Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Fidc commenta voto Parlamento Ue su Legge Ripristino NaturaBasilicata: ok a modifica dimensoni degli Ambiti Territoriali di CacciaRegione Lombardia vieta la caccia nei valichi montaniFACE: continuare a lavorare su accettazione sociale della cacciaLiguria, cacciatori perplessi su gestione PSAFidc: cacciatori importanti nella conservazione della fauna selvaticaFidc risponde all'allarme cartucce nelle conserve: "preoccupante non si rilevino corpi estranei"Il prelievo del muflone rimane sospeso al GiglioPiano controllo cinghiale Marche: braccata non sufficientemente giustificataMarche: Tar respinge ricorso contro piani corvidi e volpeMarche, associazioni venatorie rispondono ad Arci CacciaPuletti "mantenere tesserino cartaceo in Umbria"Approvato Piano controllo cinghiale Provincia di OristanoAnuu: pretestuose lamentele animaliste in UE. Occhio alle elezioniArci Caccia "basta illudere i cacciatori, ora calendari con i piedi per terra"Il Parlamento europeo ha adottato la legge sul ripristino della naturaZunino "il Fatto fa revisione storica, Videsott (storico Direttore Gran Paradiso) era cacciatore"Bruzzone sugli attacchi dei 100% animalisti: “Fanatici che godono della morte dei cacciatori”Si allarga la zona di restrizione per la PSA in ItaliaAl via a Valdarno aretino il Coordinamento Colombaccio ItaliaItalcaccia Veneto sollecita soluzioni sui richiami viviMarche: il Calendario Venatorio 2024 - 25 fa già discutereFidc: "telemetria, iniziati primi spostamenti beccacce"Appello della Cabina regia Toscana sulla rappresentanza negli AtcParlamento Ue al voto su legge per ripristino naturaPSA: Approvati Piani di Intervento Urgenti 2024 in BasilicataIn Austria il 71% dei cittadini approva la cacciaA Piacenza richiesta cabina di regia contro PSAAggiornamento per 70 guardie venatorie a BolzanoCacciatori pistoiesi donano 2,5 quintali di carne di cinghiale al Banco AlimentareCia Toscana: obbiettivi fauna selvatica vanno rivistiFACE: su habitat e biodiversità siano riconosciuti in UE i risultati ottenuti dai cacciatori A Concesio (BS) il punto sui richiami viviLombardia, Tar accoglie ricorso LAC sui valichi montani 15 nuovi agenti faunistici venatori aTorinoPiano assestamento caccia al cinghiale per l'Atc VasteseFebbo (FI): ci sia più pragmatismo nel nuovo Piano faunistico abruzzeseEos 2024 chiude con record di 40 mila visitatoriBaggio in pandino su Instagram Bruzzone a Eos "sulla sostanza della mia proposta non arretreremo"Toscana, interrogazione di Fantozzi (FdI) sui ritardi del Piano faunistico venatorio30 mila ingressi a EOS. File ai tornelli per rischio infiltrazioni animalisteSalerno: fino a fine marzo controllo con girata al cinghiale Lazio, associazioni venatorie contestano nomine dei GOTLega Emilia R. "mancato controllo dei cinghiali per paura degli ambientalisti"Lombardia: Assessore Beduschi anuncia task force su contenimento fauna selvaticaCia Agricoltori "Regioni attuate Piano straordinario fauna selvatica"A EOS annunciato presidio animalista, sarà scortato dalla PoliziaEmilia Romagna chiede stato di calamità per PSAToscana "per affrontare PSA necessaria collaborazione con i cacciatori"Fidc: "Wwf e Lipu fanno passare per vittoria la batosta al Tar su Vinca e Calendari Venatori"Arci Caccia Toscana: "rinnovo appostamenti di caccia entro il 28 febbraio"Toscana: Ass. Saccardi promette nuovo Piano Faunistico entro 2024Francia: rinnovato alla FNC status di Associazione per la protezione ambientaleLa Cabina di Regia interviene sulla procedura di Infrazione sulla cacciaBasta con l'odio animalista. Solidarietà di Fratin non sia solo ad IspraNo delle associazioni venatorie all'argamento del Parco della MaremmaContinua la campagna anti caccia del Fatto Q.Sottosegretario La Pietra: "le Regioni attuino il Piano contenimento fauna selvatica"Addio al Prof. Silvio Spanò. Il saluto del Club della BeccacciaEos 2024 punta sulla carne selvatica gourmetRichiami vivi: Dall'Europa alla Lombardia - Tra Applicazione, Politica e AnelliniRicco programma di approfondimenti Fidc ad Eos24Sospeso prelievo venatorio di ipotetici mufloni al GiglioSentenza Tar Lazio: Linee guida Vinca non vincolanti su Calendari VenatoriPd ancora su modifiche 157: "riportare Ispra al centro dei processi decisionali"Ministro Tajani: "accelerare approvazione norme caccia"Italcaccia Pescara: "No all'allargamento dei Parchi in Abruzzo"Modifiche alla 157/92, la posizione di Arci CacciaVaccari chiarisce "io e il Pd contro la legge Bruzzone"Pdl Brambilla. In audizione la Cabina di Regia del mondo venatorioAmbientalisti contro Vaccari (PD) per posizione su riforma legge 157Fidc smentisce accuse Lipu su stagione caccia 2023 - 2024Al Senato interrogazione di Paroli (FI) sui controlli del SoardaRiforma Bruzzone. Ecco come la pensano le Associazioni VenatorieProposta Bruzzone prosegue il dibattito in CommissioneTelemetria Fidc, "Nessun tordo ancora in migrazione"Aperta procedura di infrazione contro l'Italia sulla cacciaBuconi: Oltre mille emendamenti alla proposta Bruzzone, pericolo Pdl BrambillaAlleanza Verdi e Sinistra contro riforma BruzzoneToscana, approvata delibera CAV, novità su appostamenti e anelli richiami viviGli avvocati del ricorso: un autogol per il Comprensorio PrealpiVeneto: Italcaccia chiede attivazione caccia in deroga e cattureCommissione per le petizioni Ue risponde a Fiocchi sul lupoPsa, Droni dell'Esercito sul piacentino alla ricerca di carcasse di cinghialeEmilia Romagna. Lega attacca Pd su gestione cinghialeBruzzone: "su caso Puletti manca la condanna delle associazioni ambientaliste"Buconi (FIDC): "solidarietà a Puletti, serve intervento legislativo concreto"Selezione cinghiale Prealpi Bergamasche. Cacciatori vincono ricorso contro CASparvoli "ennesima manifestazione violenta, Governo intervenga"Transito sentieri Umbria. Puletti scortata dopo insulti e minacce ambientalistiConvegno Libera Caccia a Treviso con Bruzzone e Presidente SparvoliAtto vandalico animalista contro la Lega di Legnano

