Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Bilancio sociale Fidc "raddoppia impegno sociale dei cacciatori"Mazzali: animalisti distruggono un altro capannoToscana. Consiglio di Stato respinge ricorso animalistaAcma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura


lunedì 24 gennaio 2022
    
 
 
Alle interrogazioni a risposta immediata sul tema “peste suina, forme di contrasto e misure di sostegno al settore”, presentate in Commissione agricoltura della Camera da parte degli onorevoli Fornaro (LEU), Incerti e Cenni (PD), Ciamburro e Caretta (FdI),  questo il testo della risposta da parte del Ministero:

“Riguardo alle interrogazioni presentate mi preme anzitutto rilevare che la questione delineata è da tempo all’attenzione del Governo e del Ministero delle politiche agricole che, per rendere più incisivi gli strumenti di contrasto all’eccessiva proliferazione di cinghiali, ritenuti tra i principali vettori della peste suina africana, ha sviluppato un’azione propulsiva allo scopo di avviare diverse azioni in sinergia con le altre Amministrazioni coinvolte.

In tale contesto è emerso chiaramente come un’azione immediata, tempestiva e coordinata di monitoraggio e controllo risulti fondamentale per avere maggiori probabilità di contenere il contagio, atteso che la diffusione della malattia, soprattutto nelle fasi iniziali, può dipendere dalla densità delle popolazioni di cinghiali, oltre che dalla presenza di corridoi che consentono di superare eventuali barriere geografiche.

Come rilevato dagli Onorevoli interroganti, dopo il rinvenimento, a fine dicembre, di un cinghiale morto nei pressi di Ovada e l’accertamento della positività alla PSA di ulteriori carcasse, il Governo è intervenuto tempestivamente con un’ordinanza dei Ministri della salute e dell’agricoltura, con il coinvolgimento di MITE, Regioni, Province autonome di Trento e Bolzano, Protezione Civile, Forze di polizia ed istituti tecnici di supporto.

L’obiettivo primario è stato porre in essere ogni misura utile ad un immediato contrasto alla diffusione della PSA e alla sua eradicazione a tutela della salute, del patrimonio faunistico e zootecnico suinicolo nazionale e degli interessi economico connessi allo scambio extra Ue e alle esportazioni verso i Paesi terzi di suini e prodotti derivati.

Nel dettaglio, il provvedimento emanato vieta l’attività venatoria nella zona stabilita come infetta, salvo la caccia selettiva al cinghiale, nonché le attività sportive e ludiche, dalla pesca al trekking e al mountain biking.

Difatti, i tecnici hanno rappresentato in forma chiarissima come sia da sospendere ogni attività venatoria, in quanto ogni forma di disturbo favorisce lo spostamento dei cinghiali e di conseguenza la diffusione dell’epidemia di PSA.

La caccia di selezione al cinghiale è quindi ammessa quale strumento per ridurre la popolazione in eccesso e rafforzare la rete di monitoraggio sulla presenza del virus.

La vigilanza sull’applicazione delle misure introdotte è assicurata dai servizi veterinari delle Aziende sanitarie locali territorialmente competenti in collaborazione con le Forze dell’ordine. L’allerta è stata innalzata al massimo livello, intensificando la vigilanza sulle misure di biosicurezza nel settore domestico, con particolare riguardo a tutte le operazioni di trasporto e di movimentazione degli animali, di mangimi, prodotti e persone.

Per quanto concerne le azioni di contrasto alla diffusione della PSA è importante ribadire che, secondo l’ISPRA, le modalità di gestione di una popolazione di cinghiale nelle aree infette sono di tipo straordinario e completamente differenti da quelle ordinarie previste per le aree indenni. Tali modalità straordinarie sono definite dai documenti di indirizzo predisposti dalla Commissione europea ai quali gli Stati Membri devono attenersi.

Riguardo alla più ampia problematica delle criticità poste da alcune specie di fauna selvatica, indipendentemente dall’attuale emergenza in materia di PSA, il Governo concorda con la necessità di consolidare la figura del coadiutore ai piani di controllo ai sensi dell’art. 19 della legge 157/92, al fine di conferire maggiore capacità operativa gli enti preposti per il contenimento delle suddette problematiche e ribadisce la necessità che si operi esclusivamente attraverso modalità altamente selettive, escludendo qualunque ricorso ad azioni in braccata con segugi (da limitarsi strettamente al periodo di caccia ordinaria ai sensi dell’art. 18, comma 1, lett. d), della L. 157/92).

