Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Bilancio sociale Fidc "raddoppia impegno sociale dei cacciatori"Mazzali: animalisti distruggono un altro capannoToscana. Consiglio di Stato respinge ricorso animalistaAcma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Rete Natura 2000: revisione dei perimetri delle Zps in Provincia di Pesaro- Urbino


martedì 10 novembre 2009
    

La Giunta Regionale delle Marche ha adottato un provvedimento che prevede l'individuazione dei confini fisici e amministrativi previsti da Rete Natura 2000 in Provincia di Pesaro – Urbino. 

"Numerosi incontri tra Regione e Amministrazione provinciale di Pesaro-Urbino, l’ultimo lo scorso 14 ottobre – ha spiegato l’assessore regionale all’Ambiente, Marco Amagliani - hanno caratterizzato questa fase istruttoria per la revisione dei perimetri dei siti di Rete Natura 2000, il più importante strumento della politica dell'Unione Europea per la conservazione della biodiversità. Si tratta – ha aggiunto l’assessore – di un percorso per la migliore definizione della Rete già esistente ed accolta dal Ministero dell’Ambiente e Tutela del Mare e dalla Commissione Europea, evitando qualsiasi procedura di infrazione.“

In particolare l’atto approvato prevede modifiche al perimetro della ZPS Colle San Bartolo e litorale pesarese, escludendo la zona centrale della città; alla ZPS Calanchi e praterie aride della media Valle del Foglia sono state escluse le aree urbanizzate di Gadana (Urbino), Casinina (Auditore) e Ca’ Gallo (Montecalvo in Foglia). Per quanto riguarda la ZPS Esotici della Valmarecchia è stato escluso il centro abitato di Novafeltria.

Nelle Marche la Rete e` realizzata da 109 siti, di cui 80 SIC ( Siti di importanza comunitaria) e 29 ZPS, per una superficie complessiva di 136.888 ettari, tenuto conto delle superfici condivise da SIC e da ZPS, pari al 14% della superficie regionale. Delle 109 aree individuate, 11 sono localizzate sulla costa, 17 in ambito collinare e le rimanenti 81 nell`area montana. Nella Rete marchigiana sono stati censiti 51 Habitat di cui 13 sono considerati prioritari dall`Unione Europea per la conservazione della biodiversita` nell`intero continente. La rete si connette ed in parte si sovrappone alle 11 Aree Protette (Parchi e Riserve Naturali) istituite nelle Marche, per un totale di 88.759 ettari.

(Regione Marche)
Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Rete Natura 2000: revisione dei perimetri delle Zps in Provincia di Pesaro- Urbino

Con i soldi della comunità vogliono pagarsi le poltroncine e con i nostri i danni alle colture e quant'altro! Che bella attività a rischio zero non si rimette un centesimo!

da Francesko 11/11/2009 11.16

Re:Rete Natura 2000: revisione dei perimetri delle Zps in Provincia di Pesaro- Urbino

Solo nelle Marche 80 sic e 29 zps, di certo tutti con cotanto ente di gestione con: presidente, vice, vice del vice, consiglieri, vice dei consiglieri ecc ecc.. ecco perchè il wwf vuole altri soldi.Troppo danaro cari amici, poco possiamo fare.Saluti.

da Giovanni59 10/11/2009 20.20

Re:Rete Natura 2000: revisione dei perimetri delle Zps in Provincia di Pesaro- Urbino

X Marco (PE): leggi quello che ho scritto nella pagina riguardante l'Emilia Romagna: Consiglio di stato respinge ricorso di Lac, etc... Cordiali Saluti e, se posso, ti stringo la mano. Forza e coraggio, che, se siamo uniti, VINCIAMO!!!

da Girotto Luca 10/11/2009 15.55

Re:Rete Natura 2000: revisione dei perimetri delle Zps in Provincia di Pesaro- Urbino

Leggendo alcuni articoli contenuti nella 157/92 ho constatato che è consentito l'addestramento e l'allenamento di cani da caccia all'interno di parchi naturali o regionali,previo accordo tra le province e l'ente parco,in quanto non in contrasto con la conservazione delle specie. Che scandalo,le leggi ci tutelano ma vengono nascoste.Ripeto che le AAVV italiane se ne fregano .Dobbiamo riorganizzarci da soli.

da Marco(PE) 10/11/2009 15.03