News Caccia

Conferenza regionale Arci Caccia Piemonte: "su fauna e caccia molto da cambiare"


giovedì 12 marzo 2015
    

 
Ricca di contenuti è stata la Conferenza Regionale promossa dall’ARCI Caccia sul tema della gestione della fauna e sul prelievo venatorio in Piemonte, svoltasi sabato 7 marzo nel salone della Provincia di Alessandria. Grande è stata la rappresentanza dell’Associazione, con delegati provenienti da tutte le provincie ed una altamente qualificata presenza di rappresentanti delle istituzioni regionali e nazionali.

I lavori hanno preso l’avvio con una relazione di Mario Bruciamacchie, Presidente Onorario Regionale dell’ARCI Caccia, il quale ha posto al dibattito i temi della valorizzazione del patrimonio faunistico regionale – uno dei più ricchi d’Italia -, di come può essere gestito nell’interesse di tutta la comunità consentendo un esercizio venatorio programmato, e di come questa ricchezza possa avere ricadute positive sul piano economico.

La forte crescita numerica di cinghiali e caprioli e di altri ungulati pone con forza il problema della loro corretta gestione, in quanto il loro impatto sull’ambiente e soprattutto sulle coltivazioni agricole è molto pesante, e provoca danni elevati che intaccano i redditi degli agricoltori.

