Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Umbria: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Francia, nuovi MinistriToscana. Cinghiale in braccata aree non vocate, piani cervidi e mufloneApprovato Calendario venatorio 2020 - 2021 BasilicataTar Abruzzo: improponibile questione di legittimità su aree contigueUmbria: gli agricoltori potranno abbattere cinghiali senza guardie venatorieToscana. In cantiere la legge sulla cacciaLivorno. Arcicaccia chiede modifiche per il caprioloCct: depositate osservazioni regolamento Padule di FucecchioMoriglione e Pavoncella. CCT sulla sentenza del Tar toscanoPiemonte. PagoPa per le concessioni regionaliUe. Conferenza Intergruppo sulla biodiversitàUmbria. Atteso parere Ispra su calendario venatorioBruzzone (Lega) "Conte non escluda mondo venatorio, chiarisca"Campania: approvato Calendario VenatorioPiemonte. Ok a modifiche sulla cacciaToscana. Piano controllo cornacchia e gazzaFrancia. Vincono i verdiLivorno. Cct incontra selecontrollori e capi squadraIl Governo impugna la legge del Molise sulla cacciaCaretta: basta ritardi sulla caccia in derogaLega commenta questione Piemonte e Stati GeneraliPiemonte. Stralciate norme caccia da ddl OmnibusCalendario venatorio Campania: richieste modifiche Trento. Cinghiale sotto controlloCalabria. Verso la modifica della leggeCabina Regia: errore escludere il mondo venatorio da Stati GeneraliEnalcaccia. Stati generali o particolari?Bruxelles, dove si decide il nostro futuroArci Caccia: "Stati Generali con animalisti? No grazie!"Eps Campania: no alle limitazioni di IspraCinghiale. Protestano le squadre umbreVicenza. Patto fra cacciatori e agricoltoriVeneto. Berlato chiede piena applicazione mobilità venatoriaStati Generali. Animalisti all'attaccoLombardia approva deroga per storni e colombiToscana. Ripartono gli esami per la licenza di cacciaVenezia: cacciatori per la lagunaUmbria. Rinviata ancora la selezioneFrancia. 100 deputati firmano un appello per le cacce tradizionaliVeneto: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Piemonte. E' blitz anticaccia in consiglio regionale Regione Lombardia individua valichi migratori in provincia di BresciaRolfi: ora attuiamo nuova legge per contenere i cinghialiCaretta: "finalmente chiarezza sul rinnovo del Porto d'Armi"Uncza annulla assembleaAnuu Emilia R. e Anuu Veneto unite contro il Covid 19Umbria: Arci Caccia sollecita la Regione sulla stanzialeUmbria. Slitta la selezioneLiguria. Assessore Mai "I cinghiali se li prenda il Ministro Costa"Piemonte. Animalisti in allarmeLucca. Enalcaccia dice no al tesserino elettronico per lo stornoCuneo. Perplessità di Anlc su selezione al cinghialePiemonte. Dal 1 luglio il tesserino si paga con PagopaToscana. La Regione incontra le associazioni venatorieBerlato sulle cacce in derogaPer la starna forum al MezzanoPavoncella Moriglione. Bruzzone interroga il Ministro CostaAbruzzo. Caccia al cinghiale in selezioneTrump e la caccia in AlaskaVeneto. Ignoranza animalistaAosta. I cacciatori protestanoToscana: si sollecitano risposteDreosto. La Corte dei Conti europea boccia l'attuale PacLombardia. Proroga iscrizione Atc e CacIniziativa Costa. Arcicaccia amareggiataBiodiversità, Fiocchi "Commissario Sinkevicius riconosce ruolo strategico dei cacciatori"“Selvatici e Buoni”: le schede nutrizionali degli ungulati a cura di Fondazione Una

News Caccia

157: ecco l’eptalogo - Primi appunti per un aggiornamento dei testi legislativi – chiave


lunedì 15 settembre 2008
    
fidcAllo scopo di favorire il dibattito sull’auspicata modifica della legge sulla caccia, questa redazione pubblica il cosidetto eptalogo messo appunto da Federcaccia, sul quale si parla di convergenza abbastanza diffusa anche da parte di altre associazioni venatorie.
Prossimamente cercheremo di approfondire la questione.

 

1. Fermo restando che l’impianto complessivo della legge n. 157/92 è più che mai attuale al punto di costituire un riferimento avanzato di pianificazione e programmazione del settore faunistico – venatorio, un impegno particolare deve essere profuso per adeguarlo agli obbiettivi imposti e alle opportunità offerte da Rete Natura 2000, con particolare riguardo alla biodiversità, che rappresenta l’obbiettivo strategico riferito all’interno continente europeo. In questa prospettiva va aggiornata la definizione di territorio agro – silvo – pastorale dell’art. 10 e rivalutata la pianificazione faunistico – venatoria.
2. Nell’ambito di tale pianificazione acquisisce uno speciale rilievo il concetto di gestione delle risorse faunistiche ed il prelievo venatorio diventa una modalità di fruizione di tali risorse compatibile con le finalità di salvaguardia della fauna selvatica (e di quella protetta in particolare) e di tutela degli Habitat, naturali o artificiali, in cui vive, sosta e si riproduce.
3. L’articolazione degli ambiti territoriali di caccia deve riflettere gli obbiettivi conservativi e di fruizione menzionati al punto precedente: ne deriva che dimensionamento e organizzazione ottimali di tali ambiti sono condizioni di una sana autogestione alla quale concorrono le rappresentanze dei cacciatori, agricoltori, ambientalisti ed enti locali.
4. Gli organismi direttivi degli ambiti, in quanto espressioni dirette degli interessi ambientali, naturalistici e faunistici, nonché di quelli territoriali, sono strumenti idonei a perseguire gli obbiettivi di Rete Natura 2000, e a sviluppare una apprezzabile competitività nella gestione, anche economica, degli stessi.
5. Il potenziamento del ruolo degli ambiti territoriali di caccia e degli organismi direttivi concorrerà a semplificare l’apparato organizzativo di aree regionali a vario titolo protette  (là dove gli ambiti si sovrappongano, anche parzialmente, ai relativi perimetri) nonché a ridurne i costi di gestione, svilupperà preziose sinergie anche culturali nei contesti locali in cui operano.
6. Mentre si conferma la centralità (statualità) dei valori ambientali, si reinvestono le regioni dei compiti di pianificazione – programmazione – organizzazione e della potestà normativa di dettaglio secondo i principi di sussidiarietà orizzontale e verticale, privilegiando, quale sede di confronto istituzionale, la Conferenza permanente Stato / Regioni e Provincie autonome.
7. L’aggiornamento normativa investirà, nella misura in cui ciò appaia necessario, il testo della legge 394/91 .

Leggi tutte le news

0 commenti finora...