Per quanto ci riguarda, l’interesse fondamentale e assolutamente prevalente è quello di assicurare la massima tutela al patrimonio suinicolo nazionale e, in tale direzione, l’Ordinanza emanata consente alle attività produttive di continuare a lavorare in sicurezza, fattispecie che certamente rassicura riguardo alle nostre esportazioni.

In ogni caso, fermo restando l’intento di costituire una task force ministeriale ad hoc, abbiamo allertato il ministero degli Esteri per tranquillizzare i Paesi importatori di carne suina italiana circa la salubrità dei nostri prodotti.

Detto questo mi preme rilevare che il settore suinicolo, così come altri settori delle filiere agricole, è stato oggetto di particolare attenzione in questi ultimi anni con l’attuazione di specifiche misure per sostenerne lo sviluppo e gli investimenti.

Tra queste, ricordo l’istituzione del «Fondo emergenziale per le filiere in crisi» che prevede risorse a sostegno di alcuni settori delle filiere agricole, tra cui quelle dedite all’allevamento di suini. Detto Fondo, dopo un iniziale stanziamento di 65 milioni di euro, è stato incrementato portando la misura a 71,5 milioni di euro, di cui 38.5 milioni alla filiera suinicola.

Rilevo al riguardo che AGEA ha dato attuazione alla misura ed entro la fine di gennaio, terminata la verifica delle istanze che presentavano anomalie, l’intera procedura sarà completata.

Rappresento inoltre che, a seguito dell’intesa intervenuta in Conferenza Stato Regioni lo scorso 16 dicembre, è stato approvato lo Schema di decreto interministeriale del Ministro delle politiche agricole di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze che, a modifica del decreto ministeriale 7 aprile 2020, n. 3632, reca criteri e modalità di ripartizione delle risorse del Fondo nazionale per la suinicoltura con conseguente incremento delle risorse destinate al settore suinicolo e per il quale questa Amministrazione sta concludendo l’iter amministrativo ai fini dell’efficacia della misura.

Si tratta di un decreto che distribuisce altri 10 milioni di euro messi a disposizione dalla Legge di bilancio per la filiera suinicola: 3 milioni di euro per la promozione e comunicazione del prosciutto DOP, 1 milione per migliorare le modalità di determinazione dei prezzi delle CUN suinicole e 6 milioni per il benessere degli animali e la sostenibilità degli allevamenti.

Ricordo che detto Fondo è stato istituito per far fronte alla perdita di reddito degli allevatori di suini; garantire la massima trasparenza nella determinazione dei prezzi indicativi da parte delle commissioni uniche nazionali del settore suinicolo; rafforzare i rapporti di filiera nel medesimo settore; potenziare le attività di informazione e di promozione dei prodotti suinicoli presso i consumatori; migliorare la qualità dei medesimi prodotti e il benessere animale nei relativi allevamenti; promuovere l’innovazione, anche attraverso il sostegno dei contratti di filiera e delle organizzazioni interprofessionali nel predetto settore.

Riguardo all’opportunità, segnalata dagli interroganti, di procedere alla nomina di un Commissario straordinario per la stima delle ricadute economiche sui settori danneggiati e per i successivi ristori, faccio presente che il Governo, in questa prima fase, si sta concentrando principalmente sulle misure economiche immediate da intraprendere a sostegno delle imprese agricole danneggiate, direttamente o indirettamente, dall’epidemia di PSA; ovviamente, qualora la situazione dovesse mutare, potrà essere valutata anche l’opportunità di adottare modelli gestionali dell’emergenza differenti, ove necessario.

Assicuro che continueremo a vigilare sull’evolversi della situazione epidemica e, come già fatto in altre occasioni, ci faremo trovare pronti nell’individuare tutte le misure necessarie per fronteggiare l’emergenza”.




 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole. Per eventuali segnalazioni potete scrivere a [email protected]
Leggi tutte le news

10 commenti finora...

