Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Tortora in buona salute in Grecia, si caccia da agosto ad ottobre La Commissione Ue invita la Francia a vietare le cacce tradizionaliSardegna, su proroga al cinghiale convocato Comitato faunisticoPiano Parco Migliarino Massaciuccoli, manca ancora concertazione con cacciatoriAnuu: Governo alla prova del nove con i calendari venatoriFiocchi (FdI-Ecr): mercoledì 1 febbraio convegno su ruolo positivo cacciatori per biodiversità in UeFidc: "I numeri di Ispra sul cinghiale in Italia. Alcune considerazioni necessarie"Umbria, protocollo con prefettura Terni per emergenza cinghialiBerlato: Giunta Veneto approva delibera per conclusione caccia acquaticiMarche, sinergia tra Atc, cacciatori e Parco per monitoraggio faunaLombardia, partono i lavori sul nuovo calendario venatorioReferendum anticaccia. Alla Camera una conferenza stampa imbarazzanteCabina Regia Toscana: "Tre Atc non riconoscono il coordinamento"Ministero Agricoltura. Al Sottosegretario La Pietra le deleghe sulla cacciaEmilia Romagna: Le associazioni Venatorie in Regione per il calendario venatorioAnuu: "Modifiche 157 controllo faunistico aprono nuovi scenari"Basilicata, da stagione caccia 2023 - 2024 iscrizioni Atc on lineRegionali Lombardia: Carlo Bravo candidato con FdI nel collegio di BresciaPiemonte. Assessore Protopapa "non siano ostacolati gli abbattimenti dei cinghiali"Foti (FdI) minacciato dagli animalisti per legge controllo faunisticoAllevamento turdidi, Anuu "sentenza importante a Udine"Bulbi (PD Emilia Romagna): Regione applichi calendario 21 -22 non oggetto di ricorsiLa Regione Abruzzo intende aprire la caccia a cervo e caprioloVeneto, le associazioni venatorie chiedono nuova deliberaRegionali Lombardia. La cacciatrice Monia Todeschini candidata con FDIA Bruxelles un convegno organizzato da Fiocchi su caccia, piombo e lupoMolise proroga caccia cinghiale fino a 29 gennaioSentenza Tar Veneto blocca caccia acquaticiRegionali Lombardia, Emma Soncini (cacciatrice) con FdI Grazie a due cacciatori ritrovato uomo scomparsoControllo faunistico. Regione Piemonte invita Province a coinvolgere i cacciatoriGenovesi: (Ispra) "sterilizzazione cinghiale ancora impossibile"Pineta di Classe. Bando daini va deserto per paura degli animalistiAnimalisti fermati e identificati. Ostacolavano cattureEmilia R.: Confagricoltura "no all'esclusione degli agricoltori dagli abbattimenti"Regione Calabria corregge discrepanze in Calendario VenatorioFACE: pubblicato ottavo rapporto su Manifesto BiodiversitàGrande Cena della Fidc di Lari per beneficienza. Ricavato all'AircFidc Toscana: continua la mobilitazione su Piano Parco San RossoreFidc Lombardia: ecco cosa cambierà sul controllo faunisticoCia: "in Piemonte e Liguria emergenza PSA nel pantano"Beccaccia: nessuna sospensione a gennaio in LombardiaSardegna chiede proroga caccia al cinghiale a febbraioSelvaggina d'autore con Igles Corelli a Caccia Village 2023Confagricoltura: "su cinghiale e fauna selvatica necessario cambio di passo"Ispra: in Italia si abbattono 300 mila cinghiali l'anno, 86% a cacciaCia: bene revisione legge 157/92Caretta (FdI), grazie a governo Meloni finalmente cambio di passo su gestione fauna selvaticaAcma: anche i cacciatori partecipano ai censimenti Cabina Regia Toscana chiede confronto su ampiamento Parco San RossoreAnuu: soddisfazione per la sentenza sul Calendario venatorio lombardoFidc Toscana: da Piano strategico nazionale opportunità per la cacciaUmbria, Morroni commenta sentenza Tar "Calendario venatorio invariato"Calendari Venatori. Sparvoli (Anlc) "La verità alla fine viene a galla"Toscana: 393 i cinghiali abbattuti dagli agricoltori nel 2022Controllo faunistico, ecco il nuovo testo nella 157/92Umbria: sentenza Tar salva chiusure caccia al 30 gennaioFidc Uct: nominato nuovo coordinamento Atc toscaniFrancia. In Piano sicurezza caccia respinto divieto domenicaEmilia Romagna, i cacciatori chiedono incontro urgente in RegioneIl calendario 2023 delle cacciatrici con i disegni dei bambiniDisinformazione su caccia e controllo faunistico. Ci casca anche RaiNewsFidc Toscana Uct "Scolopax Overland, l'importanza della ricerca scientifica"Confagricoltura ed Eps: convegno sulla gestione del cinghialeTre borse di studio per il Master in gestione della fauna selvatica In Friuli assessore Zannier smentisce i 5 Stelle "nessuna caccia nel Parco"Fidc Toscana scrive a Parco San Rossore "Chiarezza sul Piano del Parco"Tar Lombardia respinge ricorso della Lac su Calendario VenatorioFidc: "Pac, cosa cambia per la fauna selvatica e per la caccia"Liguria cancella restrizioni caccia nell'area contigua del Parco di PortofinoToscana, per gli appostamenti fissi lista annuale dei frequentatoriLombardia, nessuno stop caccia alla beccacciaFidc Marche "noi soli a lottare per il calendario venatorio"PSA: Ministero della Salute aggiorna i Manuali operativiCNCN: bene emendamento Governo su fauna selvaticaFidc - UCT "Un anno per la caccia in Toscana"

