Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
In Lombardia ricomincia la battaglia contro la cacciaBeccacciai: cambio in Federazione Italiana BeccacciaiFidc Lombardia: la Regione risponde alle richieste IspraBologna. Apertura tutto beneTutta la caccia francese protesta contro le restrizioniAnlc: pronuncia storica del Tar SardegnaArci Caccia: la caccia fa bene al PaeseArci Caccia scrive al Ministro CingolaniMarche, Tar dispone limitazioni sul calendario venatorioUmbria: in arrivo altre giornate per il controllo del cinghialeSardegna: si decide per lepre e pernice sardaLombardia: Mazzali per un corpo di polizia ittico venatorio regionaleFrancia. Aumentano i candidati cacciatoriSparvoli confermato alla guida di Anlc fino al 2025Cinghiale in Piemonte. La parola ai cacciatoriFedercaccia Abruzzo: sentenza del TAR inaccettabileCommissione Ue risponde ad Arci CacciaToscana vieta prelievo della tortoraCinghiali in Piemonte. Coldiretti all'attacco55ª assemblea Uncza. All'ombra del ghiacciaioNota Ispra siccità e incendi. La risposta di FidcAbruzzo: modificato calendario venatorioCongresso Arci Caccia. Confermato il Presidente MaffeiSicilia, la Regione modifica il calendarioAbruzzo: ordinanza del Tar dà ragione agli animalistiToscana. Tar sospende tortora, pavoncella e moriglioneSparvoli (ANLC): "Ispra ci ha dichiarato guerra, ma noi risponderemo"Chianciano, aperto il XII congresso nazionale Arci CacciaIspra chiede limitazioni sulla caccia a causa di incendi e siccitàToscana: Cabina di Regia chiede chiarimento sulla tortoraSicilia. Nuovo decreto del Tar sulle date di aperturaInterrogazione Bruzzone sul Piano Nazionale TortoraMazzali chiede uniformità procedure caccia e pescaUmberto Venturini Presidente AcvDario Faccin nuovo Presidente nazionale ConfaviToscana. Al via il cinghialeUmbria. Una protestaLombardia: nuove regole per la carne di selvagginaSvizzera. Aumentano le donne a cacciaUk. Attacco alla cacciaLisa, cacciatrice in Corsica30 mila presenze alla sagra degli oseiGiannini attacca blog La cornacchiaTortora. Il Molise si adeguaTar Veneto sospende anche caccia alla pavoncellaSicilia: nuovo decreto riapre la caccia da sabato 4Sardegna. Niente tortora in preaperturaTortora. Sospensione anche per le MarcheNuova sospensione in Abruzzo e rinvio dell'udienzaSicilia: Tar blocca l'apertura della cacciaFrancia. Lo sport si schieraToscana. Promemoria per lo stornoTrentino. I camosci stanno beneMancata preapertura in Calabria. L'assessore bacchetta l'opposizioneSvizzera: Mostra sulla caccia al Museo Alpino di BernaCct: approvata delibera sulla preaperturaFrancia. Aumentano i cacciatoriPuglia: Tar respinge richiesta sospensiva sulla tortoraCalabria: Tar sospende caccia tortora e quaglia fino al 22 settembreSicilia: approvate modifiche al Calendario VenatorioEmilia Romagna. Pompignoli "vergognosa scelta sulla tortora"Acma aggiorna sulla situazione richiami viviTortora. La Cabina di Regia protesta con Mite e Conferenza Stato RegioniLombardia: pasticcio sulla coturniceRaccolta ali tortora. Il progetto Fidc continuaTorino: preapertura al colombaccio e altre modificheEmilia Romagna: la Regione toglie la tortora dalla PreaperturaCabina regia Toscana "ora lavorare per Piano tortora"Richiami vivi. Nuova circolare ministeriale ne permette l'utilizzoLazio. Arci Caccia "senza Piano tortora impossibile prelievo"Arci Caccia "Ma in Europa la legge è uguale per tutti?"Francia. Il Presidente dei cacciatori chiede le dimissioni della Ministra all'AmbientePreapertura. Anche la Regione Lazio risponde piccheKey Concept. Le associazioni scrivono al GovernoValle Canna. I cacciatori s'impegnano, gli animalisti si fanno fotografareAcma denuncia ritardi per il moriglioneTortora. Berlato protestaTortora in Toscana. La CCT non ci staToscana. Saccardi e la mancata preapertura alla tortoraIncendi. La Regione Sicilia arruola anche i cacciatoriLazio: le associazioni venatorie chiedono la preaperturaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Esclusiva. Zivieri, un patrimonio tutto italiano


lunedì 4 gennaio 2016
    

Aldo Zivieri Aldo Zivieri grande esperto nel settore della macellazione e della valorizzazione della carne di qualità, è proprietario dell'omonima macelleria che propone alla sua clientela carni sia bovine (Consorzio La Granda) sia suine (cinta senese e mora romagnola), tutte altamente selezionate, e polli e pollastre allevati a terra in completa libertà. Aspetto questo che permette di ottenere prodotti finali di un elevatissimo standard di qualità e dalle caratteristiche nutrizionali di pregio.

