Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Fidc BS: nessuna sorpresa da Ispra su Calendario Venatorio LombardiaProliferazione cinghiale Puglia: Gatta (FI) interroga il GovernoLibera Caccia pronta a seguire l'esempio dei cacciatori francesiQuestione caccia tortora sui tavoli della Regione UmbriaSulla caccia continua vergognosa disinformazioneLiguria, approvato emendamento su prelievo cinghiali oltre orarioVaccari (PD) "per tutela biodiversità servono anche scelte difficili"Giornata Biodiversità: Fidc "serve approccio nuovo alla gestione"Calendario Venatorio Marche 2024 - 2025 in dirittura d'arrivoIl Senato inizia l'esame del Decreto AgricolturaLiguria, approvate modifiche su anelli richiami vivi e foraggiamento cinghialeDopo stop cacce tradizionali i cacciatori francesi sospendono la caccia al cinghialeGiovani e caccia, in Inghilterra si punta sulla formazione scolasticaCampania, Circolare per i cacciatori di selezione al cinghialeAssemblea nazionale Anuu "Caccia: una passione al servizio della società"Cacciatori veri ambientalisti: continuano le iniziative dei paladiniAB (Agrivenatoria Biodiversitalia) chiede Iva 10% su cessioni fauna selvaticaDecreto Agricoltura (e caccia?): ecco il testo in esame in CommissioneRiforma legge caccia Marche, polemiche da ColdirettiArci Caccia Marche: Calendario Venatorio non concertato con le associazioniLiguria, Piana: "con autoconsumo cinghiali vero coinvolgimento dei cacciatori"Il Decreto di Lollobrigida fa infuriare i 5 StelleBonelli chiede referendum contro la cacciaIn Francia 90 specie cacciabili, 60 sono uccelliDe Carlo:"Dl Agricoltura in approvazione entro fine giugno"Bruzzone: pronti a superare ostruzionismo contro le modifiche alla 157/92 sulla cacciaLollobrigida annuncia firma di Mattarella su Decreto AgricolturaInterrogazione M5S chiede al Governo di rafforzare ruolo del SOARDAFidc: riconosciuta finalmente utilità pubblica della cacciaScienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia Bargi (Lega Emilia Romagna) "su regolamento ungulati persa occasione di confronto"Preapertura caccia e deroghe in Umbria. Puletti chiede di sollecitare IspraCommissario Caputo: già 15 mila bioregolatori, puntiamo a 100 mila entro l'annoAutoconsumo cinghiali abbattuti. Pubblicata Ordinanza PSA30 mila ingressi a Caccia VillageBruzzone: "Cinghiali, torna diritto all'autoconsumo in zone PSA"Ministro Lollobrigida all'inaugurazione di Caccia VillageCarabinieri Forestali, Mattarella esprime dubbi su Decreto AgricolturaProblema oche in Olanda, cacciatori lamentano regole inattuabiliCaccia, l'Enpa attacca Vaccari e i cacciatori "allarme selvatici inesistente"Ignazio Zullo (FdI) interroga il Ministro: "densità venatoria, disparità tra i cacciatori pugliesi"Francia: nuovo stop alle deroghe per "caccia tradizionale"Successo per il progetto nidi artificiali per il germano realePercezione distorta della caccia, un nuovo sondaggio in UE la fomentaAssessore Beduschi "su PSA siano riconosciuti gli sforzi dell'Italia"Selvatici e buoni: nasce manuale operativo per gli addetti alla filieraEmilia Romagna: Giunta vara nuovo regolamento ungulati Europee: Anna Maria Cisint (Lega) sottoscrive il suo impegno per il mondo venatorioArci Caccia: "finalmente corretto l'errore sulle guardie volontarie"Coldiretti "Bene Dl Agricoltura su cinghiali ma servono i piani regionali"Buconi "positivi provvedimenti dal Decreto Agricoltura"Fiocchi all'evento contestato di Sumirago “fiero di essere cacciatore”Europee: Cabina di Regia Venatoria chiede impegni alla politicaTar respinge ricorso contro 842 (ingresso cacciatori sui terreni privati) Face raccomanda ai cacciatori di votare alle prossime europeeApprovato DL Agricoltura. Novità su vigilanza venatoria, Psa, ForestaleCacciatori ancora all'opera nel weekend per ripulire boschi e ripristinare habitatCalendario Venatorio 2024 - 2025 Liguria: ecco il testoIl Soarda passerà sotto il controllo del MinAgricoltura. Decreto al CdMPutin e Berlusconi, quando l'amicizia si incrinò per una battuta di cacciaMassimo Buconi confermato alla guida di FedercacciaFondazione Una e Università Pollenzo presentano nuova filiera selvaticaL'invito di Buconi ai candidati: "caccia argomento da maneggiare con cura"Valle D'Aosta. Lega propone riapertura caccia allo stambeccoFiocchi ricandidato al Parlamento Ue. Polemica per il manifesto col fucileRegione Umbria preadotta Calendario Venatorio 2024 - 2025Coldiretti: fauna selvatica causa 200 milioni di euro di danniConsiglieri Lega Umbria "accolte nostre richieste su Calendario Venatorio"Campania: tra Salerno e Benevento stanziati quasi 200 mila euro per i fagianiCaccia di selezione aperta nella Zps del Parco Sirente VelinoDopo focolaio Lombardia, Ue aggiorna zona di restrizione PSA in ItaliaCalendario Venatorio Umbria: Morroni annuncia novità in ConsultaInterrogazione Brambilla contro la caccia al cinghiale in area protettaColdiretti "mancano ancora i Piani regionali di controllo della fauna selvatica"Buconi nella tana del lupo: Confronto con Wwf sul Fatto Q.In Estonia l'88% dei cittadini promuove la cacciaDimissioni Arci Caccia. La lettera di Gabriele SperandioOsvaldo Veneziano si dimette dal comitato scientifico dell'Arci CacciaLegge Bruzzone: Commissione Agricoltura tratta (e respinge) solo 5 emendamentiLega Umbria scrive al Governo per la caccia in derogaUmbria, rinnovato Piano controllo gazza e cornacchia grigiaBolzano: nel 2023 picco di licenze, crescono le cacciatriciBarbara Mazzali a difesa della caccia in deroga in Lombardia

