Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
La caccia negli USA cresce insieme alle altre attività outdoorRegione Lombardia presenta ufficialmente richiesta caccia in deroga e roccoliLav diffida Provincia di Asti su Piano contenimento caprioloLa FACE alla Conferenza sulla Conservazione delle Specie MigratriciNuovo aggiornamento sulla trattazione della riforma sulla cacciaColdiretti chiede intervento immediato sui cinghiali per fermare la PSAAl Question Time, Ministro Lollobrigida interviene su Peste Suina e cinghialiSi allarga ancora la zona di restrizione per la PsaSorrenti (FIDC): dati di migrazione da quasi tutti i tordi monitoratiAncora iniziative ecologiche dei cacciatori dal centro ItaliaCacciatore accoltellato nel maceratese. Marzi (Arci Caccia): "basta con la violenza"Cacciatori ambientalisti, la Francia ci insegna a fare sistemaMastrovincenzo (PD Marche): Situazione critica su cinghiali nelle aree urbaneBelluno, popolazione ungulati stabile. Coperto 83% piani di prelievoFiocchi risponde a Corriere della Sera "basta accostamenti caccia - bracconaggio"Cacciatori impegnati nella tutela ambientale e per il sociale in tutta ItaliaSalta l'esame della Pdl Bruzzone in CommissioneFortunato Busana confermato alla guida di CPA LombardiaConvegno Anuu su fauna e ambiente della Val di SusaSalvadori confermato alla guida di Fidc Toscana UctA Caccia, Pesca e Natura mix perfetto tra scienza, cultura e tradizioneFidc: crescono le adesioni a "Paladini del territorio"L'Associazione dei Cacciatori danesi diventa membro di IUCNBuconi: "Regioni al lavoro sui Calendari Venatori, chiesta modifica Key Concepts italiani"Rimandata ancora discussione in aula della Pdl BrambillaPSA, censimenti e Intelligenza Artificiale. Focus a Longarone sabato 13Toscana, vicini alla distribuzione degli anelli per richiami viviPd reagisce ad accuse Enpa e ribadisce propria contrarietà a Legge BruzzoneDa Lega umbra un incontro su caccia pesca e agricoltura con l'On. CarloniIl punto di Enalcaccia sui lavori del Comitato Tecnico Faunistico nazionaleVandalismo animalista. Bruzzone interroga il Ministro "responsabili siano puniti"In Commissione Giustizia riprende l'esame della legge BrambillaAnche in Liguria arrivano gli incentivi per chi abbatte i cinghialiCommissione Agricoltura respinge altri emendamenti del M5SDepopolamento cinghiali, a che punto siamo? La Pietra risponde ad interrogazione del PDMa quale caccia libera!Valichi montani: respinta istanza contro divieto di caccia in LombardiaFACE: le modifiche alla PAC sono cattive notizie per la selvagginaFdI Veneto sollecita la Giunta sulla caccia in derogaCia Toscana su Piano faunistico "riportare fauna a livelli sostenibili"In Francia in 140 mila (40 mila bambini) all'iniziativa dei cacciatori per l'ambienteEmilia Romagna, Calendario Venatorio 2024 - 2025 come passata stagioneIn Campania 750 mila euro per bioregolatori cinghialeCalendario Venatorio Campania 2024 - 2025 va al Comitato Tecnico NazionaleRaid animalista nel bresciano: la condanna delle associazioni venatorieEcoterrorismo: Bruzzone interroga il Ministro Piantedosi sui fatti di Urago D'OglioPichetto Fratin "su Infrazioni Ue Caccia chiesta proroga di un mese"Caramiello, Cherchi, Costa (M5S): "in trincea contro proposta Bruzzone"Massardi (Lega Lombardia) condanna ennesimo atto vandalico contro i cacciatori Raid animalista devasta le strutture del Quagliodromo d'Urago d'Oglio (BS)Calendario Venatorio Campania 2024 - 2025, definite linee guidaBruzzone: "prosegue esame riforma 157, nessun emendamento M5S è stato approvato"Caretta (FdI): Cacciatori italiani e Cà Foscari per la ricerca nel mondo venatorioPresentata a Longarone "Caccia, pesca, natura" Emilia R. Pompignoli "ottimi segnali su nuovo Calendario Venatorio"In Commissione prosegue esame modifica legge sulla caccia (157/92)Liguria, nuovi criteri per ripartizione tasse cacciatori agli AtcAl Tg1 un servizio positivo sulla cacciaArci Caccia Massa Carrara: "no a divieto nuovi appostamenti fissi in area costiera"Umbria, consiglieri Lega chiedono più coraggio su Calendario Venatorio"Trasmissioni denigratorie", Cabina Regia Unitaria Mondo Venatorio chiede intervento RAI A Campagna Lupia l'evento "L'arte dei fischi a bocca"Arci Caccia Lazio commenta proposta Calendario VenatorioSu PSA Fidc Calabria interviene con il Commissario StraordinarioBruzzone "fermata in Commissione ennesima follia 5 Stelle su protezione topi, talpe e nutrie"Marche: approvato Piano operativo controllo cinghiale MacerataSparvoli "fuori l'attivismo animalista dalla Rai"Allargata zona di restrizione PSA Milano e PaviaIn Belgio si parla di inserire la protezione degli animali in CostituzioneRoma: "Iniziativa di Federcaccia per parlare di emergenza PSA"Caretta scrive alla Commissione di Vigilanza RaiCinque Stelle: "contro la legge Bruzzone siamo soli"Umbria, Consulta Calendario Venatorio. Puletti "si richieda caccia in deroga"Confagricoltura Emilia R.: contenimento cinghiali fermo per mancanza delle attrezzaturePeste Suina, cacciatori sempre più consapevoli della loro importanzaKey Concepts: Bruzzone chiede a Ministro Pichetto Fratin revisione dei dati italianiMercoledì 27 riprende l'esame della modifica della 157/92Dai referendum anticaccia alla lotta al "patriarcato" con l'antispecismoPrimi risultati Operazione Paladini del Territorio: I cacciatori donano 600 ore di volontariatoA "Indovina chi viene a cena" la solita portata anti cacciaCinghiale: CIA Puglia sollecita azioni concrete al tavolo della RegioneArci Caccia e Fondazione Una monitorano i rapaci a MassaMartedì una conferenza stampa alla Camera contro la proposta Bruzzone

