Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
La premier del popolo dei cacciatoriCalabria: costituiti tutti gli AtcPresidente Atc Biella: "Vassallo? Figlio di un grande cacciatore"In Indonesia scoperta la più antica scena di cacciaToscana: approvati piani controllo volpe e minilepreFidc e gli impegni per la starnaBerlato: no a pagamento on line delle tasse regionaliItalcaccia Abruzzo chiede modifica calendario per beccacce e tordi Selvatici per le strade. Fidc "non è una favola di Natale"Controllo faunistico: la proposta di Arci CacciaCaccia, così disse RoosveltToscana: consigliere Salvini chiede coinvolgimento cacciatori Cct: incontro sulla revisione della Legge sulla cacciaAnuu, il passo e l'inverno alle porte In inverno in Wisconsin al Ruffed GrouseLombardia: novità sulla gestione del cinghialeDebutto all'insegna della solidarietà per le FedercacciatriciCommissione Ue: no alle catture con le retiBrescia, raid contro capanni. Rolfi "stop animalismo radicale"Piemonte: mezzi motorizzati per facilitare i cinghialaiValle della Canna. Bocciato emendamento PompignoliParco Monti Livornesi. No a ulteriori divieti di cacciaToscana, Fassini invita all'unita'Arci Caccia chiede accordi interscambio cacciatori tra Veneto e ToscanaMarche: soddisfazione da Fidc e AnlcSentenza Consulta: legittima annotazione ad abbattimento accertatoAl Parlamento Ue interrogazione della Lega sui richiami viviLegge bilancio, animalisti contro proposta Pd contenimento faunaToscana: al via campagna sulla sicurezza a cacciaLodi: ricorso contro piano abbattimento volpiGiornata del suolo, i cacciatori in prima lineaPavoncella: Fidc chiede aiuto ai cacciatoriLa Libera Caccia dona defibrillatore all'asilo di MontespertoliNasce il Coordinamento nazionale cacciatrici FidcCacciatrice a 104 anniAnuu: Impugnativa richiami vivi, un impegno che si fa attendereLangone: cacciatori perseguitati Anuu: il periodo migratorio sta terminandoToscana: 5 associazioni riunite in una cabina di regiaIn Commissione stralciata proposta Gallinella sulla fauna selvaticaToscana "Cara Cia, la caccia pubblica non si tocca"A Roma la 58a Assemblea nazionale FedercacciaSelvaggina: Animalisti contro il Ministero della SaluteIl M5S ritira la proposta Gallinella sul controllo faunisticoMazzali: novità su capanni, inanellamenti e semplificazioni per i cacciatoriToscana: il Consigliere Salvini protestaRimini. Rimane il divieto di caccia sul fiume MarecchiaContenimento faunistico e filiera: le proposte alla FinanziariaCaccia Futura. Moira, i fucili, i caniBocciato bilancio dell'Atc Bo3. Cinghialai in subbuglioA Ferrara presentato Progetto Life PerdixCacciatrice star di Instagram attaccata dagli animalistiSpagna. I cacciatori rivendicano ruolo della caccia compatibileLombardia: approvate alcune novità per i cacciatoriAtc Siena: "mancano soldi per i danni. Superare gestione ATC"KC: l'Italia dovrà giustificare le sue anomalieKC, le ultime da Bruxelles. Si va al documento finaleSpagna. Misure urgenti per la tortoraTroppa neve, cacciatori interrompono caccia al cervoToscana, consigliere Salvini "rischio pesanti limitazioni"Cinghiali: Ministra Bellanova sollecita Costa su modifica 157/92Laguna Orbetello: protestano anche Lipu e Italia NostraSentenza Tar: gli Atc e le funzioni pubblicheStrage Valle della Canna. Direttrice Parco critica i cacciatoriDivieto piombo: decisione rimandataBruzzone in Senato: "stop estremismo animalista del Ministro Costa"Cct: procede revisione legge regionale, no a provvedimenti stralcioFidc Emilia Romagna "fantasiosi attacchi animalisti"Toscana "Colpo di mano su istituti privati"Toscana: approvata legge su contenimento ungulati nelle aree urbanePonteranica (BG), il sindaco vuole vietare la caccia in battutaStorni, chiarimento dalla Regione ToscanaAtc Unico Brescia, chiusa caccia alla lepreCaccia Futura. Pietro Vismara: apprendista dirigenteNominati Commissari Atc Benevento e NapoliPAC: I cacciatori europei chiedono "maggiori ambizioni ambientali"Controlli venatori. Wwf Perugia filma i cacciatoriFidc: marcate nuove cesene per progetto satellitareBologna: aggiornamento per 80 capisquadraPuglia. ArciCaccia auspica collaborazioneFauna selvatica, Governo tergiversaMacron e il "patto segreto" con i cacciatoriFidc Umbria, nuove richieste per la caccia alla RegionePiacenza: chiusura anticipata anche per pernici e starneFiocchi: l'Ue vuole vietare il piombo. Associazioni pronte a mobilitarsiNorme tassidermia Liguria. Consulta respinge ricorso Una: soluzioni sostenibili per l'emergenza fauna selvaticaFiliera selvaggina: Arci Caccia si appella alle forze politicheToscana: comunicazione storni abbattuti entro il 20 novembreAudizioni Valle della Canna. Pompignoli "scarico di responsabilità"

