Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Animalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in ToscanaRolfi: in Lombardia caccia cinghiale tutto l'anno anche con visori notturniAttività cinofile e prelievi selettivi: Dreosto scrive alle RegioniCabina di regia Mondo Venatorio: Facciamo ripartire il settoreFidc Umbria: no ad apertura caccia braccata al primo novembre

News Caccia

A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia


lunedì 2 dicembre 2019
    

 
Donne, giovani, comunicazione, valorizzazione del ruolo sociale dei cacciatori. Oltre al rafforzamento dell’impegno scientifico-gestionale e giuridico per una corretta programmazione venatoria, poggia su questi temi il programma di lavoro della prima associazione venatoria italiana condiviso dai dirigenti nazionali. Assegnata a Bruno Modugno la più alta onorificenza della Federazione, quella di “Gentiluomo cacciatore”.

Roma, 2 dicembre 2019 – Si respirava un clima di entusiasmo e fattiva partecipazione nella sala che ha ospitato i lavori della 58a Assemblea straordinaria, lo scorso sabato 30 novembre, prima assise nazionale del nuovo mandato dopo quella elettiva dello scorso maggio. Un fitto ordine del giorno, scandito con precisione mitteleuropea - come ha fatto notare qualcuno dei presenti con un sorriso compiaciuto - dal giovane presidente regionale della Sardegna Davide Bacciu, per l’occasione presidente dell’Assemblea, ha impegnato i presidenti regionali e provinciali intervenuti all’appuntamento. Alcune interessanti relazioni hanno preceduto la precisa e puntuale relazione del presidente nazionale Massimo Buconi. Particolarmente apprezzato il progetto di comunicazione integrata a livello nazionale illustrato da Paolo Pini, amministratore della Casa editrice Greentime, che accanto alla creazione di una rete di comunicatori diffusa su tutto il territorio nazionale - nell’occasione si è tenuta la loro seconda riunione operativa - avrà una parte fondamentale nel raggiungimento di un più elevato livello di diffusione e promozione dei temi della caccia sia all’interno sia, soprattutto, all’esterno del nostro mondo, andando a incidere in modo più sensibile sull’opinione pubblica.

Un lungo applauso ha accolto la presentazione da parte della coordinatrice Isabella Villa del Coordinamento nazionale delle cacciatrici Federcaccia, destinato ad accogliere tutte le cacciatrici, cinofile e simpatizzanti per dare alla componente femminile del nostro mondo una sempre maggiore visibilità e coinvolgimento concreto in tutte le attività della Federazione. Seguito con particolare interesse l’intervento del consulente assicurativo, un focus sui sinistri occorsi nelle passate stagioni, che ha messo in evidenza come la causa di infortunio più alta non siano le armi da fuoco, ma le cadute e come la fascia di età più colpita non sia quella più elevata.

“Avere un’idea più precisa degli infortuni - ha sottolineato il presidente Buconi - serve non solo a offrire ai nostri tesserati prodotti assicurativi sempre più mirati e quindi migliori, ma anche a contestare le accuse pretestuose più diffuse nei nostri confronti dagli anticaccia. Daremo sempre maggior spazio alla ricerca scientifica finalizzata al sostegno di una pratica venatoria sostenibile e rispettosa della biodiversità - ha proseguito - valorizzando e continuando a investire nell’ufficio Studi e ricerche Faunistiche e agro-ambientali, vero fiore all’occhiello della nostra Federazione. Con il contributo delle sue indicazioni struttureremo meglio gli interventi giuridici non solo a sostegno, ma cercando di anticipare gli odiosi e in larghissima parte strumentali ricorsi ai calendari venatori individuando regione per regione i nostri punti di forza e di debolezza. Sempre in questo campo stiamo lavorando per organizzare un convegno giuridico di alto livello per analizzare dove sta andando la giurisprudenza in tema ambientale, venatorio e di benessere animale. Non sarà ovviamente un momento per i cacciatori ma per addetti ai lavori, avvocati, magistrati, giuristi, che abbia anche un valore di aggiornamento e formazione su un tema delicato, di quasi quotidiana applicazione, ma in realtà ben noto solo a pochi esperti. Accanto alla comunicazione e all’universo femminile - ha poi sottolineato il presidente - abbiamo dato il via a un progetto rivolto ai giovani. I giovani sono il nostro futuro non solo come cacciatori ma anche come dirigenti e meritano tutta la nostra attenzione. Vogliamo dare vita a un meeting di giovani cacciatori dove potranno conoscersi, confrontarsi e dirci cosa pensano e cosa vogliono dalla caccia di domani. È nostro dovere dargli voce e ascolto e Federcaccia è ancora una volta aperta e disponibile ad assumersi questa responsabilità”.

Un breve e libero dibattito, vero cuore di ogni riunione federale, ha fatto seguito all’applaudito intervento del presidente e preceduto l’unico adempimento statutario previsto, ovvero l’approvazione del bilancio di previsione, avvenuta con un solo astenuto.

Un momento di piacevole commozione ha segnato l’assemblea con l’attribuzione a Bruno Modugno, uomo di cultura e decano dei giornalisti venatori italiani, del titolo di “Gentiluomo cacciatore”, la massima onorificenza della Federcaccia prevista per chi con la propria vita e il proprio esempio ha portato lustro alla caccia. Un titolo che Modugno, insieme ai pochi altri insigniti di questo riconoscimento, merita pienamente.

