Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Acma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoFidc: "una nuova rotta per la sorveglianza dell'aviaria"Cabina Regia Toscana a difesa del calendario venatorioFidc Lombardia: non ancora chiusa causa contro il calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana


mercoledì 21 novembre 2018
    

 
 
Il Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, nell'ambito di un incontro, svolto martedì 20 novembre con le associazioni venatorie ed agricole e gli Atc, ha sottolineato il proprio no deciso a qualunque ipotesi di progressiva privatizzazione della caccia in Toscana. Gli altri impegni sottolineati del Presidente durante l'incontro: riaprire e recuperare la concertazione per riaffermare ruolo e competenze degli ATC, prefigurando, con il nuovo Piano Faunistico Regionale, le strategie gestionali per il rilancio del modello toscano.

La posizione netta e condivisibile del Presidente ha tenuto conto di quanto evidenziato dalla Confederazione Cacciatori Toscani tramite il Presidente regionale Fidc Moreno Periccioli, il quale ha sottolineato che occorre da subito delineare le linee strategiche sulle quali caratterizzare l’azione di governo: Nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale, rafforzamento degli ATC chiarendone ruoli e competenze all’indomani dell’ accentramento delle competenze alla Regione, risorse per il settore e una nuova programmazione finalizzata alla corretta gestione faunistica.

"Temi che - sottolinea la CCT nella sua nota - dovranno accompagnarsi alla netta contrarietà sui tentativi di progressiva privatizzazione della caccia, che attraverso ipotesi di costituzione di Aziende Faunistico Venatorie sociali e di una progressiva moltiplicazione di aziende faunistico-venatorie anche limitrofe alle aree protette, rappresentano i punti centrali ed inquietanti di un documento che da settimane circola negli ambienti della regione.
 
Un documento senza paternità che oggi ipotizza il superamento della caccia sociale, la chiusura degli ATC, la soppressione delle Zone Ripopolamento e Cattura e forti ingerenze sull’attività delle Associazioni Venatorie.
 
Il Presidente Rossi ha proposto di giungere ad un protocollo d’ intesa da sottoscrivere tra le organizzazioni, la Regione e gli ATC incentrato sui seguenti punti: Nuova impostazione di Governo per superare le criticità in materia faunistico-venatoria; Linee di indirizzo del Nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale entro il 31.12.2018; Modello di gestione, risorse, ruolo e competenze degli Ambiti Territoriali di Caccia; Approvazione di uno specifico regolamento inerente alle linee guida regionali per la determinazione e risarcimento dei danni da fauna selvatica alle produzioni agricole; Applicazione fondo di solidarietà per gli ATC con minori entrate economiche; Elenco e modalità di rotazione per i periti incaricati nella valutazione dei danni da fauna selvatica.

Successivamente alla sottoscrizione del protocollo, spiega sempre la CCT, la Giunta Regionale provvederà a riformulare alcune delibere operative, bloccate nelle precedenti sedute della Giunta stessa e che nella riunione di ieri è stato deciso di rinviare per ulteriori approfondimenti. Tra queste, particolarmente discussa e dalla CCT valutata criticamente, quella che prevede di assegnare all’agricoltore la facoltà di intervento diretto per l’abbattimento della specie cinghiale sul proprio fondo. "Una norma discutibile -scive la CCT- , forse inutile per gli stessi agricoltori, che potrebbe ingenerare vulnus legislativi pericolosi per una corretta applicazione dell’art. 37 e degli interventi di controllo che dovrebbero rimanere prerogativa degli ATC".
 
La CCT nei prossimi giorni e settimane si impegnerà come sempre nel dare il massimo apporto al lavoro proposto dal Presidente Rossi, con senso di responsabilità e con l’autonomia che la contraddistingue.

Leggi tutte le news

35 commenti finora...