News Caccia

Scienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia


mercoledì 15 maggio 2024
    
Fidc studio tordo bottaccio
 
 
Si è svolto a Bastia Umbria, durante la manifestazione Caccia Village, il convegno “Telemetria satellitare aggiornamento 2024 – Studio dei flussi migratori con ecoradar” organizzato dall'Ufficio Studi e Ricerche FIdC.

Il coordinatore tecnico scientifico dell’Ufficio, Michele Sorrenti, ha evidenziato l'importanza dell’utilizzo di tecnologie avanzate per scoprire nuovi dati: "Il nostro contributo si differenzia da quello di Ispra - ha detto -. Non accettiamo più di perdere giornate di caccia se i nostri dati, studiati e interpretati scientificamente, differiscono da quelli presentati da altri."

Antonella Labate, dell’Ufficio Studi e Ricerche Lombardia ha sottolineato che  “il progetto migrazioni serve a tutelare i calendari venatori. Ispra ha autorizzato il protocollo di lavoro e il nostro studio, ma non ne ha riconosciuto il valore dei risultati e ne ha contestato il metodo, insomma sono cambiate le carte in tavola”. Labate ha illustrato la situazione della cesena con i dati raccolti sul territorio lombardo: “Il nostro obiettivo – ha spiegato – era definire la data d’inizio migrazione prenuziale e i movimenti nelle aree di svernamento delle cesene. Abbiamo preso in considerazione solo individui adulti e di sesso maschile:  adulti perché più esperti, nel senso che hanno già affrontato le sfide della migrazione, di sesso maschile perchè nelle femmine, il dispositivo applicato  sul dorso, avrebbe impattato sulla riuscita dell'accoppiamento. Per la raccolta abbiamo usato reti MIST-NET invisibili e selettive in grado di non intrappolare animali più grandi e far passare gli animali più piccoli. Abbiamo anche attuato una campagna di comunicazione sui quotidiani regionali e locali per sensibilizzare i cacciatori a restituire i dispositivi in caso di abbattimento di cesene equipaggiate. Insomma, tutti erano informati. Fra le scoperte evidenziate da questo studio – conclude Labate – applicato a 75 animali possiamo dire che le cesene catturate hanno svernato principalmente in Lombardia, tranne alcuni casi isolati in Piemonte, Svizzera, Francia Meridionale e Ungheria. Inoltre, l’ultima localizzazione in area di svernamento – per 16 individui in tre anni di studi – risulta mediamente il 14 marzo: la più anticipata il 9 febbraio e l’ultima il 5 aprile. Infine, gli individui che hanno completato la migrazione hanno raggiunto i quartieri di nidificazione situati principalmente in Russia Nord Occidentale e in un caso solo in Finlandia”.

