Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Riprende l'esame della Pdl Bruzzone sulla cacciaIn Umbria mozione Puletti per la caccia in derogaFidc Toscana UCT "no all'ampiamento della caccia al cinghiale in aree vocate" Acma lancia Progetto di censimento sul CombattenteTar Sicilia riabilita coordinatore guardie venatorie WwfMarche, Regione si attiva per Piano Straordianrio contenimento cinghialiToscana, cabina di regia chiede caccia alla tortora in preaperturaPSA, novità in Veneto per il controllo del cinghialeAnatre nel mirino. Negli USA nuova strategia adattativa sul CodonePadule Fucecchio: Arci Caccia Pistoia chiede rimozione vincoli caccia Toscana: Fidc invia memoria integrativa su Calendario VenatorioLazio: Audizione in Regione su gestione e caccia al cinghiale Salerno, problema ammissione cacciatori ATCLombardia: Approvato Calendario Venatorio 2024 - 2025 Il posto degli animali in Costituzione. Convegno a Roma di Fondazione Una e ABReferendum caccia, ci risiamoTorna concorso fotografico Fidc "A caccia di scatti"Rettifica della Regione Emilia Romagna sugli orari di cacciaLiguria: Presidente Piana e Assessore Scajola alla Festa del Cacciatore Modifiche legge caccia. Lollobrigida chiede istanze alle associazioni venatorieLombardia: approvata caccia in deroga al piccioneRegione Lazio "ecco le nuove misure per il contenimento dei cinghiali"Lazio approva Piano straordinario contenimento cinghialiLa caccia nel Dibattito alla Camera sul Decreto AgricolturaApprovato Odg Bruzzone su urgenza riforma della legge 157/92Ok del Governo a Odg per inserimento stambecco tra specie cacciabiliOggi riunione al Ministero con le associazioni venatorie sulla 157/92Veneto, associazioni chiedono urgente incontro in GiuntaNasce alleanza Coldiretti - Fidc in ToscanaStretta sui cinghiali in Piemonte. In arrivo 176 militariSpagna: quaglie in buono stato di conservazioneDa Federcaccia Lombardia critiche per alcuni emendamenti approvatiBASC alla ricerca di conferme dal nuovo governo laburistaA Palermo un importante convegno sulla lepre italicaBaggio in Tribunale contro gli animalisti "Vado a caccia da 30 anni e rispetto la legge"Massardi (Lega, Lombardia): “Bene approvazione modifiche in materia venatoria”Bravo (FDI): "approvate in Lombardia modifiche alla legge sulla caccia"Caccia in deroga: Italia fanalino di coda in UESondaggio in Romania: i giovani conoscono e apprezzano la cacciaNovità dalla Regione Toscana su controllo del cinghialeRidefinì territori di due squadre di caccia: condannata Regione CalabriaOsservazioni di Arci Caccia Toscana sul Calendario venatorioDocufilm Anuu "Atalante: I Custodi dell'Equilibrio Naturale", su Prime VideoUmbria, il cinghiale si caccia per quattro mesiPuletti, Assessore Morroni approvi caccia in deroga nonostante IspraCastellani (Anuu) a Lollobrigida "ritiro emendamenti beffa ingiustificabile"Enalcaccia al Governo "urgente nuovo Dl per dare certezze normative ai cacciatori"Da Fiocchi stoccata a Bruzzone sul DL Agricoltura "ha illuso i cacciatori"In Puglia in arrivo Piano straordinario cinghialeEcco l'Odg sulle Aziende Venatorie accolto dalla Commissione del SenatoFace: "Gli stagni dei cacciatori potenziano la biodiversità delle zone umide in Italia"Umbria, Mancini (LEGA): servono almeno 120 giorni di caccia al cinghialeLollobrigida cerca di riconquistare i cacciatoriDecreto Agricoltura, esultano animalisti e M5SFidc Lombardia: "Sui valichi soluzione inaccettabile"Il Presidente FACE Larsson ribatte alle critiche del Past President EbnerFiumani (CPA) denuncerà Ispra per mancato calcolo "piccole quantità" sulle derogheAnlc: “non ci arrendiamo”Lollobrigida: "avremo altre occasioni per discutere di caccia"Senatrice Fallucchi (FdI): soddisfazione per l'ampliamento della caccia al cinghialeSottosegretario La Pietra (FdI): "cacciatori mai come ora trattati con rispetto"Lettera aperta di Castellani (Anuu) a Francesco BruzzoneBuconi: "problema calendari venatori rimane, Governo trovi soluzione"Arci Caccia: "Modifica 157, la montagna partorisce un topolino"Bruzzone: "dietrofront del Governo sulla caccia, mi sento preso in giro"Decreto Agricoltura: Ritirati emendamenti della Riforma Bruzzone sulla cacciaDecreto Agricoltura: Ok alla caccia al cinghiale notturna con visori Fidc "Legge ripristino natura fondamentale per ambiente e fauna selvatica"Decreto Agricoltura riprende l'esame. Protestano gli animalisti per emendamenti cacciaVeneto, rettifica Calendario Venatorio su due giornate integrativeGli Ex Presidenti dell'Intergruppo Caccia Ue contestano la FACECinghiali, Abruzzo: "Regione a fianco degli agricoltori"Le posizioni di Fidc Uct Toscana sul Calendario Venatorio 2024 - 2025 Cinghiali, botta e risposta tra Caretta e VaccariAbruzzo "riconosciuti dal Tar diritti dei cacciatori"Fidc Campania: improcedibile ricorso animalisti su calendario venatorio 2023 - 2024