Re:Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura

ussignorrrr Fucino, non nominare il nome di Luca invano

da ..la REDAZIONE SENNO' TI BANNA 26/01/2022 18.17

Re:Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura

Pensa LUCA che NON cè pesta suina,vedasi le analisi fatte?????ora come la mettiamo??????????????????????

da Fucino Cane 26/01/2022 14.44

Re:Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura

50 milioni spediti in Liguria e 50 in Piemonte per fronteggiare l emergenza(solo 14 casi in un territorio cosi vasto..solo 14...chiamatela pure emergenza,che tanto vi conviene......)...Tutti questi soldi daranno la risposta a chi si chiede quale sarà il futuro della caccia.La cosa triste è che per far finire la caccia ,a marzo useranno i cacciatori per sterminare i cinghiali.....

da Ligure 25/01/2022 12.30

Re:Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura

Gli esami hanno accertato che i cinghiali di Polverara non avevano la peste suina Gli esami hanno accertato che i cinghiali di Polverara non avevano la peste suina La Spezia, 25 gennaio 2022 - I cinghiali trovati morti nei giorni scorsi nei boschi di Polverara, nel comune di Riccò del Golfo, non sono morti a causa della peste suina. La notizia ufficiale è arrivata ieri pomeriggio attraverso l’ufficio stampa dell’Asl 5 e certifica, per fortuna, che la ’zona rossa’ non si è estesa alla provincia della Spezia. Le analisi sul corpo di un solo cinghiale adulto (e qui non si capisce il perché, visto che il pensionato novantenne di Polverara ne aveva trovati di più), sono state effettuate direttamente dal laboratorio dell’istituto zooprofilattico di Torino, al quale vengono inviati tutti i campioni della zona del Piemonte, Liguria e Val d’Aosta. Di cosa è morto il cinghiale di Polverara analizzato? Questo non è stato reso noto, il comunicato si è limitato a dire che non si tratta di peste suina. Bene così, ci mancherebbe, ma l’ipotesi dell’avvelenamento resta valida. Anche perché se gli altri quattro cinghiali, un altro adulto e tre piccoli, non sono stati inviati per l’analisi è difficile fare raffronti.

da dedicato agli iettatori e ai gufi 25/01/2022 10.32

Re:Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura

Ci vogliono gli abbattimenti continuativi in tutte le aree identificate infette. Evitare che cinghiali e animali necrofagi possano far circolare il virus in altre zone. Vogliono la collaborazione dei cacciatori? Allora devono pagare pegno. O mollano qualcosa anche le istituzioni o zero collaborazione. P.S.: Luca. Tu quand'è che sparisci? Che lo facciamo noi il festone.

da Hunter74 25/01/2022 2.22

Re:Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura

Ogni occasione é buona per limitare o chiudere la caccia e poi, proprio in questo momento, é arrivata la richiesta dall'ATC di organizzare squadre per l'ispezione del territorio. Pronto a scommettere che qualche volontario lo troveranno dato che siamo ormai diventati una categoria di vecchi rincoglioniti.

da Frank 44 24/01/2022 19.00

Re:Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura

Sospendere l'attività venatoria in quanto ogni forma di disturbo favorisce lo spostamento dei cinghiali, i lupi invece non disturbano affatto i cinghiali quindi possono scorrazzare per la zona infetta senza creare alcun problema. basta prese in giro

da Mauro 24/01/2022 18.30

Re:Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura

Ecco subito Ispra: sospendere ogni attività venatoria nei territori interessati in quanto ogni forma di disturbo ne favorisce gli spostamenti. Ma non erano gli stessi che chiedevano i sottopassi nelle strade per farci passare i cinghiali senza pericolo per le auto? Siamo a decisioni cervellotiche e manicomiali. E a che punto siamo con gli stanziamenti per le sterilizzazioni? sono sempre 5 milioni di euro o sono aumentati? Intanto Draghi ha nominato Franco Frattini presidente del Consiglio di Stato (altro grande fan del suide). Tempi duri per i cacciatori.

da 1 toscano 24/01/2022 18.00

Re:Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura

Questi pensano che i cinghiali siano di marmo e pertanto non si spostino di un millimetro. E poi, se anche così fosse, ci sono altri animali che si spostano e possono cibarsi di carcasse di cinghiale, lupi, volpi, tassi, corvi, ecc.. Bisogna iniziare subito gli abbattimenti altrimenti l'epidemia non si ferma più, ammesso che l'obiettivo sia di fermarla.

da MarioP 24/01/2022 12.35

Re:Psa. Botta e risposta in Commissione Agricoltura

HANNO BISOGNO SOLO DI MONATTI PER RACCOGLIERE GLI APPESTATI. NEL FRATTEMPO CACCIA ABOLITA DI FATTO. NON PAGARE, NON COLLABORARE.

da CHI LO FA È COLLABORAZIONISTA DEL NEMICO 24/01/2022 10.59