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

E mo come faranno gli appecorati CCT e a Rossi a spiegare queste posizioni a quelli della Coldiretti a cui si sono votati ad assecondare richieste e nefandezze??

da Crusca 23/11/2018 21.14

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Io a quelli che sono contrari a caccia libera in libero territorio non ci rispondo nemmeno, troppo terra, terra come cacciatori, prima dovrebbero imparare cosa significa cacciare ! Pace e bene fratelli a 90°.

da jamesin 23/11/2018 21.06

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Ma adesso gli ATC dovranno anche loro rilasciare fattura elettronica per il commercio che fanno ? Chissa come andrà a finire. Pace e bene

da jamesin 23/11/2018 20.58

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Toh?! E' sparito il comunicato della Liberacaccia Toscana di ieri l'altro, che sparava a palla incatenata contro la legge obiettivo. Chissà cos'è successo?! Perchè non provate a sentire la sciarelli a Chi l'ha visto?

da Settimo Ricevuti 22/11/2018 17.56

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Mentre qua non ci sono i trentini ci sono quelli della federcaccia che hanno paura della libera caccia . Poi ci sono anche quelli dell'Arci caccia compagni di merenda che hanno sgomitato per fare i portaborse della fidc Toscana. Libera caccia su libero territorio è forse un’eresia o lo è pagare gli atc che fanno schifo anche per coloro che cacciano solo migratoria? La legge 157 e gli atc sono nati in prospettiva di una produzione,espansione, conservazione della nobile stanziale VERA e per questo vincolare il cacciatore al proprio territorio era inevitabile. Progetto miseramente fallito se si pensa che da sempre si fa la guardia al pronto caccia quando lo si immette. Parimenti senza vergogna si continua a pretendere cifre vergognose per chi caccia migratoria coperti della legge truffa che la stanziale è a disposizione dei migratoristi a patto che questi abbiano versato la quota richiesta, mentre sono esclusi coloro che si avvalgono delle giornate di mobilità. E non frega più un [email protected]@@ a nessuno che i foresti non “lavorino volontariamente” purché vadano ad ingrassare le tasche dei gestori sfruttando e offendendo spudoratamente quei pochi che ancora lavoro per il miglioramento degli atc. Per entrare nel merito, le truffe modello 1990 furono il risultato di un accordo "VENATORIO politico" a monte del referendum poi protrattosi fino ai nostri giorni. Se i tanti insofferenti odierni hanno potuto continuare a cacciare "in desertici recinti", lo devono alla 157. Chi continua a ribaltare la verità è sfacciatamente in malafede.

da B&B 22/11/2018 17.07

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

X TMTM: la legge 157/92 FU IL TRADIMENTO DELLA GRANDE VITTORIA REFERENDARIA. Tale tradimento fu firmato da ROSINI Presidente FIDC è FERMARIELLO Presidente ARCICACCIA che fecero comunella con la Procacci della LAC che nonostante avesse perso riuscì a vincere. Questa la realtà di allora. Oggi il vero problema è il calo dei cacciatori con là riduzione dei soldi in arrivò e la prospettiva per più di qualche parassita di aavv di doversi finalmente pagare la caccia come tutti i comuni mortali.

da Marco 22/11/2018 16.59

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Marco ma già costano circa 300 euro ! poi ci metti il cinghiale , il capriolo, cervo o altro altri 150 / 200 / 400 / 1000 ... fagiani li trovi con il binocolo e spesso solo maschi , starna chiusa , pernice chiusa, lepre a fascetta , storni di danno il limite e ti fanno lavorare come uno scemo, tordi e allodole sono sparite, tortore le aprono quando non ci sono più, i colombacci sono l'unica specie in aumento le anatre devi fare un mutuo in qualche azienda se no nella libera le vedi solo volare nel cielo FORSE!!! , ma di cosa sta SPARLANDO sto quà??? ma dove cacci tu in Spagna??? ahahahah

da Lino 22/11/2018 16.27

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Grande disamina di TMTM.Precisa e dettagliata nei tempi nonche realistico specchio dell'attuale situazione faunistica venatoria toscana.Complimenti

