Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Europee. Cacciatori al votoTar Campania annulla Piano controllo cinghialeLazio, protocollo d'intesa su cinghiali accontenta gli agricoltoriIl punto sulla caccia con il Commissario uscente Karmenu VellaIl Botswana reintroduce la caccia agli elefantiCinghiali, Rolfi: servono risposteElezioni Europee 2019. I candidati vicini al mondo venatorioAnimalisti rinviati a giudizio per aggressione a cacciatoriFidc Pg: i candidati alle europee amici dei cacciatoriFidc, chiarimento sulle coperture assicurative "Giornata della biodiversità. Insostituibile il ruolo dei cacciatori"Appostamenti caccia Toscana, Montemagni (Lega) bacchetta la GiuntaEuropee. Fiocchi "meno burocrazia e ostacoli per i cacciatori"Il Ministro upupaFano, 400 bambini alle lezioni di didattica ambientale FidcConfagricoltura: dal Tar toscano una sponda ai talebani animalistiEuropee. Anche Carlo Fidanza si impegna per la cacciaEuropee. Caroppo (Lega): restituire dignità ai cacciatori842. Botta e risposta tra Arci Caccia e FidcFidc contro M5S: "i cinghiali? Non sono nel contratto"M5S: spostamento deleghe caccia non è nei patti di governoIl Ministro Centinaio si pone come missione riportare la caccia al MipaaftSicilia. Basta parchi e divieti. La posizione unitaria del mondo venatorioUmbria, la giunta approva il calendario venatorio 2019-2020MASSIMO BUCONI ELETTO NUOVO PRESIDENTE NAZIONALE DELLA FIDCCalendari venatori. Ci vuole scienza e non ideologiaDanni sociali ed economici da fauna selvaticaEuropee, altri candidati favorevoli alla cacciaArci Caccia: Gallinella prende le distanze da abolizione 842Piano Faunistico Venatorio Umbria: le osservazioni di Fidc PerugiaCacciatori nelle scuole. Altri due esempi dalla ToscanaBaggio in Tribunale difende la sua passione per la cacciaCampomenosi (Lega): in Europa continuerò la battaglia sui KCFedercaccia: dalla Cia un segnale interessanteTg5, Brambilla e Berlusconi colpiscono ancoraCct: No allo snaturamento delle Zone di ripopolamentoParco Monti Livornesi, le richieste dei cacciatoriDeroghe caccia. La Lombardia cambia strategiaSospensione braccata: sale la protesta degli agricoltori toscaniBruzzone in Senato sollecita modifiche a legge cacciaDa Fidc un no secco all'abolizione dell'842Sicilia, anticipata udienza Tar su calendario venatorioAtc Benevento sulla via del commissariamentoModifica legge caccia: ecco le proposte della CiaItalia prima con Pasqualetti al Campionato europeo di ChioccoloIl volo record del croccoloneCaccia al rifiuto. Nel senese in 3 mila a pulire i boschiCassazione: lecito addestrare cani con richiami acusticiEuropee, Comi ed altri amici della cacciaArci Caccia: più danni dopo stop controllo in braccata in Toscana Bertacchi alla guida di Fidc LombardiaMarco Salvadori nuovo Presidente Fidc ToscanaAssociazioni Venatorie firmano impegno per l'ambienteToscana, sospesa braccata per controllo cinghialeMaullu: "sciagurato ddl Cinque Stelle si accanisce contro i cacciatori"Causa alla Corte di Giustizia Ue sulla caccia al lupoLupo? In Svizzera si vuole facilitare l'abbattimentoRiconfermati Presidenti Atc peruginiCaretta (FdI) Respingeremo attacco ideologico del M5SLa Lega reagisce. Bruzzone "la caccia non si tocca"In Puglia mobilità venatoria gratuita per la migratoriaLiguria, posticipata apertura caccia cinghialeCCT: "M5S attacca caccia pubblica"Cabina di Regia: dai 5 Stelle un nuovo attacco alla cacciaNella Proposta di Legge "Tutela Animali" anche l'abrogazione dell'842CCT: Pulizia ambiente. Ecco l'impegno dei cacciatori Ministri M5S presentano legge contro maltrattamento animaleUn altro defibrillatore donato dai cacciatoriFACE lancia campagna #Vote4HuntingCon il contributo Fidc una laurea sulla beccacciaBrambilla ancora prima assenteista in ParlamentoA Bergamo il 13° concorso di cucina con selvaggina cacciata CCT commenta rapporto Onu sulla biodiversitàFidc Umbria al rinnovo con una lista unitariaFidc sulla difficile situazione della caccia in CalabriaMolise, nuovo disciplinare caccia cinghialeRinnovo Presidenza Federcaccia: presentata lista BuconiNuova sede CCT in Val d'ElsaFACE: le nuove sfide per la caccia e la biodiversitàMarco Bruni rimane alla guida di Federcaccia Brescia Fidc Bg: Su specie problematiche serve intervento nazionaleCalabria: è protesta sulla gestione del cinghialeA Caccia Village incontro con Gallinella su modifica della 157/92Fidc Grosseto: il nuovo Presidente è il trentenne SenseriniCalendario Venatorio Toscana: le osservazioni di Arci CacciaSpagna, leader dei cacciatori candidato alle europeeEuropee: volano fendenti tra Comi e FiocchiIn UK proibito il controllo di specie problematicheLatina, iscrizione Atc solo on line. Protestano le associazioniEmilia Romagna approva nuovo Piano volpeLiguria, proposta modifica calendario caccia cinghialeCabina Regia venatoria, manifesto elezioni EuropeeAtc Firenze Nord Prato: cambio della guardiaTrento, ricorso animalista contro abolizione comitato cacciaRinnovi degli Atc, Federcaccia Perugia sostiene presidenti uscenti

