Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Animalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in ToscanaRolfi: in Lombardia caccia cinghiale tutto l'anno anche con visori notturniAttività cinofile e prelievi selettivi: Dreosto scrive alle RegioniCabina di regia Mondo Venatorio: Facciamo ripartire il settoreFidc Umbria: no ad apertura caccia braccata al primo novembre

News Caccia

Caccia Futura - Emanuele Marchi, di tutto, di più


martedì 5 novembre 2019
    

 
 
I giovani e le donne sono una risorsa indispensabile per la caccia di oggi e per quella di domani. Soprattutto se si impegnano per la promozione e il sostegno di questa nostra attività. In questa prospettiva abbiamo  dato inizio alla pubblicazione delle testimonianze di tanti di coloro che si danno da fare con responsabilità e impegno. Una concreta speranza per  la caccia di domani, da parte di chi è pronto a ricevere il testimone dai tanti appassionati che fino ad oggi con dedizione continuano a tenere alta la nostra bandiera, consapevoli che il contributo degli uni e degli altri (e delle altre) è la strada più sicura per riaffermare i nostri valori.



Caccia Futura - Emanuele Marchi, di tutto, di più


Emanuele Marchi, 37 anni di Napoli, vive a Santa Luce, un piccolo comune situato tra le colline pisane, ma è cresciuto  per molti anni a Vicarello, nel Comune di Collesalvetti. Diploma di terza media, non ha continuato gli studi perché aveva altri interessi.  Ha inizato a lavorare come panettiere, poi benzinaio e infine  guardia particolare giurata all’interno delle Aziende Faunistiche Venatorie, per la sua passione più grande e forte, la caccia.

Ha iniziato da piccolo con suo padre, Rolando, ad acquatici, al fagiano, alla lepre. A 18 anni ha preso prima il porto d’armi e poi la patente di guida. Lungo il suo percorso venatorio ci sono state tante persone che gli hanno insegnato questa grande passione, Alessandro  e Stefano in particolare, da cui ha imparato tante cose:  ne abbiamo combinate tante insieme, ma adesso sono solo ricordi. C’è poi un'altra persona che gli ha insegnato il mestiere di “canaio”.
 
 

Dal 1 di novembre tutti a caccia al cinghiale, lui, suo padre e l'amico Marcello. Per molti anni ha cacciato nella  “Squadra di caccia al Cinghiale delle colline colligiane" di Colognole (LI), e lì aiutava Marcello con i cani, gli andava dietro e all’occorrenza diventava anche “scaccione”. Conosciuta sua moglie Patrizia, ha iniziato a portarla a caccia, e anche lei a  18 anni ha scelto di prendere il Porto d’armi. Da allora, insieme condividono la passione per la caccia e per le armi.

Cacciatore appassionato ma anche Guardia Venatoria Ambientale Volontaria della Regione Toscana, come la moglie,  con la quale e con altri colleghi svolge servizio. Qui ha conosciuto Roberta e Lorena, ambedue gardiacaccia volontarie,    anche loro cacciatrici, e da qualche hanno è iscritto nella Squadra di Caccia al Cinghiale “i Bricconi” di Pomaia, dove il marito e i figli di Roberta vanno a caccia e dove va a caccia il fratello di Lorena. Sono tutta una famiglia, praticamente. Insieme condividono anche la caccia di selezione al capriolo e la caccia al colombaccio da appostamento fisso.

Ha due cani:  Spartaco, uno springer spaniel che porta spesso al capanno per il recupero dei colombi, e Agatha, bassotto tedesco a pelo duro, cane da traccia: nei fitti boschi di quelle parti,  può succedere che si perdono gli animali, per questo ha anche il brevetto di conduttore di cani da traccia. Ha frequentato la Scuola Forestale Latemar a Nova Levante in Provincia di Bolzano, dove ho conseguito il brevetto per la caccia di selezione agli ungulati. Legge quanto basta, soprattutto per tenersi informato sulle leggi della caccia e sui suoi cambiamenti, le diverse novità sulle attrezzature tecniche - "quando vado a caccia voglio essere comodo e perchè no….anche alla moda", dice - e ne mette a conoscenza i colleghi.

 

Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:Caccia Futura - Emanuele Marchi, di tutto, di più

Ma cosa si dovrebbe commentare?

da Ciccio 05/11/2019 19.29

Re:Caccia Futura - Emanuele Marchi, di tutto, di più

che coppia!

da Fabri 05/11/2019 14.47