Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Adottata la Legge per il ripristino della Natura in UeVeneto: Confavi, Acr, Italcaccia, Acv criticano Calendario VenatorioApprovato Calendario Venatorio Veneto 2024 - 2025Richiami vivi, Arci Caccia Pistoia avanza richieste di modificaFidc Brescia: da Regione un chiarimeno sui richiami viviPiani contenimento cinghiale, Coldiretti si mobilitaInterrogazione PD a Lollobrigida "che fine hanno fatto i piani straordinari sul cinghiale?"Lombardia: nuova ordinanza per depopolamento cinghialiFrancia: equivale a 108 mila posti di lavoro il volontariato ambientale dei cacciatoriConsigliera Gibertoni in Emilia R. chiede di cancellare a caccia alla volpePubblicato Calendario Venatorio 2024 - 2025 dell'Emilia RomagnaEmilia Romagna: presentato nuovo regolamento ungulatiAbruzzo: chiesta in Regione modifica Calendario Venatorio 2024 - 2025 Decreto Agricoltura, riprende l'esame in Commissione al SenatoArci Caccia: "dopo estromissione cacciatori il Lago di Porta sta morendo"FACE: "impatto caccia sulla tortora potrebbe essere sovrastimato"In Umbria ancora incertezza sulla caccia alla tortoraRappresentatività negli ATC: Tar Abruzzo solleva incostituzionalitàEuropee: il peso elettorale dei cacciatoriArci Caccia: più chiarezza sulla questione tortoraEuropee: FDI primo partito. Fiocchi e Berlato rielettiAcma: cacciatori fondamentali sentinelle contro aviaria Spagna: Parco nazionale in degrado dopo divieto caccia. Presentata denuncia in UEFACE: "Voto Europee decisivo per la caccia"Bruzzone presenta gli emendamenti sulla caccia al Decreto AgricolturaACL segnala i candidati lombardi Mantovani e InselviniMinistero Ambiente convoca riunione urgente con Ispra sulla caccia in derogaDiniego Ispra "piccole quantità" deroghe. Fiocchi chiede intervento Ministro FratinUmbria, PSA: Puletti e Mancini annunciano audizione di agricoltori e cacciatoriAssessore Beduschi (Lombardia) "con Ispra di fronte a muro ideologico"Caccia in deroga, Bruzzone chiede commissariamento di IspraBASC: nel Regno Unito la caccia vale 9,3 miliardi di sterlineSparvoli contro Alleanza Verdi Sinistra "protagonisti di decenni di assenza di gestione"La Caccia nei programmi delle Elezioni europee 2024Bruzzone: Inaugurata la chiesetta dei cacciatori a Stella Santa GiustinaFidc "sulla tortora dagli animalisti solo ideologia"Marco Bruni nuovo Presidente di Fidc Lombardia3323 cinghiali prelevati in BasilicataConvegno Macerata su caccia e ricerca scientificaBruzzone "basta fake news sulla caccia"Belgio: Con l'approvazione della Caccia, aumentano anche le aree venabiliCalendario Venatorio Marche, soddisfazione dalle associazioni venatorieAbruzzo, le AV: "calendario venatorio punitivo. Tutto da rifare"Studio scientifico: Proteggere gli habitat più importante che limitare la cacciaLazio, circolare Regione su controlli trichinellosiCaccia Tortora, Buconi (Fidc): "Gestire senza vietare"Lorenzo Bertacchi lascia la guida di Fidc LombardiaApprovato Calendario Venatorio Piemonte 2024 - 2025Interrogazione Puletti in Umbria sulla tortora: si segua esempio MarcheToscana: approvato Calendario venatorio 2024 - 2025 caccia cinghialeRegione Toscana approva Piano caccia capriolo 2024 - 2025Andrea Cavaglià spiega la caccia nel Podcast Bazar AtomicoCaccia Tortora, la lettera di diffida degli animalistiEmilia Romagna: in Commissione ok al Calendario Venatorio 2024 - 2025Incontro CPA sulla caccia in LombardiaAnuu Piemonte: su PSA bisogna accelerareStudio europeo dimostra ruolo cruciale dei cacciatori nella conservazione della tortoraUmbria: ok in Commissione alla caccia di selezione 2024 - 2025Buconi: Ispra si doti di moderni strumenti per monitorare i flussi dell'avifauna Marche: approvato Calendario Venatorio 2024 - 2025Eos Show 2025: appuntamento a febbraioBolzano: Ufficio fauna selvatica cerca volontari censimento pernice biancaFidc BS: nessuna sorpresa da Ispra su Calendario Venatorio LombardiaProliferazione cinghiale Puglia: Gatta (FI) interroga il GovernoLibera Caccia pronta a seguire l'esempio dei cacciatori francesiQuestione caccia tortora sui tavoli della Regione UmbriaSulla caccia continua vergognosa disinformazioneLiguria, approvato emendamento su prelievo cinghiali oltre orarioVaccari (PD) "per tutela biodiversità servono anche scelte difficili"Giornata Biodiversità: Fidc "serve approccio nuovo alla gestione"Calendario Venatorio Marche 2024 - 2025 in dirittura d'arrivoIl Senato inizia l'esame del Decreto AgricolturaLiguria, approvate modifiche su anelli richiami vivi e foraggiamento cinghialeDopo stop cacce tradizionali i cacciatori francesi sospendono la caccia al cinghialeGiovani e caccia, in Inghilterra si punta sulla formazione scolasticaCampania, Circolare per i cacciatori di selezione al cinghialeAssemblea nazionale Anuu "Caccia: una passione al servizio della società"Cacciatori veri ambientalisti: continuano le iniziative dei paladiniAB (Agrivenatoria Biodiversitalia) chiede Iva 10% su cessioni fauna selvaticaDecreto Agricoltura (e caccia?): ecco il testo in esame in CommissioneRiforma legge caccia Marche, polemiche da ColdirettiArci Caccia Marche: Calendario Venatorio non concertato con le associazioniLiguria, Piana: "con autoconsumo cinghiali vero coinvolgimento dei cacciatori"Il Decreto di Lollobrigida fa infuriare i 5 Stelle

