Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Liguria cancella 1000 ettari di superficie protettaSalvini: "sulla caccia non cambiamo idea"Riforma Parchi Piemonte sottrae 10 mila ettari alla cacciaFace ringrazia Heinz Florenz, storico presidente dell'Intergruppo cacciaFauna selvatica. Costa interviene sulle competenzeAlessandria, animalisti contro l'eradicazione della minilepreFidc Bergamo: importante avere cacciatori formatiCia Siena: emergenza ungulati causa abbandono delle campagneGallinella (M5S) difende suo ddl "su caccia polemica ideologica"Brescia, processo sui contenimenti affidati ai cacciatoriCosì i College americani incentivano la cacciaCacciatori in Europa, Italia nella media Calendario venatorio Toscana: oggi la decisione del TarA Montalto di Castro un convegno sulla sicurezza a cacciaFidc, un video sul progetto AnasatCinghialai perugini sul piede di guerra contro l'Atc"Lepri e pernici, in Sardegna esclusi 22 mila cacciatori"Caretta: cacciatori puliscono laguna di CaorleFidc Lazio "Piano faunistico, la Regione non deleghi l'Ispra"CCT. Piano faunistico…la politica batte un colpoUmbria. Convocata la consulta faunistico venatoriaMinistro, sono questi i problemi, non la cacciaFIdC Marche. Aspettate a ringraziarciToscana: Arci Caccia Firenze proclama lo “sciopero dei contenimenti”Liguria. Altro diniego della CorteCinghiali. Pdl per il selecontrollo. FIdC risponde alla solita ideologia animalistaCalendario Marche. Polemiche a non finireToscana. Necessaria modifica al piano faunisticoCaccia. Divisioni nel Movimento 5 StelleRegno Unito. 14.000 giovanissimi a scuola di cucina di cacciaSardegna. Sospesa caccia lepre e pernice sarde. Chiesti i censimentiAbbiategrasso (MI), la riscossa della caccia giovaneCanton Grigioni. Droni in soccorso dei caprioliStop della Camera all'emendamento di Occhionero (LeU)Cacciatori di sua maestàArgenta (FE). Emergenza nutrie: ok ordinanza di catturaUNCZA. Bando di concorso per tesi di laurea 2019Piemonte. Cinghiali: ora l’imprenditore agricolo ha un ruolo centraleFACE: grazie alle donne il volto della caccia sta cambiandoMarche, le proposte della Libera Caccia per il calendarioCamillo Langone e il coraggio delle donne cacciatriciMarche, Calendario venatorio. Critiche alla proposta Arci CacciaUmbria, quali i tempi per il nuovo Piano Faunistico?Viezzi: "politici appestati e associazioni decapitate"Da CCT e Club Colombaccio un corso per giudici di richiamiPiano Limicoli, via libera a deroghe da BruxellesCabina di Regia ribatte a lettera anticaccia su quotidianiFidc Brescia. Su roccoli e deroghe finora un buon lavoroCCT: la caccia ripensi a strategia per la biodiversita'Conferenza Face "controllo predatori necessario per tutela uccelli"Centinaio "stiamo lavorando per riportare la caccia all'agricoltura"Emilia Romagna: pressing Lega su calendario 2019 - 2020Lo stambecco alpino va censito e gestitoRaid animalista in riserva di caccia nel cremoneseA Caorle la più alta densità di caprioli d'Italia In Piemonte agli agricoltori ruolo centrale nel contenimentoRolfi "appello a parlamentari per modifica 157 su contenimento"Caccia in deroga. La Lombardia ci riprovaMazzali "approvata mia mozione per eradicazione specie novice e invasive"Chiesto divieto caccia a 500 mt dal mare. Protesta Arci Caccia PugliaUmbria: protocollo d'intesa per gestione emergenza fauna Informazioni distorte sui cacciatori. Fidc Marche chiede rettifica La caccia è in cucinaParma, agricoltori chiamati ad abbattere i cinghiali?Tavolo Legge obiettivo. Cct "preambolo di crisi"Così la Francia gratifica e responsabilizza i suoi cacciatoriKc, braccio di ferro tra due ministeriAlessandro Sala alla guida dell'Atc unico di BresciaGoverno impugna norme sulla caccia della LiguriaVeneto, salta la discussione sul lupoPuglia. No di Fidc a estensione divieti di cacciaCalendario venatorio Campania, le proposte dell'AnuuLombardia: stanziati 192 mila euro per la fauna selvaticaAtc Siena: nessuna privatizzazione della cacciaCaccia, da FdI interrogazione a Salvini su violenze animalistiVeneto, in Consiglio proposte su caccia e lupoCCT: Le "capriole rovesciate" della Libera CacciaRiecco lo spauracchio del referendum sulla cacciaSardegna. E' flop del Movimento 5 StelleFace si unisce a campagna Ue #ProtectWaterCacciatori Trentini: sì ad abolizione Comitato Faunistico VenatorioCampania, convocato Comitato faunistico su calendario venatorioLezione di avifauna migratoria per 100 ragazzi delle medie

