Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Toscana, approvata caccia in deroga a storno, tortora dal collare e piccioneArci Caccia Pistoia "se non si fa manutenzione Padule di Fucecchio a rischio"Marche: ok a modifiche legge sulla cacciaPresentati gli emendamenti sulla caccia al Decreto AgricolturaLazio: approvato Calendario Venatorio 2024 - 2025Emilia Romagna: annunciato nuovo bando depopolamento cinghiali Lombardia, in arrivo il Piano straordinario controllo fauna selvaticaVerdi e animalisti sconfitti in UE: perdono un quarto degli europarlamentariMarche, approvati piani caccia selezione al cinghiale 2024 - 2025Adottata la Legge per il ripristino della Natura in UeVeneto: Confavi, Acr, Italcaccia, Acv criticano Calendario VenatorioApprovato Calendario Venatorio Veneto 2024 - 2025Richiami vivi, Arci Caccia Pistoia avanza richieste di modificaFidc Brescia: da Regione un chiarimeno sui richiami viviPiani contenimento cinghiale, Coldiretti si mobilitaInterrogazione PD a Lollobrigida "che fine hanno fatto i piani straordinari sul cinghiale?"Lombardia: nuova ordinanza per depopolamento cinghialiFrancia: equivale a 108 mila posti di lavoro il volontariato ambientale dei cacciatoriConsigliera Gibertoni in Emilia R. chiede di cancellare a caccia alla volpePubblicato Calendario Venatorio 2024 - 2025 dell'Emilia RomagnaEmilia Romagna: presentato nuovo regolamento ungulatiAbruzzo: chiesta in Regione modifica Calendario Venatorio 2024 - 2025 Decreto Agricoltura, riprende l'esame in Commissione al SenatoArci Caccia: "dopo estromissione cacciatori il Lago di Porta sta morendo"FACE: "impatto caccia sulla tortora potrebbe essere sovrastimato"In Umbria ancora incertezza sulla caccia alla tortoraRappresentatività negli ATC: Tar Abruzzo solleva incostituzionalitàEuropee: il peso elettorale dei cacciatoriArci Caccia: più chiarezza sulla questione tortoraEuropee: FDI primo partito. Fiocchi e Berlato rielettiAcma: cacciatori fondamentali sentinelle contro aviaria Spagna: Parco nazionale in degrado dopo divieto caccia. Presentata denuncia in UEFACE: "Voto Europee decisivo per la caccia"Bruzzone presenta gli emendamenti sulla caccia al Decreto AgricolturaACL segnala i candidati lombardi Mantovani e InselviniMinistero Ambiente convoca riunione urgente con Ispra sulla caccia in derogaDiniego Ispra "piccole quantità" deroghe. Fiocchi chiede intervento Ministro FratinUmbria, PSA: Puletti e Mancini annunciano audizione di agricoltori e cacciatoriAssessore Beduschi (Lombardia) "con Ispra di fronte a muro ideologico"Caccia in deroga, Bruzzone chiede commissariamento di IspraBASC: nel Regno Unito la caccia vale 9,3 miliardi di sterlineSparvoli contro Alleanza Verdi Sinistra "protagonisti di decenni di assenza di gestione"La Caccia nei programmi delle Elezioni europee 2024Bruzzone: Inaugurata la chiesetta dei cacciatori a Stella Santa GiustinaFidc "sulla tortora dagli animalisti solo ideologia"Marco Bruni nuovo Presidente di Fidc Lombardia3323 cinghiali prelevati in BasilicataConvegno Macerata su caccia e ricerca scientificaBruzzone "basta fake news sulla caccia"Belgio: Con l'approvazione della Caccia, aumentano anche le aree venabiliCalendario Venatorio Marche, soddisfazione dalle associazioni venatorieAbruzzo, le AV: "calendario venatorio punitivo. Tutto da rifare"Studio scientifico: Proteggere gli habitat più importante che limitare la cacciaLazio, circolare Regione su controlli trichinellosiCaccia Tortora, Buconi (Fidc): "Gestire senza vietare"Lorenzo Bertacchi lascia la guida di Fidc LombardiaApprovato Calendario Venatorio Piemonte 2024 - 2025Interrogazione Puletti in Umbria sulla tortora: si segua esempio MarcheToscana: approvato Calendario venatorio 2024 - 2025 caccia cinghialeRegione Toscana approva Piano caccia capriolo 2024 - 2025Andrea Cavaglià spiega la caccia nel Podcast Bazar AtomicoCaccia Tortora, la lettera di diffida degli animalistiEmilia Romagna: in Commissione ok al Calendario Venatorio 2024 - 2025Incontro CPA sulla caccia in LombardiaAnuu Piemonte: su PSA bisogna accelerareStudio europeo dimostra ruolo cruciale dei cacciatori nella conservazione della tortoraUmbria: ok in Commissione alla caccia di selezione 2024 - 2025Buconi: Ispra si doti di moderni strumenti per monitorare i flussi dell'avifauna Marche: approvato Calendario Venatorio 2024 - 2025Eos Show 2025: appuntamento a febbraioBolzano: Ufficio fauna selvatica cerca volontari censimento pernice biancaFidc BS: nessuna sorpresa da Ispra su Calendario Venatorio LombardiaProliferazione cinghiale Puglia: Gatta (FI) interroga il GovernoLibera Caccia pronta a seguire l'esempio dei cacciatori francesiQuestione caccia tortora sui tavoli della Regione UmbriaSulla caccia continua vergognosa disinformazioneLiguria, approvato emendamento su prelievo cinghiali oltre orarioVaccari (PD) "per tutela biodiversità servono anche scelte difficili"Giornata Biodiversità: Fidc "serve approccio nuovo alla gestione"Calendario Venatorio Marche 2024 - 2025 in dirittura d'arrivoIl Senato inizia l'esame del Decreto AgricolturaLiguria, approvate modifiche su anelli richiami vivi e foraggiamento cinghialeDopo stop cacce tradizionali i cacciatori francesi sospendono la caccia al cinghialeGiovani e caccia, in Inghilterra si punta sulla formazione scolasticaCampania, Circolare per i cacciatori di selezione al cinghialeAssemblea nazionale Anuu "Caccia: una passione al servizio della società"Cacciatori veri ambientalisti: continuano le iniziative dei paladini

