Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Chiude anche a Brescia la caccia alla lepreCacciatrici trentine 2018: nuovo calendario tra solidarietà e tradizioneArticolo 1: no ai prelievi nel Parco, sterilizzare i cinghiali CCT: corso di formazione ATC, esperienza da ripetereEps: ripartiamo da Puglia e Campania per risolvere i problemi venatoriRichiami morti dopo atto vandalico animalistaAnuu: un passo da ricordare per i grandi turdidiOk proposta M5S Piemonte: niente controlli faunistici per i cacciatori Piemonte: ecco dove la caccia è chiusa per tutta la stagionePiemonte: prolungati divieti caccia per incendiLombardia: respinta mozione per chiudere la cacciaCaccia storno Puglia: la Regione modificherà la derogaIspra: negati i fondi per l'atlante delle migrazioni europee?Specie protette: Parlamento Europeo dice sì a modifica statusBergamo: chiusura della caccia alla lepreProgetto cesena: marcati due esemplari nel bergamascoDi Pietro: slitta decisione sulla caccia di selezione in MoliseProv. Sassari ai cacciatori: attenzione alla fauna marcata Gelmini (FI): "no all'atteggiamento vessatorio verso la caccia"Lombardia: presidio di protesta dei cacciatori al PirelloneIncontro UNA a Roma: “il cacciatore paladino dell'ambiente”Filiera selvatica. Buona la primaStorno Liguria: Consiglio di Stato respinge l'appello sulla derogaCpa Sardegna: cacciatori partecipate alle battaglie legali Movimento Animalista: oggi sotto lo 0,4% dei voti Piemonte, la Regione tiene il punto: nessun motivo per riaprire la cacciaUltimi giorni per il concorso Caccia Passione e RicordiVeneto, Tesserino Venatorio: la Giunta bacchetta i controlloriAbruzzo: firmata intesa tra Anlc, Arci Caccia e EpsAutonomie e caccia: la Valle d'Aosta si confronta con TrentoAnuu Migratoristi sul passo: "i sasselli sono nel pieno"Eps Lazio: Andrea Severi responsbile regionaleBeccaccia: al via nuovo monitoraggio in LazioDisturbo venatorio: animalisti vegani denunciati nel brescianoMacron rinnova il suo impegno per la cacciaAccordo Toscana Arci Caccia, Anlc, Cia: ecco il documento ufficialeCarne selvaggina, quanta ne consumano i cacciatori?Regione Lombardia richiederà anche la competenza ambientaleLuigi Le Noci: su caccia storno ingiustificata la diffida di WwfPer i monitoraggi Ispra ha bisogno anche dei cacciatoriAcl: protesta a Milano per il rispetto delle tradizioni venatorieProgetto cesena al suo secondo anno Basilicata: 460 mila euro agli Atc dalle tasse dei cacciatoriUngulati. "Modificare la 157/92 per incrementare gli abbattimenti"Piemonte, richieste dei CA per la riapertura della cacciaCaccia storno Puglia: Wwf diffida la Regione CCT: “serve qualche spiegazione sull'accordo Anlc - Arci Caccia”Toscana: siglato accordo Arci Caccia, Cia, AnlcSvi, “Stoppa rettifichi: quello non è un incidente di caccia”Molise: caccia cinghiale. Di Pietro "pronti a violare la legge"Anuu: denunceremo il Tg2 per diffamazione Sicilia: caccia sospesa a Marettimo e SalinaAnuu: arrivati sasselli e ceseneIncendi, Lombardia: al vaglio sospensione caccia in zone più vastePiove in Piemonte, richiesta di revoca dei divieti di cacciaBeata gioventùControllo faunistico: in arrivo l'attesa modifica alla 157/92?Toni intimidatori contro Cpa: Forza Italia Sardegna scrive a PigliaruFidc Piemonte: "Le belle pensate dei soliti incompetenti"Ultrasuoni contro i cinghiali, non servono senza la cacciaPiemonte: Vignale contesta delibera di sospensione della cacciaMolise: restituite alla caccia ex zone di ripopolamento e addestramentoSpecie Migratorie: La FACE alla 12° Conferenza delle partiCCT punta a nuova gestione della fauna in ToscanaFava: la legge vieta già la caccia nelle aree percorse dal fuocoFidc Bergamo: roccoli siano aperti come beni culturali e di ricercaRegione Piemonte sospende la caccia nelle zone incendiateRichiami vivi acquatici: Ministero conferma divieto in sette regioniIncendi: assurdo accostamento alla caccia dal Tg2Brambilla sotto l'1%. Il nuovo che arretra: sorpasso dei VerdiCompetenze guardie zoofile: interrogazione di BerlatoToscana: Arci Caccia e Libera Caccia insieme per un patto con gli agricoltoriAnuu: con tordo bottaccio e sassello anche le ceseneIncendi nel nord Italia ma la Lipu pensa alla cacciaCaccia cinghiale Sardegna: riaperti i termini per le iscrizioniLombardia, Anuu: "la verità sul rifornimento dei richiami vivi"Torino: sospesa caccia per siccità e incendi in alcune zoneAncora polemiche contro la caccia. Ma la petizione per abolirla è un fiascoSiena: sospesa caccia cinghiale a 300 m da zone vocate Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatoriPerugia: prosegue prelievo cinghiali nel Parco di Monte CuccoSan Miniato (Pisa). Sospeso per protesta il controllo dei cinghialiCaccia anatidi: per l'Alzavola Key concepts da rivedereArci Caccia Marche alla Regione "risolvere problema cinghiale"Anuu: devastati capanni da caccia. C'è un numero di targaTroppi caprioli, Alessandria aumenta i capi abbattibiliFidc: la sicurezza al primo postoNumero minimo cacciatori braccata: circolare della Regione ToscanaGli animalisti si accusano a vicenda, avanti così Nutrie, Alessandria: i cacciatori non partecipano

News Caccia

Alessandro Mò: “Emozioni e utilità sociale, ecco la caccia spiegata ai giovani”


venerdì 12 maggio 2017
    

 Emozioni indescrivibili, adrenalina, consapevolezza dei propri mezzi, conoscenza dell'ambiente. Questo ed altro è caccia per Alessandro Mò, giovane seguace di Diana residente a Biella. “Credo che sia un ottimo modo per unire la passione per un’attività ai benefici che questa può portare”.