Sorrenti ha presentato aggiornamenti sul tordo bottaccio: “Abbiamo iniziato in Sardegna perché ISPRA sostiene che i tordi si spostino in gennaio dalla Sardegna alla Liguria ed era nostra intenzione verificarlo. I dati delle stagioni 2021-22 e 2022-23 sono stati presentati in un poster al Convegno Nazionale di Ornitologia in settembre 2023 e hanno dimostrato spostamenti solo a partire da inizio marzo verso la Toscana e il Lazio e nessun inizio in gennaio. Nella stagione 2023-2024 abbiamo applicato 7 trasmettitori in Sardegna e 6 nelle Marche (si tratta di trasmettitori leggerissimi dal peso di 2 grammi alimentati a energia solare) che hanno funzionato molto bene. I dati di migrazione ottenuti per 11 su 13 soggetti marcati dimostrano che non si sono verificati effetti negativi sulla sopravvivenza dell’animale. Per comodità abbiamo battezzato i soggetti con i nomi di alcuni paesi nelle regioni interessate dalla ricerca e siamo riusciti a scoprire che Gradina e Camerano (Marche) sono arrivati in Siberia orientale rispettivamente in vicinanza di Novosibirsk e Krasnojarsk, Varano (Marche), partito il 28 febbraio, sembra avere scelto l’Austria come areale riproduttivo. Montalbo (Sardegna) invece è adesso in Siberia nei pressi di Ekaterinenburg. Il tordo Oliena (Sardegna) si trova in Russia europea a nord di Mosca vicino alla città di Vologda. Il tordo Redentore (Sardegna) ha interrotto le trasmissioni il 14 marzo, ma ci ha fornito la data di partenza della sua migrazione”, tutti questi risultati dimostrano assenza di migrazione prenuziale in gennaio”.

Alberto Mellano, ingegnere aerospaziale “prestato” al mondo della migratoria ha spiegato che in Francia, dove vive, “utilizzano i sistemi radar per monitorare la migrazione già da molto tempo e pubblicano i dati su un sito internet aperto a tutti e che esistono diversi tipi di radar che possono essere regolati per studiare i flussi migratori in diverso modo. La Federazione dei Cacciatori Francesi ha installato vari radar dislocati in varie aree della Francia. L’uso di telecamere associato ai radar permette di identificare le specie, in particolare coi radar verticali e questa sembra essere la soluzione più efficace per lo studio quantitativo dei flussi migratori”.

Nel suo intervento conclusivo dedicato alla “regina del bosco”, la beccaccia, Alessandro Tedeschi ha messo in evidenza che “le attività sul campo nel 2023/2024 hanno preso in considerazione 8 regioni più l’isola di Pantelleria in un periodo compreso dal 23/11/2023 al 15/2/2024; le beccacce equipaggiate con telemetria sono state 27. Le attività di campo mi hanno fatto percorrere in tutta Italia circa 8.000 kilometri. In totale, invece in tutto il periodo di studio (dal 2011 ad oggi) i soggetti equipaggiati sono stati 159 in 15 regioni e l’isola di Pantelleria”.

Per i beccacciai ecco qualche curiosità: la migrazione più lunga è stata di 5.722 Km e a compierla è stato il soggetto Fraterna. Invece, la beccaccia denominata Monforte ha effettuato in un colpo solo una tappa record di ben 996 KM, molto probabilmente aiutato dal vento. Sempre Monforte in quel “tappone” ha fatto registrare il record di velocità di ben 124 Km all’ora. Invece il volo con l’altitudine maggiore è stato di Fraterna, animale registrato a 1.400 metri sul livello del mare. L’animale Salento quest’anno ha ripetuto la migrazione dell’anno precedente, percorrendo quasi lo stesso tragitto.

I saluti finali e la carica per quest’attività sono arrivati dal responsabile dell’Ufficio Lorenzo Carnacina: “Dobbiamo comprendere i passi avanti che abbiamo compiuto fino ad oggi dal 2009, quando è stato fondato l’Ufficio Avifauna FIdC. Questi studi sono preziosissimi per tutti non solo per noi che abbiamo sempre cercato la giusta collaborazione con tutti ma purtroppo, non è ricambiata come speravamo. Abbiamo in mano dati leggibili grazie alla fatica e al duro lavoro di Federcaccia”. (Fidc)



Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le nuove regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

9 commenti finora...