Dal 2013 per promuovere, incentivare ed avvicinare i giovani alle arti della macelleria e della norcineria, ha creato un laboratorio didattico (oggi anche sede didattica di Slowfood), sito in Monzuno (BO), dove vengono proposte giornate formative aperte a professionisti del settore, gourmet, finalizzate a far conoscere i tagli delle varie tipologie di carni proposte e le relative modalità di lavorazione e conservazione.

Recentemente, insieme a Fabio Fiore del Ristorante Quantobasta ha dato vita a “Romanzo”, un locale in cui la carne ed i salumi saranno protagonisti di prelibati toast, di panini gourmet, di gustosissime tagliate, battute al coltello, fiorentine, arrosti, hamburger, spezzatini e tanto altro ancora. Si possono gustare al banco oppure ai tavoli a disposizione nel Mercato, ma anche comodamente seduti nei propri uffici, o in casa con famigliari e amici. Dove si potranno acquistare anche carni fresche di bovino piemontese, di suini allevati allo stato semibrado, di selvaggina proveniente dalla necessaria caccia di selezione sull'Appennino Bolognese. Nei suoi esercizi commerciali si trova anche una discreta selezione di vini dei Colli bolognesi e in stagione del profumato tartufo bianco dell'Appennino.

Zivieri sostiene che la carne di selvaggina andrebbe somministrata anche alle mense e alle scuole. In altri paesi, più evoluti, infatti, con la carne di renna - dice - curano i bambini. Crede che sia necessario proseguire nella promozione di una filiera certa e garantita, con la preparazione in primo luogo dei cacciatori, procedendo verso una possibile professionalizzazione.
Per il suo impegno e per la sua competenza, gli abbiamo posto alcune domande per sapere da lui direttamente cosa possiamo fare per dare ancora più valore alla nostra attività di cacciatori e alla carne della tanta selvaggina che oggi popola le nostre campagne.

“Sono assolutamente convinto - ci ha detto - che per valorizzare e dare un giusto senso alla 'filiera della selvaggina', occorra come per tutte le carni di qualità, valorizzare e far conoscere i singoli tagli e le loro giuste destinazioni d'uso. Ecco perché siamo convinti che il successo di tale percorso possa passare solo attraverso la valorizzazione e il miglioramento della professionalità di ogni singolo attore”.

Per la selvaggina ungulata, in particolare, ha detto “Secondo me è necessario il giusto equilibrio per capire che la caccia di selezione sia ormai talmente assodata e necessaria per cui sia fondamentale parlare della bellezza degli animali in libertà (promozione turistica e naturalistica dei territori appenninici spesso ormai strangolati dalla crisi economica), ma anche dei pregi e della qualità degli animali che li popolano (promozione faunistico-venatoria ed alimentare). Il paradosso italiano è che siamo pieni di animali selvatici, che spesso danneggiano strutturalmente i territori che popolano, mentre la carne da commercializzare la importiamo dall'estero!! Da paesi in cui non si riscontra la stessa qualità del prodotto finale che possiamo ottenere qui da noi”.

“In sintesi, secondo me - ha proseguito - occorrerebbe un forte coordinamento che comprenda anche gli organi di stampa e comunicazione in genere per trasmettere che la filiera della selvaggina ha modalità diverse ma obiettivi identici a quelle di altre tipologie di animali e che l'abbattimento in loco debba diventare un plus e non più una limitazione (vedi diatriba “caccia si o caccia no”).
Del resto la storia ci insegna che l'uomo è cacciatore e carnivoro da milioni di anni, nel rispetto dell'ambiente e degli animali, che devono essere visti come risorsa (soprattutto in un periodo economico così drammatico per molte famiglie) e non solo come bersagli fini a se stessi.
Quando parlo di maggiore consapevolezza e professionalità di tutti gli attori della filiera mi riferisco proprio a questo”.

