Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Commissione Agricoltura Camera torna sulla Pdl Bruzzone martedì prossimoFidc: crescono le adesioni a "Paladini del territorio"L'Associazione dei Cacciatori danesi diventa membro di IUCNBuconi: "Regioni al lavoro sui Calendari Venatori, chiesta modifica Key Concepts italiani"Rimandata ancora discussione in aula della Pdl BrambillaPSA, censimenti e Intelligenza Artificiale. Focus a Longarone sabato 13Toscana, vicini alla distribuzione degli anelli per richiami viviPd reagisce ad accuse Enpa e ribadisce propria contrarietà a Legge BruzzoneDa Lega umbra un incontro su caccia pesca e agricoltura con l'On. CarloniIl punto di Enalcaccia sui lavori del Comitato Tecnico Faunistico nazionaleVandalismo animalista. Bruzzone interroga il Ministro "responsabili siano puniti"In Commissione Giustizia riprende l'esame della legge BrambillaAnche in Liguria arrivano gli incentivi per chi abbatte i cinghialiCommissione Agricoltura respinge altri emendamenti del M5SDepopolamento cinghiali, a che punto siamo? La Pietra risponde ad interrogazione del PDMa quale caccia libera!Valichi montani: respinta istanza contro divieto di caccia in LombardiaFACE: le modifiche alla PAC sono cattive notizie per la selvagginaFdI Veneto sollecita la Giunta sulla caccia in derogaCia Toscana su Piano faunistico "riportare fauna a livelli sostenibili"In Francia in 140 mila (40 mila bambini) all'iniziativa dei cacciatori per l'ambienteEmilia Romagna, Calendario Venatorio 2024 - 2025 come passata stagioneIn Campania 750 mila euro per bioregolatori cinghialeCalendario Venatorio Campania 2024 - 2025 va al Comitato Tecnico NazionaleRaid animalista nel bresciano: la condanna delle associazioni venatorieEcoterrorismo: Bruzzone interroga il Ministro Piantedosi sui fatti di Urago D'OglioPichetto Fratin "su Infrazioni Ue Caccia chiesta proroga di un mese"Caramiello, Cherchi, Costa (M5S): "in trincea contro proposta Bruzzone"Massardi (Lega Lombardia) condanna ennesimo atto vandalico contro i cacciatori Raid animalista devasta le strutture del Quagliodromo d'Urago d'Oglio (BS)Calendario Venatorio Campania 2024 - 2025, definite linee guidaBruzzone: "prosegue esame riforma 157, nessun emendamento M5S è stato approvato"Caretta (FdI): Cacciatori italiani e Cà Foscari per la ricerca nel mondo venatorioPresentata a Longarone "Caccia, pesca, natura" Emilia R. Pompignoli "ottimi segnali su nuovo Calendario Venatorio"In Commissione prosegue esame modifica legge sulla caccia (157/92)Liguria, nuovi criteri per ripartizione tasse cacciatori agli AtcAl Tg1 un servizio positivo sulla cacciaArci Caccia Massa Carrara: "no a divieto nuovi appostamenti fissi in area costiera"Umbria, consiglieri Lega chiedono più coraggio su Calendario Venatorio"Trasmissioni denigratorie", Cabina Regia Unitaria Mondo Venatorio chiede intervento RAI A Campagna Lupia l'evento "L'arte dei fischi a bocca"Arci Caccia Lazio commenta proposta Calendario VenatorioSu PSA Fidc Calabria interviene con il Commissario StraordinarioBruzzone "fermata in Commissione ennesima follia 5 Stelle su protezione topi, talpe e nutrie"Marche: approvato Piano operativo controllo cinghiale MacerataSparvoli "fuori l'attivismo animalista dalla Rai"Allargata zona di restrizione PSA Milano e PaviaNei Paesi Bassi si parla di inserire la protezione degli animali in CostituzioneRoma: "Iniziativa di Federcaccia per parlare di emergenza PSA"Caretta scrive alla Commissione di Vigilanza RaiCinque Stelle: "contro la legge Bruzzone siamo soli"Umbria, Consulta Calendario Venatorio. Puletti "si richieda caccia in deroga"Confagricoltura Emilia R.: contenimento cinghiali fermo per mancanza delle attrezzaturePeste Suina, cacciatori sempre più consapevoli della loro importanzaKey Concepts: Bruzzone chiede a Ministro Pichetto Fratin revisione dei dati italianiMercoledì 27 riprende l'esame della modifica della 157/92Dai referendum anticaccia alla lotta al "patriarcato" con l'antispecismoPrimi risultati Operazione Paladini del Territorio: I cacciatori donano 600 ore di volontariatoA "Indovina chi viene a cena" la solita portata anti cacciaCinghiale: CIA Puglia sollecita azioni concrete al tavolo della RegioneArci Caccia e Fondazione Una monitorano i rapaci a MassaMartedì una conferenza stampa alla Camera contro la proposta BruzzoneDl Brambilla, rimandato l'esame in aulaMarche, Presidente Consiglio Regionale accoglie richiesta pluralismo Arci CacciaAppello da 42 consiglieri lombardi al Governo: "ISPRA sia organismo scientifico e non politico"Fidc Lombardia: basta soldi della Regione ai Cras del WwfFACE: Prossimi passi per la conservazione e la gestione del lupo in EuropaBasilicata: ok dalla Giunta a nuovo Piano Faunistico VenatorioInammissibile la proposta di vietare importazioni trofei di cacciaGuardie zoofile, no a proposta Brambilla per vigilanza anche venatoriaPompignoli "serve contenimento cinghiali, uscire da immobilismo animalista"Lazio, presentate proposte su nuovo Calendario VenatorioIn Francia beccaccia di 11 anni catturata per la terza voltaCacciatori Danesi contro Ue: "eliminare requisito 4% farà perdere habitat per la selvaggina"Cia: "Cinghiali fuori controllo. Immobilismo per non scontentare gli animalisti?"Cpa invita Regioni a presentare richieste caccia in deroga ad IspraCabina regia Toscana: importante archiviazione su "atteggiamento di caccia"Face: "I francesi dicono sì alla caccia"Primo parere ufficiale sulla caccia del CTFVNIn via di commissariamento i 10 Atc lazialiTar respinge ricorso Arci Caccia su rappresentanza nel Comitato faunistico nazionaleBerlato: oltre 2500 cacciatori all'incontro sul calendario venatorioFidc: 4 tordi marcati hanno iniziato la migrazione