News Caccia

A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia


martedì 11 luglio 2017
    

Partecipi e attenti, nel prestigioso auditorium del palazzo della Gran Guardia, nella centrale Piazza Bra, a pochi passi da quel gioiello che è l’Arena, i dirigenti federali hanno dato vita a Verona all’importante momento associativo dell’assemblea nazionale.

Doveroso e sentito aprire col ringraziamento sincero per il presidente provinciale Alessandro Salvelli e soprattutto per il presidente regionale Flavio Tosi, che hanno offerto prima e concretizzato poi questa occasione, che grazie anche al consueto impegno degli uffici del Nazionale si è svolta con una organizzazione perfetta.

Tosi ha a sua volta ringraziato il Nazionale per aver scelto la sua città come sede dell’Assemblea e per tutto il lavoro svolto. “L’atteggiamento scientifico, pragmatico di Federazione italiana della Caccia – ha detto intervenendo in sala – è quello vincente, perché dettato dal buon senso, dalla serietà e dalla lungimiranza, in uno scenario europeo che la vede presente e sempre attiva in prima persona e alla ricerca dell’unità. Le sparate demagogiche possono avere effetto nel breve, ma nel lungo periodo è la serietà che paga”.

In attesa dell’apertura ufficiale, la mattinata è iniziata con le presentazioni di Michele Sorrenti e Daniel Tramontana. Introducendoli il vicepresidente Lorenzo Carnacina ha sottolineato la consapevolezza ormai diffusa fra i cacciatori dell’importanza di un approccio scientifico e tecnico alla materia caccia, e come Federcaccia sia stata la prima a credere e a investire in tecnologie all’avanguardia come la telemetria satellitare, adesso ampiamente accettata e impiegata in campo accademico, che unita alle tecniche di indagine tradizionali amplia il quadro delle nostre conoscenze: un patrimonio di tutta la caccia e dell’ambiente.

