Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Fidc: dall'Ue richiesta divieto caccia moriglione e pavoncellaToscana approva caccia in deroga allo stornoBruzzone "La legge ligure sui Parchi rimarrà in vigore"Puglia: ok legge caccia 20 giornate migratoria in mobilitàGoverno impugna legge Liguria su riperimetrazione ParchiFidc Veneto sull'incontro con l'assessore PanA Macerata ripartono i corsi per nuove guardie venatorieAbruzzo. Presentata proposta calendario venatorio Tar Campania ordina ricalcolo del territorio cacciabileCaccia Veneto. Le richieste di Berlato alla RegioneBrescia. Otto rinviati a giudizio per il controllo del cinghiale Roccoli, ancora nulla di fatto in Lombardia Fidc Umbria: dalla Regione inutili penalizzazioni sul calendario venatorioFidc Bergamo "i cacciatori siano impiegati nel controllo faunistico"Caccia cinghiale. Regione Calabria sollecita modifica 157 I cacciatori catanesi impegnati nella tutela ambientaleBerlato alla guida di ACRAncora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatoriPiemonte. La nuova GiuntaCCT: attenti a ddl tutela animaliModena. Nuove guardie volontarieCalendario Campania: la Federcaccia dissenteFoggia. Corso di formazione per cacciatori di selezioneSvizzera: meno vincoli per l'abbattimento dei grandi predatoriSICILIA. La Regione incontra i cacciatoriFIDC. Si riunisce a Roma il consiglio di presidenza Benevento. Proposte per la caccia al cinghialeCalendario Venatorio CampaniaLARA COMI RINUNCIATOSCANA: PIANO DI PRELIEVO DEL CAPRIOLOPIEMONTE. FEDERCACCIA SUL CAPRIOLOFIDC BERGAMO: UN CORSO DI FORMAZIONE PER LA CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALEUK. I GIOVANI E LA CACCIALOMBARDIA. LO SCIOPERO DEI CINGHIALAI MUOVE LA REGIONESTUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALIArezzo Corso Articolo 37Caccia bloccata. Fidc Piemonte scrive agli associatiDopo servizio de Le Iene dietrofront sulla volpe della RegioneCCT: in Toscana servono convenzioni per superare parere Ispra Atc Firenze Sud, tempo di bilanciIn Senato inizia esame su Ddl proteggi animaliFACE, il progetto del mese è quello di FedercacciaComo: i cacciatori di selezione incrociano le bracciaPiccoli uccelli. Campionato spagnolo di cantoFidc Veneto, Tosi lascia. Possamai nuovo PresidenteUmbria, nuovo sistema informatico per la caccia di selezioneKC: la Spagna dice la sua"Sui calendari venatori il solito terrorismo animalista"Notizie da WeHunter: in Puglia presentate modifiche al Piano faunisticoCalabria, "l'agricoltura si impegni su cinghiale e per la biodiversità"Marche, Regione inserirà tortora in preaperturaSu Instagram la caccia è under 30Francia. La migrazione pre nuziale del beccaccinoBenevento, ancora ferme abilitazioni venatorieGiunta non approva. Caccia di selezione bloccata in PiemonteRavenna, Coldiretti chiede Piani controllo ungulatiLav: Regione Lazio finanzi ricerca su contraccettivi per cinghialiMassimo Bulbi Presidente Fidc Emilia RomagnaCacciatori salentini in campo per la difesa dell'ambienteFidc, Liguria. Sui caprioli pieno appoggio alla RegioneBaggio: attacchi animalisti mi avvicinano ai cacciatori Fauna selvatica. Sul tavolo del Ministro Centinaio la proposta CiaBornaghi (Fidc Bg): novità positive per la caccia lombardaSpecie aliene tra cause principali perdita biodiversitàMazzali "mio emendamento salverà molti appostamenti fissi"Salvini spara sui Ministri Cinque Stelle: "avanti senza Toninelli, Trenta e Costa"Piemonte. Vignale esce dal Consiglio regionaleFiocchi va in Ue "voglio mantenere gli impegni presi"Berlato torna al Parlamento europeoSuggerimenti EPS su Calendario Venatorio CampaniaLombardia, via libera all'Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"KC, Italia isolata. Commissione UE riapre la partita Quasi debellata peste suina in SardegnaSardegna. Parere positivo Ispra su caccia a lepre e perniceLega, in Ue almeno 8 parlamentari pro cacciaPD, riconfermati a Bruxelles De Castro e SassoliForza Italia. Passano Comi* e TajaniEuropee. Fratelli d'Italia, più voti per i pro cacciaCCT: l'animalismo esce sconfitto dalle urneEuropee: netta vittoria per la Lega. Animalisti allo 0,6%In Liguria all'esame nuovo regolamento su richiami viviTar Campania annulla Piano controllo cinghialeLazio, protocollo d'intesa su cinghiali accontenta gli agricoltoriIl punto sulla caccia con il Commissario uscente Karmenu VellaEuropee. Cacciatori al votoIl Botswana reintroduce la caccia agli elefantiCinghiali, Rolfi: servono risposteElezioni Europee 2019. I candidati vicini al mondo venatorioAnimalisti rinviati a giudizio per aggressione a cacciatoriFidc Pg: i candidati alle europee amici dei cacciatoriFidc, chiarimento sulle coperture assicurative "Giornata della biodiversità. Insostituibile il ruolo dei cacciatori"Appostamenti caccia Toscana, Montemagni (Lega) bacchetta la GiuntaEuropee. Fiocchi "meno burocrazia e ostacoli per i cacciatori"Il Ministro upupaFano, 400 bambini alle lezioni di didattica ambientale Fidc