News Caccia

Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"


giovedì 20 febbraio 2020
    

Marco Dreosto
 
All'indomani della costituzione dell'Intergruppo  Biodiversità, Caccia e Attività rurali al Parlamento Europeo, abbiamo posto alcune domande al suo vicepresidente, l'italiano Marco Dreosto.

- On. Dreosto, anzitutto i nostri complimenti per la nomina a Vicepresidente all'interno dell'Intergruppo parlamentare Biodiversità, Caccia e Attività rurali.  Qual'è il suo rapporto personale con la caccia?

Da oltre 25 anni faccio parte del mondo venatorio, inizialmente per tradizione familiare poi come appassionato faunista. Pratico un pó tutte le cacce, essendoci la disponibilitá di molti ambienti diversificati nella Regione da cui provengo che é il Friuli Venezia-Giulia, in particolare amo la caccia con il cane da ferma e quella agli ungulati.

- Esiste già un programma dell'Intergruppo? Quale sarà il suo contributo personale?

Il nuovo programma deve essere ancora stabilito. Personalmente mi impegneró affinché l’intergruppo possa essere un interlocutore privilegiato nei confronti delle istituzioni europee, in particolare oggi, nelle discussioni riguardanti i nuovi temi della Green Deal.

- Nel suo impegno di europarlamentare, qual è il valore aggiunto per la caccia italiana e per la tutela del patrimonio faunistico europeo ed italiano?

Sicuramente il mio forte attaccamento e la conoscenza delle pratiche venatorie tradizionali e la consapevolezza di quanto il patrimonio faunistico sia soggetto, oggi piú che in passato, a grandi mutamenti che non ci devono cogliere impreparati.

- Recentemente ha parlato dell'importanza di rilanciare il ruolo del cacciatore, investendo su formazione, informazione e ricerca, ponendo in evidenza l’azione gestionale e la difesa degli habitat legata all’attività venatoria, come già avviene in altri Paesi europei. In questo, ha sottolineato, le associazioni venatorie, dovranno dimostrare il loro impegno. Secondo lei a che punto siamo?

Mi sembra che le associazioni venatorie stiano iniziando sempre piú a spendersi in tal senso, avendo compreso l’importanza della conoscenza a vantaggio della sostenibilitá e conseguente accettazione sociale, di quello che sappiamo tutti essere l’importante ruolo svolto dal cacciatore.

- Come pensa sia possibile conciliare posizioni diverse fra paese e paese, sia politiche che di impostazione faunistico - venatoria, per garantire alla caccia europea e italiana il riconoscimento del suo valore nel contesto sociale e ambientale?

Sarebbe necessario che ogni Stato membro adottasse una normativa nazionale il piu’ possibile omogenea con gli indirizzi comunitari ma nel contempo efficace nel tutelare e garantire la propria tradizione venatoria, elemento culturale imprescindibile, che deve essere difeso.

- Quali sono le maggiori sfide in ambito di tutela della biodiversità in cui il mondo venatorio può dire la sua? Crede che i tempi siano finalmente maturi affinché Parlamento europeo e Commissione Europea possano prendere nette posizioni per rendere compatibile l'esigenza di una forte tutela della biodiversità, con quella di difendere gli interessi del mondo agricolo e della caccia in Europa?

Direi che i tempi oggi sembrano imporre un cambio di rotta gestionale in ambito di tutela della biodiversitá: Parlamento e Commissione devono assolutamente porre in essere strumenti normativi e di supporto, soprattutto per il mondo agricolo, al fine di consentire la riqualificazione dei territori maggiormente sfruttati mediante la riconversione in aree naturali di una parte della superficie aziendale. In questo modo ne andrebbero a beneficiare tutti i portatori di interesse coinvolti: gli agricoltori non andrebbero a perdere redditivitá e contestualmente vi sarebbe un aumento della biodiversitá e dunque della fauna.

