo venatorio. Le zone residuali sono destinate alla caccia programmata e sono gestiti da Ambiti territoriali di caccia.

La Giunta regionale provvede annualmente alla ripartizione finanziaria delle risorse disponibili e a definire i criteri per il monitoraggio della fauna, per la gestione delle risorse per la prevenzione e per il risarcimento danni in favore degli imprenditori agricoli per i danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole.

Il piano faunistico venatorio costituisce presupposto per l’eventuale deroga ai termini di apertura e chiusura della caccia, così come indicati nel calendario venatorio regionale.


Dato che il numero dei cacciatori in Toscana è in costante calo (erano 124 mila nel 2000, 73 mila nel 2018 e si stima che nel 2030 oscilleranno tra il 35 e i 40 mila), sarà necessario istituire metodi di valorizzazione dell’impegno profuso da chi presta servizi di volontariato e migliorare la disciplina degli Ambiti territoriali di caccia. Per quanto riguarda i danni provocati dalla fauna selvatica, la creazione di un’unica banca dati è fondamentale per avere una visione complessiva. Negli ultimi anni i conflitti maggiori si sono avuti con gli ungulati, in particolare cinghiale e capriolo, e con il lupo. Situazioni problematiche sono state riscontrate anche con i piccioni, i corvidi e le specie ittiofaghe, in particolare i cormorani. Altri obiettivi strategici dell’attuale programmazione sono la salvaguardia della biodiversità, migliorare la governance, incentivare la cultura della sicurezza e del rispetto reciproco.

Leggi tutte le news

8 commenti finora...

Re:Piano Faunistico Toscana pronto a fine anno

Caro Pippo, sei rimasto agli anni 90. I piani non hanno durata quinquennale, ma sono validi fino a quello nuovo...in pratica il prossimo potrebbe durare anche 20 anni......

da pippo...aggiornati 16/01/2020 17.44

Re:Piano Faunistico Toscana pronto a fine anno

questo piano faunistico avrà meno validità di una mozzarella imbustata... 2016/2020, approvazione prevista fine 2020. E poi? Ma andate a ...... scegliete voi!

da Pippo 16/01/2020 14.52

Re:Piano Faunistico Toscana pronto a fine anno

Il problema è uno solo, che tra 10 anni dei 35-40K cacciatori, i 2/3 saranno anziani o vecchi e l'altro terzo sarà a lavorare quindi fare conto sul mondo venatorio è audace. I casi sono due: o la chiudiamo subito e chiasso finito o fate una campagna mediatica pesante per smettere di domonizzare la caccia in maniera che qualcuno specie i giovani, si possano riavvicianare a tale disciplina.

da l.b. 16/01/2020 9.14

Re:Piano Faunistico Toscana pronto a fine anno

Che vuoi rosicare, andare a caccia per vendere i capi a 1,5 euro al kilo è cosa squallida. Mangiatevele i capi. E abbattere solo quelli che ci servono. Macellai.

da X i macellai cacciatori falliti 15/01/2020 22.26

Re:Piano Faunistico Toscana pronto a fine anno

un fallimento infatti ne stanno nascendo in tutte le province toscane.....o era meglio venderlo senza controlli sotto natale?

da ...rosicate 15/01/2020 22.10

Re:Piano Faunistico Toscana pronto a fine anno

1,5 euro al kilo. Un fallimento, Costa meno del radicchio...

da Filiera? Vaia vaia!! 15/01/2020 21.14

Re:Piano Faunistico Toscana pronto a fine anno

prima di dire che la "filiera è una cavolata senza futuro", fai un giro al macello di san miniato, a punto di sota di Lajatico o ai 9 punti di sosta fatti in unanno dall'ATC Siena 3.......sarai mica un cinghialaio?

da rileggi meglio... 15/01/2020 21.04

Re:Piano Faunistico Toscana pronto a fine anno

Mi sono sorbito tutte le oltre 100 pagine del pippone e rilevo che la Regione Toscana si lamenta della diminuzione dei cacciatori e della loro età media. MA NON PROPONGONO MISURE PER INCENTIVARE I GIOVANI ALLA CACCIA (ad es. non far pagare l’ATC), si lamentano del fatto che ormai manca il volontariato per fare le catture nelle ZRC ma NON PROPONGONO DI RIDISEGNARE I CONFINI RENDENDOLI CACCIABILI E QUINDI INUTILI LE CATTURE. Si riparla della filiera delle carni e ricordano che è dal 2009 che provano a metterla in piedi senza successo: SAREBBE ORA DI TOGLIERLA DI MEZZO DATO CHE È UNA CAVOLATA SENZA FUTURO. Infine ho visto il cromo programma per approvare il nuovo piano ed è previsto il voto finale nel NOVEMBRE 2020. Senza tenere conto delle elezioni regionali di maggio....

da Ho letto tutto 15/01/2020 19.00