Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
EMILIA ROMAGNA. ASSEGNAZIONE ESTIVA PER IL CAPRIOLOPAVONCELLA E MORIGLIONE. FEDERCACCIA PROTESTACaretta: da Ministro Costa ennesimo atto ostile alla cacciaAbruzzo: Consulta venatoria si riunisce sul Calendario 2020- 2021Lombardia. Formazione per il cinghialeDa Ministero Ambiente nuovo atto contro i cacciatoriMolise, parte caccia di selezione al cinghialeToscana. Il piano per il cinghialeAnimalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative Federcaccia

News Caccia

BigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiare


venerdì 25 giugno 2010
    
Marco BigozziMarco Bigozzi, trentaquattrenne di Foiano della Chiana (AR) la caccia la conosce bene. Oltre a praticarla, in tutte le sue più variegate forme, la vive dall'interno all'ufficio caccia della Regione Toscana, dove lavora dal dicembre del 2009. 
 
Studente di Scienze Politiche all'Università degli Studi di Siena, trova il tempo anche per i suoi tanti hobby: computer, libri, sport, pesca, viaggi, cinema e la caccia, ovviamente. “Emozioni, fatica, riscoperta delle tradizioni, conoscenza della natura degli animali e degli uomini” Per Marco andare a caccia “non è sparare e non è uccidere, andare a caccia è vivere in un mondo che non esiste più e che ogni volta rivive nelle giornate di caccia. E' sentirsi tutt'uno con la natura, sentire di farne parte e di giocare un ruolo molto importante nell'equilibrio delle specie che possa consentire una convivenza positiva tra uomo e fauna selavtica”.

Aderendo alla nostra iniziativa rivolta al futuro della caccia italiana, ci spiega che l'unico modo per valorizzarla come si deve è quello di riformarla profondamente. E' tutta una questione di coraggio, ci spiega con un saggio articolato che riproponiamo negli stralci più significativi, quel coraggio che solo i giovani possono avere e che “nasce dall'incoscienza, da non sapere cosa comporta portare avanti progetti innovativi”, ma capace di avere effetti dirompenti all'interno di quello che chiama “un sistema autoreferenziale e sclerotizzato”.

La caccia ha bisogno di queste giovani menti, libere da “misere rendite di potere”, o di “piccole e grandi poltrone da occupare”, osserva Bigozzi. Un coraggio onesto, che non conosce nepotismi, favoritismi o corporativismi di maniera:  “un coraggio consapevole del cambiamento che la nostra società sta attraversando in termini di mezzi di comunicazione, di ritmi e stili di vita quotidiana profondamente cambiati, di modi di pensare e di impegnarsi completamente nuovi, di tradizioni antiche che per restare vive devono adeguarsi al presente e non vivere solo in funzione dei ricordi. Un coraggio che possa anche permettersi di sbagliare, migliorarsi, addirittura tornare sui suoi passi e cambiare di nuovo. Tutto questo è racchiuso in ognuno dei giovani che oggi hanno voglia di mettersi in gioco nel settore venatorio, solo una persona libera dalle lobby e con molti anni di fronte a se può garantire il coraggio di cui vi ho parlato”.

Lo scenario venatorio italiano però è ancora in parte lontano da questa prospettiva e la colpa non è solo dei nostri antagonisti. “Siamo di fronte alla fiera della occasioni mancate” scrive Marco. “Se i più “vecchi” ed esperti cacciatori sapessero sfruttare, formare ed indirizzare le nuove generazioni – spiega -  rendendole consapevoli delle proprie tradizioni e dei propri valori, ma anche forgiando dei protagonisti attivi del futuro della caccia in Italia, non ci troveremmo di fronte alla pessima immagine di cui il cacciatore oggi gode nella nostra società”.

La caccia insomma soffre di una sorta di immobilismo, tanto che sembra che nulla possa muoversi verso la valorizzazione di questa nobile attività. “Questo non far nulla per uscire dai falsi luoghi comuni del cacciatore come sparatore o peggio come killer della fauna – sottolinea - è il più grande regalo che il mondo venatorio possa fare nei confronti di quelle frange, minoritarie, di ambientalisti della domenica”.

Parte della colpa è chiaramente delle associazioni venatorie, che “da anni sono incapaci non solo di rinnovarsi generazionalmente parlando, ma continuano ad offrire una spettacolo davvero pessimo restando disunite e spesso in polemica tra di loro”.  La soluzione? “Solo un unico soggetto associativo potrebbe ridare dignità, credibilità, forza e speranza ai tanti giovani e a tutti i cacciatori in genere, oltre ad avere un potere contrattuale verso le istituzioni preposte senza paragoni con la situazione attuale”.

