Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Presidio Animalista a Milano. Fidc scrive ai consiglieriMartani su Radio2 "voglio tagliare le gomme ai cacciatori"Marche, soddisfazione delle associazioni venatorieTar Marche sospende "solo" caccia a moriglione e pavoncellaCia: a censire la fauna non ci siano solo i cacciatoriCaccia futura. Cristina Ceschel - Ecco a voi la caccia al femminileFedercaccia al convegno Face sui lagomorfiRichiami vivi per caccia colombaccio. Cct chiarisceAbruzzo: nuove restrizioni in vista Modena, atti vandalici su auto di cacciatori Roccoli. In Lombardia presidio animalista e denuncia all'UeEmilia R. chiede a Ispra riconoscimento braccata per controlloAnche Enalcaccia Marche al Tar per la difesa del calendario Butac svela disinformazione su prima giornata di cacciaMarche: caccia in deroga allo storno in altri tre comuniSergio Berlato Presidente Confavi Roccoli. Fidc Lombardia prepara difesa al TarAbruzzo. Arriva parere Ispra su calendario modificatoLombardia: ricorso al Tar contro riapertura roccoliMinistra Bellanova: "mio padre era cacciatore"Caccia Futura. Michele Merola - Per rinnovare nella tradizioneAssociazioni Lombarde: La realtà contro le bugie sulla cacciaFiocchi: novità per la caccia da BruxellesStagione caccia al via. Partono le strumentalizzazioniFein: catturato primo tordo in migrazioneIl futuro delle GGVV: la collaborazione tra enti ed associazioniSicilia: in calendario venatorio la caccia al coniglio selvaticoCalendario Puglia: associazioni venatorie preparano difesa al TarRicorsi al Tar. Buone notizie dalla CalabriaFidc Lazio: urge regolamento richiami viviLombardia, approvate riduzioni al carniere Apertura. Arci Caccia scrive al Comandante Cufa CarabinieriBruxelles: riparte l'intergruppo Biodiversità, Caccia e RuralitàDal Senatore Bruzzone un richiamo all'unità dei cacciatoriCalendario Abruzzo, Fidc incontra la Regione Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del bucoCaccia Futura. Emanuela Lello, la gendarme con la penna verdeArci Caccia Toscana chiede costituzione cabina di regia Il Piemonte chiede più autonomia sulla cacciaMarche: parte la difesa del calendario venatorioSuccesso per la "Braccata rosa" delle donne FidcArci Caccia Puglia sul ricorso al Tar Abruzzo, ancora incertezzePuglia: Tar anticipa udienza contro Calendario Venatorio La caccia in Lituania, patria del neo Commissario Ue all'AmbientePasso. Prime avvisaglie?Ad Alessandria convegno sul futuro della caccia piemonteseL'Intergruppo Ue Caccia e biodiversità verso la sua ricostituzioneNominati Commissari Ue. Ecco chi va all'Agricoltura e all'AmbienteSolidarietà di Arci Caccia dopo i vandalismiFidc: attacchi degli estremisti non ci fanno pauraCosta compiace i pescatori: approvata immissione specie alieneDa Regione Abruzzo nuova proposta di Calendario VenatorioNuovi imbrattamenti contro le sedi FidcCinghiali, Rolfi "In Lombardia abbattimenti raddoppiati"Animalisti imbrattano sede Federcaccia UmbriaCaccia Futura - Federico Scrimieri: bocconiano coi fiocchiArci Caccia Treviso. Successo per il seminario dedicato al cervoIncidente di caccia e assicurazione. Un chiarimento da FidcCst, Marche: ennesima paralisi della cacciaUNA: Inaugurato capanno di osservazione Bocca d'OmbroneAnlc Marche: su preapertura decisione incomprensibileSospesa di nuovo la caccia in preapertura nelle Marche70 mila persone alla Sagra degli Osei di SacileZipponi nuovo Presidente Fondazione UnaA Empoli la nuova casa comune dei cacciatoriCaccia Futura - Pietro Iacovone. Sempre in prima lineaA Capannoli incontro sull'aggiornamento dei Key ConceptsConfagricoltura Toscana: serve nuovo patto tra cacciatori