Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<agosto 2021>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov4


04/11/2010 14.46 

 
 
Sono stato uno dei primi in Italia ad usare il bipede tattico assiduamente a caccia e ne sono tuttora un grandissimo estimatore. Ne apprezzo le sue doti, infischiandomene di chi ancora lo ritiene poco etico o poco  sportivo.
 
Il bipiede è un accessorio pratico, leggero e compatto, relativamente economico, di facile montaggio, in grado di fornire ad un’arma una stabilità difficilmente raggiungibile con altri tipi di appoggi. Se usato correttamente, permette di spremere al trinomio arma-ottica-munizione il massimo delle prestazioni raggiungibili.
 
Oggigiorno per esercitare la caccia a palla  e per eseguire abbattimenti netti e puliti è necessario disporre di armi molto precise, vuoi per la diffidenza dei selvatici vuoi per la necessità di abbattere sempre il capo giusto, quello assegnato. In teoria la maggior parte delle carabine attualmente in produzione sono tutte in grado d’ingaggiare con successo bersagli a lunga distanza ma, credetemi, in pratica è tutt’altro che facile, specialmente per un cacciatore medio, che al poligono consuma meno di cento colpi l’anno.
 
Per sparare bene, almeno fino a duecentocinquanta metri (distanza che, salvo rari casi, non dovrebbe mai essere superata) occorre curare fondamentalmente tre fattori: la precisione dell’arma, l’esatta stima della distanza e l’appoggio. Diamo per scontato che la nostra carabina spari bene e che sia perfettamente tarata,  con l’avvento dei nuovi telemetri laser conoscere la distanza voluta non è più un problema, cos’altro ci rimane da curare? L’appoggio.
 
L’emozione è un sentimento che pochi cacciatori non conoscono e che sanno ben gestire, altera il sistema nervoso, la respirazione e fa anche tremare le mani ai più emotivi. Questi sono tutti fattori negativi che si trasmettono all’arma quando viene impugnata. Il bipiede è in grado di eliminarli “quasi” tutti, perché resta sempre da curare l’appoggio posteriore: “il secondo appoggio”.
 
L’idea di costruirne uno per un impiego sportivo, come al solito, non poteva che derivare dalle armi snipers militari. Ed è venuta ad una piccola quanto dinamica ditta americana, la B&T Industries Llc. di Wichita, che ha ideato e costruito un validissimo monopiede da fissare all’attacco posteriore della cinghia delle carabine. L’intento è stato quello di abbinarlo ad un bipiede tattico, ma l’Accu- Shot, come si chiama il nuovo accessorio, potrebbe anche essere di aiuto a chi è abituato a sparare dallo zaino o su un’altana. Con il monopiede di sostegno posteriore Accu-Shot della B&T, distribuito dalla Grande Armeria  Camuna di Niardo (Bs), la stabilità dell’arma è veramente assoluta, molto prossima alla perfezione. Può essere quasi paragonata a quella offerta da un Rest professionale di grande peso e dimensioni.
 
L’installazione è semplicissima, basta che l’arma sia dotata sul calcio del classico anello per il fissaggio della maglietta a sgancio rapido per la cinghia (che resta, comunque, utilizzabile anche con il monopiede installato) ed il gioco è fatto. Il monopiede è dotato di un particolare attacco, costituito da una staffa che attraversa il foro di fissaggio della maglietta per la cinghia e si blocca con una piastrina a molla, fissata in posizione da una vite. A questo punto è sufficiente  avvitare la prima delle ghiere presenti sul corpo centrale del sostegno, facendo combaciare il supporto di sostegno con la calciatura e serrando il tutto in modo perfettamente stabile.
 
Durante la prova pratica in poligono abbiamo avuto occasione di apprezzare l’estrema stabilità del sostegno se abbinato a un altrettanto solido bipede anteriore, ma anche l’utilità, nel caso di appoggio su sostegno di fortuna o un cuscino. L’escursione della vite consente ottime possibilità di adattamento alle condizioni esterne ed è proprio questa caratteristica che consente l’utilizzo dell’Accu-Shot sulle armi da caccia senza che queste vengano dotate anche del bipede anteriore.  Se proprio dovessimo fare una critica all’Accu-Shot potremmo dire che la zona centrale della base di appoggio, essendo liscia e costituita da un materiale piuttosto duro, non esercita un attrito consistente su basi d’appoggio levigate.
 
