Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lombardia, Massardi (Lega): “Votati importanti provvedimenti a favore della caccia”Mazzali soddisfatta per emendamenti sulla caccia approvatiLiguria: pubblicato Calendario Venatorio 2021 - 2022Referendum caccia, non c'è due senza treArci Caccia: Fassini dimissionario?Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”


martedì 30 aprile 2013
    
Ogni tanto c'è qualche ambientalista temerario che riesce ad affrontare nodi spinosi come quello del contenimento delle specie invasive, che l'Europa da tempo ci chiede non solo di tenere sotto controllo numerico, ma in molti casi (come è quello della nutria o dello scoiattolo grigio) di eliminare. Francesco Mazzavilla, biologo, ambientalista e consulente del Parco Sile, affronta sul quotidiano La Tribuna di Treviso quello che da anni è un vero tabù per il mondo ambientalista italiano, visto che finora le varie associazioni sono state abilissime a far credere ai loro seguaci che è possibile salvare gli animali “alieni” e allo stesso tempo tutelare la biodiversità che contraddistingue i nostri territori.

“Chiamarlo problema non è bello, trattandosi di animali,  - spiega l'ambientalista intervistato dal quotidiano trevigiano - ma non si può definirlo altrimenti. Le nutrie stanno destabilizzando preziosi ecosistemi. La loro avanzata continuerà esponenzialmente ma si può fermare”. Per Mazzavilla ci vuole una strategia che coinvolga tutto il Paese, come si è fatto in Inghilterra: “lì le nutrie sono arrivate parecchi anni fa - spiega -, hanno proliferato come stanno facendo in tutta Europa fino a quando il governo non ha deciso che trattandosi di una specie alloctona, risultava pericolosa per l’equilibrio ambientale ed ha deciso di intervenire pesantemente tanto che oggi non ce ne sono praticamente più”.

“Hanno investito risorse in ricerca, studi, interventi mirati e sono riusciti a ridurre ai minimi termini la specie. Eliminandone gli esemplari...”. Ma così gli animalisti si infuriano, obbietta il giornalista Federico de Wolanski
, “capisco, e proprio per questo mi sto confrontando con loro – risponde lui - . C’è una seconda strada, l’hanno proposta loro: sterilizzare i maschi. Potrebbe funzionare, e anche bene. Ma chi paga? E quanto costa? E poi daccapo: la devono fare tutti”.

E' proprio la scarsa disponibilità di risorse e finanziamenti che porta i Comuni ad applicare la strategia del contenimento. I ricorsi al Tar sono immediati quando si parla di abbattere nutrie o altri animali dannosi, il che porta ad un continuo braccio di ferro tra le amministrazioni e gli animalisti. Pochi giorni fa, Derovere, comune della provincia milanese, si è visto minacciare di ricorso da parte della Lav, che ha chiesto l'annullamento dell'ordinanza sulle nutrie. Cosa che l'associazione fa (e non è la sola) ogni qualvolta si presenti una simile situazione. Lo scorso anno ha vinto il ricorso presentato contro il comune di Pieve San Giacomo, sempre nel milanese, che, a seguito del dibattimento, è stato condannato al pagamento di 3 mila euro. La tattica mira a far dissuadere i sindaci dall'emanare simili ordinanze, ma il problema rimane. Quindi è un bene che gli ambientalisti comincino a dibattere e a proporre. Il problema non riguarda certo i cacciatori,  attaccati quando partecipano alle iniziative dei contenimenti, ma l'intera comunità.

Leggi tutte le news

33 commenti finora...

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

@animale aaro: beato te che puoi permetterti dei viaggi: noi ci accontentiamo con poco...per quanto riguarda campbell..non ho letto il libro...ma dalla recensione pare che dica che "vari tipi di cancro sono correlati al consumo eccessivo di proteine animali": eccessivo...infatti il troppo storpia...ma non che non si possa mangiar carne...

da zeta90 03/05/2013 17.24

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Non fatelo scappare anche questo........

da Ah ah ah 03/05/2013 14.31

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

qualcuno per il solo fatto di essere vegano , crede di essere un gradino al di sopra degli altri....personalmente se uno è contento di mangiare erba varia contanminata da pesticidi e diserbanti di vario genere, tanto meglio per lui; ma non mi faccia la morale, non mi interessa...se poi è stato studiato da due Università , bene, il fatto però che a dichiarare che sia in ottimo stato sia stato un altro vegetariano , che dire, non mi sembra che sia tanto neutrale....comunque continui pure a mangiare vegetali, a me non da fastidio di sicuro....

