Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Alessio Piana tra gli amici di BigHunterTrento: nessuna limitazione per la caccia al cinghialeStefania Craxi: "il cinghiale, la mia passione"Anlc Piemonte: ecco perchè saremo in piazza l'8 giugnoSardegna. Cpa dice no agli AtcAnnotazione tesserino, Marras "la normativa deve essere chiara"Ok al Piano straordinario cinghiali nel Parco dei Gessi BolognesiLe novità sulla caccia in deroga in LombardiaCalendario Venatorio Marche: le proposte di FidcAnuu, la Giornata del Verde Pulito in LombardiaTesserino venatorio: approvata mozione in ToscanaGiulia La Cava, a caccia con i segugi. "Non c'è emozione più forte"Secondo anno per il progetto Lepre in SiciliaReggio Emilia: operativo controllo del cinghialeIn Spagna 100 mila cacciatori in piazza per pretendere rispettoToscana. Danni a scacchiera8 giugno. Manifestazione dei cacciatori a TorinoCambio di statuto per il Sindacato Venatorio ItalianoCaccia in deroga, Lombardia approva richiesta da inviare ad IspraPiemonte, partita caccia di selezione al cinghaleLazio, riunito nuovo Comitato Faunistico VenatorioCampania, ecco la bozza del Calendario Venatorio 2018 - 2019Anlc Umbria, proposte per il calendario venatorio 2018 - 2019Aria Nuova in Ekoclub PistoiaCinghiale: Fidc Umbria ricostituisce settorialeBERGAMO. REVOCATI I DIVIETI PER L’AVIARIABRESCIA. CORSO PER IL TRATTAMENTO CARNI DI SELVAGGINATOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVOToscana, ok mozione Pd per braccata nelle aree protetteLegge 157/92: ecco la proposta Caretta per la riforma della caccia CCT, ungulati? Puntare sul controllo come fa AlessandriaDepositata PdL Cirielli per la modifica della 157/92La caccia ai giovani: Yuri D'Onofrio “stiamo uniti”Lombardia, Massardi alla prima seduta annuncia impegno per la cacciaReport gestione ungulati Toscana, Remaschi "la legge funziona"Liguria, M5S chiede divieto per 4 specie cacciabiliAnuu, 60 anni di storia e tradizioniA Bergamo primo concorso sul cinghiale per aspiranti chefCinghiale, Emilia Romagna: ok a calendario venatorio 2018 - 2019 Emilia Romagna. Contrarietà della Lega sul calendario venatorio Piemonte: nuovi criteri per i Comitati di Atc e CaCastellani rieletto alla guida dell'Anuu MigratoristiMolise. Di Pietro "fondi trasferiti agli Atc"In Regione Bruzzone lascia il testimone ad Alessandro PianaDdl caccia Piemonte. Le osservazioni di AnlcFidc Marche, storno: nessuna preoccupazione per la sentenzaOffese contro cacciatori e Remaschi, la condanna della CCTIl Governatore De Luca ad Hunting Show SudCampania. Proposte al Calendario Venatorio 2018-2019 Torbjörn Larsson è il nuovo presidente dell'Alleanza dei cacciatori nordiciStorno. La Corte impallina la Regione MarcheLa Caretta presenta modifiche alla 157Spagna. I cacciatori manifestano per la cacciaDanni fauna selvatica. CCT chiede risposte urgenti a RemaschiCinghiali. Coldiretti Torino chiede azioni rapide I cacciatori francesi rilancianoIniziativa FIdC Bergamo. I ragazzi cuochi del “Galli” alle prese col cinghialePiacenza: successo della cena del pompiere-cacciatoreExpoRiva. Manifesto a sostegno della cacciaPiemonte. Al via caccia di selezione al cinghialeUmbria. Convenzione tra Regione e Carabinieri forestaliLombardia, Fabio Rolfi Assessore alla cacciaPer il Governo legittima proroga Pfv VenetoCapriolo: le proposte della Libera Caccia di PistoiaTar Torino, controllo cinghiali: "metodi ecologici derogabili"Toscana: respinta mozione 5 Stelle per la sospensione della cacciaAnuu Campania, riconfermato Presidente ParvoloCon la sua cucina di caccia, Fabrizia Meroi è Chef donna 2018Lombardia: ecco cosa si aspettano i cacciatori dalla nuova GiuntaCaccia Ungulati. Da Siena le nuove proposte della CCT Basilicata: "Aprire un tavolo per la caccia nei Parchi"Abruzzo, Febbo "cinghiali, confusione in Regione"Caretta "costituito Intergruppo parlamentare per la cultura rurale"Greenpeace, precisazioni su partecipazione a ExpoRivaPuglia, rimandato esame ddl fauna selvatica Caretta "il M5S sulla caccia ha gettato la maschera"Ungulati Toscana, "nel 2017 meno abbattimenti, più incidenti stradali"Fauna in difficoltà. Intervengono i cacciatoriAmiche di BigHunter, Yamila B.: "movimenti anticaccia specchio di una società in crisi"Anuu, agricoltura "un modello da riformare?"Calabria: incontro sulle modifiche alla legge sulla cacciaExpoRiva Caccia Pesca Ambiente: + 5% di visitatoriFidc Pordenone presenta gli studi sulle migrazioniBraia: abbattimento cinghiali tutto l'anno è realtà in Basilicata