È urgente mettere in atto pratiche efficaci di prevenzione e contenimento numerico di queste specie, ed il prelievo venatorio programmato è utile ed indispensabile alla salvaguardia delle produzioni agricole.
La carne della selvaggina ungulata può diventare una risorsa economica interessante attraverso la realizzazione di una filiera che consenta la commercializzazione ed il consumo alimentare di questa carne altamente pregiata.

Si è evidenziata la crisi che attraversano alcune specie di fauna come lepri, fagiani, starne ecc…
Le proposte dell’ARCI Caccia sono molto precise. Occorre che le Zone di Ripopolamento e Cattura siano luogo di produzione di queste specie per dare autosufficienza ad ogni ATC e CA, per ripopolare i loro territori di caccia programmata ponendo fine ai ripopolamenti effettuati con animali di allevamento, buoni solo per alimentare volpi e corvidi, sprecando i soldi dei cacciatori e dequalificando l’attività venatoria. È ora di dire basta a questa pratica scellerata.

Si è chiesto all’Assessore Regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca Giorgio Ferrero – presente alla conferenza ed intervenuto nel dibattito – di promuovere specifici progetti in accordo con le Provincie, gli ATC ed i CA, impegnando tecnici competenti e mobilitando risorse economiche regionali ed europee.
Possono essere progetti di grande significato, capaci di valorizzare l’ambiente ed il territorio, di sostenere l’impresa agricola, di consentire una compatibile presenza di fauna ed un esercizio venatorio ecocompatibile.

Punto dolente è la mancanza di una legge regionale in materia di protezione faunistica e per l’esercizio venatorio, dopo che in modo stolto è stata abolita la Legge Regionale 70/96. Senza legge regionale si è sempre esposti a continui ricorsi al TAR e ad invalidamento delle delibere regionali.

L’ARCI Caccia, assieme alle altre Associazioni venatorie, ha avanzato delle precise proposte di contenuto; ora si attende che l’Assessore, la Giunta ed il Consiglio Regionale operino rapidamente.
Anche il ruolo degli ATC e dei CA è stato esaminato, evidenziando come purtroppo molti non stiano operando bene.

Quasi nulle sono le capacità programmatiche e progettuali; la partecipazione ed il confronto con gli agricoltori ed i cacciatori non sono promossi, l’informazione è a quota zero. Si limitano, questi istituti, a distribuire i tesserini regionali, a fare pagare le quote di accesso all’Ambito di caccia, a comprare fauna di allevamento. Se non cambiano il loro modo di operare, vanno verso una crisi profonda.

Secondo l’ARCI Caccia invece, gli ATC e i CA vanno rilanciati come istanze capaci di gestire i loro territori dal punto di vista ambientale e faunistico, mettendo a dirigerli persone qualificate e non personaggi che garantiscono al più pacchetti di tessere associative.

C’è da approvare il Piano Faunistico Venatorio Regionale; da discutere nel merito il nuovo Calendario Venatorio; da esaminare come si gestisce la tipica fauna alpina ecc…

L’ARCI Caccia presenterà a giorni precise proposte alla Regione, comprensive di azioni utili a contenere le specie predatorie in forte espansione come le volpi, ormai anch’esse quasi urbanizzate, e i corvidi, che colpiscono in modo particolare la piccola fauna.

Parte da questa conferenza un’offensiva fatta di proposte alla Regione, alle Provincie, agli ATC ed ai CA, affinché le cose cambino in meglio. Parte anche una grande iniziativa di confronto con il mondo agricolo, nostro primo alleato, con il mondo scientifico, con le altre Associazioni venatorie ed il mondo ambientalista non anticaccia.

Intendiamo parlare alla società tutta, per fare comprendere che la gestione della fauna, fatta in modo serio, rende possibile l’esercizio della caccia come passione e attività utile a salvaguardare l’ambiente, le coltivazioni agricole e a ristabilire equilibri ormai alterati tra le specie.

Alla conferenza hanno portato il loro contributo di riflessione, di idee e proposte l’Assessore Regionale Ferrero, i Consiglieri Regionali Ravetti e Ottria, i parlamentari Borioli e Fornaro, il dirigente della Provincia Dott. Coffano, il Dott. Castellano della Confagricoltura e, cosa oltremodo gradita ed importante, l’Onorevole Enrico Morando, Viceministro all’Economia del Governo Renzi.

