Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoFidc: "una nuova rotta per la sorveglianza dell'aviaria"Cabina Regia Toscana a difesa del calendario venatorioFidc Lombardia: non ancora chiusa causa contro il calendario venatorioL'Aquila, a Cagnano Amiterno riprende la caccia senza limitazioni per PSAUmbria: Mancini (Lega) chiede piano straordinario cinghialePatrizio La Pietra e Vannia Gava sottosegretari ad Agricoltura e AmbienteArci Caccia Toscana chiede trasmissione dati su tortora, storno e piccioneIn Toscana nuovo ricorso contro calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Lombardia, modifiche alla legge sulla caccia in Consiglio


mercoledì 14 novembre 2018
    

 
Dopo l'approvazione, in sede di VIII Commissione Consiliare, il Consiglio regionale della Lombardia, dovrà votare alcune importanti modifiche alla legge regionale 26/93, con la discussione sulla legge di Semplificazione 2018. Proposte e sostenute dai consiglieri Anelli, Malenchini e Massardi, nonchè dall'Assessore Fabio Rolfi, le sintetizza tutte una nota della Federcaccia di Bergamo, la quale fa presente che le modifiche sono state suggerite dalla Federcaccia già durante la campagna elettorale delle regionali.

"In primo luogo si propone l‘abolizione del limite delle 55 giornate stagionali: rimane il limite delle tre giornate a scelta, ma  il limite complessivo non era più rispondente alle mutate esigenze di gestione venatoria degli ungulati, soprattutto del cinghiale.

In secondo luogo si propone, come previsto dalla Legge Statale, di consentire il prelievo della volpe anche in zona alpi in forma vagante anche nel mese di gennaio: e dovrebbe aggiungersi la modifica del regolamento 16/2003 per consentire il prelievo di questa specie per tre giorni a settimana anche in zona alpi.

Importantissima la ridefinizione del concetto di “fabbricato rurale”, ovvero di quei fabbricati accessori alle attività rurali dai quali gli appostamenti fissi possono stare a meno di metri 100: negli ultimi due/tre anni molti appostamenti, anche storici sono stati revocati perchè vicini a fienili o vecchie cascine diroccate in quanto per motivi catastali era stata modificato il classamento catastale (la classe “fabbricati rurali” è stata soppressa). Grazie alla modifica della Legge Regionale i capanni esistiti ed esistenti a partire dal 5 ottobre 2010 fino ad oggi potranno essere mantenuti o anche riattivati in quanto si dovrà considerare la destinazione effettiva dei fabbricati e non la loro classificazione catastale (che spesso è di deposito o magazzino).

Di grande rilievo anche la previsione per cui le misurazioni delle distanze tra appostamenti fissi e tra appostamenti e fabbricati o confini delle oasi siano da effettuarsi seguendo l’andamento morfologico del terreno.

Altra modifica alla norma sulle segnatura sul tesserino, che dovrebbe disporre la segnatura alla raccolta del capo.

Insieme a questi sono stati poi presentati altri emendamenti di sicuro interesse per il mondo venatorio: ad esempio la previsione per cui le attività di censimento siano demandate in primis ai comitati di gestione degli ambiti e comprensori, mentre oggi la competenza per l’organizzazione era rimessa alla Polizia Provinciale, che però sconta gravi carenze di organico.

Interessante anche la possibilità di spostare e modificare le zone di ripopolamento e cattura con semplice delibera della Giunta Regionale, e dunque senza passare per l’iter della modifica del Piano Faunistico Regionale.

Sono poi passati anche alcuni emendamenti di semplificazione presentati dal Consigliere Barbara Mazzali.

Se non ci saranno ulteriori modifiche in Consiglio sarà finalmente chiarito che anche i cacciatori vaganti non in atteggiamento di caccia potranno accedere come osservatori negli appostamenti fissi, come già stabilito anche dal Tribunale di Lecco accogliendo le tesi di Federcaccia.

Su iniziativa del Consigliere Mazzali dovrebbe inoltre essere aumentata a 200 metri la distanza fino a cui si può spingere il capannista per ricercare, con il fucile e con il cane da riporto, animali feriti. Sempre su sua iniziativa è stato poi accolto l’emendamento che consentirà di sostenere l’esame di abilitazione per l’attività venatoria presso tutti gli UTR lombardi, in funzione anche del domicilio lavorativo e non della sola residenza anagrafica".


Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Lombardia, modifiche alla legge sulla caccia in Consiglio

Io resto sempre in attesa di vedere, come in regione Lombardia, riusciranno a far baipassare con un articolo di legge regionale, una legge Statale di cui l'art 31 della 122/2016 e l'art 12 comma 12 bis della 157/92????? AUGURI

da Fucino Cane 14/11/2018 22.50

Re:Lombardia, modifiche alla legge sulla caccia in Consiglio

Togliessero per sempre quella inutile zrc centrisola!da decenni non si cattura nulla e l atc non investe nulla!!spazio...già poco...tolto alla caccia

da Bg 14/11/2018 19.27

Re:Lombardia, modifiche alla legge sulla caccia in Consiglio

Togliessero per sempre quella inutile zrc centrisola!da decenni non si cattura nulla e l atc non investe nulla!!spazio...già poco...tolto alla caccia

da Bg 14/11/2018 19.27

Re:Lombardia, modifiche alla legge sulla caccia in Consiglio

Mah... non capisco come si possa autorizzare il capannista a recuperare/cercare animali feriti, addirittura con il cane, diventa caccia vagante e la consulta in una sentenza ha bocciato questa possibilità ad un altra regione, ora se una cosa non si può fare in una regione non credo si possa fare in un altra, la 157 è uguale x tutte.-

da claudio 14/11/2018 17.34