News Caccia

TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO


venerdì 13 aprile 2018
    

 
La CCT, Cofederazione Cacciatori Toscani, esprime altre critiche alla Legge Obiettivo per la gestione degli ungulati, che invece l'assessore Remaschi - REPORT GESTIONE UNGULATI TOSCANA, REMASCHI "LA LEGGE FUNZIONA" -  evidenzia per i risultati positivi ottenuti.

"Decisamente diverso - dice il CCT -  il film che hanno visto in questi anni gli agricoltori ed i cacciatori: i danni risultano in aumento e le distinzioni tra aree diverse della Regione contrastano con quanto lamentano le categorie economiche in tutte le province. Così come il “successo” nell’ accorciamento dei tempi per le pratiche appare al limite della provocazione per chi vive l’emergenza ungulati sul territorio.
Sull’ aumento dei danni - prosegue la nota -  che mette in ginocchio l’economia e la vita degli Ambiti Territoriali di Caccia nessun cenno alle proposte formulate e alla necessità di cambiare passo.
La Confederazione Cacciatori Toscani conferma il proprio impegno a restituire una visione realistica della situazione e a portare le proprie proposte nelle sedi deputate - segnatamente in Consiglio Regionale e in Commissione -  per superare la situazione di grave crisi che al di là  dei proclami trionfalistici dell’Assessore vive oggi la caccia, la gestione e l’economia legata alle produzioni agricole in Toscana.
Di ben altro  - commenta ancora la CCT - la mozione presentata dal consigliere Andrea Pieroni (PD) e approvata a maggioranza, per rafforzare e velocizzare gli interventi di controllo degli ungulati all’interno delle singole aree protette e che impegna la Giunta “a valutare, qualora siano stati applicati senza successo metodi di prelievo alternativi, anche l’utilizzo della braccata…”.
Un buon inizio per avviare una seria analisi e un confronto sui limiti della legge 10 sul controllo degli ungulati.
 

 

Leggi tutte le news

36 commenti finora...

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Tranquilli anche se va smerdando da una parata all'altra il raglio d'asino non sale al cielo.

da pruuuuuuuuuuuuu lui e la sua "caccia" 16/04/2018 23.18

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Non ho capito quale sarebbe "l approfitto"...ma ho capito che è meglio lasciare perdere. Il discorso secondo me qua era un altro ma.... Saluti.

da Springer toscano 16/04/2018 21.54

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Lo faccio perché non sono un approfittatore e detesto questo stato di cose.ti basta ?

da Massi 16/04/2018 21.37

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Lo faccio perché non sono un approfittatore e detesto questo stato di cose.ti basta ?

da Massi 16/04/2018 21.37

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Massi .......come sempre devi alzare i toni riportando e mettendo in risalto, come fanno gli animalisti, notizie che buttano me..a sull' intera categoria....che sono utili alla caccia quanto avere in mano una bottiglia di alcool per spengere un' incedio. Codesto sig.re è uno dei "furbi" che va sicuramente denunciato. I "furbi" (nel senso puro di idioti) sono da tutte le parti, stà a noi in primis osteggiarli....hai il video...DENUNCIALO!!! Ricordati però che la cosa riguarda lui e quelli come lui....non certo un' itera categoria!!! Certo, ora va di moda fare di tutta un' erba un fascio, e avere la supponenza di credere di sapere sempre dove è il bene assoluto, e dove è il male assoluto.....mi dispiace distoglierti dall' incanto ma...nella vita reale questo non è! Ripeto...come ha anche scritto Claudio...gli anticaccia riportano e vedono solo notizie negative....non seguirli. Grazie