News Caccia

Ddl caccia Piemonte. Le osservazioni di Anlc


lunedì 9 aprile 2018
    

 
 
 
Netta contrarietà dalla Libera Caccia del Piemonte sul Disegno di Legge n° 182,  attualmente al vaglio del Consiglio Regionale per la modifica delle disposizioni regionali sulla caccia e la protezione della fauna selvatica. La legge infatti contiene “l'eliminazione illegittima – scrive Anlc – di ben 15 specie cacciabili”, ovvero fischione, canapiglia, mestolone, codone, marzaiola, folaga, porciglione, frullino, pavoncella, combattente, moriglione, allodola, merlo, pernice bianca, lepre variabile.

Il che, insite Anlc Piemonte, si pone in contrasto con la legislazione quadro di riferimento, la legge nazionale 157/92, così come con diverse sentenze della Corte Costituzionale, a cui è stata già rimandata anche la decisione sulla questione piemontese da parte del Tar su analoghe disposizioni già in vigore. Secondo le osservazioni di Anlc, per la Regione sarebbe possibile soltanto una rimodulazione dei tempi di prelievo, in base a quanto stabilito dall'articolo 18 della legge 157 e soltanto in casi particolari, ovvero in relazione a situazioni ambientali delle diverse realtà territoriali. Tramite disposizioni amministrative temporanee (calendario venatorio annuale) e non divieti di legge.

Sbagliato anche il presupposto sulla quale si basano i divieti, ovvero la classificazione Spec e la guida Ispra per la stesura dei calendari venatori, datata 2009.  Come già stabilito dal Tar del Lazio,  la guida ISPRA “non è lo strumento tecnico di indicazione degli standard minimi di tutela statale” e “La classificazione SPEC delle specie cacciabili non assume valenza condizionante rispetto al prelievo venatorio, e questo né in assoluto né con riguardo alla stessa valenza della suddetta classificazione.  Anlc, così come Fidc, fa presente che esistono studi più aggiornati in materia, che costituiscono fra l’altro la base scientifica su cui le Istituzioni comunitarie fondano la propria azione negli ultimi anni. Il Rapporto sullo stato di conservazione delle specie, adottato nel 2014 ai sensi dell’art. 12 della Direttiva Uccelli e la Red List of European Birds del 2015. Alla classificazione Spec la stessa direttiva non attribuisce alcun carattere vincolante sui divieti, come per altro ribadito da una sentenza del Tar delle Marche.

Analizzando poi il rapporto sull'applicazione della direttiva Uccelli in Italia, si legge ancora nelle osservazioni, risulta evidente che delle specie migratrici escluse dalla regione Piemonte soltanto le specie Marzaiola e Allodola (già oggetto di uno specifico piano di gestione europeo che ne permette il prelievo venatorio e di un piano di gestione nazionale in fase di approvazione) risultano con uno stato di conservazione non soddisfacente. E che Ispra consiglia l’esclusione dall’elenco delle specie cacciabili soltanto per le specie Moretta e Combattente (anche se ulteriori analisi su dati recenti permetterebbero il prelievo con carnieri contingentati) e la contingentazione dei carnieri esclusivamente per le specie Allodola, Codone, Pavoncella e Pernice Bianca; l’istituto non richiede altre prescrizioni per le altre specie che la regione Piemonte intende escludere dall’elenco delle specie cacciabili. Esempio emblematico è il Merlo, specie data in aumento da tutte le pubblicazioni scientifiche Comunitarie, Nazionali e anche nella pubblicazione dell’Osservatorio Faunistico Piemontese. Non esiste un'adeguata istruttoria scientifica per predisporre questi divieti.

Altre osservazioni riguardano le modifiche sugli appostamenti di caccia. "Nel Disegno di Legge N.182 - si legge nel testo di Anlc - non viene menzionata la possibilità di costruzione degli appostamenti fissi, i quali come si può evincere dall’estratto dell’art. 5 della legge 157/92 sono espressamente consentiti dalla legge quadro nazionale. Recentemente oltretutto la predisposizione degli appostamenti fissi è stata regolamentata da una procedura ulteriormente complessa per rendere il più possibile rispettosa delle Valutazione di incidenza, Valutazione di impatto ambientale nei siti di Rete Natura 2000 e, soprattutto con l’espressa indicazione di utilizzo di materiale tipico del luogo in cui verrà approntato l’appostamento fisso".
 
