Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
CCT: Regione Toscana corregge Piano controllo volpePiemonte, passa in Commissione Pdl contenimento cinghialiExpoRiva si rinnova. E salta un'edizioneCampania. AIPP: "errori clamorosi sul tema della vigilanza venatoria"Piano Faunistico Marche. Arrivano i ricorsi al TarDreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"Fidc Sardegna: riprende il lavoro dei coadiutoriUncza: lo stambecco sia cacciabileUmbria. Assessore Morroni: "sui cinghiali si volta pagina"Piombo, Berlato: "palese avversione contro la caccia"Cabina regia Marche: Piano faunistico risultato importante per i cacciatoriRiserva Monti Livornesi: tutelate attuali forme di cacciaPiombo: l'intervento di Fiocchi alla Commissione AmbienteLombardia: proposta Lega a tutela dello spiedo brescianoPiombo e caccia. La posizione della FACEMarche: approvato Piano Faunistico VenatorioNiccolò Brandini Marcolini presidente Eps ToscanaBerlato alla Commissione Ambiente: "pari diritti per i cacciatori europei"Padule Fucecchio. Cct e Acma a tutela della cacciaNelle scuole italiane con le cacciatriciUna tesi di laurea sul progetto Life PerdixCampania: no alle modifiche di legge da 6 associazioni venatorie CCT: Una giornata spettacolare a Orbetello per le FedercacciatriciMuroni interroga Costa: no cacciatori a gestire la Riserva del SebinoColombaccio. Anlc aderisce a Progetto HobsonGenovesi (Ispra): Più cinghiali anche a causa delle aree protettePresentata Giunta Bonaccini. Alla Caccia Alessio MammiDa Fidc Campania ok a testo modifica legge cacciaFiocchi critico su elezione Amaro: "Presidenza debole"Inizia il lavoro dell'intergruppo "Biodiversità, caccia, ruralità"Trenta europarlamentari italiani a difendere la caccia in EuropaUe: Alvaro Amaro nuovo Presidente dell'Intergruppo CacciaCinghiali e agricoltori, Morroni corregge il tiroCacciatori? I primi paladini del territorioOn. Dreosto: "rilanciare il ruolo del cacciatore"Abbattimenti illegittimi Bolzano. Condanne per quasi un milione di euroCinghiali. Coldiretti Molise sul piede di guerraMazzali: caccia a scuola, bene proposta DonazzanLinee guida Vinca: CCT sollecita la Regione ToscanaA Hit un manifesto per le Cabine di Regia territorialiVinca e calendari. Sorrenti (Fidc): serve forte reazione delle RegioniQuasi triplicati gli ungulati nel VenetoUna manciata di animalisti a HitNatura 2000. Rivalutare la VincaRegione Veneto: bene l'avvio della banca dati dei cacciatoriDonazzan: "la caccia va insegnata ai giovani"Hit Show 2020: gli eventi di sabato e domenicaArci Caccia: "Unità? Noi ci siamo"Fidc: "per stare insieme ci vuole rispetto"Campania: "modifica legge caccia sia ritirata"Hit 2020: i focus sulla caccia della Regione VenetoCinghiale Umbria. Morroni propone apertura a novembreCampania, nuova proposta di modifica della legge sulla cacciaInterrogazione Covolo (Lega) sulla manifestazione animalista a HitToscana: le proposte della cabina di regiaToscana: Wwf e Legambiente bocciano la riforma della cacciaA caccia con Donald Trump Jr e suo figlio: negli USA un'asta pubblicaLangone su Il Foglio "meglio i ragazzini cacciatori dei fan di Achille Lauro"Tutti i convegni di Hit Show 2020Puglia: la Lipu punta alla VincaAnche a Bergamo un corso per monitorare la beccacciaGli Atc e le funzioni pubbliche, il parere dell'Avvocato CarmenatiDa CCT giudizio positivo sulla riforma toscanaLa vita di Roberto Baggio in un film su NetflixI Beach Boys suoneranno alla Convention sulla caccia: è polemicaDa Libera Caccia Toscana proposte di modifica alla Legge regionaleFidc: no a chi semina odioMigratoria. A Hit il punto sugli studi di FedercacciaCaccia in cucina diventa maggiorenneVicenza, Berlato chiede revoca sit in anticaccia a HitBrexit: Sergio Berlato va a BruxellesBiodiversità: uomo e istituzioni al centro per progettare il futuroAbruzzo: le proposte delle squadre per il Piano faunisticoCalabria: importante chiarimento su caccia febbraioCaccia e biodiversità, il nuovo modello franceseDaini Circeo, Pro Natura chiede fermezza sugli abbattimentiUniversità Urbino: tra attività all'aperto caccia meno pericolosaCabina Regia Mondo Venatorio: incidenti in calo negli ultimi tre anniFidc: "si chiude la stagione e si scatenano i soliti profeti di sventura"Mazzali: squallido bollettino animalista a fine stagioneAbruzzo. Squadre in agitazione sul nuovo Piano FaunisticoFidc a Hit Show: tutti gli eventiToscana: approvato piano cinghiale aree non vocateMazzali "Anche proliferazione piccioni è emergenza"Trento: Costituito il Tavolo faunistico provincialeMarche. Cisl: "vigilanza venatoria a rischio"Sardegna: Anlc, Cpts e Ucs uniscono le forzeDecreto Milleproroghe: infondato allarme deregulation cacciaDivieto caccia cinghiale Sondrio. Sentenza TarLe novità dal Comitato esecutivo AnuuMarche: via libera della II Commissione al Piano faunisticoBrescia: Cacciatori in campo per pulire le TorbierePdl Piccin: multe fino a 3500 euro per chi disturba i cacciatoriLo Studio di Vignac sulla beccaccia in FranciaUtr Como: corsi monitoratori beccaccia

