Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Campania: controdeduzioni Fidc Enalcaccia su calendario venatorioFidc: pubblicato nuovo lavoro scientifico sull'alzavolaFidc Ancona dona oltre trentamila euro agli ospedali Coronavirus: basta fake news sulla caccia Orgoglio italiano. L’iniziativa di BigHunter.netUmbria: osservazioni alla proposta di Calendario VenatorioCosenza: mille mascherine all'ospedale dalla Libera CacciaMazzali: con cacciatori Anuu donate mille mascherine all'ospedaleFriuli: 9 mila euro alla protezione civile dall'EnalcacciaLombardia. Un'app per mappare il rischio CoronavirusAnuu Benevento sollecita Atc a donare fondi per l'emergenzaEmilia Romagna: Assessore alla sanità ringrazia i cacciatoriFedercaccia Friuli Venezia Giulia dona 8mila euro all'Anpas di BergamoCites. Non cambia nienteFidc: un vaccino nel mirino, con lo Spallanzani per combattere il virusRegione Toscana approva proroga scadenze venatorieDa Fidc Campania 20 mila euro al Centro ricerche della Fondazione PascaleCoronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima lineaAnuu: "Domenico Grandini non è più tra noi"Emilia Romagna: quasi 100 mila euro anche dai cinghialaiCuneo: donazione dall'Arci Caccia per l'emergenzaFidc raccoglie quasi 800 mila euro per l'emergenza CoronavirusCampania. Proposte sul calendario venatorio 2020 2021Lazio, proroga scadenze per cacciatori e istituti faunisticiRinviata al 2021 Caccia VillageUn ventilatore polmonare al S. Martino di Genova dalle cacciatriciControllo volpe. Lav attacca Regione LombardiaMazzali segnala Mocavero in ProcuraDonazione alla Croce Rossa da Enalcaccia Una: dal mondo venatorio oltre 1 milione di euro per emergenza covid19La Cultura rurale contro il CoronavirusCct: attenzione alle fake news18 mila euro all'Azienda Sanitaria da Fidc FrosinoneFidc Emilia Romagna: donati 108 mila euro per l'emergenzaLombardia, rinviato termine iscrizione ad Atc e CaVietato spostarsi fuori dai comuni di residenzaDai cacciatori toscani altri 35 mila euro per la lotta al Covid 19Bana, il ricordo di Massimo MarracciBana, altri messaggi di cordoglioDa Federcaccia i primi 500 mila euro in beneficienzaBana: il ricordo della FACEI cacciatori veneti rinunciano a 300 mila euro per l'emergenza Covid-19Addio all'Avvocato Giovanni BanaStiamo a casaFidc Piemonte. Sulle specie cacciabili una risposta agli animalistiFidc: dalla Lipu una proposta sconvolgenteEmergenza Covid: altre donazioni dal mondo venatorioToscana: Arci Caccia in campo contro il Corona VirusDonazione alla Croce Rossa Italiana dalla Cabina di RegiaCovid-19. Raccolta fondi di ItalcacciaServe uno sforzo da parte di tuttiCovid-19: anche i Giovani Cacciatori si attivanoDall'Atc Caserta altri 100 mila euro per l'emergenza Eleonora e la storia di Nello. Un pensiero a tutti i cacciatoriCCT: Cacciatori gente concreta e onestaEps Campania propone fondo Emergenza Covid19Mazzali: le associazioni venatorie si autotassano per donare agli ospedaliAssessore Rolfi "il cuore grande dei cacciatori"Dreosto plaude alla solidarietà delle associazioni venatorieCovid-19. Ancora solidarietà dai cacciatoriAnnullata Assemblea Generale CICLombardia, le nuove disposizioni sulla fauna selvatica100 mila euro per emergenza sanitaria anche dai Cacciatori TrentiniRolfi: restituzione tesserini venatori al 20 aprileBerlato: Raccolta fondi dalle attività portatrici della cultura ruralePiemonte, per la Giunta 15 specie devono tornare cacciabiliFidc Sardegna "cacciamo il coronavirus"Veneto: sospesa caccia di selezione e censimentiBergamo: da Enalcaccia 5 mila euro all'OspedaleEmergenza Covid-19. Da Fidc nazionale altri 100 mila euro Covid-19. Da Arci Caccia Marche donazione al servizio sanitarioFidc Marche invita a donare il sangueCovid-19: 5 respiratori anche dall'Atc Unico di BresciaPiani di prelievo ungulati e galliformi. Indicazioni da Ispra CoronaVirus, CCT: "insieme per l'Italia"CoronaVirus: le cacciatrici si organizzano su facebookAnlc: "Tutti insieme contro il CoronaVirus"Da Fidc Bergamo 30 mila euro per l'emergenza CoronaVirusAnuu Lazio: Regione al lavoro per proroga tesseriniSvezia, a caccia fin dai 15 anniFidc Brescia dona 8 respiratori all'OspedaleCovid-19: raccolta fondi Fidc Friuli Venezia GiuliaEmilia R. Pompignoli chiede proroga termini tesserino venatorioNorvegia. 70 mila cacciatriciLombardia, consegna tesserini slitta al 20 aprileCoronaVirus: rimandata operazione Paladini del territorio Caccia di selezione sospesa. Un chiarimento dalla CCTFrancia, assemblea FNC: cacciatori in campo contro l'ecologia da salottoVeneto: Zottis (PD) chiede proroga termini riconsegna tesseriniPAC post-2020. Scienziati chiedono impegno per la biodiversitàRichiami vivi: Commissione Ue risponde a interrogazioneCovid-19. Sospesa caccia di selezioneFidc Umbria, vertici sospesi. Elezioni da rifareLiguria: incostituzionale caccia dopo tramonto. Ok accertamento capiAnuu: un febbraio da ricordareFidc Brescia: poco utili controlli a campione su tesserini venatori

