Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima lineaAnuu: "Domenico Grandini non è più tra noi"Emilia Romagna: quasi 100 mila euro anche dai cinghialaiCuneo: donazione dall'Arci Caccia per l'emergenzaFidc raccoglie quasi 800 mila euro per l'emergenza CoronavirusCampania. Proposte sul calendario venatorio 2020 2021Lazio, proroga scadenze per cacciatori e istituti faunisticiRinviata al 2021 Caccia VillageUn ventilatore polmonare al S. Martino di Genova dalle cacciatriciControllo volpe. Lav attacca Regione LombardiaMazzali segnala Mocavero in ProcuraDonazione alla Croce Rossa da Enalcaccia Una: dal mondo venatorio oltre 1 milione di euro per emergenza covid19La Cultura rurale contro il CoronavirusCct: attenzione alle fake news18 mila euro all'Azienda Sanitaria da Fidc FrosinoneFidc Emilia Romagna: donati 108 mila euro per l'emergenzaLombardia, rinviato termine iscrizione ad Atc e CaVietato spostarsi fuori dai comuni di residenzaDai cacciatori toscani altri 35 mila euro per la lotta al Covid 19Bana, il ricordo di Massimo MarracciBana, altri messaggi di cordoglioDa Federcaccia i primi 500 mila euro in beneficienzaBana: il ricordo della FACEI cacciatori veneti rinunciano a 300 mila euro per l'emergenza Covid-19Addio all'Avvocato Giovanni BanaStiamo a casaFidc Piemonte. Sulle specie cacciabili una risposta agli animalistiFidc: dalla Lipu una proposta sconvolgenteEmergenza Covid: altre donazioni dal mondo venatorioToscana: Arci Caccia in campo contro il Corona VirusDonazione alla Croce Rossa Italiana dalla Cabina di RegiaCovid-19. Raccolta fondi di ItalcacciaServe uno sforzo da parte di tuttiCovid-19: anche i Giovani Cacciatori si attivanoDall'Atc Caserta altri 100 mila euro per l'emergenza Eleonora e la storia di Nello. Un pensiero a tutti i cacciatoriCCT: Cacciatori gente concreta e onestaEps Campania propone fondo Emergenza Covid19Mazzali: le associazioni venatorie si autotassano per donare agli ospedaliAssessore Rolfi "il cuore grande dei cacciatori"Dreosto plaude alla solidarietà delle associazioni venatorieCovid-19. Ancora solidarietà dai cacciatoriAnnullata Assemblea Generale CICLombardia, le nuove disposizioni sulla fauna selvatica100 mila euro per emergenza sanitaria anche dai Cacciatori TrentiniRolfi: restituzione tesserini venatori al 20 aprileBerlato: Raccolta fondi dalle attività portatrici della cultura ruralePiemonte, per la Giunta 15 specie devono tornare cacciabiliFidc Sardegna "cacciamo il coronavirus"Veneto: sospesa caccia di selezione e censimentiBergamo: da Enalcaccia 5 mila euro all'OspedaleEmergenza Covid-19. Da Fidc nazionale altri 100 mila euro Covid-19. Da Arci Caccia Marche donazione al servizio sanitarioFidc Marche invita a donare il sangueCovid-19: 5 respiratori anche dall'Atc Unico di BresciaPiani di prelievo ungulati e galliformi. Indicazioni da Ispra CoronaVirus, CCT: "insieme per l'Italia"CoronaVirus: le cacciatrici si organizzano su facebookAnlc: "Tutti insieme contro il CoronaVirus"Da Fidc Bergamo 30 mila euro per l'emergenza CoronaVirusAnuu Lazio: Regione al lavoro per proroga tesseriniSvezia, a caccia fin dai 15 anniFidc Brescia dona 8 respiratori all'OspedaleCovid-19: raccolta fondi Fidc Friuli Venezia GiuliaEmilia R. Pompignoli chiede proroga termini tesserino venatorioNorvegia. 70 mila cacciatriciLombardia, consegna tesserini slitta al 20 aprileCoronaVirus: rimandata operazione Paladini del territorio Caccia di selezione sospesa. Un chiarimento dalla CCTFrancia, assemblea FNC: cacciatori in campo contro l'ecologia da salottoVeneto: Zottis (PD) chiede proroga termini riconsegna tesseriniPAC post-2020. Scienziati chiedono impegno per la biodiversitàRichiami vivi: Commissione Ue risponde a interrogazioneCovid-19. Sospesa caccia di selezioneFidc Umbria, vertici sospesi. Elezioni da rifareLiguria: incostituzionale caccia dopo tramonto. Ok accertamento capiAnuu: un febbraio da ricordareFidc Brescia: poco utili controlli a campione su tesserini venatoriCaccia in cucina. Ecco i ristoranti aderentiAbruzzo: approvato disciplinare caccia di selezione cinghialeAncora catture caprioli nell'area dell'ospedale di PistoiaStudiare la pernice elbana per salvare la specie in ItaliaSalerno, iniziate le immissioni di 4 mila fagianiMilioni di visualizzazioni per il video di "cucina" di un cacciatoreAnnullata Assemblea nazionale Anuu MigratoristiMolise, proroga per i corsi caccia selezione al cinghialeUe: nuova interrogazione contro bando del piomboToscana. Eps e CCT si confrontanoCinghiali. Assessore Mai "va cambiata la legge sulla caccia"Salvatore La Spada. Scultore e cinofiloM5S Piemonte: "sventato blitz su specie cacciabili"Cinghialai abruzzesi contro il Piano faunistico e IspraFassini: “Verifichiamo condizioni per Cabina di Regia in VenetoCinghialai puliscono le strade di Genga (AN)Specie simili, studio scientifico cita esempio italianoCinghiali, Remaschi smentisce Coldiretti "in Toscana 160 mila cinghiali"Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla cacciaCuneo, rinviati esami abilitazione venatoriaCacciatori arruolati contro le nutrieGiornata mondiale fauna selvatica. Il ruolo dei cacciatoriUmbria: Coldiretti propone estensione caccia cinghialePuglia: proposta unitaria per il regolamento degli AtcAl via la diciottesima edizione di Caccia in Cucina