News Caccia

Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni


mercoledì 25 agosto 2010
    
Riceviamo e pubblichiamo:
 
Leggendo Il calendario venatorio 2010/11 della Provincia di Arezzo ci accorgiamo che presenta alcune novità rispetto agli anni scorsi. In ordine cronologico si possono riassumere nei seguenti punti:
 

  1. Riduzione del periodo per l’allenamento e addestramento dei cani, che parte dal 21 di Agosto e non, come sarebbe previsto dalla Legge Regionale dal 15.
  2. Anticipazione dell’apertura al cinghiale già dalla terza domenica di settembre sia nelle aree vocate sia in quelle non vocate;
  3. Chiusura anticipata all’8 Dicembre per la femmina di Fagiano.
  4. Chiusura anticipata al 15 gennaio per la caccia alla Beccaccia.

Pur comprendendo le enormi problematiche del territorio aretino (di cui una buona percentuale è vincolata a divieto di caccia!) siamo stupiti di come alcune di queste decisioni sono in realtà piuttosto inutili e fini a se stesse.

In particolare ci chiediamo che scopo ha ritardare l’allenamento dei cani di una settimana? Capiamo bene che, nel periodo estivo,ci possono essere delle problematiche legate alla giovane età della selvaggina, in particolar modo del fagiano ma, vi siete mai chiesti quanto può crescere un pulcino di fagiano in una settimana? Sicuramente non abbastanza da poter attuare strategie difensive migliori nei confronti dei cani….

