Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Bilancio sociale Fidc "raddoppia impegno sociale dei cacciatori"Mazzali: animalisti distruggono un altro capannoToscana. Consiglio di Stato respinge ricorso animalistaAcma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"


venerdì 28 novembre 2014
    

La passione per la caccia ha sempre fatto parte della mia famiglia, con mio padre, mio nonno, e chissà quanti altri prima di loro, per cui, quando mi si chiede da quanto tempo ho questa passione rispondo sempre che  ci sono nata.

All’età di 10 anni papà mi mandava  a prendere i bollettini nella locale sezione caccia che aveva la sede  nel bar sotto casa. Lì passavo il tempo ad ascoltare le storie dei vecchi cacciatori  che si animavano parlando della lepre che aveva fatto tribolare i cani, o di quel vecchio fagiano furbo che si defilava di pedina... poi mi guardavano dicendomi che anche a Lastra c’era una cacciatrice, che cacciava niente meno che con i pantaloni!

Tra le varie attività della sezione fu organizzato uno stand presso la fiera degli antichi sapori e fu lì, tra un panino al lampredotto e un bicchiere di vino,  che conobbi Paolo,  un setterista con la passione per la caccia col cane da penna. All’epoca avevo anch’io una setter bianco nera di buon sangue, Zara, ottima ferma ma poco collegamento, che cacciava per lo più per sé. L’avevo presa all’età di 15 anni da un cacciatore specialista in beccacce amico di papà. La prima volta che la vidi aveva una settimana di vita: mi stava nel palmo della mano, tanto era piccola, e non aveva ancora gli occhi aperti. Finita la scuola, il sabato, prendevo il motorino e andavo a trovarla, tiravo fuori tutti i cuccioli e stavo lì a farli giocare con me, per poi rimetterli dentro quando si faceva l’ora di tornare a casa . Ricordo quando andai a prenderla col babbo: mentre la tenevo in braccio sul furgone, pensai che era il mio primo cane da caccia… ed era solo mio!

Come un diamante prezioso e delicato, sapeva di buono, con quel profumo tipico dei cuccioli che, da allora, mi regala un senso di tranquillità anche nei momenti più difficili.  Il setter di Paolo, Arno,  era più tranquillo ma pur sempre un bravo  cacciatore, e fu così che ci venne l’idea di un accoppiamento che, stando alle genealogie, prometteva una buona riuscita. Ne nacque Monello, un tricolore ottimo cacciatore come i genitori, morto proprio quest’anno.

Negli anni  successivi ho continuato a frequentare la sezione caccia, per lo più aiutando a compilare  i bollettini oppure ad organizzare gare cinofile ed altri eventi…e adesso sono Presidente della sezione comunale CPAS.  A 21 anni mi convinsero che era meglio cacciare che seguire mio padre per rubare una fucilata ogni tanto, vista soprattutto la mia passione per i cani. Iniziai così il corso  per conseguire la licenza …e finalmente divenni una cacciatrice a tutti gli effetti. Ricordo ancora, dopo l’estenuante esame e le domande insidiose del Dott. Amati, la felicità di uscire dalla stanza della ripartizione con il foglio con su scritto “ABILITATO”!  Corsi quindi al poligono per ottenere l’altra abilitazione, quella al maneggio armi, ma sapevo che non ci sarebbero stati problemi, dato che da qualche anno passavo i sabati ad allenarmi di nascosto con la cal. 22 sotto la guida di un amico di papà, il Fiaschi, grazie al quale avevo già imparato a tirare a 100 e 200 metri.

Conseguire la licenza di caccia non autorizza automaticamente all’esercizio venatorio ma, a differenza di quanto accade per la patente di guida che consente da subito di condurre un veicolo da soli, il porto d’armi richiede che per il  primo anno si venga accompagnati da altri cacciatori con almeno  10 licenze alle spalle. Giustamente, direi, e magari, se fosse così anche per la patente si eviterebbero tanti incidenti stradali.

Per la mia prima apertura quindi… niente problemi, avendo con me come sempre il babbo e lo zio, ai quali l’anno dopo si sarebbe aggiunto anche mio fratello. Presi dunque un giorno di ferie dal lavoro proprio per l’occasione. Verso l’ora di pranzo, mi chiamò Paolo chiedendomi se volessi andare con lui nel pomeriggio, così insieme ai nostri setter Zara ed Arno andammo a  cercare un fagiano vicino casa, nonostante  il caldo e la stanchezza di quel giorno iniziassero a farsi sentire.