da SPRIGER TOSCANO 16/04/2018 17.47

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

purtroppo vedi al mondo ambientalista che non vede oltre il proprio naso, queste cose non interessano, loro a prescindere sono contrari a tutto e purtroppo l'opinione pubblica in genere condivide.- se poi guardiamo la caccia fà notizia solo quando ci casca il morto, quando il bracconiere viene trovato in flagranza e in ogni caso solo per cose negative e questo non aiuta certo il mondo venatorio. le notizie positive dell'aiuto o dei problemi risolti sulla stampa non si vedono mai.- Comunque staremo a vedere gli sviluppi un saluto

da claudio 16/04/2018 16.12

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

rispondo ai favorevoli : in ZRC parecchio vicina alla tua hanno buttato giù anche il cinghiale durante il cosiddetto "controllo autorizzato della volpe " ( video in diretta ).Fucilata a doppio zero da volpe e finito a palla.E come lì chissà in quanto altri posti questa beata consuetudine.(ah già ma voi siete ligi bravi ed educati.....guarda caso quando ci abbiamo avuto a che fare è risultato tutto il contrario) Il paese dei furbetti e ci credete tutti con l'anello al naso..te lo ripeto,non siete qualcosa in più del restante 90 % del mondo venatorio,più facile qualcosa in meno..anzi parecchio.Fosse per me stareste a casa anche con la scusa della volpe. Trappole (come le Larsen per i corvidi ) e il fucile se lo vuoi adoperare lo porti alla Fontaccia ai piattelli.

da massi 16/04/2018 16.02

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Punto di vista il tuo ben più che condivisibile. Il problema è che questo impasse che si è creato stà creando grossi problemi proprio alla nostra categoria....tacciata appunto di non servire a niente. In Toscana, i deleteri effetti di questa interpretazione, sono mitigati dal fatto che, alla fine è appunto un' interpretazione che hanno cavalcato gli animalisti (e alcuni cacciatori) che si scontra comunque con le reali necessità e con le autorizzazioni di enti come appunto la regione e l' ispra e poi, ringraziamo la legge obbiettivo che ha dato via alla selezione che essendo caccia non è stata attaccata. La cosa che a me fa sorridere è che gli unici interventi per i quali si richiama l' art. 19 sono quelli sul cinghiale...scordandosi che quelli sulla volpe sono al pari, così come quelli sui corvidi!! Chiedo ai contrari....li aboliamo tutti? Come le gestiamo per esempio le zrc per esempio?

da SPRINGER TOSCANO 16/04/2018 15.47

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

alla fine si hanno le stesse idee, io mi sono sganciato dal controllo solo perchè voglio essere sicuro che se dò gratis il mio tempo e il mio lavoro per qualcosa che ritengo utile và benissimo, ma se poi magari vengo contestato per l'aiuto che ho dato e che alcuni non apprezzano, anzi vieni definito peggio di un delinquente, penso non ne valga la pena e ti chiedi ma perchè io devo farmi carico dei problemi della comunità.-

da claudio 16/04/2018 14.46

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Claudio..intendevo proprio questo. La caccia in funzione della gestione di determinate specie. La caccia di selezione indubbiamente si presta molto bene per intervenire in gran parte dei periodi dell' anno e sopratutto nel momento più critico per quanto riguarda danni alle culture e alla selvaggina e cioè la primavera inizio estate. Non è detto però che sia sufficiente e al bisogno vedo corretto praticare la girata e poi la braccata.....queste ultime anche come "contenimento". Torno al concetto che la caccia deve essere UTILE! Certo, fuori dubbio che la selezione al cinghiale, sdoganata in Toscana dalla legge obbiettivo (anche se necessiterebbe di un paio di modifiche), utile lo è di sicuro.