News Caccia

Fidc: in riforma Pac obbiettivi sotto le aspettative


mercoledì 11 novembre 2020
    

 
 
 
Riceviamo e pubblichiamo:
 
Qualche settimana fa al Parlamento Europeo è stata votata la riforma della Politica Agricola Comunitaria (PAC) valida dal 2023 al 2029. È così arrivato a conclusione un lungo processo di mediazione, durato oltre due anni, che mette in gioco ben 380 MIL in tutto il continente e che equivale al 34,5 % di tutto il bilancio UE 2020. Nel 2021 e 2022 ci saranno inoltre due ulteriori anni di transizione con il rifinanziamento dell’attuale PAC (che per l’Italia vale circa 2,4 MIL). Risorse sostenute pertanto, e sulla carta anche ambiziose premesse in termini ambientali per raggiungere gli obiettivi previsti dal Green Deal. 

Purtroppo, sia il Parlamento sia il Consiglio Europeo hanno invece votato un documento peggiorativo rispetto alla proposta preliminare della Commissione, con modeste aspettative ambientali e di miglioramento per tutta la fauna selvatica, in particolare proprio per le specie per cui sono più urgenti misure di conservazione e per cui sono in vigore Piani d’Azione predisposti dalla Commissione Ambiente UE.
 
Ovviamente ci sono opinioni contrastanti sui risultati di questo accordo, ma dal punto di vista prettamente ambientale sono molti i dubbi e le perplessità su questa riforma della politica agricola comunitaria.

In termini faunistici gli aspetti più gravi riguardano le modifiche delle norme sulle Buone Condizioni Agronomiche Ambientali che hanno determinato l’indebolimento della protezione per le zone umide, torbiere e prati permanenti (BCAA n.2 e n.10) e soprattutto la riduzione percentuale della superficie agricola da destinare a elementi ambientali e non produttivi (BCAA n.9). Quest’ultima è forse l’azione più grave e deplorevole dal punto di vista ambientale in quanto, con uno specifico emendamento del Consiglio Europeo, il calcolo si farà ora sulla superficie arabile e non sulla superficie agricola (come invece proposto dalla CE). Ciò vuol dire perdere oltre il 38% della superficie europea di riferimento per misure ambientali.