News Caccia

Fidc: "I numeri di Ispra sul cinghiale in Italia. Alcune considerazioni necessarie"


lunedì 30 gennaio 2023
    
 
 
Riceviamo e pubblichiamo:
 
 
In un recente comunicato stampa l’ISPRA ha illustrato sinteticamente i risultati di una propria indagine sulla gestione del cinghiale in Italia nel periodo 2015-2021.

Attraverso questa indagine l’Istituto ha stimato una consistenza minima di un milione e mezzo di animali aggiornata al 2021. Il prelievo medio annuale è stato stimato in 300.000 capi, con un aumento del 45% nel periodo considerato e una stima media dei danni alle colture agricole di pari a circa 17 milioni di euro all’anno.

Nel comunicato in oggetto vengono diffusi ulteriori dati su cui l’Ufficio Studi e Ricerche FIdC non può esimersi dal formulare alcune brevi considerazioni, rimandando un giudizio più articolato a quando sarà pubblicato il Rapporto Tecnico completo da parte di ISPRA.

Innanzitutto, si esprimono perplessità sulla valutazione dei dati di consistenza delle popolazioni e di stima dei danni. Nel comunicato stampa, infatti, non viene adeguatamente illustrata la tipologia di dati utilizzati (in parte derivati dai “Piani regionali di interventi urgenti per la gestione, il controllo e l'eradicazione della peste suina africana”), mentre è chiaro che per una specie notoriamente così difficile da monitorare sia piuttosto azzardato indicare qualsiasi valore di consistenza senza sottolineare l’aleatorietà delle fonti utilizzate e, quindi, la limitata affidabilità della stima stessa.

Analoga problematica riguarda la valutazione dei danni alle colture agricole, in quanto non si evince dal comunicato stampa se trattasi solo di danni dichiarati dagli agricoltori o se vengono contemplati anche quelli non denunciati (che in certe situazioni possono essere anche molto elevati).