da SPRINGER TOSCANO 16/04/2018 14.34

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

certamente ma oltre che alla caccia in futuro sarà sempre più indispensabile un controllo mirato a tutte le specie e questo lo si potrà fare solo se sistemeranno la legge nazionale, altrimenti come dicevo, secondo me lasciamo stare il controllo e cerchiamo di fare con la caccia, anche se di selezione ma è caccia, che poi alla fine si farebbero quasi le stesse cose.- Sarebbe sicuramente interessante sapere gli sviluppi delle varie denunce che ci sono state nelle varie provincie, ma appunto perchè proprio non se ne parla non si riesce a capire cosa stia succedendo.-

da claudio 16/04/2018 14.07

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

La legge obbiettivo andrà come la faremo andare (credo meglio di quel che si pensa). Ma quel che conta non è il futuro in se per se della legge obbiettivo, quanto il ben piu importante futuro della caccia ad essa molto, molto legato.

da Springer toscano 16/04/2018 13.30

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

infatti dobbiamo vedere come andrà la legge obiettivo, poi il fatto di ricordarci le cose che dici sono d'accordo, bisogna vedere se un domani davanti ad un giudice lui si ricorda o se invece prende la legge alla lettera e conferma le sentenze della corte che dicono chiaramente che le leggi regionali devono rispettare quella nazionale altrimenti sono illegittime.- noi possiamo raccontarci quello che vogliamo ed essere tutti d'accordo ma un eventuale sentenza di giudizio?

da claudio 16/04/2018 13.00

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Claudio...in questo posso certo concordare. Le regioni avevano già provato ha mettere chiarezza su questo fatto....ora abbiamo anche Bruzzone che a quanto pare vuole seriamente affrontare questo problema. RICORDIAMOCI che trattasi di un' interpretazione, RICORDIAMOCI che sono 25 anni che, le provincie prime, e le regioni poi si muovono utilizzando questo strimento, RICORDIAMOCI che un' intervento è autorizzato da Regione previo parere ISPRA, RICODIAMOCI che chi partecipa ha fatto un corso di abilitazione istituito da Provincia o Regione sempre dietro parere ISPRA.....sostenere che trattasi di caccia di frodo....la vedo dura. Ma la prudenza non è mai troppa, quindi bene il puntare su caccia di selezione ecc.....la direzione per altro intrapresa dalla legge obbiettivo.

da SPRINGER TOSCANO 16/04/2018 12.28

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Sarebbe molto interessante sapere come procedono le "grane penali" dei 60 cacciatori (e guardie volontarie annesse e connesse) umbri beccati in fragranza di reato in base all'art.19 157-92,dentro ZRC. In caso la Redazione o altri fossero a conoscenza .....

da massi 16/04/2018 12.11

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

organizzata nel modo che dici tu và anche bene ma ora che gli ambientalisti hanno scoperto un "buco" nella 157 nazionale, tutto quello che si decide a livello regionale o provinciale che và fuori dalle righe della 157, è impugnabile se non anche pericoloso per il fatto di prendersi qualche verbale. Prima di tutto se non si và a sistemare questa cosa, oltre al lavoro gratis che facciamo si rischia di persona. tutto quà.- questo è quello che voglio far capire io e quando qualcuno mi chiede se vado, gli spiego il perchè del mio rifiuto anche se poi vedo che lui partecipa ugualmente.- come ripeto non voglio rischiare il porto d'armi o dovermi trovare un avvocato per una denuncia anche perchè non avrei proprio i soldi per farlo e la licenza di caccia non la rivedrei più.- Quindi concordo sulle modalità che dici ma il punto debole per me è la poca chiarezza nella legge.-

da claudio 16/04/2018 12.02

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Dante.....mi riferivo a quanto hanno scritto e.....era sarcastico.

da SPRINGER TOSCANO 16/04/2018 10.21

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

utili più o meno a voi attri. E' che loro non si divertono a sparacchiare tutto l'anno