Tale limitazione però viene a cadere in una annata particolare, visto che, dopo la recente approvazione della nuova normativa regionale, ogni cacciatore può allenare il proprio cane solo negli ATC di appartenenza, amplificando così tale limitazione per i cacciatori iscritti agli ambiti provinciali, che si vedono penalizzati rispetto a quelli di altre province.

Per quanto riguarda l’anticipo del periodo di caccia al cinghiale al 19 di settembre, ci auguriamo che il rapporto costi/benefici di tale decisione in termine di sicurezza per cacciatori e cittadini rimanga ai più alti livelli; per quanto riguarda l’incremento delle popolazioni di questa specie riteniamo che, senza un allargamento della caccia all’interno delle aree protette ogni misura intrapresa verrà vanificata dalle capacità del cinghiale di sfuggire alla pressione venatoria rifugiandosi al loro interno per poi colonizzare nuovamente i territori esterni.

Per le chiusure anticipate al fagiano femmina ed alla beccaccia,si pongono alcune domande che vorrei porre a coloro che sono preposti alla gestione del territorio:
 
  • Ci sono delle popolazioni di fagiano tali da soddisfare le oneste aspettative venatorie dei cacciatori aretini all’interno dei loro ambiti?
  • Ci sono delle popolazioni con densità ottimali nelle ZRC?
  • Ci sono dei dati dai quali scaturisce la necessità di una chiusura anticipata alla beccaccia?

In mancanza di esaurienti risposte a questi quesiti, come cacciatore, mi sento discriminato e penalizzato da parte di una Amministrazione che non tiene conto del mio diritto di esercitare la caccia  e che, tanto mi concede nella speranza di risolvere il problema dei cinghiali, ben sapendo che le misure intraprese sono solo dei pagliativi che consentono di rimandare ad altri tempi la  vera soluzione del problema.
 
Maurizio Montagnani
Presidente regionale toscano C.P.A

 

Leggi tutte le news

21 commenti finora...

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

ANDATE A VEDERE I CALENDARI VENATORI EUROPEI SUL SITO DELLA FEDERCACCIA E MEDITIAMO MEDITIAMO E POI DICONO CHE IN ITALIA ABBIAMO CALENDARI TROPPO PERMISSIVI GUARDATE A COSA POSSONO SPARARE ALL'ESTERO DIVULGHIAMO.

da PAOLONE 69 27/08/2010 14.29

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Hai mille ragioni Paolo, basta con questa politica venatoria che ha dimezzato i cacciatori nel nostro territorio: Dobbiamo essere onesti e dire che sia 157/92 che la 3/94 hanno distrutto la nostra passione.

da Maurizio 26/08/2010 16.11

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

dici bene gianni dal prossimo anno ce ne sarà uno in meno , IO ,perchè dopo42 anni di porto darmi mi sono rotto i c.........! con questa ultima legge regionale siamo arrivati alla frutta,basta pagare e si va da tutte le parti, non paghi ti lecchi le dita. BASTA da me i soldini non ne beccano più ne ATC ,ecc ecc.

da paolo 26/08/2010 14.57

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Per cacciare bene e con soddisfazione in Toscana dovrebbero essere, al massimo, 30.000 cacciatori

da GIANNI 26/08/2010 13.21

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Complimenti a poiana e verremaremmano; giustissimo cio che dite; le leggi e i regolamenti non si fanno a tavolino ma scendendo nelle valli, praticando questa meravigliosa cultura chiamata caccia, che qualcuno o molti vorrebbero..............farci mettere il fucile al chiodo. Concludo dicendo a Daniele che oggi i cacciatori toscani sono diminuiti di oltre 100 mila unita in 10/15 anni, qualche problemino ci sarà o dobbiamo mettere il capo sotto la sabbia, e poi come mai tanti cacciatori aretini hanno come seconda atc quella di Siena?