Dalle analisi condotte dall’ISPRA si evince inoltre come la braccata rappresenti ancora oggi l’unica forma di prelievo in grado di impattare in modo determinante dal punto di vista numerico sulle popolazioni di cinghiale. Di conseguenza appaiono illogiche le valutazioni critiche fatte in diverse altre occasioni dall’ISPRA stesso sul tema. 

È altresì evidente che il prelievo in braccata, circoscritto per la stragrande maggioranza dei casi al territorio a caccia programmata gestito dagli ATC, necessita nel futuro di essere accompagnato da un aumento di altre forme di prelievo come la caccia di selezione, la girata e da azioni di controllo più incisive (es. chiusini). Tutto ciò allo scopo di incidere maggiormente sulle popolazioni e regolare opportunamente gli abbattimenti (tendenzialmente) per classi di sesso ed età, avendo riguardo l’evidente necessità di ridurre significativamente le densità sul territorio.

Questa impegnativa attività di contenimento del cinghiale dovrà prevedere sempre più il diretto coinvolgimento dei diversi portatori di interesse, come le Aziende Faunistico e Agri-Turistico Venatorie (dove si sarebbe realizzato, nel periodo preso in esame, soltanto il 6% del prelievo) e i soggetti gestori di aree protette nazionali e regionali istituite ai sensi della Legge 394/91, sul cui territorio ancora non si interviene in modo incisivo, tenuto conto del fondamentale ruolo ricoperto nella diffusione del cinghiale. Non è un caso se l’Abruzzo è una delle due regioni più colpite dai danni, con circa 18 milioni di euro stimati nel periodo, essendo nello stesso tempo la regione italiana con la più alta superficie di territorio dove insistono le aree protette nazionali e regionali.

Proprio queste ultime, dove nel periodo esaminato, gli abbattimenti del suide hanno rappresentato soltanto il 38% delle attività di controllo faunistico condotte sul territorio agro-silvo-pastorale, dovranno quindi giocare un ruolo fondamentale nel contenimento della specie. Serve una sinergia di gestione coordinata tra tutte le aree protette e i territori di caccia per gestire una specie potenzialmente molto impattante sull’ambiente, le produzioni agricole e la sicurezza stradale. Una strategia definita sulla base delle più aggiornate conoscenze scientifiche, che valorizzi al meglio le risorse umane disponibili e le capacità d’intervento attivo sul territorio.

Ufficio Studi e Ricerche Faunistiche e Agro-Ambientali FIdC 

 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Fidc: "I numeri di Ispra sul cinghiale in Italia. Alcune considerazioni necessarie"

E da quanto tempo è che lo scrivo su questo forum? Vogliono la partecipazione dei cacciatori per gli abbattimenti dei cinghiali? Devono ridarci ciò che ci hanno tolto con serpeggianti motivazioni che possono essere bevute solo da ignari creduloni. Se no...tutti a braccia conserte. E poi.... i dati di Ispra? Da quando in qua Ispra fa censimenti? Solo stime approssimative prese da dati scopiazzati un pò qua e un pò la estrapolando ciò che gli fa comodo per osteggiare l'attività venatoria.

da Hunter74 31/01/2023 0.00

Re:Fidc: "I numeri di Ispra sul cinghiale in Italia. Alcune considerazioni necessarie"

Ispra mandi i suoi impiegati a fare censimenti anziché stare con le chiappe al calduccio e soprattutto bisogna sospendere i piani di controllo ungulati e caccia al cinghiale sono le uniche armi per arrivare a calendario venatori decenti e dignità per tutti i cacciatori,quando dico tutti intendo stanzialisti migratoristi cinghialai e selettori.

da Stufo 30/01/2023 19.55

Re:Fidc: "I numeri di Ispra sul cinghiale in Italia. Alcune considerazioni necessarie"

Che strano comunicato. Ispra ha aggregato i dati che gli sono stati forniti in primis dalle regioni. Non va bene neanche così ?? Era meglio non conoscerli ?

da PonyExpress 30/01/2023 13.30