da cacciaforever 03/05/2013 13.15

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Ah dimenticavo animale aaro, dimostra di avere le palle e di amare gli animali piu' di te stesso, diventa fruttariano pero' di quelli piu' estremi che si nutrono di soli frutti e vegetazione spontanea (che pero' non trovi nel solito supermercato) poi dopo un po' torna a fare i tuoi esamini dal tuo amico primario vegetariano a cui donerai qualche bacca di rosa canina con cui fare colazione, a quel punto ne riparleremo e non mi sentirò piu' autorizzato a darti dell'ipocrita.

da Tordobottaccio 03/05/2013 8.31

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

La cosa che piu' mi fa sorridere in personaggi come il vegano di cui sopra e' la sconfinata ipocrisia in cui vivono. Senti un po' caro vegano lo sai come la coltivano la tua verdurina che trovi sul banco del supermercato già lavata e confezionata? Lo sai che l'80% della concimazione e' di origine animale ( sangue, corne ed unghie tritate, pellami,molestamente prov. Da mattatoi ecc. Ecc.) lo sai che la percentuale aumenta se la tua insalatina e' biologica) lo capisci che la tua insalatina gronda sangue quanto una fettina. Fai una bella cosa prendi la tua macchinetta fotografica e vai a fare delle foto dove producono i concimi x la tua insalatina e prova poi a mangiare qualche proteina un po' piu' nobile dei soliti fagioli, ridicolo te e tutti i tuoi compari

da Tordobottaccio 03/05/2013 7.38

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

animalaro:sarai stato studiato come soggetto vegetariano all'università, ma si sono dimenticati di verificare con un encefalogramma cosa contiene la tua scatola cranica,allora si che avrebbero fatto delle scoperte senzazionali. Dai scendi dal piedestallo della tua grande saggezza vegetariana e ritorna fra le persone normali, non scomodare M.R. Stern per imitare le sue senzazioni, la caccia non è per tutti, o si nasce con questa passione o si è vegetariani. Fattene una ragione, noi(cacciatori) siamo e resteremo sempre diversi.

da Bekea 03/05/2013 0.53

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

animale raro, anche Hitler era vegetariano e animalista... sei suo figlio???

da riccardo1979 02/05/2013 14.30

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

animale aaro, lo sai che quando si fanno piani di abbattimento alle nutrie queste devono essere messe in sacchi di plastica e portate abruciare perchè sono portatici sane di leptospirosi, malattia che agredisce il fegato, e di colera, tifo, chi se le vuole tenere in casa come riportato sopra bene c'è la possibilità di un animalista in meno contaggiato dalla sua stessa nutrietta! aggiugo presto anche voi capirete, molto presto!

da dardo 02/05/2013 10.22

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Animale aro,einstein sara' stato vegetariano,ma una sua famosa frase antianimalista da lui detta a suo tempo era ben chiara e decisamente poco proanimalismo...e vorrei se mi permetti ricordartela..."animalismo,nessun scopo e' cosi alto da giustificare metodi cosi indegni!"

da Luca atc 11 tv 02/05/2013 2.16

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Per me anche gli animalari sono da inserire nelle specie nocive ed opportunistiche e probabilmente pure alloctone perchè credo vengano da un altro mondo, per cui dovrebbero essere sottoposti ad interventi di contenimento e pure eradicazione.

da andrea ge 01/05/2013 23.48

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Farmi dare dello stupido non ci sto' animale, Per quanto possa sembrarti imperfetto il disegno di Dio, succede che meta' del regno animale e' preda e l'altra meta' e' predatore,Tu dove ti piazzi?..A quelli che si professano vegani o vegetariano non fanno altro che disprezzare le dellizie che sono state messe a loro disposizione dal creato.

da Toni el cacciator 01/05/2013 21.06

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

M.R Stern diceva:“Domando tante volte alla gente: avete mai assistito a un’alba sulle montagne? Salire la montagna quando è ancora buio e aspettare il sorgere del sole. È uno spettacolo che nessun altro mezzo creato dall’uomo vi può dare, questo spettacolo della natura. A un certo momento, prima che il sole esca dall’orizzonte, c’è un fremito. Non è l’aria che si è mossa, è un qualche cosa che fa fremere l’erba, che fa fremere le fronde se ci sono alberi intorno, l’aria flessa, ed è un brivido che percorre anche la tua pelle. E per conto mio è proprio il brivido della creazione, che il sole ci porta ogni mattina. E sentirai per esempio il canto del codirosso, poi sentirai il pettirosso, poi magari vedrai un capriolo. Sì il capriolo è un animale notturno, incominci a vedere che rientra nel bosco, lo individui e poi sparisce, l’immagine che esce da lì è quella del cervo e quando poi magari, quando il cielo è chiaro e le stelle sono sparite, ti accorgi che sopra di te vola un’aquila. Ma prima hai sentito il brivido.”...magari pensava anche a voi che fate animalismo dal salotto senza sapere cos'è un bosco...