News Caccia

La caccia in Umbria negli anni ‘50: omaggio al grande Teodoro Laurenti


domenica 17 febbraio 2013
    
Riceviamo e pubblichiamo:


Davanti ad un folto ed interessato pubblico, ha visto la luce a Villa Redenta, Spoleto, l’ultima fatica letteraria di Vladimiro P. Palmieri, dedicata ad un grande spoletino amante della caccia e della natura: Teodoro Laurenti. Già protagonista della mostra fotografica presentata lo scorso anno alla Fiera della caccia, della pesca e del tiro a volo di Bastia Umbra, l’illustre spoletino – scomparso qualche anno fa – ha dato corpo e inchiostro al libro che di quella mostra fa da catalogo e non solo. “La caccia in Umbria negli anni ’50 – Cento scatti e dieci scritti di Teodoro Laurenti” è un volumetto che racchiude immagini ed articoli del protagonista, che per circa un decennio a cavallo tra gli anni Quaranta e Cinquanta collaborò con la storica rivista fiorentina Diana. Attraverso il suo lavoro, come ha spiegato bene l’editore Francesco Matteucci, Laurenti offre al lettore uno spaccato di una terra e di un paesaggio difficile da riconoscere a distanza di quasi 70 anni, benché sia ancora sotto gli occhi di tutti. Una memoria storica che può fungere da moderna radice per tutti gli amanti della natura e della biodiversità, non soltanto i cacciatori.

Il direttore del Cacciatore Italiano Marco Ramanzini, amico e collega di Palmieri, ha coordinato gli interventi dei convenuti, tra i quali anche l’assessore regionale alla Caccia Fernanda Cecchini. “Anche i cacciatori hanno contribuito, nel tempo, a far crescere l’Italia e questa regione, garantendo un presidio nei territori. Il cacciatore è una sorta di ‘fauna autoctona del territorio’, che ama gli animali al punto da ritenerli degni di tutti i sacrifici che dedica loro. L’abbattimento è soltanto il gesto finale di un percorso di gestione che comporta innumerevoli uscite, spese in termini di tempo e risorse economiche. Anche attraverso la testimonianza di questo libro ci accorgiamo che la fauna in Umbria è profondamente cambiata durante l’ultimo mezzo secolo. Il nostro obiettivo è produrre selvaggina stanziale di qualità, in grado di ambientarsi nella natura e di riprodursi in maniera autosufficiente, assorbendo la pressione venatoria. La corretta gestione della caccia credo sia parte della corretta gestione del territorio”.

Infine l’autore del libro, Palmieri, ha ricordato i primi contati con Laurenti, la scoperta della sua collezione di foto e scritti, “un patrimonio nascosto a tutti, anche alla stessa Spoleto. Sarebbe stato, secondo me, un delitto il non diffondere tutta quella ricchezza, e ci tenevo che venisse alla luce nella città natale del protagonista”. Palmieri ha spiegato la scelta delle immagini, che partono dalla “voglia di comunicare dell’autore. Ho preferito non dare troppo spazio ai personaggi, ma alla passione documentaria di Laurenti. Nelle foto non c’è un intento artistico, ma una sensibilità spiccata rispetto ai tempi, che documenta situazioni, socialità, il fiasco di vino da bere in compagnia, la colazione. La presenza dei bambini, delle donne, e poi gli eventi associativi, con i dirigenti venatori che partecipavano alle iniziative di gestione del territorio in giacca e cravatta o con una sciarpa bianca, come faceva Teodoro, in segno di profondo rispetto per il lavoro svolto da tutti i cacciatori”.

E poi l’amore per la “sua” Monteleone di Spoleto, dove Laurenti amava trascorrere le più belle avventure di caccia. Al piccolo paesino dell’Alta Valnerina è dedicata una poesia del protagonista, inserita anch’essa nel libro. La caccia, attraverso la memoria di Laurenti, diviene dunque una chiave di lettura per un’identità culturale, un bagaglio di valori che devono essere trasmessi per approcciare il rapporto con l’ambiente sotto una prospettiva diversa: dal servizio antincendio alle operazioni di ripopolamento, dalle manifestazioni cinofile agli incontri ludico-sportivi, l’ambiente diviene protagonista e parte integrante delle attività dell’uomo, che lo tutela, e non più mero sfondo casuale della quotidianità.

Leggi tutte le news

0 commenti finora...