News Caccia

L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia


venerdì 26 novembre 2010
    
Nella relazione che presenta la conferenza nazionale in corso in questi giorni a Roma, l'Ispra definisce i principali pericoli per la perdita di biodiversità nel nostro paese: cambiamenti climatici, urbanizzazione, inquinamento, specie aliene, degrado ambientale.
 
Il pericolo per le 58 mila specie che popolano la nostra nazione (il più alto numero d'Europa) è quindi anche per l'Ente che spesso osteggia i provvedimenti regionali in ambito venatorio, in maniera pressochè nulla imputabile alla caccia. Quel calderone di specie, di cui la metà considerata a rischio, è composto infatti al 98 per cento da invertebrati (55 mila) e protozoi (1812). Rimangono 1188 specie composte in gran parte di anfibi (minacciate il 66 per cento delle specie) e pesci (10 mila specie, di cui il 40 per cento in condizioni critiche). Gli uccelli corrono rischi per il 23 per cento del totale e i mammiferi solo per il 15. Fra quelle oggetto di caccia, ovviamente solo di queste ultime due categorie, nessuna è a rischio. Da questa relazione emerge semmai un concetto che gli ambientalisti fanno finta di non capire: ovvero che la caccia ha dimostrato di saper gestire in maniera sostenibile le risorse faunistiche e il suo impatto con l'ambiente, cosa che non è successa per la maggior parte delle altre attività umane.

La caccia effettivamente non è contemplata tra i fattori di rischio. Anzi, l'Ispra sottolinea che "dal 2000 al 2007 il numero di cacciatori a livello nazionale è diminuito del 6,2%. A livello regionale, ben undici regioni presentano percentuali di riduzione del numero di cacciatori superiori al valore registrato per l’Italia. Solo cinque regioni (Trentino Alto Adige, Lazio, Calabria, Sardegna e Molise), invece, mostrano un aumento del numero dei cacciatori”.

Strettamente legato allo stato di conservazione delle specie è poi, sempre per l'Ispra lo stato di conservazione degli habitat, che la caccia contribuisce a tutelare. Nel nostro Paese - si legge nel documento -  sono presenti 130 diversi tipi di habitat. Gli habitat in peggior stato di conservazione in Italia sono quelli delle dune (a causa della pressione turistica e di nuovi insediamenti), seguiti da quelli d’acqua dolce e da quelli rocciosi. 

Leggi tutte le news

23 commenti finora...

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

solo adesso si fa sentire quest'Ispra, fino ad ora dove sono stati??? a magna' forse?? o a dormi???? che schifo di Italia!

da peppino 30/11/2010 9.57

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

bravissimo Fabrizio !! i cacciatori sono parte integrante della natura...ed in primis la rispettano..esempio apprezzabile in Veneto, l'associazione dei cacciatori veneti ha proposto il progetto " Bossolara" per raccogliere i bossoli... cosa semplice... ma sicuramente è un lodevole impegno da prendere come esempio !!