News Caccia

Spiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardi


martedì 29 novembre 2022
    
Sale a 270 il numero dei prodotti agroalimentari tradizionali riconosciuti dalla Regione Lombardia. Con il decreto del 2022, firmato questa mattina, ai 268 prodotti già inseriti in elenco, si aggiungono lo spiedo bresciano e la gallina della ritirata di Milano.

I Pat lombardi, raggruppati in 11 diverse categorie, sono prodotti le cui metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura sono consolidate nel tempo da almeno 25 anni e sono praticate in modo omogeneo e secondo regole tradizionali. Il riconoscimento dei prodotti agroalimentari tradizionali ha un ruolo fondamentale nell’affermazione delle identità delle comunità rurali.

“Lo spiedo è Brescia: uno dei piatti simbolo della città e dell’intero territorio – ha rimarcato l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi, Fabio Rolfi -. Grazie a questo riconoscimento vengono salvaguardate le tradizioni dei processi produttivi e viene preservata una sapienza secolare. I pat sono i veri prodotti lombardi che ottengono un riconoscimento perché sono specialità difficilmente replicabili altrove e mantengono il legame con il territorio e con le comunità locali che, nei secoli, le hanno generate”.

“Lo spiedo per i bresciani ha un significato evocativo straordinario, legato spesso a ricordi familiari e a momenti di convivialità – ha aggiunto l’assessore -. È un simbolo di identità che ora ha un riconoscimento ufficiale da parte della Regione. Legare cibo e territorio significa promuovere un intero sistema”.

Lo spiedo bresciano viene classificato tra i prodotti della Gastronomia ed è diffuso sul territorio di Brescia e provincia: Franciacorta, Valle Trompia, Valle Sabbia, Alto Garda Bresciano, Valtenesi, Pianura Bresciana. Si tratta di un piatto conviviale bresciano – si legge nel decreto – tipico della popolazione impossibilitata a dedicarsi alla caccia grossa, prerogativa nobiliare. La classica ‘polenta e uccelli’, condivisa negli anni con i territori bergamaschi e veneti fu via via arricchita dallo spiedo a cui furono aggiunte carni di animali allevati, specialmente il maiale.

Commenta anche Barbara Mazzali: “La Giunta regionale ha inserito lo spiedo bresciano nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali riconosciuti: non posso che esserne estremamente soddisfatta, dato che ho promosso io, insieme al collega Floriano Massardi, la legge regionale per la “Valorizzazione della cultura e della tradizione lombarda dello spiedo bresciano e di altri preparati a base di selvaggina”, che è stata approvata in Consiglio lo scorso maggio.

La Regione promuove così il valore storico, culturale ed enogastronomico di questo piatto che viene tramandato di generazione in generazione. E ci tengo a ricordare il valore economico dello spiedo, dato che molti turisti scelgono il Bresciano anche per poter assaggiare le prelibatezze enogastronomiche del territorio.  Non posso che essere soddisfatta del lavoro che abbiamo fatto e ancora una volta ringrazio i sindaci che ci hanno fortemente sostenuti.  Sarà il punto di partenza per la prossima legislatura, perché saranno proprio questi provvedimenti le mie priorità: valorizzazione delle tradizioni, incentivo del territorio e supporto dei comparti enogastronomico, venatorio e agricolo”.

Lo dichiara Barbara Mazzali, capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Lombardia.
Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Spiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardi

Pensate solo allo spiedo alla caccia tradizionale no ( lega forza Italia ) dopo la bocciatura degli emendamenti in regione Lombardia In primis la sig beccalossi dopo tutti i voti che ha preso grazie ai cacciatori bresciani questi è il ringraziamento c’è ne ricorderemo alle prossime elezioni regionali

da Pino 29/11/2022 10.27