Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Molise, parte caccia di selezione al cinghialeToscana. Il piano per il cinghialeAnimalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in ToscanaRolfi: in Lombardia caccia cinghiale tutto l'anno anche con visori notturni

News Caccia

Valle della Canna. Question time Lega sul disastro ambientale


venerdì 11 ottobre 2019
    

 
 
“Il disastro della Valle della Canna si sarebbe potuto evitare se l’area non fosse stata abbandonata dagli enti che l’avrebbero dovuta preservare. La svolta green delle politiche regionali dell’Emilia Romagna crolla miseramente di fronte a questo enorme danno ambientale, dove l’incuria cronica da parte delle varie amministrazioni ha determinato le condizioni per l’eccezionale moria di volatili, la cui causa non è ancora accertata anche se si era ipotizzato un avvelenamento delle acque da botulino”.

Il parlamentare leghista Jacopo Morrone commenta così la risposta ricevuta dal ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare al question time, sottoscritto anche da altri parlamentari della Lega, dove si sollecitava un intervento per appurare le cause dell’inquinamento, anche attraverso il Noe e il Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente, e si chiedono interventi per ripristinare la salubrità delle acque della Valle della Canna.

“L’Ente Parco del Delta del Po, secondo quanto riferisce il ministero, - spiega Morrone - considera le cause dell’intossicazione da botulino ‘non ancora certe’, cause che ‘potrebbero essere associate alle condizioni ambientali della valle nel periodo in questione’. La gestione idraulica dell’area, secondo quanto si legge nella risposta, è seguita dal Comune di Ravenna, sentito l’Ente Parco. Ma è evidente – commenta ancora Morrone – che molto è andato storto, come si evince dal chiarimento che segue: ’si tratta di attività complessa e articolata in quanto il mantenimento di un livello idrico di 20/30 cm, pur favorendo il proliferare dell’avifauna, ha come contrindicazione, in estate, del prosciugamento di alcune aree con la conseguente necessità di re-immissione idrica’.

Il problema vero, allora, sono i ritardi e la negligenza degli Enti responsabili. Il ministero infatti riporta la notizia che Romagna Acque avrebbe recentemente presentato un progetto di riordino della rete idrica esistente e di un manufatto per immettere acqua nei periodi di siccità, progetto attualmente in fase di analisi da parte della Regione. E’ evidente allora che il problema era noto, ampiamente preannunciato dalle associazioni venatorie, ma i ritmi blandi della macchina regionale e la trascuratezza dell’amministrazione ravennate non hanno tenuto conto di quanto fosse urgente intervenire”.

“Senza poi contare i pericoli sanitari che potrebbero allargarsi a macchia d’olio - afferma ancora il parlamentare romagnolo - e la possibilità che quest’area, ormai trasformata in una discarica ambientale, possa veder ripristinato l’aspetto che aveva quando a gestirla erano le stesse associazioni che oggi si stanno prodigando per salvare il salvabile e che voglio ringraziare per il loro senso di responsabilità. La stessa cosa che non si può dire per le amministrazioni pubbliche coinvolte, che rappresentano la prova delle contraddizioni tra le esternazioni neoambientaliste delle forze politiche che le compongono, con in prima fila il Pd, e il mutismo su questo disastro ambientale di cui hanno la responsabilità”.

Leggi tutte le news

9 commenti finora...

Re:Valle della Canna. Question time Lega sul disastro ambientale

Un'involuzione ambientale dal periodo dell'istituzione di Area integrale protetta per la Convenzione di Ramsar, poi SIC, ZPS, rete natura 2000. La Regione tramite il Servizio Parchi fu vigile e richiamò opportuni inteventi di ripristino del sistema ecologico...Ora per la Magistratura sarà applicabile il Dlgs 07/07/2011 sulla tutela penale dell'ambiente come da diret tiva CE 2005/35...

da aldo tasselli 14/10/2019 11.32

Re:Valle della Canna. Question time Lega sul disastro ambientale

ora ci pensa l'associazione del dinosauro acefalo, com'è bravo a dare consigli a tutti ma quando fa qualcosa lui e la sua associazione? MAI. A CASA UBRIACONE

da Gardena 13/10/2019 20.34

Re:Valle della Canna. Question time Lega sul disastro ambientale

Assordante silenzio su questo vero e proprio scandalo da parte dei mezzi di informazione.

da Censura 13/10/2019 5.45

Re:Valle della Canna. Question time Lega sul disastro ambientale

Chi controlla il controllore? Denunciamo chi gestisce male il parco

da Johnny 13/10/2019 3.56

Re:Valle della Canna. Question time Lega sul disastro ambientale

Chi controlla il controllore? Denunciamo chi gestisce male il parco

da Johnny 13/10/2019 3.56

Re:Valle della Canna. Question time Lega sul disastro ambientale

Fate pagare tutti i danni materiali per ripristinare l'area,ai dirigenti del parco,oltre le varie associazioni ambientaliste per mancato controllo e vigilanza dell'area,chiedetegli inoltre,come danno morale e risarcimento di € 50/100 a capo per gli animali trovati morti,vediamo se toccandogli così il portafoglio la capiscono!!!

da Fucino Cane 12/10/2019 18.12

Re:Valle della Canna. Question time Lega sul disastro ambientale

Saluti,come sempre,ai provocatori...

da Baci 12/10/2019 4.58

Re:Valle della Canna. Question time Lega sul disastro ambientale

La verità on. le Morrone, è che molte amministrazioni regionali, almeno fino a ieri, non hanno mai dato il giusto peso alle richieste ed ai suggerimenti delle associazioni venatorie e dei comitati faunistici regionali, prestando invece attenzione a quelle che provenienti da altri ambienti, alcuni costituiti da sparute minoranze e facendosi coinvolgere dalla mania dei parchi, molti dei quali, stanno dimostrando nel tempo, carenze, limiti e fallimenti.

da Da Federcacciatore 11/10/2019 19.22

Re:Valle della Canna. Question time Lega sul disastro ambientale

Ma perché non arrestano un po’ di assassini ambientalisti? Loro sono i veri assassini della natura!

da Theo 11/10/2019 17.41