Michele Sorrenti, che da agosto è assunto a tutti gli effetti in Federcaccia, potendo dedicare così ancora più impegno e tempo del molto già fatto fino ad ora a servizio della Federazione, ha illustrato fra i diversi argomenti la propria ricerca e quella di Alessandro Tedeschi, assente per problemi familiari, presentate in occasione del simposio internazionale di Pico Island, introducendo i prossimi impegni nei consessi scientifici di Montpellier e di Torino, dove saranno presentati ulteriori lavori. A lui ha fatto seguito Tramontana illustrando i risultati dei sei anni di studio sugli abbattimenti di frullino e beccaccino, anche questi presentati al Woodcock e Snipe Workshop.

L’Assemblea ha assunto poi pienamente la sua veste istituzionale e dopo la nomina di Emiliano Galvanetto, provinciale di Vicenza, a presidente è entrata nel vivo con la relazione del presidente nazionale Gian Luca Dall’Olio.

Dopo aver ricordato il pesante disavanzo con cui la Federazione si trovava nel 2009, risanato già al termine del primo anno di mandato grazie alla collaborazione di Assemblea e Consiglio nazionale operando sulle spese senza sacrificare gli investimenti, aumentati anzi in quelli che sono stati ritenuti settori chiave, il presidente ha sottolineato come solo di spese legali per ricorsi di varia natura a difesa di calendari venatori, contro impugnative di associazioni ambientaliste e nel procedimento avverso lo stesso Consiglio dei Ministri, che ha senza dubbio evitato nel corso della passata stagione l’applicazione del potere sostitutivo da parte del ministero dell’Ambiente con conseguente chiusura anticipata del prelievo di bottaccio, cesena e beccaccia, la Federazione si sia impegnata nel 2016 per oltre 100 mila Euro.

Stesso se non superiore impegno in questi anni per studi e ricerche, che a partire dal 2010 con l’ormai così noto “Documento Sorrenti” in risposta alla lettera dell’Ispra alle Regioni ha consentito di salvaguardare specie e tempi nei calendari venatori “semplicemente” applicando in modo corretto le normative nazionali e internazionali. Una strada che Federcaccia ha iniziato a percorrere da sola ma che si è dimostrata giusta, finendo per portare sulle sue posizioni anche le altre AAVV.

Il presidente ha poi affrontato i temi scottanti della riforma della 394/91 e delle conseguenze della recente sentenza della Corte costituzionale sulla legge regionale ligure, che ha posto seri problemi sull’attività da parte dei cacciatori formati di poter continuare le operazioni di contenimento delle specie aliene e problematiche al servizio delle Istituzioni regionali in tutta Italia, con l’eccezione delle Province autonome di Trento e Bolzano. Il problema nasce da una “dimenticanza” della legge sulla caccia, che non cita espressamente questa possibilità per le Regioni così come per le appena citate Province autonome.

Su questo la Federazione si è attivata immediatamente coinvolgendo anche Coldiretti, e sta lavorando per un esito positivo della vicenda insieme alle parti interessate per poter riprendere quella che, come ha giustamente sottolineato, “non è attività di caccia ma un servizio pubblico reso a tutta la collettività di cui le istituzioni si sono a lungo servite e della quale non possono assolutamente fare a meno”.

Stessa attenzione è stata posta sin dall’inizio alle vicende della 394, sulla quale FIdC è stata protagonisti insieme alle altre AAVV di Fenaveri anche di una audizione in Commissione ambiente alla Camera, la prima dopo 5 anni. Purtroppo – ha sottolineato il presidente – il testo uscito dopo anni in modo pasticciato dal Senato, dove ora è ritornato, presenta pesanti incongruenze e a nostro, e non solo nostro, parere, vizi di legittimità costituzionale andando a toccare ruoli e prerogative che sono proprie delle Regioni esautorandone poteri e competenze. Anche su questo prosegue su più piani l’operato della Federazione, un lavoro che richiede come è facile capire, di muoversi con attenzione e prudenza, senza inutili e dannosi proclami.

Per entrambe, 394 e attività di controllo, rimane il problema di fondo di una legge quadro sulla caccia non più attuale e necessaria non di continui rammendi e pezze, ma di una radicale riscrittura che l’attuale quadro politico e l’opinione trasversale nei due rami del Parlamento rende purtroppo se non impossibile quantomeno estremamente difficile, costituendo un grave problema prima che per i cacciatori per l’intero sistema ambientale e faunistico del nostro Paese, che esce su questo tema impietosamente sconfitto dal confronto col resto d’Europa.