News Caccia

L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia


venerdì 26 novembre 2010
    
Nella relazione che presenta la conferenza nazionale in corso in questi giorni a Roma, l'Ispra definisce i principali pericoli per la perdita di biodiversità nel nostro paese: cambiamenti climatici, urbanizzazione, inquinamento, specie aliene, degrado ambientale.
 
Il pericolo per le 58 mila specie che popolano la nostra nazione (il più alto numero d'Europa) è quindi anche per l'Ente che spesso osteggia i provvedimenti regionali in ambito venatorio, in maniera pressochè nulla imputabile alla caccia. Quel calderone di specie, di cui la metà considerata a rischio, è composto infatti al 98 per cento da invertebrati (55 mila) e protozoi (1812). Rimangono 1188 specie composte in gran parte di anfibi (minacciate il 66 per cento delle specie) e pesci (10 mila specie, di cui il 40 per cento in condizioni critiche). Gli uccelli corrono rischi per il 23 per cento del totale e i mammiferi solo per il 15. Fra quelle oggetto di caccia, ovviamente solo di queste ultime due categorie, nessuna è a rischio. Da questa relazione emerge semmai un concetto che gli ambientalisti fanno finta di non capire: ovvero che la caccia ha dimostrato di saper gestire in maniera sostenibile le risorse faunistiche e il suo impatto con l'ambiente, cosa che non è successa per la maggior parte delle altre attività umane.

La caccia effettivamente non è contemplata tra i fattori di rischio. Anzi, l'Ispra sottolinea che "dal 2000 al 2007 il numero di cacciatori a livello nazionale è diminuito del 6,2%. A livello regionale, ben undici regioni presentano percentuali di riduzione del numero di cacciatori superiori al valore registrato per l’Italia. Solo cinque regioni (Trentino Alto Adige, Lazio, Calabria, Sardegna e Molise), invece, mostrano un aumento del numero dei cacciatori”.

Strettamente legato allo stato di conservazione delle specie è poi, sempre per l'Ispra lo stato di conservazione degli habitat, che la caccia contribuisce a tutelare. Nel nostro Paese - si legge nel documento -  sono presenti 130 diversi tipi di habitat. Gli habitat in peggior stato di conservazione in Italia sono quelli delle dune (a causa della pressione turistica e di nuovi insediamenti), seguiti da quelli d’acqua dolce e da quelli rocciosi. 

Leggi tutte le news

23 commenti finora...

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

solo adesso si fa sentire quest'Ispra, fino ad ora dove sono stati??? a magna' forse?? o a dormi???? che schifo di Italia!

da peppino 30/11/2010 9.57

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

bravissimo Fabrizio !! i cacciatori sono parte integrante della natura...ed in primis la rispettano..esempio apprezzabile in Veneto, l'associazione dei cacciatori veneti ha proposto il progetto " Bossolara" per raccogliere i bossoli... cosa semplice... ma sicuramente è un lodevole impegno da prendere come esempio !!

da fabio 29/11/2010 21.57

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Ha detto cose ovvie, ma assolutamente di comodo, in quanto se ciò non fosse, non si capirebbe davvero, (con tutti i divieti) se il lavoro loro è servito o nio! Tuttavia, non dobbiamo mai abbassare la guardia e tenersi sempre pronti a rispondere punto su punto, a questi carrozzoni di mangiapane a scapito die cacciatori e dei Cittadini tutti. Si parla di sondaggi...che provino a farli nei paesi anzichè nelle grandi città e vedrebbero le percentuali di favorevoli alla caccia invertirsi in maniera importante!!! solo perchè i cacciatori, per la maggior parte, vivono nei paesi e sono pare integrante della natura e anche chi a caccia non va li rispetta e li comprende, perchè si tratta di tradizioni, cultura, amore vero per la natura e salvaguardia del territorio!