Lasciate le auto al solito posto e sciolti i cani, caricammo i fucili e via… alla ricerca di un fagiano o una lepre. Ad un certo punto i cani che correvano davanti a noi fermarono entrambi di fronte a un cespuglio a ridosso di un borro profondo. Ci preparammo a servirli e gli dicemmo di “dare”, e dopo un attimo di panico nel cespuglio uno dei due cani mise in volo l'animale.. che partì con un rumoroso battito d’ali e il tipico canto maschile co co co… Sparammo due tre quattro fucilate.. mentre il canto riecheggiava ancora come a volerci prendere in giro. Io e Paolo ci guardammo per un attimo, sorpresi,  e scoppiammo a ridere all’unisono.

Quella risultò essere solo la prima padella della giornata, ma non ci saremmo dati per vinti, sicuri di poter trovare la femmina o un altro maschio. Ritemprati dall’incontro, iniziammo a scendere e salire su per il bosco pieni di nuova linfa vitale, scaricando e ricaricando i fucili ad ogni passaggio pericoloso mentre i cani correvano cercando il vento, annusando per terra, alla ricerca di un odore, una traccia, un piccolo segno di presenza della selvaggina. Spesso i detrattori della caccia ci contestano il fatto che obblighiamo i nostri cani a cacciare, che siamo noi a crearli per il nostro piacere. Nulla di più sbagliato. Guardare un cane che caccia ti fa capire come questo sia nella sua natura. Noi non facciamo altro che assecondarla in una simbiosi che si crea fra due esseri che condividono  un piacere comune.  Il cane da caccia, va a  caccia per il proprio. A differenza solo del Bracco Italiano che lo fa per il piacere del padrone in primis, in un collegamento che lo porta a smettere di cercare quando questi non lo segue. In tal senso, il Bracco supera forse ogni altro cane.

La giornata non era ancora finita ma non potevamo certo ribattere questo fagiano,  che si era rimesso in un posto inaccessibile. Il caldo  si sentiva,  per cui facemmo riposare i cani che si dissetarono in un borro di acqua fresca, bagnandosi il pelo e rianimandosi. Come noi, che  grazie a quello sbattere di ali, a quel canto liberatorio ci eravamo destati dal torpore e dalla stanchezza di due giorni di caccia.

Seguimmo i due setter intenti a  cercare in ogni angolo e in ogni anfratto del bosco,  a passare in rassegna la vigna, a incrociarsi in mezzo agli ulivi sfrullando una serie di piccoli uccelli che vennero giustamente ignorati. La ricerca però fu infruttuosa e col sole che iniziava a calare, arrivò il momento di tornare verso la macchina. I fucili, tenuti in mano per non farci sorprendere  nuovamente da un frullo, tornarono sulla spalla, i discorsi si fecero più rilassati, la voce, quasi sussurrata durante la caccia, tornò ad essere alta e squillante e anche i cani rallentarono la cerca precedendoci a passo tranquillo.

Cercai Zara con lo sguardo rendendomi conto che non era più davanti a me e quando mi girai la vidi solo un attimo ferma più indietro in un filare di vite…e subito partì una lepre dal covo che ci schizzò davanti come tirata con la fionda, mentre prendevamo i fucili dalla spalla per tirarle dietro tre colpi ciascuno…che ovviamente la lasciarono illesa, facendole fare solo uno strano balletto a zig zag fra le nostre  fucilate e i cani che la inseguivano.....

Un contadino, sentiti gli spari, ci gridò dall’alto del poggio: “Che si fa a mezzo?” Gli rispondemmo che avrebbe dovuto accontentarsi della padella… e scoppiammo a ridere tutti e tre. Andai a cercare i cani, spariti nel bosco, lasciando Paolo ad aspettare fuori nel caso la lepre fosse uscita, quando vidi una sagoma marrone passarmi davanti tallonata dalla Zara…ma non ebbi modo di sparare! Richiamai i cani, raggiunsi il mio amico con cui ci guardammo in un silenzio pieno d’imbarazzo…e ricominciammo a ridere. Non era proprio la nostra giornata!

Arrivammo alle auto che il sole era ormai tramontato, scaricammo i fucili e ci mettemmo d’accordo per il sabato successivo. Tornata a casa, mio padre si avvicinò e mi chiese dove avevo padellato la lepre. Lo guardai stupita. “Come fa già a saperlo?”- mi domandai -" Sono appena arrivata!”  Ma il tamtam dei cacciatori era già arrivato  a radio Lastra. “Il contadino che vi ha visto”-rispose papà-  “l’ho incontrato alla Lastra e me lo ha detto! Padella!!! e nemmeno solo una!".
 
 

Leggi tutte le news

13 commenti finora...