Un altro punto contestato è il divieto di utilizzo dei richiami vivi, regolamentato dalla legge nazionale. "Negli ultimi anni ci sono state modifiche sostanziali sull’approvigionamento dei volatili destinati all’uso come richiamo vivo, vietando l’utilizzo di capi provenienti dalla cattura ma consentendo solo l’uso di richiami di allevamento e sottoposti a procedura sanitaria nel caso degli anatidi. E’ bene ricordare che il legislatore al fine del benessere animale ha nel tempo emanato provvedimenti tendenti a salvaguardare la vita degli stessi richiami attraverso strumenti quali l’utilizzo di gabbie di adeguata misura, controlli sanitari, apposizioni di anelli inamovibili per la loro certificazione di provenienza".
 

 

Leggi tutte le news

9 commenti finora...

Re:Ddl caccia Piemonte. Le osservazioni di Anlc

Se non erro, in Piemonte cominciano ad avere penuria di cacciatori. Sia per i cinghiali in esubero sia per gli ATC. Sarebbe l'ora di far valere il nostro peso, anche se qualcuno potrebbe bollarlo come ricattattorio. Vuoi una mano sul cinghiale? Vuoi un po' di soldi per pagare i burocrati? Benissimo, ci siamo! Ma dateci quel che ci spetta come in tutta Europa. Vogliamo le nostre cacce, il nostro diritto di cacciare i migratori, nel rispetto delle regole di prudenza che abbiamo ormai adottato da tempo, unici in Italia, quando per il resto, industria e agricoltura in testa, si continua imperterriti a distruggere il nostro patrimonio naturale.

da Ermes Veroni 10/04/2018 10.08

Re:Ddl caccia Piemonte. Le osservazioni di Anlc

"QUESTIONE FORANEI NEGLI ATC E CA .... La licenza rende i cacciatori tutti uguali. La tessera ANLC li rende diversi, migliori, più sicuri. Coesione, condivisione, impegno una forza davvero speciale........ora la domanda è questa...........ma siete gli stessi o in Piemonte avete imbarcato qualche fenomeno "nuovo "????.....si predica bene ma.......nn per tutti.

da SPARVOLATE PIEMONTESI 10/04/2018 7.38

Re:Ddl caccia Piemonte. Le osservazioni di Anlc

io sono cacciatore e se costruisco un appostamento cerco di farlo più mimetizzato possibile utilizzando a priori materiale tipico del luogo di installazione.Prima di pensare all'impatto ambientale di un 'appostamento pensassero all'impatto ambientale dell'edilizia .e delle varie opere inutili...soliti politici...quando inizieranno a fare bene il loro lavoro se così si può chiamare...

da nun se po' vede' 09/04/2018 18.59

Re:Ddl caccia Piemonte. Le osservazioni di Anlc

io sono cacciatore e se costruisco un appostamento cerco di farlo più mimetizzato possibile utilizzando a priori materiale tipico del luogo di installazione.Prima di pensare all'impatto ambientale di un 'appostamento pensassero all'impatto ambientale dell'edilizia .e delle varie opere inutili...soliti politici...quando inizieranno a fare bene il loro lavoro se così si può chiamare...

da nun se po' vede' 09/04/2018 18.59

Re:Ddl caccia Piemonte. Le osservazioni di Anlc

sono almeno 2 anni che ci sono quelle scritte...

da bottaccio90 09/04/2018 18.49

Re:Ddl caccia Piemonte. Le osservazioni di Anlc

Avanti con la miliardesima legge regionale venatoria per ciascuna regione. Ma far funzionare quelle esistenti..nooo?

da stecker 09/04/2018 18.35

Re:Ddl caccia Piemonte. Le osservazioni di Anlc

da trentanni le solite osservazioni e ricorsi vari, ma il risultato è sempre lo stesso; trattamento indescrivibile, poi, per i cacciatori foranei, il cui accesso è consentito in base all'età anagrafica. Per non parlare poi che in questa regione si caccia a partire dalla 5° domenica di settembre ed ,in pratica, fino al 31 dicembre. Ma poche associazioni parlano di questo.

da da cpa ms 09/04/2018 18.19

Re:Ddl caccia Piemonte. Le osservazioni di Anlc

Già abbiamo chiamparino e compagni.

da Lino 09/04/2018 17.46

Re:Ddl caccia Piemonte. Le osservazioni di Anlc

Quando ci sarà il giudizio della corte costituzionale sulle specie cacciabili in Piemonte? Questa giunta perché continua con arroganza a penalizzare i cacciatori piemontesi?

da migratorista deluso 09/04/2018 16.00