da Fabrizio Bonelli Consigliere Comunale LNT a Buggiano (PT) 27/11/2010 7.23

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

ne eravamo tranquillamente a conoscenza che il pericolo estinzione speci non veniva dalla caccia, piuttosto i fondi per l'ispra e le associazione ambientaliste da dove provengono? e dove finiscono? quello ci deve spiegare l'ispra.

da gianni 26/11/2010 22.16

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Come mai questi dati che ha messo a disposizione l'Ispra non sono stati riportati durante la trasmissione su RAI tre Agorà per fare capire qualcosa a quelle due signore che parlavano senza sapere quello che dicevano

da Antonino RC 26/11/2010 22.03

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

un parere per la salvaguardia del posto di lavoro perchè i cacciatori contribuiscono con la licenza al loro mantenimento.

da atti 26/11/2010 20.51

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

NO NESSUN DUBBIO CHE QUELLI DELL'ISPRA SIANO CONTRO I CACCIATORI SEMPRE!CONCORDO QUINDI CON IL GERMANO56 COSA POTEVANO DIRE CON TUTTI I VINCOLI CHE PARALIZZANO L'ATTIVITA' VENATORIA E CHE HANNO MESSO LORO,DOVEVANO SOLO DIRE CHE TUTTO VA BENE MADAMA LA MARCHESA!

da mario 26/11/2010 20.00

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

"Nessun pericolo dalla caccia".E ti credo,con tutti i vincoli che ha messo,cosa avrebbe dovuto dire,mica poteva darsi la zappa sui piedi,o no?.Se qualcuno crede che quel covo di magnapane a tradimento possa cambiare "politica" si sbaglia di grosso.

da ilgermano56 26/11/2010 18.58

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

...Dove ci son problemi è colpa del turismo...e chi lo dice alla Bramby?

da Rudi4x4 26/11/2010 18.48

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

MA, NON VI SIETE MAI CHIESTI DOVE VANNO AD ATTINGERE QUATTRINI QUELLI DELL'ISPRA? E, DOVE VANNO A FINIRE I QUATTRINI DEI CACCIATORI VERSATI ALLO STATO?? ED GLI ANIMAL-ANTICACCIA DA DOVE LI PRENDONO? PERSONALMENTE MI VIENE QUALCHE DUBBIO DI INTRALLAZZI AMBIGUI.

da GIAN 26/11/2010 18.08

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Fabio: e perché mai? L'unica volta che l'Ispra dice quello che noi andiamo ripetendo da decenni? Casomai possiamo dire che è finalmente è arrivata dove chiunque era già arrivato da tempo. Cos'è, brucia perché non hanno inserito la caccia, smentendo le menzogne animaliste e smascherando l'incapacità delle associazioni animaliste di saper puntare correttamente il dito verso cause concrete? L'Ispra, stavolta, ha solo detto cose ovvie, nulla più.

da Inforziato 26/11/2010 17.17

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Caro Fabio è così , però anche l'ISPRA di fronte al fatto compiuto........siete voi ignoranti in materiache non conoscete ne i tempi di apertura e chiusura della caccia , ignoranti perche non sapete che in Italia il martedì e il venerdì non si caccia e così via di seguito, ignoranti e falsi ecco quello che siete, parlate senza conoscere, additate i cacciatori come il male del mondo, mentre sono gli unici che si occupano del territorio e dell'ambiente in generale, perche gli animali non vivono sulle strade o in città , l'ignoranza è una brutta bestia caro mio.

da gladiatore 26/11/2010 17.16

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

AVETE VISTO.....CI SONO PESCI IN VIA D'ESTINZIONE,FATELO SAPERE A QUEL GRULLO DEL PRESIDENTE DELLA FIPS,CHE CI HA BUTTATO M...A ADDOSSO......DOPO CHE MAI E POI MAI NOI ABBIAMO MAI INVEITO CONTRO DI LORO........

da max1964 26/11/2010 16.34

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Ma come!!!! l'ispra fino a ieri non era pieno di animalisti che studiano la natura stando seduti in poltrona ? A tutta un tratto quello che scrivono è per voi accettabile ?, solo perchè questa volta non vi dà contro ?. Se erano cazzate quelle scritte fino a ieri allora lo deve essere per forza anche questa, dai forza, tutti insieme: l'ispra non capisce una mazza e anche questa volta ha cannato. Un minimo di coerenza diamine !.