da Massi 22/11/2018 15.32

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Tanto per dire, il modello trentino è quello degli atc, dei comprensori. C'era anche prima della 157 e funziona bene. Ma sapete perchè? Perchè là ci sono i trentini (e gli altoatesini), mentre qua ci sono quelli della libera caccia in libero territorio. Che poi sono anche quelli dell'Arcicaccia di base, che quando nacque si definiva il sindacato dei cciatori. Per questo che in toscana Libera e Arci vanno d'accordo. Anche se, inopinatamente, si trovano a braccetto con i proorietari terrieri (come CIA con Confagricoltura). La soluzione è quella francese, ma prima bisogna cambiare i cervelli, di tutti, non solo di quelli della Federcaccia, che fra i tanti sono forse quelli che hanno più dimestichezza con la ragione. Per entrare nel merito, le truffe modello 1990 furono il risultato di un accordo "politico" (allora e anche dopo il Parlamento e il paese erano pieni di ambientalisti da salotto) fra parte degli agricoltori e mondo venatorio (produzione compresa) che - col referendum evitò (EVITO') la privatizzazione della caccia. Se i tanti insofferenti odierni hanno potuto continuare a cacciare "in libertà", lo devono alla 157. Chi continua a ignorarlo è in malafede. La "privatizzazione" evocata è frutto più degli uffici regionali che della politica. Non credo che la sinistra (toscana) abbia mai pensato a questo. Poi c'è anche qualcuno che punta al tanto peggio tanto meglio. Fateci leggere questo documento fantasma, che poi ne parliamo con cognizione di causa. Voci di corridoio già ci dicono chi era favorevole e chi contrario. L'errore originale, politico, è stato quello di schierarsi a favore degli agricoltori (legge obiettivo) con la connivenza di quei quattro selettori col loden ma ancora bruciasiepi (a volte con la bustapaga con intestazione pubblica) e quella pletora di tecnici (pubblici e privati, e a volte pubblici/privati) che volevano espropiare del territorio chi lo presidia veramente, i cinghialai, anche se si può fare di meglio.

da TMTM 22/11/2018 15.13

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

jasmine la lege nazionale'157-92 prevede ATC sub provinciali (minimo 2 per provincia).Quindi il tuo parlare già si dissolve dall'inizio. caccia per tutti dappertutto utopia come il reddito di cittadinanza .

da EUROPA INSEGNA 22/11/2018 15.05

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Come la Federcaccia ha cambiato idea? Non era per il modello trentino? Sarà che vi fanno chiudere oikos e trappole varie e quindinon c'è più da mangiare?

da Viva la caccia sociale 22/11/2018 14.04

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

tutti a tutto e dappertutto!!! meglio gratis.

da Hannibal!!!! 22/11/2018 13.09

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

DIMENTICAVO DI DIRE...libertà di andare in ogni Regione aree contigue comprese.

da jamesin 22/11/2018 13.00

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Ogni ATC a mio avviso deve essere deve essere minimo provinciale e una volta pagato nella propria Regione mettiamo anche ipoteticamente 150 Euro il cacciatore deve avere la LIBERTA' di andare in tutte le Regioni d'Italia. Non dimentichiamo come si fa sempre che paghiamo oltre all'ATC una tassa Reginale ed una allo Stato che sono soldi da mettere sulla gestione, o forse non è così ? Ogni Regione ha come minimo 10.000 mila cacciatori ce ne sono che ne hanno anche 30.000 mila per cui sul minimo 10.000 x 150 siamo a un milione e mezzo, più quello che dovrebbe metterci la Regione e lo Stato hai voglia di gestire. Considerando che le spese di gestione come personale sono quasi niente da quello che si dice che si fa per passione. Se non la smettete con questo andazzo allora devo dire per me meglio la privatizzazione, nelle AFV la selvaggina c'è e come se c'è e sono posti di caccia migliorati al 100x100. Pace e bene

da jamesin 22/11/2018 12.46

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

CCT e bot non li comprano gli atc, magari i soldi li buttano in consulenze ad amici e compagni o assumendo inutili impiegati anziché guardiacaccia. UN ATC BEN GESTITO CHE TI CONSENTA UNA CACCIA SODDISFACENTE A STANZIALE (lepre e fagiano) a UNGULATI e riesca a trattenere la migratoria vale 300 euro che è meno del costo di un abbonamento a Sky calcio e sport. Come dimensioni direi tassativamente 2 per Provincia. Possibilità di iscriversi a più Atc qualora ci sia disponibilità di postii.