Alcune parole infine Dall’Olio le ha dedicate al Centro Studi, significativa evoluzione degli uffici tecnici, che vede un ulteriore impulso della Federazione per mettersi al passo dei tempi. Un pool di professionalità – rappresentate da tecnici ormai noti a tutti i Federcacciatori e non solo, da Giorgia Romeo a Valter Trocchi, da Michele Sorrenti a Daniel Tramontana, ai quali si è aggiunto ultimo, ma solo in ordine di tempo, Michele Bottazzo – il cui compito sarà appunto quello di promuovere e organizzare programmi e iniziative di gestione ambientale e faunistica, oltre a costituire una “forza di impiego rapido” per le diverse e sempre crescenti problematiche o richieste da parte delle Istituzioni italiane e dell’Unione Europea.

Terminata la relazione del presidente si è passati alla presentazione del bilancio consuntivo 2016, effettuata con la consueta chiarezza dal revisore Natale Tortora e dal presidente del Collegio dei revisori Mario Onano, che hanno messo in evidenza la corretta gestione finanziaria del Nazionale e l’attenzione posta ad un corretto impiego delle risorse con la cura, come si usa dire, propria del “buon padre di famiglia”.

L’approvazione all’unanimità da parte dell’assemblea si è andata a unire cosi alla analoga posizione espressa il giorno prima dal Consiglio nazionale.

Dopo il bilancio, l’assemblea è stata chiamata ad esprimere la propria opinione anche su una questione aperta purtroppo dall’improvvisa scomparsa dei due consiglieri di presidenza Gennaro Giuffrè e Massimo Cocchi, cui il presidente nazionale ha tributato un sobrio, ma sentito, ricordo della collaborazione e dell’amicizia.

Quanto accaduto pone la necessità di un avvicendamento in Consiglio di presidenza, per quella che è una carica elettiva sancita dall’Assemblea. Tenendo conto di questo e della necessità di completare la squadra, il presidente, d’accordo con il Consiglio di presidenza e quello nazionale, ha avanzato la proposta – accettata all’unanimità – di coprire i due ruoli vacanti con i rappresentanti indicati dai consigli regionali della Calabria e della Toscana – rispettivamente Giuseppe Giordano e Moreno Periccioli – che saranno “invitati permanenti” ai consigli di presidenza potendo così portare il loro contributo di idee e di professionalità, pur non esercitando diritto di voto.

Esaurita la parte più strettamente operativa istituzionale, è giunto il momento di consegnare l’onorificenza di Gentiluomo Cacciatore, facoltà che questo Consiglio di presidenza ha sempre usato con moderazione – due soli in questi anni gli insigniti: Nevio Scala nel 2010 e Carlo Carli nel 2013 –  considerandolo giustamente un riconoscimento di grande responsabilità.

La scelta di indicare come personalità degna di nota per il suo impegno nella diffusione dei valori umani e venatori che FIdC propugna è caduta sulla figura di Roberto Ditri, noto ai più per il suo ruolo legato al rilancio della Fiera della Caccia di Vicenza.

Dopo aver ascoltato la lettura della motivazione da parte del nostro direttore Marco Ramanzini, Ditri ha ringraziato la platea che lo applaudiva: “Mi sono emozionato, ma per me la caccia è un modo di vivere. Sono cacciatore per scelta e perché amo la natura, perché noi cacciatori siamo per la natura non contro di essa”.

Alcuni brevi interventi e richieste di approfondimento su temi specifici, cui il presidente ha dato immediata e puntuale risposta hanno concluso anche questa assemblea da cui i partecipanti sono usciti con la fondata immagine di una Federazione sempre più forte e concretamente rivolta al futuro.

Un breve cenno sui lavori del venerdì che hanno preceduto e accompagnato l’assemblea. Nell’ottica di quella che con un termine mutuato dagli ordini professionali può essere ben definita come “formazione continua” dei dirigenti, anche in occasione di questa sessione di lavori il Consiglio nazionale è stato allargato ai presidenti provinciali offrendo loro una serie di spunti di riflessione e approfondimento su alcune tematiche di interesse generale legate alla caccia.