e agricoltoriPeste suina Sardegna. Rinnovata la collaborazione dei cacciatoriColli Euganei, abbattimenti cinghiali aumentati grazie a selcontrolloriVeneto: legittima partecipazione cacciatori al controllo faunisticoConte bis. Riconfermato Costa. All'Agricoltura va Teresa BellanovaPubblicato lavoro sulla beccaccia con telemetria satellitarePepe: calendarizzare subito Piano Faunistico AbruzzoSicilia, piccoli ritocchi al calendario venatorioGoverno M5S - Pd al via. Gli accordi sull'AmbienteMacerata: processione di San Giuliano, protettore dei cacciatoriBenevento, incontro su gestione faunisticaCaccia futura. "Eccomi, sono Maua"Cacce tradizionali. Ompo al lavoroNuovo calendario Abruzzo? Wwf diffida la RegioneDonati oltre 100 mila euro al Gaslini dai cacciatoriSiena: fondi ai cinghialai per i miglioramenti ambientaliFidc Marche: "non ci faremo piegare dai ricorsi animalisti"Berlato: Regione applichi legge su mobilità venatoriaAnuu: ancora stallo nella migrazioneAbbattimento accertato. I chiarimenti della Regione ToscanaFidc Emilia Romagna risponde ad attacco Enpa Federcaccia incontra il Presidente del Parlamento EuropeoArci Caccia ringrazia la Regione Marche per la preaperturaMarche, ok alla preapertura a colombaccio e corvidiFidc Umbria "mancato parere Ispra diritto sottratto ai cacciatori"Fassini (Arci Caccia): l’Apertura consacra il nostro amore per la naturaUmbria, niente da fare per la preaperturaA Crespina proclamati i campioni degli uccelli canoriMarche, la Regione: "la preapertura si farà"Inizio stagione venatoria. Il saluto del Presidente Fidc BuconiCalabria: proroga per i cacciatori di cinghialiGame Fair. Federcaccia incontra i cacciatoriCalabria, cinghiali "un problema di sicurezza pubblica"Toscana approva accordi reciprocità cacciaTar Sicilia respinge istanza associazioni venatoriePreapertura Umbria: si attende ancora il parere IspraSpecie esotiche in declino. FACE aggiorna sulle restrizioni Preapertura Caccia. CCT: ecco le regole da rispettareFidc: Nasce la settoriale cinghialai dell'Emilia RomagnaAbruzzo. Sospeso Calendario Venatorio 2019 - 2020Arci Caccia Marche: "subito nuovo decreto"Sospesa la preapertura della caccia nelle MarcheIl calendario siciliano piace agli animalistiArci Caccia Toscana: "carniere tortora merito nostro"Toscana: preapertura caccia 1 e 8 settembreUtilizzo richiami caccia. Chiarimenti dalla Regione ToscanaPuglia: modifiche calendario venatorio, colombaccio in preaperturaSardegna: Approvato Calendario Venatorio 2019 - 2020Passo. Il caldo fa la differenzaAssessore Mai all'Enpa: no a reintroduzione cinghialiFucecchio. Fidc Pistoia risponde alle accuse ambientalisteSicilia. La reazione delle Associazioni venatorie Incontro a Fano con i rappresentanti della RegioneLa gestione degli Atc secondo Arci Caccia ToscanaContenimento al Padule di Fucecchio. La Lipu alza la voceSassari: approvati piani controllo cornacchia e cinghialiA Crespina campionato italiano uccelli canoriArosio: catturato primo prispolone in migrazione post nuzialeGuardie venatorie in assemblea a MacerataFiocchi: 5 stelle-Pd e la cacciaArci Caccia e Eps "La caccia, una e indivisibile"Ancora proteste per il calendario venatorio sicilianoDal Friuli una proposta di modifica della 157/92Emergenza cinghiali Roma. Ancora nessun interventoOk definitivo in Molise a Calendario Venatorio 2019 - 2020Sicilia, Bandiera "su calendario venatorio abbiamo fatto il possibile"Umbria: Wwf denuncia consiglieri che hanno votato Piano faunisticoSardegna: mozione Piras per pareri tecnici sulla faunaA San Giovanni Val D'Arno assemblea CCT su calendario venatorioIl calendario venatorio siciliano delude le aspettative