da maurizio 26/08/2010 10.27

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

attacco sgangherato di chi non conosce niente ma vuole parlare lo stesso per fare cassa……… 1- addestramento cani: una settimana più o meno non solo non fa danni, ma protegge quelle povere bestie di qualità infima, grazie al disciplinare ARSIA e C. 2- l’apertura generale per l’intera stagione venatoria (terza domenica di settembre-31 gennaio) al cinghiale è stabilita nella legge regionale del calendario venatorio: non ve ne eravate accorti ? e poi bene..via i cinghialai che vogliono prima fagiani e lepri , poi cinghiali; 3- da dieci anni ad arezzo il fagiano chiude l’8 dicembre: conferma la conoscenza delle situazioni; 4-la chiusura del 15 gennaio alla beccaccia è uno dei key concept della comunitaria ed è fatta bene: poi dovrebbero vietare il beeper! se fossimo veramente cacciatori e non sparatori….non sapere le cose….. 5- ad arezzo nelle zrc non ci sono cinghiali, ma lepri e fagiani…chiedete le catture ai comitati e vedrete… 6- le zone di divieto (ZRC comprese) sono il 21% della SAF: il minimo di legge, altro che buona parte del territorio…. 7- solo ad Arezzo i danni del cinghiale sono calati del 35% in tre anni…grazie ai cacciatori, e non agli pseudo esperti …….

da daniele 26/08/2010 8.38

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

io penso che gianni nn conosca le becche!sai perchè nn ci sono? perchè è una caccia di fatica e poca ciccia!!! e i cani nn basta addestrarli nelle zac su animali che puzzano di "pollino", tuttaltro, al 31-12 iniziano ad esserci le becche che scendono nei piani visto che le montagne sono innevate....ma nn sempre, questo è il punto che fa discutere su qualsiasi tesi ispra e di calendario venatorio. p.s resta il fatto che i pennaioli aretini, hanno circa un mese e mezzo di caccia in meno, mi dispiace profondamente e nn sono contento per nulla!!!!oggi ai pennaioli domani a chi?

da verremaremmano 25/08/2010 18.56

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Gladiatore datti ... ad un altro sport che la caccia non è il tuo! Le prove dei cani non fanno male alla specie, anzi insegnano alle prede come salvarsi.In caso contrario il primo gg di caccia tutti i giovani nati sarebbero alla mercè dei cacciatori.Come i vecchi dicevano si abituano ai cani e sanno come cercare di non farsi prendere.La caccia non è uccidere ad ogni costo! Per quello che riquarda la beccaccia caro amico Gianni, ripeto non è 15 gg o 30 gg che fanno la differenza! La differenza la fa che nessuno vada in 4/5 persone perchè da soli o max in due è molto più difficile abbatterla che in molte persone che accerchiano il cane in ferma! Il buon senso ci vuole non i divieti!

da poiana68 25/08/2010 18.10

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Io vieterei il portare in giro i cani dal 15 agosto, primo si fa si che la poca stanziale in giro si rifugi nelle afv, nei parchi, nelle zrc , se hai un cane maturo non serve l'ho fai camminare con te , se hai un cucciolo l'ho devi portare alle zac, oramai siamo al punto di non ritorno e siamo noi che dobbiamo cambiare, i cinghiali sono i primi distruttori di cove ,nidi e selvaggina terricola in genere, ridurre ,ridurre la specie cinghiale ai minimi termini altrimenti niente quaglie ,starne ,lepri e fagiani .

da gladiatore 25/08/2010 16.24

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Le beccacce sono in diminuzione, come si legge in tutti gli studi fatti sulla specie. Chiuderla il 31/12 può significare salverne qualcuna per l'anno dopo. Io inoltre proporrei il ritiro del porto d'armi per chi fa la posta e il divieto di caccia all'estero dopo il 31/12.

da GIANNI 25/08/2010 15.52

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Senti caro Gianni,vorrei chiederti senza che ti incazzi,ma tù 20 anni fà quando alla beccaccia si andava fino a Marzo ,non mi dire che tù non ci andavi?Ora vogliono chiuderla a metà Gennaio.Secondo mè non è giusto,non sò tù

da giuseppe69 25/08/2010 15.42

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

il bip elettrico da noi alle becche? io credo dia più noia il piombo! l'Italia è un grande Paese: ognuno è favorevole ai sacrifici venatori.....degli altri!!