News Caccia

TOSCANA. MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE


martedì 24 dicembre 2019
    

 
 
 
Approvate dalla Giunta regionale le proposte di mondifica alla lr 3/94 sulla caccia, pensate per riorganizzare il sistema a seguito dell'esperienza maturata dalla Regione e delle criticità emerse nell'ambito della recente Conferenza regionale sulla caccia.

"Semplicità, concertazione, autonomia. Questi sono i principi su cui si è mossa la nostra azione di revisione della leggere regionale 3/94 - a dirlo l'assessore regionale alla caccia Marco Remaschi, che ha presentato alla Giunta le modifiche al testo di legge - La Regione Toscana è divenuta competente sulle politiche per la caccia nel 2016, con la revisione dei livelli istituzionali che ha tolto funzioni alla Province. In questi primi anni di esperienza abbiamo potuto conoscere meglio la situazione, fronteggiando le emergenze, prima tra tutte quella degli ungualti, e verificando l'efficienza dei meccanismi. Adesso, a seguito anche della recente Conferenza regionale che ha rappresentanto un'essenziale momento di approfondimento e confronto, abbiamo messo mano alla legge regioanle, proponendo alcune modifiche che mirano a semplificare il sistema, garantire la concertazione con i vari soggetti coinvolti, aumentare l'autonomia della gestione territoriale portata avanti dagli ATC- Ambiti Territoriali di Caccia".

"Le modifiche apportate - prosegue Remaschi - seguono un serrato confronto con le organizzazioni professionali agricole e le associazioni venatorie e rappresentano il primo risultato del tavolo di lavoro relativo alla revisione normativa di settore, costituito da Regione e rappresentanze del mondo agricolo e venatorio".
Tra le principali modifiche che saranno apportate si trovano la possibilità per la Regione di avvalersi di soggetti terzi per l’espletamento di alcune funzioni, con l'obiettivo di aumentare l'efficienza ed ottimizzare le risorse; l'obbligo per gli Ambito di adeguarsi al Codice degli appalti; l'istituzione di un fondo di rotazione regionale per garantire la coninuità operativa degli ambiti anche in caso di difficoltà finanziarie dovuta a cause di carattere eccezionale; la nascita di un comitato scientifico composto da esperti per valutare la 'consistenza faunistica' delle diverse specie presenti sul territorio regionale ed assicurare una corretta gestione dell’equilibrio faunistico.

Il testo di legge modificato approvato dalla Giunta regionale sarà adesso trasmesso al Consiglio.


Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:TOSCANA. MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE

Un tempo era stato ipotizzato un progetto (università di Pisa, se non ricordo male) per la produzione di piccola selvaggina (fagiani, starne, lepri) da ceppi autoctoni (di provenienza almeno italiana), secondo criteri classici. Qualcosa si potrebbe ancora fare. Ma senza l'aiuto dell'Europa (PAC) e degli agricoltori, che dovrebbero ridisegnare il territorio e rivedere gli standard di produzione, la vedo dura. Inutile buttar soldi su selvaggina di qualità, quando l'ambiente non è funzionale alla sopravvivenza delle diverse specie. Bisognerebbe anche ripensare il territorio in funzione della migratoria, che cresce (tordi, colombacci, germani) o cala (allodole, beccaccini), secondo i modelli agricoli di riferimento. Solo l'incuria (Appennino in abbandano) favorisce gli ungulati. Nelle pianure resistono corvidi e storrni, non proprio selvaggina di qualità.

da Columella 27/12/2019 10.32

Re:TOSCANA. MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE

L'autonomia in fatto di produrre la selvaggina in numero adeguato alla regione e al numero dei cacciatori residenti è un obiettivo irrinunciabile ! Su tutto il territorio regionale vanno ricercate a macchia di leopardo, aree idonee alla produzione della piccola selvaggina quali: lepri, fagiani, starne, pernici rosse, che possano irradiarsi sul territorio circostante . Rinunciando a qualche porzione di territorio cacciabile , si potrebbe avere selvaggina vera su cui destreggiarsi ed evitare quel costoso nomadismo venatorio oggi purtroppo in uso.

da bretone 26/12/2019 12.33

Re:TOSCANA. MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE

Si potrebbe fare di più per la lepre ed il fagiano? che sono in molta difficoltà.

da Pietro 25/12/2019 19.37

Re:TOSCANA. MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE

Finchè non leggo non mi pronuncio. Vi conosco mascherine.

da Balanzone 24/12/2019 11.57