News Caccia

Commissione Ue deferisce la Francia alla Corte di Giustizia per l'ortolano


venerdì 9 dicembre 2016
    

La Commissione europea deferisce la Francia alla Corte di giustizia dell'UE "per non aver fatto fronte alle continue violazioni della normativa dell'UE sulla conservazione degli uccelli selvatici (direttiva 2009/147/CE)". Il provvedimento si riferisce alle catture illegali e agli altrettanto illegali prelievi dell'ortolano, specie migratrice in diminuzione in Europa (dell'84% tra il 1980 e il 2012). Secondo la Commissione il bracconaggio di ortolani in Francia rovina gil sforzi di conservazione intrapresi dagli altri Stati membri di invertire il declino della specie.

Tale azione della Commissione fa seguito a un parere motivato inviato alla Francia nel giugno 2016.  "Malgrado i precedenti impegni assunti dalle autorità francesi - si legge nella comunicazione della Commissione- , le pratiche illegali relative all'uccisione o alla cattura deliberata dell'ortolano continuano. Dette attività in Francia pregiudicano gli sforzi di conservazione intrapresi dagli altri Stati membri. Pertanto, al fine di esortare la Francia ad applicare correttamente sul campo la direttiva Uccelli, la Commissione deferisce la questione alla Corte di giustizia dell'UE".
 
Sempre nell'ambito delle decisioni relative all'applicazione della Direttiva Uccelli, c'è anche la richiesta alla Finlandia di porre fine alla caccia primaverile illegale degli edreoni maschi nella provincia di Åland, che dal 2011 è stata autorizzata ogni anno tra il 1° maggio e il 20 maggio in deroga alla direttiva uccelli.  Le condizioni per una deroga secondo la Commissione, non sono soddisfatte a causa dello stato di conservazione non favorevole della specie e per il fatto che la quota di caccia autorizzata non costituisce un numero esiguo della popolazione della specie in questione. "Recenti dati scientifici - dice la Commissione -  hanno dimostrato chiaramente che la popolazione di queste specie acquatiche sta subendo una rapida diminuzione in Finlandia (40%), nella zona del Mar Baltico (50%) come pure a livello europeo e mondiale e che lo stato di conservazione di tali specie è fonte di crescente preoccupazione". La Commissione ha inviato alla Finlandia un parere motivato. Se non interverrà entro due mesi, il caso potrà essere deferito alla Corte di giustizia dell'UE.

Nel pacchetto di decisioni prese dalla Commissione l'8 dicembre scorso, in fatto di Ambiente, c'è anche l'Italia, deferita alla Corte di Giustizia UE nuovamente per non essersi pienamente e totalmente conformata alla sentenza della Corte del 2012 sullo smaltimento delle acque reflue. Le autorità italiane devono ancora assicurare che le acque reflue urbane siano adeguatamente raccolte e trattate ancora in 80 agglomerati in tutto il paese (rispetto ai 109 oggetto della prima sentenza) per evitare gravi rischi per la salute umana e l'ambiente. La Commissione chiede alla Corte di giustizia dell'UE di imporre il pagamento di una somma forfettaria pari a 62.699.421,40 EUR. La Commissione propone inoltre di applicare una penale giornaliera pari a 346.922,40 EUR qualora la piena conformità non sia raggiunta entro la data in cui la Corte emette la sentenza. La decisione finale in merito alle sanzioni spetta alla Corte di giustizia dell'UE. 

 

Leggi tutte le news

8 commenti finora...

Re:Commissione Ue deferisce la Francia alla Corte di Giustizia per l'ortolano

Belin >>>>>>>>>>>> STORNO- FRINGUELLO >>>>>>>>>>>> ce ne sono milioni e spesso non c'è altro, poi sentiamo che nelle altre nazioni sparano all'ortolano????? ( che spero non abbia la camicia a quadri il cappellaccio ed i baffoni ) i finlandesi cacciano in primavera gli edredoni che sono paperacce che ne sanno di pesciaccio vista la loro alimentazione ( concessa la deroga ), e non mi meraviglierei cercando nei meandri delle deroghe concesse agli altri stati uscisse anche la caccia in deroga a PAPEROGA.

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 09/12/2016 19.10

Re:Commissione Ue deferisce la Francia alla Corte di Giustizia per l'ortolano

Sulle piccole quantità, basta leggere l'altra nota, che riguarda un'interrogazione di un variegato manipolo di nostri/e parlamentari europei. Sollecitati e consigliati ovviamente da alcune frange di cacciatori che qualcuno potrebbe definire poco responsabili. Il che non significa che le deroghe non siano possibili, Bekea. Significa solamente che il pallino è da sempre in mano agli italiani (e da quando è in vigore questa norma, di governi se ne sono succeduti diversi, purtroppo, di destra e di sinistra). Quindi, la colpa è solo nostra, che a casa nostra non siamo capaci di convincere chi ci guida. Da cosa dipenderà, Bekea? Prova a speigarcelo. Ma non ci dire che la colpa è del solito cignalone, che conta come il due di picche.