da GIANNI 25/08/2010 15.31

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Leggo con rammarico commenti vari di ... "cacciatori", così almeno si spacciano, su chiusure di specie e su presunti cali di selvaggina. Se leggessero le ca__ate che dicono i veri Cacciatori, quelli che 20 anni fa avevano 60/70 anni, si sconvolgerebbero. La gestione della fauna al mondo di oggi è un dovere prima di tutto dello stesso cacciatore ma va fatta scientificamente e misuratamente alle realtà odierne. Francamente chiudere la beccaccia 15 gg prima per "evitare che se ne uccida troppe" è una vera cazzata.Sono altri i mali della beccaccia (vedi bip elettrico e soprattutto squadre di 5/6 persone.Come vedo male la caccia alle allodole con le gabbie! Ma una sana gestione viene solo da persone che pensano con la testa e soprattutto non da ambientalisti che nulla sanno di tutto quello che parliamo. Sarebbe un discorso troppo lungo. Mi limito ad un saluto amichevole.

da poiana 68 25/08/2010 15.14

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

gianni se nn ci fossero, nn ci sarebbe bisogno di chiuderla basterebbe saper fare i ripopolamenti! sarebbe un pò come per le tortore. se i cinghiali sono un problema, sono solo per gli agricoltori, nn per la regione che nn paga gli indennizzi, e nn sono un problema per i cacciatori di cinghiale che hanno di che cacciare!!!! o per i selecontrollori di che cacciare x molto più tempo di noi cacciatori. buona giornata. p.s. gli struzzi hanno la testa sotto terra:chi sono oggi? io dico che ci sono!

da verremaremmano 25/08/2010 12.13

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

parlando in soldoni, la selezione e gli ungulati, sono un ricavo ulteriore per la regione, i beccacciai i pennaioli e tutti i migratoristi, oltre a pagare, nn portano ulteriri benefici che le ingenti tasse ma sono solo soldi da gestire....ne consegue che le fagianine e le beccaccine sono poverelle! bella questa regione che incontra le assocazioni ambientaliste con i suoi esponenti(vedi editoriali big hunter) poveri coglioni che gli crediamo ancora!tanto verranno dall'umbria e dall'alto lazio per fare cassa!oggi arezzo domani tutta la toscana dopo domani tutta l'italia!!!!!p.s i beccacciai danno noia ai cinghialai quando gli animali devono essere parati con la neve, ma qualche professore nn lo sa, è rimasto ai fagiani pronta caccia o agli zrc stabellati e ritabellati lungo il confine per nn fare prelievi e catture!!!!

da verremaremmano 25/08/2010 11.56

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

O verremaremmano ma che senso ha lamentarsi se chiudono la caccia alle fagiane 20 giorni prima se le fagiane le un ci sono??? Allora lamentati che un ci fanno tirare allo struzzo!

da GIANNI 25/08/2010 11.52

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Massimo il problema cinghiale è vero esiste!!! Ti posso assicurare però che è presente anche dove le squadre fanno la rotazione. Per quanto riguarda le ZRC hai ragione i cinghiali non ci devono stare!! Anche i regolamenti parlano di eradicazione e cosi deve essere se vogliamo fagiani e lepri!! Ti posso diri che io abito in un zrc prov. pisa dove vengono assiduamente cacciati i cinghiali (sia all' apetto, in questo periodo per esempio che in braccata) e i risultati si vedono...i fagiani (grazie anche a culture a perdere, biologico e sorveglianza da parte di tutti e non solo le "guardie") e lepri ce ne sono si catturano, si immettono in terreno libero, e l' anno dopo....ci risono (ovviamente qualche anno di più qualche anno un pò meno). Saluti