Ad aprire gli interventi è stata la relazione della professoressa Silvia Luscia, impegnata per conto di Federcaccia Brescia nel settore della didattica. In modo chiaro ed estremamente preciso, la professoressa ha illustrato rapidamente i progetti portati avanti nelle scuole del Bresciano, soffermandosi poi su un interessante indagine sociologica legata ad uno di questi svolto con gli alunni della scuola primaria e che ha dato interessanti risultati sulla percezione della figura del cacciatore da parte dei bambini. Lo studio è stato dato alle stampe da parte della Federazione in un opuscolo distribuito in occasione dell’assemblea e a disposizione di chi ne farà richiesta, confidando che l’esperienza bresciana possa servire da ispirazione anche in altre realtà italiane, essendo essenziale da parte nostra una attenzione e un maggiore contatto con tutta la società e con i più giovani.

Le relazioni successive sono servite soprattutto per presentare meglio il Centro studi, di cui Valter Trocchi ha illustrato compiti e impegni. Le specifiche professionalità e i campi dove maggiormente queste potranno esplicarsi degli altri componenti questa realtà della Federazione sono stati illustrati dai diretti interessati, a partire da Michele Sorrenti e Daniel Tramontana, già conosciuti alla struttura federale, e da Michele Bottazzo, che con la sua formazione più spiccatamente agricolo forestale è giunto a completare con un altro tassello fondamentale questa struttura che vede ancora una volta Federcaccia tesa ad essere una forza propositiva al passo con i tempi.
(Federcaccia)

 

Leggi tutte le news

18 commenti finora...

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Ma che dici, federcaccia ha fatto qualcosa...ha firmato l'accordo con legambiente

da te pare poco? 13/07/2017 22.12

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

zanni....fatti non parole, chiacchierate e basta, dopo tutte le polizze migrate via come la migratoria che avete osteggiato e affossato ancora avete il coraggio di parlare...a vanveraSiete tutte chiacchiere e distintivo, andate a leccare i cinghialai, gli ultimi che vi sono rimasti.

da conta le tessere e poi parla chiaccchierone 13/07/2017 22.05

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Cambi firma ma continui a non rispondere a quanto richiesto garbatamente. Diglielo tu ai miei amici, ma diglielo sulla faccia non nascosto dietro la tastiera, ma forse il tuo è un problema di palle e non quelle di piombo. Buona giornata. saluti

da Adriano Zanni Fidc Genova 13/07/2017 14.00

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Per tua stessa ammissione hai fatto poco e tutto sbagliato all'ora riposati almeno possiamo andare nuovamente a caccia e visto che sei in buona compagnia cerca di far riposare anche i tuoi amici fidc almeno fate meno danni.

da Su fai il bravo 13/07/2017 5.39

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Vedo con piacere che piuttosto di firmare con il tuo nome usi il mio, questo conferma, se ce ne fosse ancora bisogno, le mie perplessità su gran parte delle persone che sono solo brave dietro la tastiera di un computer. Cmq , non sono sparito, nel bene e nel male, facendo sicuramente errori, mi occupo di caccia e cacciatori tutti i giorni, avevo solo chiesto a qualcuno cosa avesse fatto in questi ultimi anni per la caccia, io sicuramente poco e tutto sbagliato e tu? raccontami magari imparo qualcosa.

da Adriano Zanni Federcaccia Genova 12/07/2017 21.26

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

X Lorenzo, giusto quello che affermi, ma era per far capire ai capetti veneti di questa AV che continuano a osteggiare e criticare quello che è stato fatto in Veneto dal 2015 in poi, che le migliorie e conquiste sono a vantaggio di tutti i cacciatori indistintamente dalla loro AV di appartenenza

da Bekea 12/07/2017 16.28

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

E' sparito Zanni...............rimangono parole parole e parole soltanto da te....