D’altra parte se, al contrario, la base fosse morbida, sarebbe necessario prevederne la sostituibilità  in quanto il rinculo dell’arma provocherebbe un'usura tale della gomma da consumarla rapidamente. A questo proposito il costruttore segnala di aver portato a termine test preliminari  che comprendevano un collaudo di ben 5.000 colpi, sparati con un fucile camerato nel potente calibro .300 Winchester Magnum. Molto efficace si è rilevata anche la possibilità di regolazione eseguibile senza neppure dover lasciare la presa del fucile. Il peso, di circa 140 grammi, è abbastanza contenuto. Esiste una versione del monopiede ancora più robusta denominata Tactical, che ovviamente si rivolge al tiro di precisione e/o ad un impiego militare e che costa una trentina di euro in più del modello standard.

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.110.224
Aggiungi un commento  Annulla 

12 commenti finora...

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

approvo la sua filosofia... Weidmannsheil!

da mart  27/05/2011 10.00

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

Gentile signor Mart, non ho alcun motivo per dirle che scrive bugie, anzi, so benissimo che splendidi esemplari avete. Conosco anch'io molti cacciatori che vengono in appennino e mi dispiace che si comportino in modo inappropriato ma, quando si parla(o si scrive), solotamente, lo si fa a titolo personale. Ciò che esprimo è solo il mio punto di vista e mi vergogno per coloro che si comportano in modo men che corretto. Senza alcuna acrimonia: la mia caccia è quella sulle mie montagne, che salgo(ormai, purtroppo, sempre più lentamente) come quando entro in chiesa, con lo stesso rispetto. Andare in altri posti non mi ha mai attratto, se non per visita e conoscenza del territorio. Sono convinto che lei abbia la stessa attenzione per la sua montagna di quella che ho io per la mia. Le vostre sono splendide zone, ricche, preservatele da chi non le rispetta. servus

da Tiroler  26/05/2011 8.37

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

caro tiroler... andare in montagna è come entrare in chiesa? ...Bene allora quando ( non mi riferisco a Lei) scendete in Appennino , con la bava alla bocca x in nostri animlai, cercate di comportavi come dice lei...Forse le sarà sfuggito , ma da alcuni anni , in molte province appenniniche, hanno vietato la caccia proprio a molti delle sue parti che invece di entrare in chiesa pensavano di essere in un mattatoio!! Non ho nulla contro di Lei , ma la pego di informarsi...e vedrà che non sto scrivendo bugie! saluti...

da mart  23/05/2011 14.34

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

aggiungo, se mi è concesso, che i tiri che mi hanno sempre dato più soddisfazione, sono quelli in appoggio sull'Alpenstock, a 100-150 m con il mio bel Bock...

da Tiroler  22/04/2011 8.35

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

Per prima cosa, ripeto come in altri post, è giusto che, nei limiti della legge, ognuno vada a caccia come desidera ma, per piacere, non degradiamo sempre la caccia a mero aspetto tecnologico. Noto sempre di più che si sponsorizzano mimetiche in goretex, ottiche avveniristiche con minicomputer incorporati, telemetri, bipedi, armi da sniper in sintetico, insomma attrezzatura da guerra. Cosa ne è rimasto e cosa c'entra la caccia con tutto questo? Non vogliamo proprio sbagliare? E non mi si dica che questo evita ferimenti e permette abbattimenti puliti perché non è vero in quanto si aumenta sempre di più il limite e poi - si sa come vanno queste cose - si "provano" tiri impossibili, oltre che fuori norma, anche del tutto anti etici. Andare in montagna o nel bosco, secondo me, è come andare in chiesa... non in un sobborgo dell'afghanistan. Servus

da Tiroler  22/04/2011 8.31

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

la foto fa semplicemente ridere...! Quel "coso" li non è praticp per nulla...serve un saccehtto con il riso a con la sabbia...( certo pesa) ma con quel ciaffo sai le padelle!! ah aha bhe se tirate a 100 metri potete farlo anche a mano libera ..ma dai 350 ai 450...con robo...la palla chissa dove va...ah ah ah! ma questo spara mai alle lunghe distanze?? per me no! ... forse è meglio che si concentri sui cinghiali in battuta...e lasci la lunga distanza a chi ci sa fare ... e non proporre delle castronate el genere ! come nella foto...saluti

da mart  31/01/2011 14.51

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

Concordo perfettamente con Marco.
L'etica, a caccia, non sta tanto nel vestito in loden, nell'offerta dell'ultimo pasto e/o nella stretta di mano col cappello nell'altra: non c'è etica se non c'è tiro coscienzioso.
Quando spariamo spegniamo una vita: dobbiamo farlo con la massima efficienza e nel massimo rispetto dell'animale avvalendoci di qualunque attrezzo utile per raggiungere lo scopo massimo.
La foto in apertura poi "parla" da sola...non c'è alpenstock che tenga.
Weidmannsheil!