da Marco 22/11/2018 12.12

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Quello che non hanno capito i nostri politici /tecnici che per fare cassa basta solo chiedere o meglio concedere al posto del solito tram tram 14,28 per tac di ammissione, 5,16 per la migratoria diminuite gli atc e fate pagare senza ancuna problema un importo unico,dividi per esempio la Sicilia in due atc e metti una tassa da € 100,00 così che chi vuole andare paga senza problemi e soprattutto senza avere rotte le scatole dagli ambientalisti

da Peppe79 22/11/2018 12.12

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

invece comprano i CCT o BOT fanno investimenti ma vi rendete conto??????

da Gino 22/11/2018 11.30

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

no all'art. 842!!! fauna fructus fundi!!! basta con la caccia sociale fasciocomunista.

da Victor Piazza 22/11/2018 11.09

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Gia' i soldi degli atc dovrebbero servire a tenere appezzamenti di granaglie a perdere e ripopolamento animali e di conseguenza favoreggiamento della migatoria allo svernamento, inoltre controllo dei nocivi. succede tutto questo? NO! dove vanno i soldi degli atc?? Gnam

da arturo 22/11/2018 10.54

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

300 euro mi sta bene! ma non 20 atc per provincia e 100 per ogni regione ??? ma cosa sei impazzito? e questa come si chiama CACCIA SOCIALE? O PRIVATIZZAZIONE?' Cosa fai parte degli amici di Rossi ??? gente nuova è ora!!! la politica nella caccia FA SOLO DANNI SPECILAMENTE LA SINISTRA CHE GIARDA COME E' FINITA!!!

da Pietro 22/11/2018 10.27

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

300 euro mi sta bene! ma non 20 atc per provincia e 100 per ogni regione ??? ma cosa sei impazzito? e questa come si chiama CACCIA SOCIALE? O PRIVATIZZAZIONE?' Cosa fai parte degli amici di Rossi ??? gente nuova è ora!!! la politica nella caccia FA SOLO DANNI SPECILAMENTE LA SINISTRA CHE GIARDA COME E' FINITA!!!

da Pietro 22/11/2018 10.27

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Per quanto riguarda la stanziale (fagiano e lepri) eravamo arrivati a un punto buono una decina di anni fa. Con lepri che non avevano bisogno di ripopolamento e fagiani ben gestiti in ZRV con voliere a cielo aperto. Stavamo iniziando il lavoro con le pernici rosse. Poi improvvisamente sono arrivate le ZECCHE sotto forma di SOCIETÀ DI SERVIZI che hanno spolpato gli atc (almeno quelli fiorentini). Società che purtroppo facevano capo a ex dirigenti dei cacciatori. Oggi occorre ricominciare da capo. Con gente seria e adeguando il costo degli atc al valore della caccia. Se non ci sono animali ad eccezione di ungulati e (quando passa) migratoria anche 10 euro sono troppi. Viceversa se il territorio è ben gestito ci sono animali stanziali (fagiani-lepri-pernici) e la migratoria di trattiene oltre il periodo di passo allora anche 300 euro sono accettabili. Pensare come fa qualcuno che sostituire una parte politica con altra sia sufficiente a risolvere il problema è infantile.

da Marco 22/11/2018 9.39

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Per quanto riguarda la stanziale (fagiano e lepri) eravamo arrivati a un punto buono una decina di anni fa. Con lepri che non avevano bisogno di ripopolamento e fagiani ben gestiti in ZRV con voliere a cielo aperto. Stavamo iniziando il lavoro con le pernici rosse. Poi improvvisamente sono arrivate le ZECCHE sotto forma di SOCIETÀ DI SERVIZI che hanno spolpato gli atc (almeno quelli fiorentini). Società che purtroppo facevano capo a ex dirigenti dei cacciatori. Oggi occorre ricominciare da capo. Con gente seria e adeguando il costo degli atc al valore della caccia. Se non ci sono animali ad eccezione di ungulati e (quando passa) migratoria anche 10 euro sono troppi. Viceversa se il territorio è ben gestito ci sono animali stanziali (fagiani-lepri-pernici) e la migratoria di trattiene oltre il periodo di passo allora anche 300 euro sono accettabili. Pensare come fa qualcuno che sostituire una parte politica con altra sia sufficiente a risolvere il problema è infantile.