da dante 16/04/2018 10.06

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Claudio....l' organizzazione degli interventi e di chi partecipa dipende molto dall' organizzazione locale. Magari anche questa organizzazione sarebbe stata una buona cosa se fatta dalle aa.vv. Da me sono tanti anni che è stato creato un gruppo di intervento. E' aperto a tutti i cacciatori e ha come scopo la gestione di una parte di territorio. Questo gruppo si occupa...di posizionare recinti elettrici, sistemazione annuale di tutti cartelli della zrc presente sul territorio, coadiuva la viglilanza nello svolgimento della cattura dei corvidi ecc. Viene tenuto un registro e agli interventi vengono chiamati a rotazione quei cacciatori che hanno partecipato anche alle altre operazioni. Senza discriminati....hai partecipato e lavorato vieni invitato.....non hai fatto un benemerito...non vieni invitato. Mi sarebbe piaciuto che una cosa del genere avessero provveduto a farla le aa.vv che sono presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale. A livello locale...le aavv si mettevano daccordo istituivano un registro (PUBBLICO) dove venivano annotate le presenze di ogni membro e...semplicemente quando era necessario un' intervento chiamavano , a rotazione, chi aveva lavorato.....era troppo difficile? Ricordo anche a chi non caccia cinghiali e ungulati che la gestione di zrc e zrv passa anche dalla gestione degli ungulati stessi e....le zrc e zrv sono le uniche "colonne" che consentono alla caccia stanziale da penna e alla lepre di poter rimanere a galla. TORDAIO E CINGNALAIO...complimenti, interventi molto utili. Grazie

da SPRINGER TOSCANO 16/04/2018 9.13

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Very good tordaio.

da Cignalaio di braccata 15/04/2018 21.38

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Ma basta con questa storia dei danni! Ma lo sapete che sono sempre i soliti 4 agricoli ammanigliati politicamente ad incassare? Fate controllare a gente seria e vedrete che il problema si ridimensiona alla grande! La caccia non è tirare a a fermo a 4 maiali!!! Ridicoli!

da Tordaio 15/04/2018 14.45

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Anche questo è vero, ma se i contenimenti fossero stati organizzati in modo che tutti, a turno potessero parteciparvi, i contrari sarebbero stati molti di meno e comunque sapendo che il problema sarebbe solo stato rinviato le istituzioni invece di fermarsi avrebbero dovuto continuare con un piano d'intervento. Ora sono costrette dai fatti ad imporsi e nel frattempo animalisti e compagny hanno trovato il sistema di mettere il bastone tra le ruote al sistema.- Secondo me se tutto fosse stato fatto da allora, 5 10 anni fà o più, oggi sarebbero interventi ormai accettati dalla comunità e sicuramente ne servirebbero meno di quello che serviranno ora. Una cosa è fare 1 o 2 interventi in una zona da anni e un conto è non aver mai fatto niente ed ora dover farne non 2 o 3 ma almeno il doppio attirando di più l'attenzione della gente che non capisce che si stà facendo loro un servizio.- Una cosa che ho dimenticato prima è anche il fatto che se succede qualche incidente l'assicurazione che tutti abbiamo, come si comporterebbe? paga, non paga, paga e si rivale sul cacciatore? Ho chiesto a qualche avvocato e la risposta più decisa è stata quella che l'assicurazione (come sempre) cerca il modo di non pagare e quì ha il modo per provarci, ecco il primo motivo per cui non mi fido, oltre al fatto di poter perdere il porto d'armi e a settembre dover guardare gli altri che cacciano.-

da claudio 14/04/2018 21.27

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Sono solo in parte daccordo Claudio. Per esperienza personale ti dico che i cacciatori (o almeno una parte) in passato hanno fatto di tutto per mettere i bastoni tra le ruote anche a chi si permetteva solo di pensare di cacciare il cinghiale a scopo di "gestione". Interventi nelle zrc erano sempre fonte di polemiche e litigi quando invece rappresentavano l unico strumento per la gestione di questa e altre specie "ingombranti". Poi....leggi anche gli interventi qua sopra....gli interventi di contenimento no...la,selezione no. Gli agricoltori? Tutti prepotenti e pronti a cavalcare questo problema inesistente!??!!??? Quindi...che vogliamo fare? Attenti a voler attribuire sempre le colpe agli altri....alle istituzioni, per togliesi il problema di dosso, basterebbe abolire l 842 e gli agricoltori si prendono oneri ed onori....siamo sicuri che è questo che vogliamo? Io...credo che la legge 10 sia una delle ultime possibilità che abbiamo per cercare di mantenere una caccia come l abbiamo sempre conosciuta.....