News Caccia

Braia: abbattimento cinghiali tutto l'anno è realtà in Basilicata


lunedì 26 marzo 2018
    

 
 
 
A margine della manifestazione di Coldiretti Basilicata sul tema dell’emergenza cinghiali, l’Assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia, ha incontrato una delegazione di agricoltori. Presenti al tavolo, per il Dipartimento Agricoltura, anche il Direttore Generale Francesco Pesce, il Dirigente dell’Ufficio Foreste Giuseppe Eligiato e la responsabile dell’Ufficio Caccia Agnese Lanzieri.

“L’esito del tavolo - ha dichiarato Braia - a margine della manifestazione è fondamentalmente positivo. Tre i principali punti di intesa emersi: l’estrema importanza e utilità del piano di abbattimento e controllo cinghiali per tutto l’anno, la costituzione di un tavolo emergenza danni fauna selvatica che monitorerà costantemente l’efficacia delle politiche di contenimento dell’emergenza regionali e l’attuazione dello stesso piano di abbattimento ad opera degli enti gestori, delle aree protette e degli Atc, la battaglia congiunta con le associazioni di categoria attraverso una nota al Governo per la modifica della legge nazionale". Una battaglia che da oltre un anno e mezzo ha visto proprio la Basilicata promotrice della richiesta avanzata al Governo Nazionale per il tramite della Commissione Politiche Agricole di modifica della legge 157/92 attraverso ampliamento periodo venatorio e deroghe alle regioni per gestire le emergenze di sicurezza pubblica.

Abbiamo fornito le puntuali informazioni e dati ufficiali in possesso degli uffici sull’attività venatoria e di controllo del 2017, insieme all’elenco delle azioni e allo schema di ordinanza condivisa con la Prefettura che i Sindaci hanno come ulteriore strumento da applicare in caso di concreto rischio per la sicurezza pubblica.

Siamo passati in 4 anni da 1600 a 10.100 capi abbattuti nel 2017, con un incremento del 500%, tra attività venatoria e di controllo e contestualmente con una diminuzione dell’entità dei danni alle colture accertati sia nella provincia di Potenza che in quella di Matera. Nessun capo analizzato nel 2017 è stato trovato positivo alla trichina e questo è importante sul tema sanitario e di sicurezza nel rapporto uomo-animale sul nostro territorio. Molto c’è ancora da fare, occorre farlo in fretta, bene e insieme.

Ad oggi, possiamo affermare, tutti gli strumenti a nostra disposizione sono stati attivati. Monitoreremo innanzitutto l’immediata applicazione del piano abbattimento con caccia di selezione e selecontrollo da parte degli AATTCC. Si tratta dell’ultima misura messa in campo, insieme all’approvazione dei piani di abbattimento nelle aree protette, che rende possibile abbattere i cinghiali per tutto l’anno, oltre i 3 mesi di periodo venatorio sul tutto il territorio regionale. Un piano che, proprio per l’emergenza che abbiamo dichiarato, è autorizzato da ISPRA nel triennio 2018-2021 senza alcun limite di abbattimento dei capi per l’attività di selecontrollo, al fine di riportare l’ecosistema in equilibrio.

Tra gli impegni, già annunciati, che intendiamo mantenere ed attuare nei prossimi mesi, un avviso pubblico per individuare i soggetti e gli operatori economici interessati alla gestione delle carcasse di cinghiali, la prossima pubblicazione del Bando Psr Basilicata 2014-2020 Misura 4.4. Prevenzione, per la realizzazione delle recinzioni.

A questi si aggiunge l’impegno del Governo Regionale al reperimento delle risorse economiche per finanziare per il ristoro dei danni ancora arretrati e per la realizzazione di chiusini di cattura per privati, per gli agricoltori e nei parchi.

Con l’approvazione del bilancio regionale riprenderanno le attività per formare altri selecontrollori per il cinghiale e specie opportuniste, per le quali sono pervenute già 300 nuove richieste. Dopo la convenzione con l’Istituto Zooprofilattico Speciale di Puglia e Basilicata che ha portato a zero il costo delle analisi per prevenire la trechinellosi, è già in corso l’interlocuzione con l’Associazione Regionale Allevatori per ampliare la rete sul territorio regionale ove ritirare dei campioni che consentono di analizzare la presenza di trichina nei cinghiali destinati all’alimentazione.

La battaglia più importante – ha concluso Braia – in grado di fornire altri strumenti più efficaci per far rientrare in tempi brevi l’emergenza rimane quella da fare uniti con il governo nazionale, al quale rinvieremo una nota congiunta con le associazioni di categoria e con ANCI per il tramite di eccellenza il Prefetto, contenente le istanze per la modifica della legge 157/92.”

Leggi tutte le news

0 commenti finora...