Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Rolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Federcaccia Toscana: chiarezza sulle deroghe


mercoledì 13 agosto 2008
    

Riceviamo e pubblichiamo:

COMUNICATO STAMPA

Federcaccia Toscana è convinta che Il “prelievo in deroga” non è la soluzione per la caccia: la via maestra da percorrere è quella della modifica dell’elenco delle specie cacciabili, con il reinserimento nell'art. 18 della 157/92 di quelle specie che normative comunitarie e rilevazioni scientifiche consentono.
Il primo passo che, pur con grave ritardo, speriamo si concretizzi al più presto riguarda lo storno, ora che la Commissione parlamentare ha unanimemente impegnato il Governo a fare quanto serve per accellerare le procedure In sede Comunitaria.
Il “prelievo In deroga” (che, come dice l’espressione stessa, è un fatto straordinario, “in deroga appunto) è tuttavia una pratica prevista dalle norme nazionali e comunitarie, alla quale ricorrono da anni, senza polemiche e problemi, molti Stati della Unione Europea non sole per “tutela delle produzioni agncole” (lettera b direttiva 79/409), o della salute e dell’incolumità (lettera a) ma anche per il cosiddetto “mantenimento delle tradizioni venatorie” (lettera c).
L’adozione delle deroghe, al contrario, in Italia è da sempre vicenda dalle mille contraddizioni. Provvedimenti adottati dalle Regioni facilitati dai Tribunali Amministrativi e dai Governi, altri che invece hanno prodotto i loro effetti senza intralci, altri ancora che hanno fatto attivare procedure d’infrazione da parte della Commissione Europea (con rischio di pesanti sanzioni economiche per lo Stato e per le Regioni).
In questo meccanismo perverso ad essere colpiti sono i cacciatori, privati di qualsivoglia certezza e sconcertati dalla disparità di trattamento, opportnnità e diritti che discende dall’essere residenti in questa o quella Regione.
La cronaca di queste settimane, a proposito di deroghe, dice che Lombardia e Veneto hanno adottato provvedimenti che regolamentano il prelievo di Fringuello e Peppola. La Lombardia ha legiferato, dopo che una sua precedente legge in materia era stata dichiarata incostituzionale, motivando (leggiamo dalle dichiarazioni in aula) che la nuova legge non corre rischi perché “... riconduce direttamente il provvedimento alla normativa europea e non più alla legge quadro regionale...”.
Federcaccia Toscana non intende chiedere alla Regione (alla quale diamo atto di avere tante volte dimostrato apprezzabile sensibilità ed equilibrio verso il mondo venatorio) atti Iegittimi e soprattutto, comportino sanzioni che graverebbero sulla Toscana, in particolare sul comparto rurale e di conseguenza anche sulla caccia, però è indispensabile sia urgentemente fatta chiarezza affinchè i cacciatori anche nel campo del prelievo in deroga abbiano garantite le medesime opportunità rispetto ad altre regioni.
Sollecitiamo pertanto la Regione Toscana a svolgere subito una verifica, tecnica e politica, del percorso adottato da Lombardia e Veneto e, nel caso di esito positivo, ad assumere gli atti conseguenti.

Firenze 11 agosto 2008

Federcaccia Toscana

 Leggi tutte le News

Leggi tutte le news

0 commenti finora...