da Marco 22/11/2018 9.39

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

ma di cosa stiamo parlando in Toscana la caccia è già privata da tempo avete il maggior numero di riserve solo accessibili a SUPER SIGNORI CON IL PORTAFOGLIO SUPER GONFIO ma cosa vuole sto Rossi ( amico degli zingari ) riempirsi la bocca di cose che non CONOSCE per raccattare qualche voto ma l'aria sta cambiando e presto anche l'amico degli zingari verrà sostituito PER FORTUNA!!!

da Lega 22/11/2018 9.28

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Attenzione alle truffe modello 1990. Questo manipolo di maneggioni, affaristi seriali stanno creando terrorismo perché gli si prospetta il serio pericolo di trovarsi un lavoro vero per sfamarsi e non prelevare più nei bancomat cacciatori. Rivalutazione degli atc. applicazione fondo di solidarietà per gli atc con minori entrate economiche non vi suggerisce nulla? Fino ad adesso questi dove stavano? Se ne accorgono solo ora che cosa sono e come sono ridotti gli atc? Eppure sono sotto la loro gestione. Il solito gioco sinistro, incolpare gli altri del loro fallimento e dei disastri lasciati al loro passaggio. Gioco stantio che solo pochi sciocchi si prestano a crederci.

da Pippo 22/11/2018 9.16

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Ritorniamo di nuovo ai tempi dei signori e dei baronaggi. No battiamoci per i nostri diritti acquisiti con sacrifici,ricordiamo ai nostri rappresentanti di far valere i nostri diritti e a non demordere.

da Peppe79 22/11/2018 8.36

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

FIDC TOSCANA HA CAMBIATO IDEA.

da Meglio così 21/11/2018 22.31

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Piano piano ,torneranno a caccia solo conti e baroni.io sono d'accordo con rossi.la privatizzazione metterebbe a tacere anche la Brambilla e vari animalati.è quello che vogliono.

da Francisco 21/11/2018 22.10

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Mamma & C., hanno pensato a tutto!....

da s.g. 21/11/2018 20.53

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

come dice bob c'è di mezzo la 157.-

da claudio 21/11/2018 19.51

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

..che attraverso ipotesi di costituzione di Aziende Faunistico Venatorie sociali e di una progressiva moltiplicazione di aziende faunistico-venatorie anche limitrofe alle aree protette, rappresentano i punti centrali ed inquietanti di un documento che da settimane circola negli ambienti della regione.>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Perchè forse adesso le zone (aree contigue) limitrofe alla aree protette non sono aree private solo per i residenti ?? Allora se proprio volete essere coerenti abolite anche queste aree limitrofe ai parchi in tutta Italia. Lo spaventapasseri si mette per aumentare il raccolto. Pace e bene fratelli

da jamesin 21/11/2018 19.01

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

E perché per abbattere un cinghiale ci vole l art 37?ooooooo ma svegliateviiii date la facoltà all agricoltore di abbatterli e basta art 37 e cazzate varie per puppamelo quatrini e basta.

da Jo 21/11/2018 18.24

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Documento per privatizzare la caccia in contrasto con la 157/92. Proposta fatta circolare per mettere paura a chi deve decidere e ai cacciatori. Occorre far funzionare gli ATC e occorre che le associazioncione SMETTANO DI DERIBARE GLI ATC STESSI CON SERVIZI FATTI DA SOCIETÀ AMMINISTRATE DAI DIRIGENTI DELLE ASSOCIAZIONCIONE STESSE.

da Bob 21/11/2018 16.40

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

Hoi hoi, un documento della Regione che promulga la privatizzazione della Caccia in Toscana....c'è più di qualcosa che non torna. Non mi risulta che la Regione Toscana sia così incline al capitalismo e liberismo economico, soprattutto in tema venatorio, ma oggi il trasformismo politico va di moda. Sarebbe interessante approfondire...

da The Hunter 21/11/2018 16.03

Re:Rossi dice no alla privatizzazione della caccia toscana

O vediamo icchè tirano fori.....!

da Alberto 21/11/2018 15.29