da Fabio 26/11/2010 16.33

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

OGGI 26 NOVEMBRE IL TAR DEL VENETO HA RESPINTO PER LA SECONDA VOLTA IL RICORSO DELLE ASS. ANIMALISTE RIGUARDO ALLE DEROGHE!!!!!!!!!!!!CONDOGLIANZE AL SIG. ZANONI HAHAHAHAHA!!!!!!!!!

da Luca p. 26/11/2010 15.15

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Mai fatto tanto baccano per niente.Vorrei tanto sapere dal Ministro dell'ambiente visto che la fonte è la medesima, perchè abbia messo anche la caccia tra le cause negative per la perdità della biodiversità italiana nella sua "passeggiata" nelle terre del Sol Levante?Mi vergogno sempre più di essere rappresentato come italiano da una così volgare classe politica, priva di ideali e moralità collettiva. Rivendico con forza quello che credo sia un mio diritto sacrosanto: l'espressione della preferenza alle prossime elezioni. La sovranità popolare ora è pura utopia.Scusa Silvano B se ho preso le tue frasi, ma mi sono sembrate le più sensate

da Da Pasquale 26/11/2010 15.10

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

non credo che agli animalisti freghi qualcosa di questo!!

da Luca p. 26/11/2010 15.02

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Quello che dice l'ISPRA è poco attendibile, guardiamo i calendari venatori nessuno ha rispettato le linee guida,questo perche nessuno crede a l'ISPRA.

da un cacciatore 26/11/2010 13.44

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Grande Silvano!!! Che figure..ma la gente si renderà conto di tali sparate??? Come sempre:informare,informare,informare....

da NASO 26/11/2010 12.57

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Bravo Silvano B.!!!!! C'è una confusione che definire enorme è un eufemismo..."Tutto" ed "il contrario di tutto", come sempre e per tutto.... Oppure sarà solo campagna elettorale???... Mah....

da Ezio 26/11/2010 12.41

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Senza entrare nel merito ISPRA. Vorrei tanto sapere dal Ministro dell'ambiente visto che la fonte è la medesima, perchè abbia messo anche la caccia tra le cause negative per la perdità della biodiversità italiana nella sua "passeggiata" nelle terre del Sol Levante? Mi vergogno sempre più di essere rappresentato come italiano da una così volgare classe politica, priva di ideali e moralità collettiva. Rivendico con forza quello che credo sia un mio diritto sacrosanto: l'espressione della preferenza alle prossime elezioni. La sovranità popolare ora è pura utopia.

da Silvano B. 26/11/2010 12.33

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

ISPRA PER QUANTO RIGUARDA LA BIODIVERSITA'PERCHE'NON TI ESPRIMI FAVOREVOLMENTE SULLA RIAMMISSIONE DELLO STORNO TRA LE SPECIE CACCIABILI?LO SAI CHE A PARTE I DANNI INCALCOLABILI CHE PROVOCA IN AGRICOLTURA E'STATO CAUSA ANCHE DELLA QUASI SCOMPARSA DEL PASSERO,IN QUANTO HA COLONIZZATO TUTTI I TETTI DOVE FACEVANO I NIDI I PASSERI E QUESTI ULTIMI NON SI POSSONO PIU' RIPRODURRE PER MANCANZA DI SITI!LA BIODIVERSITA' SI TUTELA ANCHE CON LE DOPPIETTE QUANDO C'E' BISOGNO PROTEGGENDO I POCHI PASSERI RIMASTI E RIDIMENSIONANDO IL NUMERO SPROPOSITATO DEGLI STORNI CHE SONO MILIONI

da mario 26/11/2010 12.17

Re:L'Ispra conferma. Nessun pericolo dalla caccia

Ecco qua, dati alla mano, qual è la reale incidenza della caccia sulla diminuzione della fauna: zero. Ma bravi i nostri animalisti, che finora hanno sempre imputato la minaccia alla biodiversità alle ragioni sbagliate, forse perché un'azione veramente efficace sul piano dei rimedi richiede molto sforzo e troppo poca politica. E, soprattutto, richiede l'intelligenza di vedere dove bisogna andare ad agire. Insomma, l'Ispra fa conoscere la verità soprattutto sui nostri detrattori.

da Inforziato 26/11/2010 12.05