da fabio 29/11/2010 21.57

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Ha detto cose ovvie, ma assolutamente di comodo, in quanto se ciò non fosse, non si capirebbe davvero, (con tutti i divieti) se il lavoro loro è servito o nio! Tuttavia, non dobbiamo mai abbassare la guardia e tenersi sempre pronti a rispondere punto su punto, a questi carrozzoni di mangiapane a scapito die cacciatori e dei Cittadini tutti. Si parla di sondaggi...che provino a farli nei paesi anzichè nelle grandi città e vedrebbero le percentuali di favorevoli alla caccia invertirsi in maniera importante!!! solo perchè i cacciatori, per la maggior parte, vivono nei paesi e sono pare integrante della natura e anche chi a caccia non va li rispetta e li comprende, perchè si tratta di tradizioni, cultura, amore vero per la natura e salvaguardia del territorio!

da Fabrizio Bonelli Consigliere Comunale LNT a Buggiano (PT) 27/11/2010 7.23

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

ne eravamo tranquillamente a conoscenza che il pericolo estinzione speci non veniva dalla caccia, piuttosto i fondi per l'ispra e le associazione ambientaliste da dove provengono? e dove finiscono? quello ci deve spiegare l'ispra.

da gianni 26/11/2010 22.16

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Come mai questi dati che ha messo a disposizione l'Ispra non sono stati riportati durante la trasmissione su RAI tre Agorà per fare capire qualcosa a quelle due signore che parlavano senza sapere quello che dicevano

da Antonino RC 26/11/2010 22.03

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

un parere per la salvaguardia del posto di lavoro perchè i cacciatori contribuiscono con la licenza al loro mantenimento.

da atti 26/11/2010 20.51

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

NO NESSUN DUBBIO CHE QUELLI DELL'ISPRA SIANO CONTRO I CACCIATORI SEMPRE!CONCORDO QUINDI CON IL GERMANO56 COSA POTEVANO DIRE CON TUTTI I VINCOLI CHE PARALIZZANO L'ATTIVITA' VENATORIA E CHE HANNO MESSO LORO,DOVEVANO SOLO DIRE CHE TUTTO VA BENE MADAMA LA MARCHESA!

da mario 26/11/2010 20.00

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

"Nessun pericolo dalla caccia".E ti credo,con tutti i vincoli che ha messo,cosa avrebbe dovuto dire,mica poteva darsi la zappa sui piedi,o no?.Se qualcuno crede che quel covo di magnapane a tradimento possa cambiare "politica" si sbaglia di grosso.

da ilgermano56 26/11/2010 18.58

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

...Dove ci son problemi è colpa del turismo...e chi lo dice alla Bramby?

da Rudi4x4 26/11/2010 18.48

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

MA, NON VI SIETE MAI CHIESTI DOVE VANNO AD ATTINGERE QUATTRINI QUELLI DELL'ISPRA? E, DOVE VANNO A FINIRE I QUATTRINI DEI CACCIATORI VERSATI ALLO STATO?? ED GLI ANIMAL-ANTICACCIA DA DOVE LI PRENDONO? PERSONALMENTE MI VIENE QUALCHE DUBBIO DI INTRALLAZZI AMBIGUI.

da GIAN 26/11/2010 18.08

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Fabio: e perché mai? L'unica volta che l'Ispra dice quello che noi andiamo ripetendo da decenni? Casomai possiamo dire che è finalmente è arrivata dove chiunque era già arrivato da tempo. Cos'è, brucia perché non hanno inserito la caccia, smentendo le menzogne animaliste e smascherando l'incapacità delle associazioni animaliste di saper puntare correttamente il dito verso cause concrete? L'Ispra, stavolta, ha solo detto cose ovvie, nulla più.

da Inforziato 26/11/2010 17.17

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Caro Fabio è così , però anche l'ISPRA di fronte al fatto compiuto........siete voi ignoranti in materiache non conoscete ne i tempi di apertura e chiusura della caccia , ignoranti perche non sapete che in Italia il martedì e il venerdì non si caccia e così via di seguito, ignoranti e falsi ecco quello che siete, parlate senza conoscere, additate i cacciatori come il male del mondo, mentre sono gli unici che si occupano del territorio e dell'ambiente in generale, perche gli animali non vivono sulle strade o in città , l'ignoranza è una brutta bestia caro mio.

da gladiatore 26/11/2010 17.16

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

AVETE VISTO.....CI SONO PESCI IN VIA D'ESTINZIONE,FATELO SAPERE A QUEL GRULLO DEL PRESIDENTE DELLA FIPS,CHE CI HA BUTTATO M...A ADDOSSO......DOPO CHE MAI E POI MAI NOI ABBIAMO MAI INVEITO CONTRO DI LORO........

