Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Controllo faunistico. Infuria la polemicaAnimalisti: Dal Parlamento Ue scatta una denunciaCalendario venatorio islandeseDalla Spagna buone notizie per la tortoraCabina regia: su finanziamenti da animalisti solo polemiche e dati falsiLombardia: approvato rinvio di tutte le scadenze sulla cacciaCoronavirus. Due iniziative di solidarietà dell’AnlcToscana. La Cct prevedeDalla Confavi altri 20 mila euro per la lotta al CoronavirusCorte Costituzionale: In Trentino legittima doppia opzione di cacciaCampania: controdeduzioni Fidc Enalcaccia su calendario venatorioFidc: pubblicato nuovo lavoro scientifico sull'alzavolaFidc Ancona dona oltre trentamila euro agli ospedali Coronavirus: basta fake news sulla caccia Orgoglio italiano. L’iniziativa di BigHunter.netUmbria: osservazioni alla proposta di Calendario VenatorioCosenza: mille mascherine all'ospedale dalla Libera CacciaMazzali: con cacciatori Anuu donate mille mascherine all'ospedaleFriuli: 9 mila euro alla protezione civile dall'EnalcacciaLombardia. Un'app per mappare il rischio CoronavirusAnuu Benevento sollecita Atc a donare fondi per l'emergenzaEmilia Romagna: Assessore alla sanità ringrazia i cacciatoriFedercaccia Friuli Venezia Giulia dona 8mila euro all'Anpas di BergamoCites. Non cambia nienteFidc: un vaccino nel mirino, con lo Spallanzani per combattere il virusRegione Toscana approva proroga scadenze venatorieDa Fidc Campania 20 mila euro al Centro ricerche della Fondazione PascaleCoronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima lineaAnuu: "Domenico Grandini non è più tra noi"Emilia Romagna: quasi 100 mila euro anche dai cinghialaiCuneo: donazione dall'Arci Caccia per l'emergenzaFidc raccoglie quasi 800 mila euro per l'emergenza CoronavirusCampania. Proposte sul calendario venatorio 2020 2021Lazio, proroga scadenze per cacciatori e istituti faunisticiRinviata al 2021 Caccia VillageUn ventilatore polmonare al S. Martino di Genova dalle cacciatriciControllo volpe. Lav attacca Regione LombardiaMazzali segnala Mocavero in ProcuraDonazione alla Croce Rossa da Enalcaccia Una: dal mondo venatorio oltre 1 milione di euro per emergenza covid19La Cultura rurale contro il CoronavirusCct: attenzione alle fake news18 mila euro all'Azienda Sanitaria da Fidc FrosinoneFidc Emilia Romagna: donati 108 mila euro per l'emergenzaLombardia, rinviato termine iscrizione ad Atc e CaVietato spostarsi fuori dai comuni di residenzaDai cacciatori toscani altri 35 mila euro per la lotta al Covid 19Bana, il ricordo di Massimo MarracciBana, altri messaggi di cordoglioDa Federcaccia i primi 500 mila euro in beneficienzaBana: il ricordo della FACEI cacciatori veneti rinunciano a 300 mila euro per l'emergenza Covid-19Addio all'Avvocato Giovanni BanaStiamo a casaFidc Piemonte. Sulle specie cacciabili una risposta agli animalistiFidc: dalla Lipu una proposta sconvolgenteEmergenza Covid: altre donazioni dal mondo venatorioToscana: Arci Caccia in campo contro il Corona VirusDonazione alla Croce Rossa Italiana dalla Cabina di RegiaCovid-19. Raccolta fondi di ItalcacciaServe uno sforzo da parte di tuttiCovid-19: anche i Giovani Cacciatori si attivanoDall'Atc Caserta altri 100 mila euro per l'emergenza Eleonora e la storia di Nello. Un pensiero a tutti i cacciatoriCCT: Cacciatori gente concreta e onestaEps Campania propone fondo Emergenza Covid19Mazzali: le associazioni venatorie si autotassano per donare agli ospedaliAssessore Rolfi "il cuore grande dei cacciatori"Dreosto plaude alla solidarietà delle associazioni venatorieCovid-19. Ancora solidarietà dai cacciatoriAnnullata Assemblea Generale CICLombardia, le nuove disposizioni sulla fauna selvatica100 mila euro per emergenza sanitaria anche dai Cacciatori TrentiniRolfi: restituzione tesserini venatori al 20 aprileBerlato: Raccolta fondi dalle attività portatrici della cultura ruralePiemonte, per la Giunta 15 specie devono tornare cacciabiliFidc Sardegna "cacciamo il coronavirus"Veneto: sospesa caccia di selezione e censimentiBergamo: da Enalcaccia 5 mila euro all'OspedaleEmergenza Covid-19. Da Fidc nazionale altri 100 mila euro Covid-19. Da Arci Caccia Marche donazione al servizio sanitarioFidc Marche invita a donare il sangueCovid-19: 5 respiratori anche dall'Atc Unico di BresciaPiani di prelievo ungulati e galliformi. Indicazioni da Ispra CoronaVirus, CCT: "insieme per l'Italia"CoronaVirus: le cacciatrici si organizzano su facebookAnlc: "Tutti insieme contro il CoronaVirus"Da Fidc Bergamo 30 mila euro per l'emergenza CoronaVirusAnuu Lazio: Regione al lavoro per proroga tesseriniSvezia, a caccia fin dai 15 anniFidc Brescia dona 8 respiratori all'OspedaleCovid-19: raccolta fondi Fidc Friuli Venezia GiuliaEmilia R. Pompignoli chiede proroga termini tesserino venatorioNorvegia. 70 mila cacciatriciLombardia, consegna tesserini slitta al 20 aprileCoronaVirus: rimandata operazione Paladini del territorio Caccia di selezione sospesa. Un chiarimento dalla CCT