“Ciò che è emerso dagli ultimi dati divulgati dall'OMS - ha tenuto ad assicurare -  non dice nulla di nuovo: la carne può ed è dannosa, laddove manca un rispetto dell'animale in vita (modalità di allevamento e alimentazione) ed un equilibrio nella dieta alimentare. La storia della nostra azienda verte proprio sulla ricerca di prodotti il cui risultato finale sia il frutto del massimo rispetto nei confronti dell'animale sia in vita che una volta macellato, ecco perché abbiamo intrapreso questo percorso di valorizzazione delle carni di selvaggina:
- hanno valori nutrizionali unici,
- gli animali vivono in luoghi incontaminati e spesso indisturbati,
- la modalità di abbattimento è la più  inconsapevole che esista."

“...perché credo - in conclusione - che la carne di selvaggina possa e debba entrare nella dieta quotidiana degli italiani al pari di tutti gli altri cibi, a patto però che l'obiettivo finale sia la ricerca di una filiera di qualità e non solo di una filiera di commercializzazione. Se non si è ferrei nel controllo e nella formazione dei singoli attori, il rischio di cadere in errori dettati dal 'dire comune' è altissimo, il tempo ci dirà se queste carni potranno entrare anche nelle mense scolastiche e negli ospedali (perché più indicate di altre) oppure se rimarranno libero arbitrio di pochi gelosi e saranno il  'menu' tipico da sagra di paese”.

Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Esclusiva. Zivieri, un patrimonio tutto italiano

SONO D'ACCORDO SU UN FATTO: CHE LA NOSTRA SPINA NEL FIANCO E' LA MIGRATORIA. PROVO A DARE UNA PEERSONALE SPIEGAZIONE. POICHÈ DA NOI LA MIGRATORIA È CONSIDERATA (ANCHE DAI CACCIATORI) MANNA CADUTA DAL CIELO, DI CONSEGUENZA E' DI TUTTI E DI NESSUNO, MENTRE UNA SPECIE STANZIALE, ESSENDO STANZIALE, VIVE E MANGIA PIÙ O MENO INTORNO A CASA E NEI TERRENI DI QUALCUNO, QUESTA E' CONSIDERATA, ALDILÀ DELLA LEGGE, AFFERENTE A QUESTO QUALCUNO (E NON E' DETTO CHE SIA CACCIATORE). PROVA NE SIA CHE, PER ESEMPIO, LE SQUADRE DI CINGHIALAI, CHE SONO CONSIDERATE RESPONSABILI DI UNA DETERMINATA AREA, CONSIDERANO I CINGHIALI CHE VI SOSTANO UNA SPECIE DI PATRIMONIO ESCLUSIVO. STESSA COSA PENSA IL PROPRIETARIO DEL TERRENO, CHE FINO A PROVA CONTRARIA LI FORAGGIA E NE CONSENTE COMUNQUE IL SOSTENTAMENTO. PER LA MIGRATORIA NO, VIENE DA OLTRE CONFINE, SE NE VA OLTRE CONFINE. MA, RAGIONANDO UN PO', CI SI DOVREBBE ACCORGERE CHE OVUNQUE NEL MONDO, ANCHE LA MIGRATORIA E' CONSIDERATA COLLEGATA AL FONDO DOVE SOSTA E SI ALIMENTA, E SOPRATTUTTO, PROVATE A DIRE IL CONTRARIO, OGNI SPECIE MIGRATORIA E' PRESENTE SUI "DIVERSI" NOSTRI TERRITORI SE SONO ACCOGLIENTI E SE OFFRONO CIBO. E CHI CONSIDERA ANCORA CHE DA NOI LA NATURA SIA "SELVAGGIA" (C'È CHI SI OSTINA A CONSIDERARLA "WILDERNESS"), COMMETTE UN ENORME FALSO STORICO. VI INVITO A UNA PROFONDA RIFLESSIONE

da TACITO 05/01/2016 8.44

Re:Esclusiva. Zivieri, un patrimonio tutto italiano

...Forse mi sbaglio ma... jamesin, lo hanno scritto nero su bianco e non solo adesso!

da s.g. 04/01/2016 20.54

Re:Esclusiva. Zivieri, un patrimonio tutto italiano

Ma se si lasciassero gli animali da macello allo stato brado per la maggior parte dell'anno visto il clima dell'Italia ed in quei pochi mesi invernali si facesse loro mangiare solo erba buona la carne non sarebbe di qualità come la selvaggina ? Il fatto è, secondo me, che non si vuole più lavorare, per cui chi vuole una filiera di commercializzazione cerca di trovare il sistema per azzannare la carne di selvaggina mantenendo in piedi il carrozzone a tutti i costi, servendosi di cacciatori specializzati, mentre il cacciatore migratorista può anche andare a farsi benedire. Forse mi sbaglio ma...

da jamesin 04/01/2016 18.35