Re:Scienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia

Adesso che si discuterà la legge li dovete presentare il parlamento con la speranza che ne prendano atto altrimenti è tutto inutile. Questa è la volta buone che riconoscendoli e tenendone conto gli esperti in parlamento possano diventare studi riconosciuti anche da ISPRA e si chiude il libro una volta e per sempre. Saluti

da Giacomo 16/05/2024 14.26

Re:Scienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia

Quanta roba..... però i giudici, vanno a guardare un istituto di stato Ispra, con i suoi studi.....era meglio Aristotele che.....quando non vedeva più le rondini pensava che migrassero nella luna per poi ritornare sulla terra in primavera.......

da Mario 16/05/2024 12.08

Re:Scienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia

Non avete capito che questi fanno il gioco sporco ? La ass. ven danno la colpa ispra ma non la denunciano e sapete perchè ? Perchè sanno che è intoccabile anche ora che il governo ha cambiato colore politico. Il ministro lollo che era partito come un razzo tutto a un tratto ha frenato se ne è guardato bene da intervenire. Come cacciatore e ministro sa bene che questo ente è un’ente di falsari come lo sanno anche molti politici di governo e dell’ opposizione cacciatori ma nessuno interviene perché questo andazzo sta bene a tutti. Lo scaricaberile è in atto da anni e a farne le spese siamo noi l’anello debole della catena. Quando noi ci sveglieremo dal torpore e capiremo una volta per tutte che la caccia la gestisce la politica e la ass.ven. come sono ora sono inutili allora forse qualcosa di concreto potrebbe succedere. Emergenza cinghiali ? In cambio voglio cacciare fino a Marzo altrimenti non se ne fa nulla. Emergenza nocivi? In cambio piccoli passeriformi e fringillidi ovviamente in piccole quantità. Emergenza nutrie? In cambio 2/3 giorni da Agosto alle tortore. E via così queste sono le richieste che dovrebbero fare le ass,ven serie no questi quattro corrotti che abbiamo orache son culo e camicia con gli animalari.

da Saverio C. 15/05/2024 16.19

Re:Scienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia

L'analisi di Trapper non fa una piega, prima ci hanno venduti con la 157/92 e ora vogliono risolvere i problemi che senza la loro vergognosa legge non esisterebbero. La 157 impedisce la corretta gestione e anzi ci ha regalato dei pessimi direttivi composti dal peggio del peggio

da Ligure Deluso 15/05/2024 15.56

Re:Scienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia

Quoto Trapper al 100% ieri sera riunione a Cesena per discutere del calendario Emilia Romagna ci stanno preparando perché sarà un disastro come l'anno scorso se non peggio tante belle parole contro ispra,è inutile chiudere la stalla quando i buoi sono usciti alle riunioni con ispra quando uscivate si vedevano sorrisi strette di mano e pacche sulla spalla.

da Stufo 15/05/2024 14.12

Re:Scienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia

l'analisi di Trapper pare proprio non fare una grinza!!!!.....complimenti a FIDC per glio studi, ma anche a Trapper per l'analisi fatta

da marcus 15/05/2024 13.33

Re:Scienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia

Va bene e grazie per questi studi precisi e coerenti.Lasciando da parte ispra e anticaccia,che poi al 99% sono la stessa cosa , vorrei chiedere alla fidc ,in qianto committente di queste ricerche ,se oggi ,alla luce di questi dati ,rifarebbe l'errore di proporre e sostenere la L 92/157 ,soprattutto nella parte che riguarda i calendari e la chiusura del mese di febbraio (31 marzo era davvero troppo,10 marzo si poteva ancora ragionare).Avete fatto una cazzata ,mettiamo anche la buona fede ... parlavate di una caccia sostenibile ,siete andati avanti per 32 anni a colpi di ribasso ,accordicchi e poltrone ,ora dovreste avere il coraggio di dire : Abbiamo dati oggettivi e alla luce di queste ricerche ,L'ispra va sputtanata .Questo è un sogno e mi chiedo perché siamo cosi sfortunati noi cacciatori ? Abbiamo avversari forti e spietati e rappresentanti deboli e accomodanti

da Trapper 15/05/2024 13.04

Re:Scienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia

ISpRA e'un ente anti caccia, di conseguenza di questi studi non glene puo' fregare meno che niente.

da Mario 2 15/05/2024 12.04

Re:Scienza e calendari venatori. A Bastia Umbra il punto di Federcaccia

Varano (Marche),aveva le pall@ piene partito il 28 febbraio, sembra avere scelto l’Austria. Gradina e Camerano (Marche) gli piacciono la russe mica scemi. Anche i sardi Montalbo e Oliena son dei buongustai mentre Redentore può darsi di sia innamorato di un luxsuriosa Va bene va tanto grasso che cola che in alcune regioni si cacciano fino a metà Gennaio.

da tempo perso 15/05/2024 11.46