da Asso di briscola 09/12/2016 16.27

Re:Commissione Ue deferisce la Francia alla Corte di Giustizia per l'ortolano

IN EFFETTI GLI ORTOLANI SONO IN NETTA DIMINUZIONE CAUSATA DALLA CONTINUA APERTURA DI SUPETMERCATI.....MA ANCHE SALUMIERI E PIZZICAGNOLI NON SE LA PASSANO BENE....

da Annate a defecare... 09/12/2016 15.07

Re:Commissione Ue deferisce la Francia alla Corte di Giustizia per l'ortolano

x Nibbio, purtroppo il luminare della medicina recentemente scomparso era da anni in preda al solito delirio di onnipotenza tipico di molti anziani luminari italiani che tutto quello che dicono è preso come oro.....perchè si che disse di mettersi le scorie sotto al letto tranquillamente......ma dal dire al fare.......in Italia non servono luminari che indichino la va ma solo una cosa che latita da decenni: IL CARO VECCHIO BUONSENSO!

da Bios 09/12/2016 14.49

Re:Commissione Ue deferisce la Francia alla Corte di Giustizia per l'ortolano

X Bios,un tempo la gente non considerava e non denunciava un bracconiere chi catturava selvaggina per il proprio sostentamento famigliare. Onestamente da cacciatore credo che oggi questa pratica possa essere ancora tollerata. Un luminare della medicina appena scomparso,era favovevole all'uso libero dello spinello,alle centrali nucleari,purtroppo però questi era un anticaccia fermamente convinto.

da Il Nibbio 09/12/2016 14.17

Re:Commissione Ue deferisce la Francia alla Corte di Giustizia per l'ortolano

il bracconaggio è il naturale risultato di imporre divieti su consuetudini secolari (che sia l'ortolano in francia o gli storni in italia), e in conseguenze di scelte politiche mascherate da provvedimenti gestionali (vedi in italia accreditare solo ispra a fornire dati, e considerare carta straccia quello che producono Università, CNR,....ecc...), l'europa è il solito organo di burocrati che dispone in maniera asettica e che nessuno ha voglia di ascoltare. se invece di vietare si gestisse si avrebbero anche di conseguenza molti dati utili a preservare le specie, invece si vieta, il bracconaggio dilaga e nessuno sa realmente quanto incida (e stime sono soggette ad errori enormi). infine c'è da considerare che chi nasce cacciatore (francese, italiano, tedesco,...ecc....) nel sangue non rinuncia alla caccia per sempre, continuare a imporre limitazione non fa altro che aumentare la caccia illegale. Inoltre c'è anche un aspetto sociale, anni fa (intendo più di 40/50 anni fa) il bracconiere non era una figura così mal vista dal "popolo", in quanto era una persona che catturava animali che in effettivo non sono "materialmente" di nessuno a fronte di una imposizione di obolo statale non giustificato o di proprietà della nobiltà (vedi antiche riserve). continuare a evitare una reale gestione (l'obolo statale servirebbe a questo) non fa altre che aumentare lo spirito di "ribellione" (passatemi il termine) e porta nel tempo anche ad un possibile ritorno ad una visione del bracconiere meno negativa (esempio: il proibizionismo usato per anni con le droghe leggere ha portato ad una legittimazione nel loro uso e nessuno si sogna di denunciare uno che si fa uno spinello). Dio come mi sono dilungato!

da Bios 09/12/2016 12.19

Re:Commissione Ue deferisce la Francia alla Corte di Giustizia per l'ortolano

x BEKEA,L'articolo parla di "PORRE FINE A CATTURE E CACCE ILLEGALI"!!! Non parla di catture in deroga in piccole quantità. Il Bracconaggio CREDO FERMAMENTE che non abbia niente da spartire con i cacciatori onesti.

da Il Nibbio 09/12/2016 12.00

Re:Commissione Ue deferisce la Francia alla Corte di Giustizia per l'ortolano

X zanoni che continua a raccontare bufale e inesattezze(non scrivo altro )che l'Italia è a rischio infrazione sulle deroghe e sulla caccia. Mentre l'EU ci multa per l'inquinamento delle acque. P.S. Questo vale anche per quelli che in questo sito affermano che l'applicazione delle deroghe di piccole quantità, su specie in buono stato di conservazione,non è possibile o illegale.

da Bekea 09/12/2016 10.56