da zeta90 01/05/2013 21.04

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

e il wwf? e i verdi con scanio?..eh no caro animale aaro...hai appena scritto le stesse cose che diciamo noi veri cacciatori quando viene scoperto qualche bracconiere che sono una minima parte del mondo venatorio...e voi subito ad attaccare...

da zeta90 01/05/2013 21.03

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Peccato che non hanno ancora inventato il vaccino contro l'imbecillità, forse a causa della mancanza di cavie liberate dagli animalisti, che ne dici animale aaro di farti avanti x la sperimentazione? Salveresti te e tutti i tuoi compagni di merende!

da Tordobottaccio 01/05/2013 20.59

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Fabrizio: Einstein era vegetariano, per cui quando pensava all'infinita stupidità umana avrà pensato anche a voi. Anuu val di magra: L'Enpa è solo una minima parte del varigato mondo animalista ed è una delle peggiori, per cui se hanno usato i soldi dei soci è giusto che paghino.

da Animale aaro 01/05/2013 19.39

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

ECCOLI I SOLDI...CI SONO CI SONO....MA NE MAR ROSSO..... BUFFONI ANIMALISTI L'inchiesta è riservatissima, ma da palazzo di giustizia qualcosa trapela”. E' quanto si legge sul Giornale che in un articolo di due giorni fa rivela i particolari dell'indagine aperta dalla Procura di Genova sui conti dell'Enpa del 2011: 11 milioni di euro tra gestione di canili, quote del 5 per mille, donazioni e lasciti. Sull'impiego di questi soldi, , accanto alle spese proprie dell'associazione per la gestione delle sue attività “animaliste”...SI SON COMPRATI QUALCHE VILLETTA NEL MAR ROSSO....

da anuu val di magra 01/05/2013 16.51

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

le nutrie sono commestibili e sono una risorsa alimentare, non inserirle nell' elenco delle specie cacciabili e' pura e semplice insipienza. anzi: dovrebbero essere eliminabili da chiunque, dovunque e con qualsiasi mezzo anche a prescindere dalla caccia, esattamente come topi, ratti, arvicole e talpe. Purtroppo, come diceva Einstein, ci sono due cose infinite: l' universo e la stupidita' umana, anche se sull' universo e' lecito nutrire qualche dubbio.....

da Fabrizio 01/05/2013 16.19

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Per l'animale non c'e' scritto vaccinare ma sterilizzare ovvero castrarli ovvero tagliare le balle,,intanto vai tu a catturarli i maschi in mezzo ai pantani,rogge,fogne,canali fossi ,fiumi ,trovate anche tra gli alberghi ,li aspetti con la carota in mano.Sai quando non si sa' un c....o e facile insegnare. L'Europa le vuole eradicate, Queste sono prolifiche come i topi siamo gia'in ritardo nei contenimenti,

da Toni el cacciator 01/05/2013 15.46

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

@Animal raro:ma proprio raro.i soldi ci sono?...si,ma non ci sono per comprare i stent per l'ospedale in cui operi.esatto caro amico degli animali.un amico con un infarto in corso,non è stato impiantato uno stent perché NON C'ERANO,e tu ti preoccupi delle nutrie,e finisco qui,sennò prendo un'altra querela.

da max 60 01/05/2013 15.27

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Sono diventati tutti scemi compreso animalaro....bastano le sue parole i soldi x i vaccini ci sono.....ma che volete ragionare con codesti sogetti? l'ignoranza la fa da padrone!

da gladiatore 01/05/2013 13.28

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

@animale aaro: a parte che un cacciatore qualunque non può svegliarsi domattina e non avendo niente da fare va a sparare alle nutrie ma bisogna aver conseguito un patentino apposta e (non so se in ogni luogo è così) essere accompagnati da delle guardie..e poi il contenimento non si fa solo sparando: ci sono nche le trappole che puntualmente amici tuoi animalisti pensano bene di sabotare...

da zeta90 01/05/2013 12.25

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

animale aaro visto che i soldi ci sono (ma?) ci vai tu a vacinare le nutrie?

da marco1469 01/05/2013 12.22

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

..i soldi per curare animale raro.....ragazzi vanno trovati questo è malato serio!!

da Riccardo1979 01/05/2013 12.22

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

I soldi per le vaccinazioni ci sono?????!!!!!!!!! Per le NUTRIE????????!!!!!!!! Ma non per ospedali, forze dell'ordine, scuole, tribunali, famiglie disperate, ecc ecc ecc ???????!!!!!! Dire che siamo all'incredibile è un eufemismo, così come è assurdo anche solo pensare lontanamente che ad un Cacciatore interessi sparare ad una nutria se non per il bene e l'equilibrio dell'intero contesto ambientale. Il vento non è cambiato. Sono almeno 20/30 anni che in Italia spira in direzione del NON SENSO generale e generalizzato. E non vedo inversioni di tendenza.