News Caccia

Sicilia. Basta parchi e divieti. La posizione unitaria del mondo venatorio


martedì 21 maggio 2019
    

 
Le Associazioni Venatorie Nazionali riconosciute dalla L. 157/92 e il CNCN – Comitato Nazionale Caccia e Natura, riuniti nella Cabina di Regia unitaria del mondo venatorio, hanno inviato una lettera ai vertici della Regione Sicilia, segnalando preoccupazione per le proposte di legge e ipotesi di individuazione e perimetrazione di nuove aree protette. Anzitutto per assicuarare una corretta gestione del patrimonio faunistico e del territorio. "I primi interessati sono i cittadini delle comunità interessate, e tra questi i cacciatori. Esserci – e non essere esclusi da tabelle che proibiscono l’accesso - significa portare avanti tradizioni quali l’agricoltura di qualità, la zootecnia, l’attività venatoria" scrive la cabina di regia del mondo venatorio.

Nella lettera si evidenziano alcuni punti da tener in considerazione.
 
• il giusto equilibrio tra aree protette e non (è un imperativo inderogabile). Il tetto del 30% fissato dal legislatore nazionale ha una sua ragione d'essere perché gli istituti a "divieto di caccia", nonché il divieto di caccia vicino a strade e case, sono stati voluti in armonia territoriale con gli Ambiti di Caccia e gli Istituti privati per i necessari interventi a tutela della biodiversità, delle colture agricole, degli allevamenti;

• l'obiettivo della protezione nelle aree protette - di per se - non ha come priorità la tutela, la salvaguardia delle specie e degli ambienti naturali perché esclude quelle attività "umane",identità delle popolazioni locali che sono compatibili con la conservazione e che consentono, alle comunità locali, di presidiare territori rurali con particolare riferimento alle aree interne svantaggiate;

• si sono fatti interpreti di critiche i movimenti di protesta dei Comuni e delle Comunità coinvolte contro l'istituzione di parchi per rappresentare e motivare, oggi come nel passato, l'incompatibilità con la sopravvivenza di donne e uomini in questi territori;

• l'impegno delle comunità che vivono già in queste virtuali “recinsioni” - i futuri parchi - è stato già di seguire pratiche e comportamenti di vita che hanno già dimostrato il loro interesse e la capacità a voler salvaguardare il paesaggio continuando a viverci malgrado gli svantaggi dello "spopolamento" di quei territori; contrastarlo è un merito dei cittadini che ci lavorano con parsimonia d’uso delle risorse e anche perché mantengono in essere una cultura importante come quella venatoria;

• la gestione della fauna selvatica e la pratica venatoria sono un valore come altri, tradizioni da non sottovalutare perché è un patrimonio da trasferire alle nuove generazioni per una corretta gestione e conservazione delle specie selvatiche. L’equilibrio tra fauna selvatica e patrimonio zootecnico anche con un’agricoltura di qualità, sono un valore. Non dimentichiamo che i prodotti tipici della Sicilia sono una qualità indiscusse del "made in Italy" nei mercati internazionali.

Le Associazioni della Cabina di Regia daranno il loro sostegno alle iniziative dell’associazionismo sul territorio, non solo quello venatorio, che si è democraticamente attivato per contrastare il Parco degli Iblei e quanti altri ne venissero proposti. Auspichiamo l’accoglimento delle nostre istanze per il significato nazionale di questa importante battaglia civile che coniuga il benessere degli uomini e il ruolo delle loro attività alla salvaguardia del creato. Restiamo a disposizione per organizzare un incontro di approfondimento al fine di confrontarci sugli argomenti sopra trattati. 

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Sicilia. Basta parchi e divieti. La posizione unitaria del mondo venatorio

Bene ora vediamo di passare dalle parole ai fatti!!!

da Fucino Cane 21/05/2019 14.28