da SPRINGER TOSCANO 25/08/2010 10.33

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Massimo concordo sui cignalai e sulla rotazione delle zone di caccia. Per i fagiani se non ci sono, come dici te, che danno può fare un divieto di caccia? Per le becche all'estero, sono altri numeri. In Italia vengono abbattute molte più beccacce (in totale) che in Crimea. E comunque non può essere una giustificazione dire "tanto all'estero le sterminano, sterminiamole anche noi..." Il problema cinghiale, volpe ecc. è invece risolvibile ed uno dei mezzi è quello che hai suggerito te, un altro potrebbe essere quello di rendere il cinghiale abbattibile a tutti i cacciatori come era 40 anni fa.....non si capisce bene perchè un animale che fa danni debba godere del privilegio di essere cacciato solo da alcuni...o meglio, la ragione è solo politica...

da GIANNI 25/08/2010 10.29

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Rispondo a Gianni , i concetti sono tutti giusti , ma sono inapplicabili per la situazione venatoria attuale , tieni presente che l'unica selvaggina che prospera sono gli ungulati e se ci pensi bene è l'unica che non viene gestita dalla provincia o dagli ATC , sono i cacciatori che si impegnano , soprattutto illegalmente , vedi il foraggiamento dei cinghiali che nonostante sia vietato viene costantemente effettuato dalle squadre senza che la provincia prenda provvedimenti , daltronde le squadre sono serbatoi di voti politici e guai a toccarle. Per i fagiani è inutile porre divieti nei territori cacciabili quando nei ripopolamente non ci sono più animali che covano grazie ai cinghiali , in effetti le ZRC sono diventate i riservini dei cinghialai " e nessuno prende provvedimenti " , per la beccaccia è la stessa cosa è inutile limitare la caccia in Italia , quando nei paesi di nidificazione viene praticamente cacciata tutto l'anno sia dai turisti venatori che dai locali che le vendono congelate ai caciatori che non sono stati capaci di fare carniere. La soluzione è facie ma inapplicabile per il motivo che ti dicevo prima la politica e i voti , basterebbe mettere la rotazione per le zone vocate e poi vedrai che sparirebbero i riservini le governe e nel giorno di 2/3 anni i cinghiali tornerebbero ad un numero accettabile con i conseguenti benefici per tutti gli altri tipi di selvaggina e per l'agricoltura .

da massimo 25/08/2010 10.19

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Vedo finalmente con piacere che qualcuno ha commentato la ridicola " NOVITA" del calendario aretino , voglio precisare caro Presidente che le sue osservazioni le avevo già fatte , informalmente , non avendo alcun titolo per farle formalmente ad alcune persone preposte proprio alla redazione del calendario e nessuno dico nessuno mi ha saputo dare una spiegazione per tali decisioni , se non che per i fagiani erano state notate molte covate tardive e pertanto non era opportuno insidiarle con i cani . In merito posso affermare che da sabato 21 sino a ieri 24 , non ho avuto il piacere di trovare nessuna delle famigerate giovani covate , ritengo che di fagiani , come del resto negli anni passati non ci sia nemmeno l'ombra dei "nonni" . Per la beccaccia nessuno mia ha sputo dire il motivo di tale decisione , ma vista la totale incompetenza della gestione faunistica della provincia di Arezzo non me ne stupisco affatto .

da Massimo 25/08/2010 10.05

Re:Calendario venatorio Arezzo: novità e limitazioni

Posso cercare di ragionare... 1-Ritardare l'allenamento dei cani significa lasciar cacciare in santa pace una settimana in più i cacciatori di selezione che devono SFOLTIRE gli ungulati presenti 2-Aprire al cinghiale la terza di settembre E' sacrosanto: fino ad oggi i cinghialai SPAZZOLAVANO tutta la stanziale la prima settimana andando con 20 cani in battuta a fagiani e lepri e poi si dedicavano al cinghiale 3-Ottima cosa chiudere PRIMA alla femmina di fagiano...io sarei per non aprirla mai, come negli USA e come nelle riserve padronali di un tempo 4-La becca è in grossa difficoltà. Direi che ha fatto bene la Prov. di Arezzo e male il CPA a scrivere.

da GIANNI 25/08/2010 9.58