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

Ce ne vuole di fantasia per collegare questo articolo alla situazione della caccia... Sarebbe come accusare repubblica di non interessarsi della crisi del paese perchè pubblica articoli di costume... mah! Caro "alla prossima", ti aspettiamo al varco della prossima stupidaggine che ti viene in mente. Non so se ti sei reso conto della figura che hai fatto... Meno male che nessuno sa chi sei.

da Mantovano 01/12/2014 18.29

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

SECONDO ME VOGLIAMO PROPRIO ANDARE "ALLA PROSSIMA" DISFATTA. PERCHE', CARO ALLA PROSSIMA, IL DISFATTISMO E' INSITO NELLE TUE CONSIDERAZIONI. QUANDO BARTALI DICEVA GLIè TUTTO SBAGLIATO GLIè TUTTO DA RIFARE, LO DICEVA DALL'ALTO DELLA SUA GRANDE ESPERIENZA E DEI SUOI INNEGABILI SUCCESSI. NON MI PARE CHE CONSIDERAZIONI COME LE TUE, RACCHIUDANO GRANCHè DI TUTTO QUESTO. SECONDO ME LE DONNE SONO UNA GRANDE RISORSA PER IL FUTURO DELLA CACCIA. PROBABILMENTE SAREBBERO IN GRADO DI COPRIRE ANCHE IL VUOTO MENTALE DI GENTE CHE HA ANCORA LO SGUARDO RIVOLTO AL PASSATO

da SPLEEN 01/12/2014 17.21

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

Quante "scimmiette"!!!!! Avv. difensore ci comunica quanto e quale contributo han portato alla caccia questi SVICOLONI pseudo racconatastorie? Intendo a livello nazionale per migliorare le nostre attuali condizioni, non al proprio orticello, se mai ne hanno prodotte ad paesanem personam PLEASE!!!Dopo se ne può discutere sulle eventuali offese (fatte e/o ricevute) specialmente su chi occupa posti di "potere" dove dovrebbe occuparsi della condizione grottesca cui versa la categoria invece che perdere tempo in filippiche inconcludenti e specchietti per allodole. Stiamo affondando e qualcuno si sollazza leggendo e scrivendo storie, e le scimmiette applaudono felici e contente. Con certe teste anche "coronate" ma dove vogliamo andare!!!!

da Alla prossima 01/12/2014 17.02

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

Complimenti!!!! ;-)))

da EX ARMERIA 2000 01/12/2014 16.33

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

Bel racconto davvero, brava!

da 100%cacciatore 01/12/2014 16.24

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

Complimenti Lara, dal tuo scritto traspare passione pura.

da Sergio 01/12/2014 14.34

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

Bella e brava!

da Riccardo P. 01/12/2014 13.45

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

Brava Lara, sei sempre la migliore!

da Peppola 01/12/2014 12.53

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

bel racconto Lara e complimenti per la tua biografia venatoria.

da giannirm 01/12/2014 9.56

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

Grande Lara! Un racconto veramente bello. X Alla prossima: non capisco davvero quale sia il tuo intento. Sei un anticaccia o sei qui solo per mettere zizzagna? Vieni sul sito, leggi un racconto (anche se secondo me nemmeno l'hai letto), ben sapendo che si tratta della personale esperienza di una cacciatrice (una tra le più attive in Italia tra l'altro e di cui essere orgogliosi) e poi scrivi "che palle"? Se non ti interessa non leggi, punto. Se non ti piace il racconto "da osteria", leggi qualcos'altro. Te l'ha ordinato il dottore di aprire ogni contenuto su bighunter? Questo essere così gratuitamente offensivo è davvero sospetto...

da Giulio P. 01/12/2014 9.17

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

BEL RACCONTO COMPLIMENTI A LARA

da DIEGO76 01/12/2014 6.16

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

Fino ad oggi tutti a battere le mani come le "scimmiette" sugli alberi..... e c'è chi lo vorrebbe ancora, ma noto che non tira più "la prima licenza e ovvio". Sarà perchè sembra una passerella di cinesi tutti vestiti di turchino!!!! o perchè dopo queste variegate e vaneggianti elucubrazione susseguitesi nel tempo non sono riusciti nemmeno ad avere una mezza giornata in più per la caccia !!!! o perchè la cosa o per meglio dire dei cxx degli altri non frega una mazza a nessuno se queste non portano qualcosa di serio!!!! Sta di fatto che le molte "scimmiette" cominciano a rompersi i c... di applaudire a voto, questo sicuramente è un buon segno di maturità. Esternazioni, mostri, racconti, fantasticherie, primi stivali, prima catana,primo fucile, prime albe, primi tramonti, prima padella prima cartuccia,ecc...ecc..sono materia da osteria del cacciaballe. Che palle

da Alla prossima 01/12/2014 6.16

Re:PRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"

Giancarlo Fiaschi lo conoscevo bene ...una colonna del Tsn Lastra a Signa e una Guardia vecchio stile impegnata contro volpi e nocivi più che contro i cacciatori....certamente avrà bonificato il Paradiso da quegli anomalacci ... Ciao Giancarlo!

da Gianni 28/11/2014 20.38