- La partita sulla revisione dei KC giocata durante la scorsa legislatura, ha portato in evidenza le macroscopiche e intollerabili differenze tra i cacciatori italiani e quelli di Paesi confinanti e situati allo stesso parallelo (Grecia, Francia-Corsica, Spagna). Ci sono iniziative per riaprire la discussione?

Le iniziative ci sono e ci stiamo giá lavorando, tant’é che abbiamo deciso di organizzare un primo evento del neo Intergruppo interamente dedicato agli studi sugli uccelli migratori, al quale parteciperanno ricercatori da tutta Europa che porteranno a confronto i risultati delle proprie ricerche. Tali dati potranno poi essere spesi nei tavoli decisionali per la definizione dei futuri calendari venatori.

E riguardo alle ipotesi in discussione in Europa di restrizioni sull'uso del piombo?

Sulla questione bando del piombo, sará battaglia: la Commissione europea nella sua proposta ha ignorato i suggerimenti dell’Agenzia ECHA, colpevolizzando i cacciatori, che diverrebbero perseguibili per il mero possesso delle munizioni in piombo in prossimitá delle zone umide. Inoltre la proposta di estendere il divieto di utilizzo del piombo in tutte le aree appare una forzatura alla stessa direttiva Uccelli, che pone dei vincoli per le sole zone umide. Ricordo che in nessun paese al mondo esiste oggi una messa al bando completa del piombo.

 

Leggi tutte le news

14 commenti finora...

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Se non salta il ministero dell'ambiente possono strillare in europa quanto vogliono, è qui che ostacolano.

da Minambiente come il coronavirus 23/02/2020 21.39

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

BUONANOTTE FIORELLINO HA RAGIONE. Quindi sarebbe ora che in Italia i cacciatori comincino a fare pesare elettoralmente il loro voti.

da Pasquino 1 22/02/2020 8.57

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Personaggio delle 19,18 se non ti piace la caccia puoi sempre leggere o scrivere di altre cose, sperando comunque che tù ti occupi di cose che conosci e non di blaterare la tua evidente ignoranza in merito.

da bretone 21/02/2020 20.02

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Caccia di m...a che schifo non pensate ad altro

da La caccia fa schifo 21/02/2020 19.18

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Speriamo che si interessi x le DEROGHE.

da GIANNI 21/02/2020 18.52

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Date dei calendari e specie cacciabili come nel resto della Europa mediterranea altrimenti sono chiacchiere !!! Basta chiacchiere cialtroni !!!

da ercignalaro 21/02/2020 16.34

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Buonanotte fiorellino ma quanti anni hai? Manca finire il commento con “bene bene io si e voi no!”. Quinta elementare?

da Cuccuruccu 21/02/2020 11.48

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Date dei calendari e specie cacciabili come nel resto della Europa mediterranea altrimenti sono chiacchiere

da Olio di ricino e manganello 21/02/2020 10.49

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Si be le solite chiacchere per un intergruppo parlamentare senza alcun potere o influenza.Gia che si parla di un intergruppo costituito di cui non c'è alcun programma di azione,credo la dica lunga,su cosa siano questi comunicati di facciata per un po' di pubblicità.Son sempre qui a parlare di tradizioni,ma le partite sull'attività venatoria Si giocano nei rispettivi paesi ognuno con la propria legislazione nazionale,che è intoccabile in sede europea in quanto non esiste nessuna legislazione venatoria europea,e giustamente gli Stati una volta assolti i livelli di protezione minima imposti dalle direttive,possono restringere quanto gli pare senza alcun obbligo verso gli altri Stati UE.

da Buonanotte fiorellino 21/02/2020 7.44

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Tempo al tempo, ma di quanto tempo possiamo disporre ?

da bretone 20/02/2020 18.14

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Per parlare parla bene;speriamo che però NON razzoli male???

da Fucino Cane 20/02/2020 17.36

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Piombo e KC.... Prevedo uso di lubrificanti anali!!

da Nik 20/02/2020 16.47

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

grazie

da nappa 20/02/2020 16.31

Re:Dreosto, Vicepresidente Intergruppo Ue "ci diamo da fare per la caccia italiana"

Super politicamente corretto come la Regola FACE gradisce Giudicheremo i fatti rispetto alle parole .Poche e generiche magari dette sottovoce come si usa in Sacrestia.

da Crepi il lupo 20/02/2020 15.51