Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Bilancio sociale Fidc "raddoppia impegno sociale dei cacciatori"Mazzali: animalisti distruggono un altro capannoToscana. Consiglio di Stato respinge ricorso animalistaAcma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

La Provincia di Perugia premia le donne cacciatrici


lunedì 28 ottobre 2013
    
La Provincia di Perugia ha consegnato  “attestati di stima” a una trentina di cacciatrici. Il presidente della Provincia, Marco Vinicio Guasticchi affiancato dai rappresentanti degli Atc provinciali, tra cui Luciano Calabresi (neo presidente dell’Ambito 2 Perugia) e dalla dirigente Roberta Burzigotti, ha voluto in tal modo valorizzare le donne che si dedicano alla caccia, attività non più appannaggio soltanto degli uomini.

“La Provincia – ha sottolineato Guasticchi – è convinta che l’attività venatoria sia una risorsa, sia come testimonianza di una tradizione atavica che per l’economia. I cacciatori sono sentinelle dell’ambiente facendo risparmiare alla collettività ingenti risorse se dovessimo incaricare qualcuno di vigilare e controllare. La crescente componente femminile tra i cacciatori - si legge nella nota -  è di certo un arricchimento per tutta l’attività venatoria".

Tra le iniziative che la Provincia sta portando avanti, entro novembre sarà varato il Piano Faunistico Provinciale, mentre è in fase di completamento il progetto di contenimento dei nocivi elaborato in collaborazione con tutti i soggetti coinvolti dalla problematica”.

Nel dichiararsi “cacciatore sui generis” in quanto poco propenso all’utilizzo di armi di grosso calibro e comunque favorevole a corsi sulla balistica che garantiscano una seria preparazione, Guasticchi ha spiegato come rispetto a 30 anni fa molto sia cambiato anche in termini di popolazione di fauna selvatica che ha visto man mano il ritorno di specie per molto tempo assenti in Umbria, come gli ungulati o i lupi.

“La loro presenza, richiede a chi pratica attività venatoria grande senso di responsabilità e conoscenza delle leggi in materia – ha aggiunto – sfatando anche cliché secondo i quali, ad esempio, il lupo è un problema”. Ringraziamenti sono giunti dai rappresentanti degli Atc  che si sono detti “soddisfati per l’iniziativa”. La dottoressa Burzigotti ha quindi illustrato come la Provincia sia impegnata affinché intorno alla caccia vi siano sempre più preparazione e sensibilità. Del resto la caccia è una passione e per questo crea dibattito. Le donne possono aiutare la Provincia ad ascoltare le istanze di tutti”. L’incontro si è concluso con la consegna degli attestati e una foto di gruppo. 

Leggi tutte le news

0 commenti finora...