E in questa ottica, proprio a partire da questa assise, è stata introdotta un’altra onorificenza, quella de “Il cacciatore dell’anno”, al fine di concedere un riconoscimento a quei soci che si sono distinti per particolari meriti conseguiti in atti o per il proprio impegno in materia faunistico-venatoria, ambientale, etica o sociale che abbiano portato onore nella società alla Federazione e alla figura del cacciatore. La prima è stata attribuita a Gino Ranieri, per il ruolo di coordinamento della squadra di volontari da lui assunto durante l’intervento di salvaguardia nella zona protetta di Valle Mandriole (Valle della Canna) in seguito all’emergenza ambientale che ha colpito l’area umida. Altri riconoscimenti, questa volta per la loro attività all’interno della Federazione sono stati attribuiti ad alcuni presidenti provinciali e comunali. “Presidente dell’anno” sono così stati nominati: Carlo Cappellari, provinciale Valle d’Aosta; Francesco Antonio Greco, provinciale Cosenza; Corrado Figura, provinciale Siracusa; Paolo Barbera, comunale Gallico (RC); Moreno Bertocci, comunale Pescia Fiorentina (Gr).

L’Assemblea è stata anche il momento per consegnare un piccolo ma sentito riconoscimento, agli atleti e ai tecnici che hanno rappresentato l’Italia agli ultimi Campionati del mondo di cinofilia, concludendo così in un clima di festa un appuntamento importante nella vita associativa della Federcaccia.
 

Ufficio stampa Federazione Italiana della Caccia
Leggi tutte le news

12 commenti finora...

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

Caro Don Camillo,io ho seguito tutte le trasmissioni televisive che il tema era la caccia,per onestà devo dire che TUTTI i presidenti nazionali di associazioni venatorie NON hanno mai difeso la caccia a spada tratta,sembrava quasi che quasi avessero vergogna di dire che erano e sono dei cacciatori!!! un saluto

da Fucino Cane 05/12/2019 14.12

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

Cultura di che? Quando dirigenti ben noti sono dediti al bracconaggio, indubbiamente ci sono persone che di quel poco che c'è fanno strage, ma sono un entrata di € perché pagano tasse, assicurazione, atc è pertanto non si fa la minima azione di contrasto. Scommetto la tonaca che se cambiassero associazione venatoria sarebbero subito beccati dalle guardie volontarie per dare un esempio aha aha aha

da Don Camillo 03/12/2019 17.44

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

l'UNZCA segue ancora le regole dettate da Francesco Giuseppe,(grande cacciatore) se escludiamo le riserve comunali,sono valide ancora al giorno d'oggi?????

da Fucino Cane 03/12/2019 12.54

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

Secondo me, quegli antichi militanti del nord se avessero preso quella decisione anni fa, avrebbero fatto un favore non solo alla Federcaccia, ma alla caccia. Al nord, ci sono riferimenti ormai quasi secolari, che si chiamano UNCZA e che certamente non hanno mai avuto dirigenti (Federcaccia) di bassa qualità. L'unico difetto, che la caccia in Zona Alpi, oltre che una cultura venatoria di qualità, comportava e comporta limiti anche di numero, che mal si adattavano ieri alla quantità degli appassionati, avvicinatisi alla caccia nel dopoguerra, spinti dal boom economico e da vecchio legame alla campagna da parte dei freschi "inurbati". Oggi, invece, che siamo molti meno (meno della metà di trent'anni fa) si potrebbe ripensare meglio il rapporto cacciatore/gestione del territorio e fare in modo di favorire una lemnta ma consistente reimmissione di giovani leve, magari un po' più attrezzate culturamente per affrontare le sfide del millennio della catastrofe (planetaria) annunciata.

da Plinio 03/12/2019 10.20

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

Per caso "Avete Premiato" anche quei presidenti del nord che vi hanno lasciato dopo 35 anni di militanza attiva?????

da Fucino Cane 03/12/2019 9.22

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

Grande Bruno Modugno!!! UNICO!!! COMPLIMENTI!!!

da pascmar 02/12/2019 21.53

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

Fucino Cane, come disse Dante non ti curar di loro guarda e passa, le critiche da chi ha portato allo stato di degrado attuale della Caccia in Italia non mi fanno paura; la mia coscienza mi fa dormire la notte, la loro ho seri dubbi.

da Don Camillo 02/12/2019 18.25

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

Bei risultati, prima il presidente che si dichiara appassionato di cani e ora un ex sindacalista (con tutti i danni fatti dai sindacati è una garanzia) e ancora grazie che non la hanno ancora chiusa sta benedetta Caccia con dei difensori del genere.

da Don Camillo 02/12/2019 18.20

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

dopo un ambiziozo programma si stanno concretizzando alcuni risultati, la strada è ancora lunga ma la linea è tracciata.

da nicola g. 02/12/2019 15.58

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

Si iscriviamo tutti alla federcaccia almeno chiudiamo prima e con un bel botto.

da mvafc t e l 02/12/2019 14.01

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

equivale a dire eliminiamo la caccia libere

da genny 4 bott 02/12/2019 13.47

Re:A Roma la 58a Assemblea nazionale Federcaccia

Iscriversi tutti a FIDC e realizzare subito l’associazione venatoria unica

da Semplice e veloce 02/12/2019 11.43