Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Livorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghialeContenimento fauna. Centro-destra abbandona CommissioneValle della Canna, da Bruxelles i complimenti di Dreosto ai cacciatoriLegge Toscana. Cct soddisfattaCCT: approvata riforma legge caccia ToscanaUmbria: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Francia, nuovi MinistriToscana. Cinghiale in braccata aree non vocate, piani cervidi e mufloneApprovato Calendario venatorio 2020 - 2021 BasilicataTar Abruzzo: improponibile questione di legittimità su aree contigueUmbria: gli agricoltori potranno abbattere cinghiali senza guardie venatorieToscana. In cantiere la legge sulla cacciaLivorno. Arcicaccia chiede modifiche per il caprioloCct: depositate osservazioni regolamento Padule di FucecchioMoriglione e Pavoncella. CCT sulla sentenza del Tar toscanoPiemonte. PagoPa per le concessioni regionaliUe. Conferenza Intergruppo sulla biodiversitàUmbria. Atteso parere Ispra su calendario venatorioBruzzone (Lega) "Conte non escluda mondo venatorio, chiarisca"Campania: approvato Calendario VenatorioPiemonte. Ok a modifiche sulla cacciaToscana. Piano controllo cornacchia e gazzaFrancia. Vincono i verdiLivorno. Cct incontra selecontrollori e capi squadraIl Governo impugna la legge del Molise sulla cacciaCaretta: basta ritardi sulla caccia in derogaLega commenta questione Piemonte e Stati GeneraliPiemonte. Stralciate norme caccia da ddl OmnibusCalendario venatorio Campania: richieste modifiche Trento. Cinghiale sotto controlloCalabria. Verso la modifica della leggeCabina Regia: errore escludere il mondo venatorio da Stati GeneraliEnalcaccia. Stati generali o particolari?Bruxelles, dove si decide il nostro futuroArci Caccia: "Stati Generali con animalisti? No grazie!"Eps Campania: no alle limitazioni di IspraCinghiale. Protestano le squadre umbreVicenza. Patto fra cacciatori e agricoltoriVeneto. Berlato chiede piena applicazione mobilità venatoriaStati Generali. Animalisti all'attaccoLombardia approva deroga per storni e colombiToscana. Ripartono gli esami per la licenza di cacciaVenezia: cacciatori per la lagunaUmbria. Rinviata ancora la selezioneFrancia. 100 deputati firmano un appello per le cacce tradizionaliVeneto: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Piemonte. E' blitz anticaccia in consiglio regionale Regione Lombardia individua valichi migratori in provincia di BresciaRolfi: ora attuiamo nuova legge per contenere i cinghialiCaretta: "finalmente chiarezza sul rinnovo del Porto d'Armi"Uncza annulla assembleaAnuu Emilia R. e Anuu Veneto unite contro il Covid 19Umbria: Arci Caccia sollecita la Regione sulla stanzialeUmbria. Slitta la selezioneLiguria. Assessore Mai "I cinghiali se li prenda il Ministro Costa"Piemonte. Animalisti in allarmeLucca. Enalcaccia dice no al tesserino elettronico per lo stornoCuneo. Perplessità di Anlc su selezione al cinghiale

News Caccia

Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del buco


giovedì 12 settembre 2019
    

 
 
In un comunicato congiunto Arci Caccia ed Eps (Ente Produttori Selvaggina) criticano la nuova proposta di calendario venatorio predisposta dagli Uffici competenti della Regione Abruzzo, dopo la sospensione del Tar fino alla trattazione cautelare collegiale fissata per il 25 settembre.

"La Regione - scrivono - non ha preso in esame la possibilità di costruire un nuovo calendario venatorio, fatto secondo i crismi dovuti dalle regole della caccia sostenibile, e nemmeno la possibilità di emanare una sequenza di delibere di giunta in grado, progressivamente, di ricondurre nell'alveo di quanto ragionevolmente concedibile al mondo venatorio la disciplina venatoria per la stagione da aprirsi. Bensì ha deciso di lanciarsi in un volo acrobatico che scontenterà le necessità pretese del mondo venatorio".

"Di fatto  -proseguono le due associazioni -, ad esempio, ad oggi risulta completamente vietata la caccia alla coturnice, e forti limitazioni per altre specie, fraintendendo l’interpretazione di quella che è una fase solo provvisoria di costituzione della c.d. Area contigua del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, per cui è stato vietato l'accesso in quest'area ai cacciatori che non vi siano formalmente residenti. Tutto ciò, confuso, con delle clausole condizionali, meramente ipotetiche, e assai discutibili in forza delle quali molte decisioni che apparterrebbero al calendario venatorio in forza di solide basi scientifiche, sono state invece completamente rimesse alla imponderabile discrezionalità del giudice amministrativo, il cui decisum, potrebbe non solo almeno per i prossimi dieci anni condizionare la caccia in Abruzzo, ma anche "contagiare" la giurisprudenza amministrativa di altre regioni della penisola, ove investite delle medesime questioni".
 
Nella nota Arci Caccia ed Eps fanno notare che la maggior parte dei territori in cui in Abruzzo è presente la coturnice sono ricompresi in aree protette, dove la specie sembrerebbe in decremento a causa della scomparsa dei pascoli e dei coltivi in quota e non certo a causa del prelievo venatorio. Questo divieto, così come l'impossibilità del prelievo dell'Allodola e l'obbligo della residenza per esercitare l’esercizio venatorio nella ZPE del Parco d'Abruzzo comporterebbero il "collasso" economico di alcuni Atc Abruzzesi. Limitando così la possibilità di contenere efficacemente il cinghiale, giacché il numero dei cacciatori "residenti" è ben più che risicato.

Sullo sfondo, si celano, ad un attento esame, dei guasti procedimentali e giuridici, che se ulteriormente censurati dalle associazioni ambientaliste ricorrenti, potrebbe portare l'apertura della caccia in Abruzzo come una mera ipotesi, sia sul "se" che sul "come". Basti pensare che è stata indicata come giornata di chiusura per la caccia alle specie Cornacchia grigia, Gazza e Ghiandaia, il 31 gennaio 2020, che è un venerdì. "Nessuna parola può stigmatizzare la superficialità e l'approssimazione che si cela dietro a tale banale errore, ben altro che un mero errore di scrittura" chiude il comunicato.
Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del buco

Li avete votati, supportati e finanziati, ora le aavv si lamentano? Prendetevela nel [email protected], la prossima volta pensateci prima.

da rivolto anche agli abbruzzesi 14/09/2019 8.53

Re:Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del buco

E' vero Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del buco. Infatti voi saltimbanco avete creato il buco 157 decet e adesso da perfetti bifronte state cercando di mettere toppe.

da A A F C 14/09/2019 5.00

Re:Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del buco

Ci manca solo che tal Galdino cartoni diventa pure comunista! Straccio la tessera

da Riservista sempre 13/09/2019 10.49

Re:Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del buco

Continuate ancora ad allargare i parchi e poi si lamnentano delle aree protette.Ci si riempe la bocca che è la regione più verde d'Italia ma che ha anche l'autostrada più cara d'Italia e ha il record della percentuale più alta d'Italia... il 60% di parchi!!!! e allora cosa si pretende? tenetevi i parchi. Saluti

da ettore1158 12/09/2019 17.34

Re:Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del buco

MEMENTO AUDERE SEMPER!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

da Fucino Cane 12/09/2019 17.11