da Sauer  09/11/2010 11.02

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

Sono del tutto dacordo con Marco su quanto risponde al Fabio.
Ciò detto, dobbiamo anche dire un'altra cosa : ragionamenti ineccepibili, sono il primo ad apprezzare (ed usare) il bipiede, sacchetti e quant'altro.
Tutoo perfetto : se tiri da un'altana ... !
Se vai alla cerca, a piedi ... La musica cambia, e tanto, anche.
Li bipiedi, monopiedi posterioeri e tutto il resto diventano inutili : l'unica cosa che ho trovato utlissima, e che uso da anni, è un bel bastone telescopico in alluminio con una forcella sopra l'impugnatura.
Costa un'eresia, l'ho trovato solo in Germania (via Internet) ma vale tutto quel che costa.
Un abbraccio ed un in bocca al lupo a tutti

da OLD_HUNTER  05/11/2010 12.08

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

Caro Marco,

sono d'accordo con te, l'esasperazione della lunghezza del tiro, oltre che controproducente per il tiro
stesso non mi trova d'accordo, eticamente parlando.
proprio per questo non accolgo con entusiasmo tutti quei ritrovati che permettono tiri troppo lunghi
per i miei standard, 250 metri per me sono anche troppi, ho fatto caccia dall'altana e caccia alla cerca
in Scozia, ed al massimo ho tirato a 180 metri. Credo che sia il limite abbastanza giusto per mettersi alla prova (camoscio escluso) e per effettuare un tiro eticamente valido con i mezzi, gia' sofisticati, messi a disposizione da una buona carabina e da un'ottica non esasperata, poi il resto ce lo deve mettere il cacciatore.....

cordialissimi saluti

Fabio

da Fabio Guidi  05/11/2010 10.53

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

Carissimo Fabio,
Se quando devo "tirare il grilletto" per abbattere un animale, spero anche di sbagliarlo, allora tanto varrebbe rinunciare al tiro, giusto? Il problema è un'altro, si parla tanto ti tiro "etico" entro i 200 - 250 metri e poi si sponsorizzano le gare a 600 mt e si pubblicizzano le ottiche a 30 ingrandimenti. Ammettiamolo, si spara sempre più lontano e si ricorre TROPPO spesso al cane da sangue. Si parla anche MOLTISSIMO di Colpo Giusto (ne ho discusso con colleghi ed amici anche in tv su SKY) e di dove indirizzarlo. Io cerco di usare e di consigliare accessori che aiutino in tiratore "medio" ad eseguire abbattimenti netti e puliti anche a buona distanza. Lo scatto automatico del grilletto? In molti usiamo scatti diretti da competizione da pochi etti, credi che dovremmo vergognarcene? Ripeto, quando un cacciatore DECIDE di tirare il grilletto per abbattere, deve essere sicuro di quel che fa. Se ha dei ripensamenti, non dovrebbe impugnare l'arma, magari dovrebbe ritentare un'altra volta. Un abbraccio
Marco.

da da Marco Benecchi  05/11/2010 7.25

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

....che svilire ed impoverire l'atto venatorio in se'.

mi scusi il refuso.

F.

da fabio guidi  04/11/2010 17.19

Re: L’APPOGGIO POSTERIORE. “Alla ricerca dell’immobilità perfetta”

caro Benecchi,

a quando la ricerca automatica del bersaglio e lo scatto sempre automatico del grilletto ?

Per quanto interessanti, trovo questi marchingegni piu' adatti al tiro sportivo che a quello venatorio,
dove una continua ricerca di nuove tecnologie che tendano ad escludere la fallibilita' dell'elemento
umano, non fanno altro, a mio modestissimo parere, di svilire ed impoverire l'atto venatorio in se'.

Cordialissimi saluti

Fabio Guidi

da fabio guidi  04/11/2010 17.18
Cerca nel Blog
Lista dei Blog