da Ezio 01/05/2013 10.58

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Si il vento è cambiato vedasi il sito 100% animalisti

da Claudio a 01/05/2013 9.56

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

La questione è sempre la stessa,finchè questi animalisti-ambientalisti,non pagano di tasca loro continuano a fare i FROCI CON IL CULO DEGLI ALTRI. A LORO DI NUTRIE,VOLPI,CORNACCHIE, GAZZE ecc..ecc che sono tutti ANIMALI NOCIVI non gli frega niente,lo fanno solo perchè sono IGNORANTI,andassero a parlare con il contadino che si affonda con il trattore lungo l'argini dei fossetti pieni di buche causate dalle NUTRIE.

da MARCELLO64 01/05/2013 6.21

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

..Cucciolino appena partorito dopo lìincidente della madre.... silegge nell'articolo che ci ha rimandato zeta90. E questo Signore coccola la nutria come un cagnolino, mangia grissini e carote dalle sue mani eccecc. IO LO CHIAMO SEMPLICEMENTE IMPRINTING e dei più aberranti ed errati

da Renzo 30/04/2013 23.39

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Toni el cacciator: Concordo, certo che nella tua di provincia di speci aloctone del genere ne trovi a bizzeffe! Ma vero, sarebbe vedere anche qualche animalaro, concorrere in determinati contenimenti e non solo a controllare speci come i caciatori.

da s.g. 30/04/2013 21.49

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Signori qui si vuol giustificare la caccia perche' e' utile all'ambiente..No io vado a caccia perche' mi piace, Poi consapevole che con una mano si da' e con una si prende mi rendo disponibile a coaudiuvare gli organi preposti nel contenimento dei cosidetti nocivi o specie alloctone,infestanti ,dannose o come volete ,Non dite che e' "da scemi " come di e' permesso un "signore".

da Toni elcacciator 30/04/2013 20.17

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Un grosso problema è anche la lingua Italiana : Non ci si può sentire sotto tiro se si pronuncia il vocabolo - NOCIVI - fa parte del nostro idioma ed esiste anche nelle altre lingue del mondo , solo pronunciato in maniera diversa . Riferito agli animali è necessario avere il coraggio di definire NOCIVA una specie, qualunque sia , che se ne meriti l'appellativo . Ogni animale dall'insetto ai mastodontici mammiferi non si merita questo finche non arreca danni agli altri per sovrannumero o presenza non autoctona. Inutile nascondersi dietro le dita di una sola mano

da Renzo 30/04/2013 18.55

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Basterebbe far abrogare l' assurda legge voluta da (ap)pecora(t)o scanio e questi insulsi esseri sarebbero costretti a pagare i ricorsi. Scommettiamo che, come minimo, si dimezzerebbero in un amen ? Ma siamo in idaglia…

da lupo69 30/04/2013 18.13

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

Infatti come giustamente Mazzavilla fa notare il problema delle Nutrie riguarda tutti e non è un problema dei cacciatori che, a mio avviso, sbagliano a partecipare al contenimento delle stesse previa richiesta e conseguimento di un corso specifico per avere l'incarico. LA NATURA CI DARA' RAGIONE, i cacciatori vanno a caccia di specie autoctone o migratrici e le specie alloctone non sono neanche contemplate nei vari calendari venatori ed il loro abbattimento è vietato in quanto non previsto dalla legge. Credo che il mondo venatorio debba cominciare ad interessarsi al problema solo quando riuscirà ad avere il peso che gli spetta all'interno di ogni istituzione. I vari enti preposti all'individuazione, al censimento ed al rilascio di un parere vincolante o non che stabilisca se sia giusto o no cacciare o contenere certe specie per salvare la biodiversità, continuano a latitare ed a rendere sempre più restrittiva la stessa attività venatoria tanto che ormai gli animal/ambientalisti fanno riferimento ai loro pareri, sapendo a priori che sono sempre più restrittivi e compiacenti col loro modo di vedere la natura!!!

da Carmelo Hunter 30/04/2013 18.01

Re:Nutrie, parla un ambientalista: “operare subito con una strategia diffusa”

I danni andrebbero fatti pagare a chi si ostina a non permettere questi contenimenti.L'importante e' che non inserisca la figura del cacciatore,che in questi problemi non c'entra assolutamente nulla.Gia' ne abbiamo tanti di problemi noi.Un saluto.

da ettore1158 30/04/2013 17.49