Altro aspetto negativo è nella definizione di prato che, sebbene ampliato rispetto all’attuale PAC, non contempla i prati o pascoli con arbusti o parzialmente boscati e quindi esclude queste tipologie ambientali (del resto molto diffuse nel nostro territorio nazionale) dalla tutela e dalle misure di conservazione previste. Viene tuttavia lasciata alla discrezione dei singoli Stati decidere successivamente se includere o no tali habitat nella definizione di prato.

Appare davvero sconcertante che da una parte l’Unione Europea chieda agli Stati Membri di intervenire proprio sui prati, le torbiere e le zone umide (Piano d’Azione Multispecie sui limicoli), oppure sulle aree agricole parzialmente boscate (Piano d’Azione sulla tortora), mentre dall’altro riduce la possibilità di attuare queste misure attraverso il più importante sistema di finanziamento agli agricoltori.

Tra gli aspetti positivi di questa PAC vi è comunque una destinazione maggiore delle risorse finanziarie per l’ambiente con la destinazione del 35 % dei fondi dello sviluppo rurale e di una quota tra il 20 ed il 30 % del bilancio per i pagamenti diretti. 

Altro aspetto positivo è dato dall’accettazione da parte del Parlamento Europeo di un emendamento promosso dalla FACE e più precisamente nell’ampliamento della definizione di superficie agricola che ora include non solo i terreni coltivati ma anche le colture permanenti, i prati e gli elementi paesaggistici (es. siepi, filari, fossati, muretti, ecc. ecc.). Habitat questi importantissimi per la fauna selvatica e per l’intera biodiversità.

Detto ciò la partita non è comunque ancora conclusa. Da questa settimana infatti inizia il negoziato per la stesura definitiva del testo della PAC 2023-2029 in trilogia con la Commissione ed il Parlamento Europeo e che si concluderà presumibilmente nei primi mesi del 2021. Qui ci potranno essere ancora dei piccoli cambiamenti e modifiche.

Ci aspettiamo che la Commissione Ambiente diriga le sue energie su questa battaglia invece di prendere iniziative contro la caccia, come abbiamo purtroppo verificato recentemente nelle vicende del Piano Internazionale sulla tortora e sulle specie pavoncella e moriglione.

Successivamente ci saranno i passaggi nazionali e regionali con l’approvazione dei piani strategici nazionali, previsti dalla nuova PAC e con la flessibilità aggiuntiva con cui i vari paesi possono adattare la politica agricola comune in base alle proprie realtà ed esigenze locali.

Su quest’ultimo fronte Federcaccia è già impegnata e attiva nel difendere una politica agricola sempre più vicina all’ambiente e agli agricoltori stessi e quindi ad essere portavoce di tutti i cacciatori nelle discussioni locali della prossima PAC.  Sarà in particolare nostro impegno portare avanti tutte le iniziative che evitino l’abbandono dell’agricoltura nelle aree marginali e promuovano nel contempo azioni di valorizzazione della biodiversità e di incremento della fauna selvatica.
 


Ufficio Studi e Ricerche Faunistiche e Agro-Ambientali Federcaccia
 

 

Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Fidc: in riforma Pac obbiettivi sotto le aspettative

E' rimasta solo quella che ha fatto più danni ed è giusto che li ripari.

da libero cacciatore 13/11/2020 10.32

Re:Fidc: in riforma Pac obbiettivi sotto le aspettative

Hunter, c'è rimasta solo Federcaccia nella Face. Le altre associazioni evidentemente ritengono che essere a Bruxelles non serva a niente. Quelli poi che fanno l'assicurazione privata meglio che stiano zitti.

da Bravehart 12/11/2020 9.09

Re:Fidc: in riforma Pac obbiettivi sotto le aspettative

Bella Francesco. Nomi e cognomi. Il problema è che è tutta l'europa contro noi cacciatori, contro noi italiani. Non aspettiamoci risultati positivi per noi italiani. In europa siamo tenuti in considerazione quanto un due di denari quando la la briscola è a bastone.

da Hunter74 12/11/2020 0.55

Re:Fidc: in riforma Pac obbiettivi sotto le aspettative

Tante parole, ma in sostanza la caccia europea dove ci rimette e dove ci guadagna? I paesi dell est europa che ruolo hanno in queste trattative visto che traggano benefici anche dal turismo venatorio? Chi sono i nostri maggiori nemici, nomi e cognomi,che comandano in europa?

da Francesco 11/11/2020 17.26