“Non ho solo parole polemiche nel mio animo – rassicura gli amici cacciatori che lo leggeranno su BigHunter -  mi piace continuare a pensare (forse da solo?) che attraverso i giovani si possa ancora cambiare questo stato di cose e che i primi a dover fare un passo indietro per farne fare due avanti alla Caccia nel suo complesso possano essere proprio quei signori che tentano in tutti i modi di stare incollati alle loro poltrone e che vedono davanti ai loro occhi il futuro che pass veloce.”

“Quale più grande soddisfazione per un padre può essere – osserva ancora Marco -  vedere continuato il proprio lavoro, essere consapevole che i propri sacrifici e le proprie battaglie non sono state vane e poter assistere allo svilupparsi ed al crescere di ciò che per anni ha faticosamente costruito. Io credo che sia questo che i giovani cacciatori stiano urlando nel loro silenzio a gran voce verso i loro “padri”.

Si tratta di agire, qui ed ora.  “Chi di dovere è pregato di fare un cenno, di battere un colpo, altrimenti tutto il patrimonio di tradizioni e di fatiche che tutti gli attori del mondo venatorio hanno sostenuto per far si che la figura del cacciatore possa essere vista come risorsa anziché problematica da risolvere, verrà vanificato. Si tornerà alla caccia d’elite, a quella per censo, dove chi potrà pagare si godrà le belle delle riserve di caccia, mentre tutti gli altri appassionati che arrivano alla fine del mese senza troppi fasti, dovranno rassegnarsi a sparare a sagome di legno o piattelli colorati”.

Vai alla sezione BigHunter Giovani

Leggi tutte le news

9 commenti finora...

Re:BigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiare

x cazzuto: invece di essere maleducato...perchè non ci spiega il suo punto di vista con argomentazioni valide magari, se non fosse troppo disturbo, utilizzando un linguaggio più adeguato?

da Sara 28/07/2010 11.41

Re:BigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiare

ma cosa cazzo volete cambiare voi cacciatori, cambiatevi il cervello.

da cazzuto 06/07/2010 22.34

Re:BigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiare

E porta nella caccia tanti giovani e tante giovani. Ne abbiamo bisogno. Lupo Laziale

da Lupo Laziale 29/06/2010 16.15

Re:BigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiare

Entra in una AAvv e datti da fare. Ciao da Sergio

da Sergio 26/06/2010 20.50

Re:BigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiare

Ho lavorato anch'io all'ufficio caccia della regione Toscana: Quarto piano, palazzo B......

da Tordo toscano 26/06/2010 14.20

Re:BigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiare

Ho lavorato anch'io all'ufficio caccia della regione Toscana: Quarto piano, palazzo B......

da Tordo toscano 26/06/2010 14.19

Re:BigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiare

un consiglio: sa bene che l'Italia è il paese che forse ha il maggior numero di leggi, si impegni a far si che siano rispettate nn solo dai caciatori ma anche dalle amministrazioni, esempio sarebbro: ripopolamenti, territorio concesso agli isituti faunistici , i totali dei contributi tasse atc elargite dai cacciatori, i rimborsi alle gav ambientaliste, i rimborsi opere dei parchi naturali, le opere ambientaliste, chiarimenti gestione zrc. e tutto quello che riguarda il nostro mondo e che ad ogni esame ogni aspirante cacciatore è tenuto a raccontare per filo e per segno ad una commissione giudicante per la licenza di caccia. Paghiamo tasse e abbiamo diritto ad un servizio specifico, nn imposte! visto che proprio nella 157/92 c'e scritto di come deve essere usato il provente ! Vivamaria e auguri di buon lavoro xchè è solo il dio denaro che governa il mondo e anche la macchia

da verremaremmano 26/06/2010 1.03

Re:BigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiare

Quando leggo queste cose scritte da un giovane mi rincuoro. Lei Marco ha fatto una disanima d'eccellenza. La caccia anche per suo merito avrà futuro.

da Silvano B. 25/06/2010 18.54

Re:BigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiare

Solo un'osservazione: la "rossa" Toscana ha delegato un cacciatore ad affrontare (e risolvere) i problemi della caccia in regione.A livello nazionale hanno imposto un'animalista al ministero competente; domanda: siamo certi di aver votato x la coalizione giusta?..... una volta ne ero certo, ora non più.Saluti.

da Giovanni59 25/06/2010 16.43