Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Acma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoFidc: "una nuova rotta per la sorveglianza dell'aviaria"Cabina Regia Toscana a difesa del calendario venatorioFidc Lombardia: non ancora chiusa causa contro il calendario venatorioL'Aquila, a Cagnano Amiterno riprende la caccia senza limitazioni per PSAUmbria: Mancini (Lega) chiede piano straordinario cinghialePatrizio La Pietra e Vannia Gava sottosegretari ad Agricoltura e AmbienteArci Caccia Toscana chiede trasmissione dati su tortora, storno e piccioneIn Toscana nuovo ricorso contro calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Lo Studio di Vignac sulla beccaccia in Francia


giovedì 23 gennaio 2020
    

Beccaccia studio Vignac
 
 
Il Prof. Silvio Spanò ha tradotto in italiano il lavoro di ricerca condotto in Francia del collega Philippe Vignac sullo status di conservazione della beccaccia ai fini di una corretta gestione venatoria.

La ricerca evidenzia come negli ultimi 17 anni i prelievi in Europa siano diminuiti. Nel 2000, Yves Ferrand e François Gossmann (Réseau Bécasse Oncfs) stimavano i prelievi annuali di beccacce in Europa tra 3 e 4 milioni. Nel 2017 gli stessi ricercatori li stimavano tra 2 e 3 milioni: i Paesi che prelevano la maggioranza delle beccacce sarebbero, nell’ordine: Francia, Italia, Grecia, Spagna, Russia, Regno Unito, Irlanda, cui bisogna aggiungere i paesi di transito (turismo cinegetico) e la Turchia. Se per Italia, Grecia e Spagna si hanno però solo stime, spesso contraddittorie o addirittura fantasiose, il prelievo è pressochè sconosciuto in Turchia e soprattutto nei paesi di transito.                                        
                                 
La Francia è certamente il Paese europeo che preleva più beccacce. Coerentemente è anche quello che possiede oggi stime dei propri prelievi più vicine alla realtà, grazie alle inchieste dell’Oncfs.  Tramite i dati raccolti dall'Oncfs in Francia è stata acclarata la consistenza dei prelievi di beccacce in 34 anni, dalla quale si può dedurre la diminuzione del numero di esemplari svernanti in Europa, causa i cambiamenti climatici, i pesticidi e la perdita di habitat. 

Secondo Vignac - pur senza dati oggettivi che lo dimostrino scientificamente - non è calata invece la pressione venatoria sulla beccaccia, anche se il numero dei cacciatori francesi è consistentemente diminuito. Per questo, il ricercatore francese suggerisce l'opportunità di prendere ragionevoli provvedimenti per riequilibrare la situazione.
 

Leggi tutte le news

19 commenti finora...

Re:Lo Studio di Vignac sulla beccaccia in Francia

Peut-être M. Ricaud n'a-t-il pas vérifié qu'immédiatement après la présentation des travaux dans l'actualité, il y avait le lien complet vers l'étude en italien, juste pour permettre à nos lecteurs de pouvoir analyser le travail de Vignac dans son intégralité, sans y interférer. La rédaction

da REDAZIONE BIGHUNTER.IT 29/01/2020 9.16

Re:Lo Studio di Vignac sulla beccaccia in Francia

ce résumé est préjudiciable pour les chasseurs européens eux mêmes, comment peut-on résumer une étude sérieuse de 25 pages en un petit paragraphe !! dommageable pour vos lecteurs et les bécasses ! collègue de P. Vignac , franck ricaud

da franck ricaud 27/01/2020 18.55

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Vedo scrivere di tutto, ma la cosa GRAVE è che a darsi la zappa sui piedi sono i cacciatori stessi. Un illuminato dice di smettere di cacciare il 31 dicembre, un altro addirittura una beccaccia a settimana. Questa è la dimostrazione che la nostra categoria è spacciata: compiacere gli avversari tentando di conquistare la loro benevolenza adottando il loro stesso metodo, vale a dire applicando restrizioni su restrizioni. La realtà è che non solo non si c'entra l'obiettivo, perché i detrattori della caccia si fanno una risata, ma si perde terreno per sempre e per niente su molte questioni. Tra non molto andremo a caccia un mese all'anno. Ma fatemi il piacere, e una volta tanto usate la testa: bisogna stangare chi fa il furbo e limitare gli abbattimenti indiscriminati, quando ci sono, in altri paesi europei.stop. Poi potremmo continuare ad andare a caccia nel nostro paese tranquillamente. Il cacciatore/ animalista: ma per carità!

da Filippo 26/01/2020 18.40

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Magari si sono rotte p...e di essere ammazzate da dei codardi e ora si sono fatte furbe e non vengono più grazie a voi cacciatori

da La caccia fa schifo 26/01/2020 18.32

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Qua è sempre peggio ne entrano sempre meno di certo il problema non sono i cacciatori italiani che le cacciano a casa loro!

da Passatore 26/01/2020 10.38

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Finché la caccia alla beccaccia non era così praticata nelle riserve che partono dalla Russia fino all'Albania tutto questa scarsa presenza nemmeno si notava. Abolizione dei viaggi di caccia. SOLO ADDESTRAMENTO. Vedremo come si incrementa di nuovo la regina.studiate questo

da Angelo FIORENZA 26/01/2020 1.05

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Per la Regina punire la caccia all'aspetto con ritiro perenne della licenza e denuncia penale.

da Claudio 54 25/01/2020 23.33

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Chiusura anticipata al 31 dicembre. A gennaio uscire solo i cani

da Francesco maimone 25/01/2020 19.03

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Volete tutelare la beccaccia, semplice, smettete di cacciarla.

da Luca neri 25/01/2020 17.42

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Dobbiamo essere trattati tutti allo stesso modo i cacciatori della comunità europea stessi periodi stessi prelievi è l'unico modo per proteggere la beccaccia.

da Nero Serafino 25/01/2020 13.42

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Per te Paolo probabilente te ne basta uno al mese.non dite idiozie grazie.se non volete più andarci smettete pure.... Ma credo non farebbe differenza. Qui una alla settimana in Crimea 30 al giorno ma fatemi il piacere.... Prima inizino la poi noi già si fa tanto con 20 all anno che cosa dite...

da Angelo b 25/01/2020 13.41

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

troppi prelievi in paesi esteri cosi si distrugge un animale che andrebbe protetto anche in italia con n.1 prelievo a settimana.

da paolo 25/01/2020 13.06

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

La caccia all'aspetto va punita con il ritiro della licenza .

da Mauro 25/01/2020 11.49

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Chissà quante beccacce stanno nei parchi abruzzesi.......Bla bla bla...

da Geronimo 25/01/2020 11.49

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Ma ditegli di andare a letto, se i cacciatori sono diminuiti è chiaro che anche i prelievi sono diminuiti. Spiegateglielo

da Angelo b 25/01/2020 9.09

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Le beccacce bisogna proteggerle dove covano basta. Accia dove nidificano.E bisogna bloccare le carneficine all'estero.

da Daniele Firenze 24/01/2020 22.09

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Preghiamo i commentatori di esprimersi civilmente, nel rispetto altrui ed utilizzando un linguaggio consono e civile.

da Redazione BigHunter.it 24/01/2020 15.09

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

Speriamo che Spanò abbia tradotto realmente e non con dati di parte come i turditi che cagano uova a febbraio sulla neve

da ANONIMO 24/01/2020 15.05

Re:Lo Studio di Paul Vignac sulla beccaccia in Francia

IO resto sempre del parere che le Beccacce,vanno difese a Monte e NON a Valle|||

da Fucino Cane 24/01/2020 13.14