da zanni canta che ti passa 12/07/2017 12.27

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Bekea, no. FIDC nazionale ha principalmente pagato i ricorsi avverso la chiusura anticipata nel 2016. C'è poi l'attività di consulenza conseguente alla sentenza della Corte dei Conti sulla natura di ATC e CAC e relative conseguenze e attività di diffide alle Regioni in materia di calendari. Si aggiunge la procedura avviata a livello Europeo per la differenza tra i KC Italiani e quelli degli altri paesi mediterranei. Essendosi rivolti ad uno dei migliori studi di diritto amministrativo d'Italia il conto non può che essere salato, ma credo che siano i soldi meglio spesi insieme a quelli destinati alla ricerca.

da Lorenzo 12/07/2017 9.57

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

zanni, un altra occasione per stare zitti, d'altronde l'immobilismo è di casa in federcacca

da siete il peggio del peggio 11/07/2017 23.19

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Ma Tosi ha più imbracciato un fucile dall' ultima volta che...

da Cassador Veneto 11/07/2017 18.15

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Ciano 77 Quelli delle mie parti"gestori" li hanno portati in tribunale cacciati a calci nel c++++ e condanna a risarcire svariate migliaia di €. Se sei intelligente capisci a che ass. ven. appartengono e a quale partito.

da Dall'Umbria con simpatia 11/07/2017 17.58

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Bene la ricerca scientifica che porta anche a fornire indicazioni su una caccia sostenibile, bene tosi per l'unità, l'unica strada percorribile per il futuro della caccia. Basterebbe copiare da alcuni atc o comprensori Alpini esempi viventi di come deve essere gestita la caccia, ne cito uno per tutti atc 3 collina Reggio Emilia, comitato formato dalle varie componenti interessate alla caccia, commissioni per ogni tipologia di caccia o situazioni in ad esso legata come la formazione e la gestione delle zone addestramento cani e centinaia di volontari che operano sul territorio a fare gestione (voliere, catture, specifichi incarichi di vigilanze nelle varie bandite, nocivi, ripristini ambientali, censimenti, gare cinofile, solidarietà tangibile e tante altre attività. Mentre nella maggior parte degli ambiti i membri del consiglio si ritrovano a mala bene alle riunioni o assemble obbligatorie ove si assiste solo alla rendicontazione delle entrate e delle spese, dimenticavo qualche cena, Zone di addestramento cani non se ne parla neanche lontanamente e i membri dei comitato e i restanti soci se ne stanno seduti sul divano e mettono i piedi sul terreno solo per l'addestramento cani previsto dal calendario nelle zone di caccia o per l'apertura con il fucile a spalla, lamentandosi delle precarie situazioni del proprio atc magari proponendo le modifiche alla legge sulla caccia.

da Ciano 77 11/07/2017 17.36

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

La legge se la sono cucita addosso e ci sono "cacciatori" che ancora li leccano e li governano.

da Contenti loro!!!! 11/07/2017 17.29

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Centomila € per pagare gli avvocati!!!!! Sono comprese anche le spese legali per ricorrere al Consiglio di Stato contro altre AV per non farle riconoscere?????? Quei 100.000 € sono introiti derivanti dai 5,16 € sistoro per ogni cacciatore, che le riconosciute incassano ogni anno,(L. 157/92 ) anche dai cacciatori delle AV non riconosciute, quindi non sono entrate per il tesseramento,è semplicemente una partita di giro.E'facile fare gli splendidi coi soldi dati dalle altre AV, e voler far credere di averli stanziati nel vostro bilancio. Comunque tale cifra ( 100.000 €) è sempre meno del costo del vostro apparato nazionale.

da Bekea 11/07/2017 17.19

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Tosi: nel lungo periodo è la serietà che paga!!!! Vai avanti tu che a mè scappa da ridere, disse la volpe al lupo,dopo che aveva preso una legnata sui denti dal cane messo a guardia del pollaio.

da Fucino Cane 11/07/2017 15.19

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

Zanni, 157/92....... siete partiti da lì e ci avete ridotto così ..... 11/07/2017 !!! Ti può bastare ?

da Anzi niente che danni 11/07/2017 14.35

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

caro amico che non ti firmi, tu cosa hai fatto in questi anni per la caccia, raccontacelo che magari ti seguiamo.

da Adriano Zanni Federcaccia Genova 11/07/2017 13.58

Re:A Verona assemblea straordinaria della Federcaccia

bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla

da parole soltanto parole, parole per te...diceva Mina 11/07/2017 13.42