News Caccia

Spagna. I cacciatori rivendicano ruolo della caccia compatibile


mercoledì 27 novembre 2019
    

Caccia Spagna 
 
 
Al tavolo del Ministero dell'Ambiente, i cacciatori spagnoli hanno chiesto l'applicazione delle direttive europee che contemplano il rispetto delle tradizioni culturali locali, denunciando l'opacità nello sviluppo dei piani di gestione delle direttive europee e in particolare i limiti di Rete Natura 2000. All'incontro hanno partecipato, oltre al mondo venatorio, i rappresentanti delle ONG, le amministrazioni pubbliche che si occupano delle  direttive Uccelli e Habitat e la stessa Commissione Europea.

La settimana scorsa, - nell'ambito del Consiglio di Stato per il patrimonio naturale e la biodiversità - le organizzazioni venatorie spagnole (Federcaccia, APROCA, e Fondazione Artemisan) hanno rappresentato al Ministero dell'Ambiente, alla presenza della Commissione Europea, le difficoltà  che le direttive Uccelli e Habitat stanno provocando per la gestione delle aree rurali e per l'attività della caccia.
Nell'incontro è stato evidenziato il disagio per il mondo della caccia e della ruralità, mai presi in considerazione quando si tratta di applicare e sviluppare i piani di gestione di queste direttive, quando invece sono i settori che  più e meglio s'impegnano per la conservazione del patrimonio faunistico.

L'incontro è servito alla Commissione Europea per valutare in Spagna l'accettazione sociale della Direttiva AVES, con i diversi settori che influenzano la gestione delle direttiva Uccelli e Habitat, che sono tra gli altri, il Ministero dell'Ambiente, la Commissione Europea, RFEC, APROCA, CSIC, COSE, College of Biologists, College of Forestry Engineers, Seo/BirdLife, WWF, ASCEL, GADEN, ClientEarth, CCOO e Cepyme.

A nome della Federcaccia spagnola, José María Gallardo Gil, associato al presidente della RFEC e presidente della Federazione di caccia dell'Estremadura, e Juan Pascual Herrera Coronado, un tecnico della RFEC, hanno partecipato e anche Luis Fernando Villanueva come presidente di Aproca e Direttore della Fondazione Artemisan. Tutti hanno difeso le attività venatorie locali, culturali e sostenibili come quelle alla tortora, alla pernice  e il silvestrismo.

Allo stesso modo, un argomento di ampio dibattito è stato quello relativo alla della gestione del lupo iberico. Il settore venatorio ha denunciato la rigidità delle direttive, i cui allegati indicano lo stato di conservazione delle diverse popolazioni di uccelli e mammiferi. Pertanto, il fatto che il lupo non sia una specie venatoria a sud del Duero è considerata una sciocchezza essendo la stessa popolazione che risulta insiediata al nord.

"Per il mondo rurale (agricoltori, allevatori, cacciatori, gestori o proprietari), la dichiarazione di uno spazio naturale protetto è concepita come un problema a causa delle limitazioni e della burocrazia che generano, quindi, invece di dare priorità a quell'opera di conservazione da parte dei gestori e dei proprietari, le persone reali responsabili della gestione di quello spazio sono danneggiate ”, hanno denunciato i rappresentanti del settore venatorio dinanzi alla Commissione.

José María Gallardo, in sintonia col presidente della RFEC, ha lamentato che la Direttiva Uccelli “ascolta solo una parte della società, quando i cacciatori sono quelli che si preoccupano maggiormente della conservazione delle specie, come evidenziato, ad esempio, dal progetto di recupero delle popolazioni di tortora in Estremadura ”.



Leggi tutte le news

0 commenti finora...