da Springer toscano 14/04/2018 18.16

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

infatti quello che cerco di far capire io è di utilizzare di più la caccia e lasciar perdere il controllo.- tutte le nostre idee che leggo su questo ma anche di altri forum in altri siti, a volte si scontrano con la 157 che è quella legge che piaccia o non piaccia purtroppo dobbiamo rispettare.- Sistemata questa ed avendo quindi più certezze di non essere coinvolti in qualche verbale per avere aiutato la regione, la provincia, i contadini, gli automobilisti (magari anche ambientalisti), poi nel rispetto della nuova direttiva si può dare una mano, consapevoli che comunque il problema è e rimane delle istituzioni. se anni fà avessero affrontato meglio la situazione da un semplice raffreddore che era allora, ora è diventato una polmonite e non certo per colpa nostra, si sapeva benissimo come andava a finire ma non hanno voluto ascoltare il mondo venatorio e ora ne pagano le conseguenze.-

da claudio 14/04/2018 16.20

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Gli interventi non sono caccia e possono partecipare solo gli amici degli amici. Gli interventi non sono caccia e potrebbero proseguire anche in caso di abolizione della stessa. Ricordate l'emendamento non approvato alla legge 157 in cui si diceva che NON COSTITUISCE ESERCIZIO DI CACCIA L'ABBATTIMENTO DI FAUNA AI FINI DI IMPRESA AGRICOLA? CCT TOSCANA insieme alla costellazione di società parallele a scopo di lucro (c'è ne sono molte tutte rintracciabili nei bilanci degli ATC) è ormai una vera potenza che sta lavorando per il proprio futuro, che sarà radioso se verrà abolito l'842 e privatizzata la caccia: in quel caso tutto passerà da CCT. E anche secco saranno pochissimi cacciatori il business è appetibile!

da Invece è tutto chiaro 14/04/2018 14.18

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Claudio la domanda che ti poni è legittima! Chiarire questo aspetto una volta per tutte credo sarebbe importantissimo. Qui siamo al paradosso che un ente mi esorta con atti pubblici a compiere un operazione la cui legalità è stata messa in discussione. Vedi per esempio le nostre associazioni potrebbero intanto cercare di risolvere questo dilemma...sarebbe molto piu importante. Comunque se si parte e si riconosce il fatto che dobbiamo collaborare col.mondo agricolo, che dobbiamo cercare di gestire gli ungulati in funzione anche dell altra selvaggina oltre che dai danni alle culture e che dobbiamo in tutti i modi cercare di accostare alla caccia un ruolo di utilità...io sono daccordo. Se si cerca di escludere la caccia dalla gestione, ricorrendo ai soli interventi, magari anche,senza cacciatori come secondo alcuni vorrebbe la 157....io credo che imbocchiamo la strada sbagliata. La legge remaschi pone il cacciatori al centro della gestione (punta piu sul prelievo venatorio piuttosto che sui contenimenti...vedi selezione al cinghiale) ha molti aspetti positivi e alcuni da rivedere.....perché invece di abbaiare alla luna non cerchiamo di farla funzionare e vediamo se possiamo modificare gli aspetti critici??

da Springer toscano 14/04/2018 14.07

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Beati voi....cacciatori tutto l'anno. La ciccia...vota la ciccia vota la ciccia vota la ciccia vota la ciccia

da vota la ciccia 14/04/2018 12.29

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

springer, sono tutte cose giustissime quelle che scrivi e che anch'io condivido, quello che non accetto dalle istituzioni è che dopo aver dato una mano gratis per risolvere i vari problemi con il controllo rischi, per la legge vigente, qualche problema e allora mi chiedo? ne vale la pena?

da claudio 14/04/2018 11.27

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

In pratica....rileggendomi, nonostante sia un tesserato Fidc, quindi cct...ho idee completamente opposte rispetto a quanto si evince da questi ultimi comunicati. Nel recente passato però mi trovavo abbastanza in sintonia.....bho....ma insomma praticamente cct cosa propone? Entrate nel merito....così potrò capire se sono o meno "a casa" come credo di essere stato fino ad adesso (il "credo" visto gli ultimi comunicati)

da Springer toscano 14/04/2018 7.11

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Claudio....ripeto che io son sempre stato favorevole al "controllo"...ma dove la caccia non può arrivare. Esempio zrc...i cinghiali non ci devono (dovrebbero) stare nelle zrc ma all interno delle stesse solo interventi ci puoi fare attualmente. Limitare o intralciare questi interventi vuol dire perdere anni di gestione perché i branchi di cinghiali fanno razzia di nidi di fagiano e sicuramente non giovano ai leprotti. Senza considerare che danneggiando le culture agricole creano problemi nei rapporti con gli agricoltori. Ma se un giorno si trovasse una forma per consentire anche lì caccia di selezione o girata e, in base a tempi luoghi ed esigenze al limite anche la braccata....io sarei daccordissimo. Trovavo corretti gli interventi in art. 37 nel libero, in periodi di caccia chiusa, quando la selezione al cinghiale non esisteva e quindi gli interventi erano l unico sistema per dare una risposta al mondo agricolo. Oggi, se i cacciatori facessero la loro parte (con giudizio e misura ma....va fatta!!) si possono ridurre veramente tanto....e attuarli solo quando veramente strettamente necessario.