da max1964 26/11/2010 16.34

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Ma come!!!! l'ispra fino a ieri non era pieno di animalisti che studiano la natura stando seduti in poltrona ? A tutta un tratto quello che scrivono è per voi accettabile ?, solo perchè questa volta non vi dà contro ?. Se erano cazzate quelle scritte fino a ieri allora lo deve essere per forza anche questa, dai forza, tutti insieme: l'ispra non capisce una mazza e anche questa volta ha cannato. Un minimo di coerenza diamine !.

da Fabio 26/11/2010 16.33

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

OGGI 26 NOVEMBRE IL TAR DEL VENETO HA RESPINTO PER LA SECONDA VOLTA IL RICORSO DELLE ASS. ANIMALISTE RIGUARDO ALLE DEROGHE!!!!!!!!!!!!CONDOGLIANZE AL SIG. ZANONI HAHAHAHAHA!!!!!!!!!

da Luca p. 26/11/2010 15.15

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Mai fatto tanto baccano per niente.Vorrei tanto sapere dal Ministro dell'ambiente visto che la fonte è la medesima, perchè abbia messo anche la caccia tra le cause negative per la perdità della biodiversità italiana nella sua "passeggiata" nelle terre del Sol Levante?Mi vergogno sempre più di essere rappresentato come italiano da una così volgare classe politica, priva di ideali e moralità collettiva. Rivendico con forza quello che credo sia un mio diritto sacrosanto: l'espressione della preferenza alle prossime elezioni. La sovranità popolare ora è pura utopia.Scusa Silvano B se ho preso le tue frasi, ma mi sono sembrate le più sensate

da Da Pasquale 26/11/2010 15.10

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

non credo che agli animalisti freghi qualcosa di questo!!

da Luca p. 26/11/2010 15.02

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Quello che dice l'ISPRA è poco attendibile, guardiamo i calendari venatori nessuno ha rispettato le linee guida,questo perche nessuno crede a l'ISPRA.

da un cacciatore 26/11/2010 13.44

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Grande Silvano!!! Che figure..ma la gente si renderà conto di tali sparate??? Come sempre:informare,informare,informare....

da NASO 26/11/2010 12.57

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Bravo Silvano B.!!!!! C'è una confusione che definire enorme è un eufemismo..."Tutto" ed "il contrario di tutto", come sempre e per tutto.... Oppure sarà solo campagna elettorale???... Mah....

da Ezio 26/11/2010 12.41

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Senza entrare nel merito ISPRA. Vorrei tanto sapere dal Ministro dell'ambiente visto che la fonte è la medesima, perchè abbia messo anche la caccia tra le cause negative per la perdità della biodiversità italiana nella sua "passeggiata" nelle terre del Sol Levante? Mi vergogno sempre più di essere rappresentato come italiano da una così volgare classe politica, priva di ideali e moralità collettiva. Rivendico con forza quello che credo sia un mio diritto sacrosanto: l'espressione della preferenza alle prossime elezioni. La sovranità popolare ora è pura utopia.

da Silvano B. 26/11/2010 12.33

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

ISPRA PER QUANTO RIGUARDA LA BIODIVERSITA'PERCHE'NON TI ESPRIMI FAVOREVOLMENTE SULLA RIAMMISSIONE DELLO STORNO TRA LE SPECIE CACCIABILI?LO SAI CHE A PARTE I DANNI INCALCOLABILI CHE PROVOCA IN AGRICOLTURA E'STATO CAUSA ANCHE DELLA QUASI SCOMPARSA DEL PASSERO,IN QUANTO HA COLONIZZATO TUTTI I TETTI DOVE FACEVANO I NIDI I PASSERI E QUESTI ULTIMI NON SI POSSONO PIU' RIPRODURRE PER MANCANZA DI SITI!LA BIODIVERSITA' SI TUTELA ANCHE CON LE DOPPIETTE QUANDO C'E' BISOGNO PROTEGGENDO I POCHI PASSERI RIMASTI E RIDIMENSIONANDO IL NUMERO SPROPOSITATO DEGLI STORNI CHE SONO MILIONI

da mario 26/11/2010 12.17

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Ecco qua, dati alla mano, qual è la reale incidenza della caccia sulla diminuzione della fauna: zero. Ma bravi i nostri animalisti, che finora hanno sempre imputato la minaccia alla biodiversità alle ragioni sbagliate, forse perché un'azione veramente efficace sul piano dei rimedi richiede molto sforzo e troppo poca politica. E, soprattutto, richiede l'intelligenza di vedere dove bisogna andare ad agire. Insomma, l'Ispra fa conoscere la verità soprattutto sui nostri detrattori.

da Inforziato 26/11/2010 12.05