In questa frase di Alessandro c'è tutta l'essenza della caccia moderna, una delle poche attività che permette di vivere la natura e al contempo essere utile. “Liberiamo i sentieri dei boschi, controlliamo gli animali, li censiamo e abbattiamo animali malati che potrebbero infettare l’intera specie” spiega.

La caccia inoltre “avvicina chi la pratica alla natura e dovendo avere una discreta conoscenza di ciò che si sta facendo, aiuta a mantenere stabile una certa popolazione animale e a conservarne la specie mantenendo integro l’ambiente” continua Mò, ricordando che, ovviamente, per essere cacciatore “non devono mancare una buona etica, una forte passione e una dose di buon senso”.

La soddisfazione della preda

Prosegue poi citando altre costanti nell'universo emozionale del cacciatore: “la complicitche si sente passeggiando per le montagne con il proprio cane, la fatica nel cercare per giorni la preda adatta e la soddisfazione nello scovarla e abbatterla, il suo recupero e non per ultima la stima e l’unione con i propri compagni di caccia, i quali ci accompagnano durante la stagione e condividono con noi tutti i momenti prima, durante e dopo con l’assaggio finale del capo abbattuto, che poi è il coronamento finale”.
 
"Ho imparato tutto osservando mio padre"

Alla caccia è arrivato solo due anni fa grazie al padre, vedendo in lui così tanta passione e dedizione, ha iniziato a seguirlo sul campo, in silenzio, osservando e imparando. “In famiglia – racconta - sono tutti favorevoli  e abituati da anni ad avere almeno un cacciatore girare per casa, fin dai tempi della mia bisnonna e lo stesso vale per i miei amici. La passione con cui sentono i miei racconti, le foto che vedono e (soprattutto) le cene che assaggiano, fanno in modo che anche chi si sente contrario alla caccia possa esserne affascinato!”.

 
La passione per il camoscio

Pratica la caccia in montagna agli ungulati, soprattutto al “re delle cime”, il camoscio. “Grazie a questo animale – sottolinea -  riesco a vedere posti magnifici appena sopra alle nuvole e mi permette di godere al massimo sia della natura che dell’animale stesso, appostarmi per cercarlo e una volta stanato fare tiri ragionevolmente lunghi per abbatterlo, stupendo! Di rado pratico anche la caccia al capriolo e a fine stagione io e mio papà ci concediamo l’abbattimento di un cervo, un’animale verso il quale provo un immenso rispetto, di una bellezza unica, sfido chiunque a non emozionarsi durante un suo bramito! Durante le varie uscite alterniamo la caccia agli ungulati con quella alla tipica alpina: galli e coturnici animali altrettanto belli, ma li la passione va tutta verso il primo, vero e affidabile compagno di caccia: il cane! Vederlo correre a più non posso tra pietraie, rododendri e canali, vederlo appostarsi e fermare è bellissimo e vederlo felice ad abbattimento compiuto da una grande soddisfazione….ma sono sicuro che mi capirete!”.
 
La caccia e l'impegno

Gli chiediamo se sarebbe disposto ad impegnarsi nell’interesse della caccia. “Si, assolutamente! - risponde -. Adesso sono ancora in pieno “apprendistato” e non finirò mai di esserlo, ma mi piacerebbe seguire corsi per il controllo dei trofei e con la dovuta esperienza seguire le orme del mio vecchio nella gestione di una associazione venatoria”.
 
Delle associazioni pensa che siano molto utili perché aiutano a mantenere la corretta gestione di ambiente”.
 


Alessandro ci racconta un'esperienza di caccia:

Siamo usciti nel tardo pomeriggio per passare la notte fuori e poter cacciare il giorno seguente. Arrivati in baita a sera inoltrata siamo entrati per cambiarci e abbiamo acceso la stufa, abbiamo cucinato qualche trota rimasta dalla stagione di pesca e poco dopo abbiamo deciso di metterci a dormire. Io
sono uscito dalla porta per dare un’ occhiata e nel silenzio più totale in lontananza si sentivano due, forse tre cervi bramire…una sensazione unica, concedetemi la parola, mistica! Il giorno seguente era la chiusura della specie e non potevamo sbagliare…ci siamo avvicinati al posto in cui la sera prima mi sembrava di averli sentiti cantare e appena albeggiava sono spuntati fuori due bellissimi maschi in cima ad un’altura…deciso che l’animale era giusto per noi ,In un religioso silenzio ci siamo preparati e dopo aver appoggiato il fucile sullo zaino…con un colpo ben assestato abbiamo abbattuto il più giovane dei due. Ci siamo avvicinati per recuperarlo e intorno alle 9…10 del mattino era pulito e pronto per scendere. Abbiamo dovuto imbragarlo e con l’aiuto di sei persone siamo riusciti a portarlo fino a valle e dopo quasi 8 ore di marcia abbiamo potuto brindare alla perfetta riuscita e alla splendida giornata!

 Vai alla pagina BigHunter Giovani

 

Leggi tutte le news

0 commenti finora...