da Springer toscano 14/04/2018 7.02

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

springer stavolta sono d'accordo con te, lasciamo stare il controllo che ha i suoi lati negativo (soprattutto per i cacciatori in genere che non possono partecipare) ed implementiamo la caccia di selezione, che tra l'altro ha meno problematiche x autorizzazioni destinazione capi ecc...

da claudio 13/04/2018 21.02

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

In altri tempi, ma almeno fino a pochi anni fa, nel parco della Maremma si consentiva la caccia in braccata per recuperare quell'equilibrio che neanche con le chiuse, le trappole, e altri metodi poteva essere garantito. Il direttore fondatore era un faunista coi controfiocchi. Oggi abbiamo dei quaquaraqua sia come tecnici sia come politici. La politica che va a rimorchio del pop, per paura di perdere un voto da chi urla di più, mentre invece un tempo la politica fatta da gente seria, di qua o di la era sicuramente più seria, dettava l'agenda, come si dice. E le cose si facevano come dovevano essere fatte. Poi venne l'interesse, le tessere, l'ambientalismo di maniera, funzionale al denaro. Ecologia significava e ancora oggi significa fare affari (arraffare) coi rifiuti. Per cui, più rifiuti ci sono e più ci si arricchisce. Avanti così che andiamo bene!!

da Gaia 13/04/2018 16.42

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Concordo con quanto hai detto Springer Toscano. Oserei pensare che quello che pubblicano in questo ed altri "siti" è solo il voler mettersi in mostra. Solo politica, niente altro.

da Etrusco 13/04/2018 16.37

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Sinceramente....non capisco il giochino di CCT. Sono da sempre stato favorevole agli interventi di controllo art. 37. Interventi che devono essere fatti solo ed esclusivamente, dove la caccia non può arrivare! Non certo sostituirsi ad essa!! Faccio presente che la mozione di Pieroni, non porta grandi novità....nelle ZRC per esempio, già adesso, se, dopo 5 interventi art. 37 all' aspetto e/o girata viene autorizzata la braccata.....quindi niente di nuovo sotto il sole!! Ci sono periodi (come quello attuale) in cui la braccata è dannosissima per le altre specie non target e quindi non fattibile. Così come, in primavera inoltrata, le braccata non è efficace per la presenza di vegetazione alta (provare per credere!!). MI DOMANDO.....perchè mettere da parte la caccia in favore dei contenimenti? CCT volete escludere i cacciatori dalla gestione degli ungulati nelle aree protette? Se non sbaglio è partito un progetto per far cacciare in selezione gli ungulati nelle aree protette.....mi domando...non sarebbe più corretto intanto vedere di implementare e applicare bene questo? Torno a dire che mi sembra come quello che per far dispetto alla moglie....SIETE SICURI DI FARE PER IL BENE DELLA CATEGORIA?? IL PENSARE DI PRENDERE COME MODELLO DI GESTIONE IL PIEMONTE (CON TUTTO IL RISPETTO PER GLI INCOLPEVOLI CACCIATORI PIEMONTESI) MI PREOCCUPA NON POCO!!

da SPRINGER TOSCANO 13/04/2018 14.23

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Si, talmente in dimunzione che non pochi ATC stanno rischiando la bancarotta o il vuoto di cassa. La deriva perbenista, di stampo animalista, che sta pervadendo nel paese e in occidente ci portrà tutti a sbattere. Senza contare il rischio guerre terrorirsmo carestie, che se ci toccano ci porteranno a mangiarsi l'uno con l'altro. E forse non solo metaforicamente.

da Semafora 13/04/2018 14.13

Re:TOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVO

Velocizzare e rafforzare gli interventi di controllo degli ungulati è senza ombra di dubbio un bene per tutti (agricoltori e cacciatori) I danni all'agricoltura secondo il mio modesto parere sono in netta diminuzione.

da Monogrillo 13/04/2018 13.26