Nel dibattito sono intervenuti dirigenti provinciali, nonché l’Onorevole Lino Rava, già Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Provincia di Alessandria, il Dott. Sorrentino – Vicepresidente nazionale – e Osvaldo Veneziano, Presidente nazionale dell’ARCI Caccia.

L’assemblea, inoltre, ha provveduto a rinnovare le cariche dell’Associazione eleggendo Lino Rava come Presidente Regionale e una presidenza composta da Mario Bruciamacchie, Giovanni Ansicche, Remo Calcagno, Ezio Cardinale.

Arci Caccia Piemonte
Leggi tutte le news

9 commenti finora...

Re:Conferenza regionale Arci Caccia Piemonte: "su fauna e caccia molto da cambiare"

1)applicare lo statuto2)nn retrocedere verso niente e nessuno.

da annibale 25/03/2015 21.37

Re:Conferenza regionale Arci Caccia Piemonte: "su fauna e caccia molto da cambiare"

Bravissimi tutto bello, pero andate a mettere il naso negli atc e nella gestione delle zrc ne vedrete delle belle, e finalmente fate un ass venatoria unica. Tutti aspirano alla pensione voi no?mistero.

da disincantato 15/03/2015 9.37

Re:Conferenza regionale Arci Caccia Piemonte: "su fauna e caccia molto da cambiare"

sacrosante parole: gli ATC così gestiti non servono a nulla

da Sergio Bicocca 14/03/2015 11.57

Re:Conferenza regionale Arci Caccia Piemonte: "su fauna e caccia molto da cambiare"

Grazie Jamesin e grazie Arrabbiato62 ma la vedo dura, molto dura. L'anticaccismo è trasversale nel consiglio regionale, da anni ormai. In più che cosa han combinato certi atc e ca certo non ci ha resi più credibili. Questo non significa sicuramente demordere, comunque...vedremo.

da Ezio 13/03/2015 16.46

Re:Conferenza regionale Arci Caccia Piemonte: "su fauna e caccia molto da cambiare"

Congratulazioni vivissime a Ezio Cardinale. Conforta leggere quello che pensiamo da anni. Speriamo in bene e che la regione Piemonte non ci consideri nemici.

da Arrabbiato 62 13/03/2015 15.08

Re:Conferenza regionale Arci Caccia Piemonte: "su fauna e caccia molto da cambiare"

Speriamo che non siano le solite discussioni ma che si faccia veramente qualcosa di concreto, cercando veramente di migliorare le cose,altrimenti lasciamo il compito ad altri.

da lino 13/03/2015 14.40

Re:Conferenza regionale Arci Caccia Piemonte: "su fauna e caccia molto da cambiare"

Mi fa mooooolto piacere per la conferma della carica a presidente a Ezio Cardinale, auguro un buon lavoro a lui e a tutto lo staff Arcicaccia del Piemonte, la caccia ne ha bisogno. Cordialità

da jamesin 13/03/2015 13.09

Re:Conferenza regionale Arci Caccia Piemonte: "su fauna e caccia molto da cambiare"

Si e come no il buon Veneziano se ne accorge solo ora del casino che regna nella caccia? Ma i suoi subalterni spalmati nei posti che contano (politica,atc,ca,zrc,assessorati,consulte,ecc..ecc..) non li ha mai controllati se svolgevano bene il lavoro assegnatogli? Già dimenticavo per i sinistri la colpa è sempre degli altri. Ma ci faccia il piacere

da Antico cacciatore 13/03/2015 12.49

Re:Conferenza regionale Arci Caccia Piemonte: "su fauna e caccia molto da cambiare"

Voi pensate pure come volete e continuate a seguire strilloni che parlano solo per la pancia ... Principalmente propria .... Ma questo è un modo SERIO di fare Associazionismo Venatorio ... E unico modo per tentare di dare un futuro alla caccia ...

da Cacciatore Responsabile 13/03/2015 11.22