Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoFidc: "una nuova rotta per la sorveglianza dell'aviaria"Cabina Regia Toscana a difesa del calendario venatorioFidc Lombardia: non ancora chiusa causa contro il calendario venatorioL'Aquila, a Cagnano Amiterno riprende la caccia senza limitazioni per PSAUmbria: Mancini (Lega) chiede piano straordinario cinghialePatrizio La Pietra e Vannia Gava sottosegretari ad Agricoltura e AmbienteArci Caccia Toscana chiede trasmissione dati su tortora, storno e piccioneIn Toscana nuovo ricorso contro calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità


mercoledì 16 novembre 2022
    
muflone
 
 
Riceviamo e pubblichiamo:
 
 
Con una lettera firmata dal Presidente nazionale Massimo Buconi e dal Presidente regionale toscano Marco Salvadori, Federcaccia si è rivolta al Comando Carabinieri Isola del Giglio, al Comando Carabinieri Forestali Isola del Giglio e al Comando Superiore Carabinieri della Compagnia di Orbetello per chiedere l’intervento della forza pubblica a tutela dell’attività venatoria sull’isola

La vicenda del Giglio ha avuto inizio qualche mese fa quando l’Ente Parco dell’Arcipelago Toscano ha avviato sull’isola, con il beneplacito della Regione Toscana e il parere positivo di Ispra, il programma di eradicazione del muflone, specie alloctona, così come richiesto nelle misure dei progetti europei Life. 

Come ormai abitualmente accade per ogni intervento gestionale intrapreso da qualsivoglia Ente, immediatamente è partita la consueta, ben organizzata, macchina del fondamentalismo animalista, che senza alcuna attenzione per le conseguenze negative sulla tutela reale della biodiversità ha prima dato vita a una campagna denigratoria nei confronti del Parco e successivamente con la presenza da oltre un mese di un gruppo di attivisti, che stanno costantemente presidiando tutto il territorio dell’Isola del Giglio inscenando incessanti azioni di disturbo e provocazione volte a impedire il normale svolgimento dell’attività venatoria, estesa dal prelievo dei mufloni a qualsiasi forma di caccia praticata secondo le attuali normative e regolamenti.

Una situazione surreale e inaccettabile, in cui gruppi di esagitati violano la legge e il diritto in nome di una personale visione animalista, che richiede un intervento fermo e risolutivo da parte delle autorità.

Auspichiamo adesso che ci si attivi sollecitamente ponendo fine a questa condizione di palese incostituzionalità tollerata già fin troppo a lungo e che impedisce l’esercizio di una attività consentita e regolata da leggi dello Stato a cittadini che hanno ragione di veder tutelati i propri diritti.
 

Ufficio Stampa Federazione Italiana della Caccia

 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

12 commenti finora...

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

Isola Del Giglio: Buconi sarebbe meglio che i cacciatori non partecipassero a tale intervento. Le istituzioni facciano intervenire i vigili provinciali. Non diamo motivazioni agli animalari anticaccia di schierarsi contro i cacciatori !!!

da bretone 19/11/2022 12.33

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

Ci sono stati studi che mostrano l' impatto negativo dei mufloni sull' ecosistema dell' isola. Niente di nuovo sotto il sole, succede SEMPRE quando si introduce una specie aliena. Percio' bisogna decidere se accettare la specie aliena e con essa i cambiamenti oppure no. Hanno deciso di eradicarla. Punto. LE vie di mezzo come mantenerne una piccola parte NON ha senso. Il resto e' fuffa. Una volta tanto ISPRA non c' entra molto in quanto ha semplicemente preso atto degli studi e della volonta' dell' ente Parco e "ratificato" la questione visto che e' parte del loro lavoro. Se andate sul sito del Parco, alla sezione animali, il muflone non c'e'....Piuttosto la lettera di una associazione venatoria, visto che con la caccia no ci azzecca nulla, e' completamente fuoriluogo. Non e' che serviva questa lettera per far conoscere i malati terminali all' opinione pubblica. Hanno tempo da perdere? Pare di si....

da Flagg 18/11/2022 23.27

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

Bravo Gianni. Contenimento del numero in proporzione al territorio disponibile. Non eradicazione. L'isola, c'era 70 anni fa e c'è ancora. L'Ispra si occupasse di cinghiali, daini, lupi nel resto d'Italia anzichè atteggiarsi da onnipotente su un isolotto e stracciarsi le vesti per quattro mufloni. Incompetenti e buoni a nulla

da Hunter74 18/11/2022 10.05

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

I Mufloni al Giglio sono stati portati dalla Sardegna negli anni 50 del secolo scorso dall’allora INFS (oggi ISPRA) guidato dal Prof. Mario Spagnesi (cacciatore). È tutto documentato. Idea ottima dato che per 70 anni non hanno dato fastidio a nessuno. Oggi ci sono i fenomeni plurilaureati all’università del NULLA che devono dimostrare la loro ragione di esistere.

da Gianni 17/11/2022 22.05

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

E chi ha parlato di codice penale? Ma che articolo hai letto? Ste capre chi ce le ha portate sull’isola se non l’INFS? Qualche privato? Chiedo perché non ne so nulla, non me ne sono mai interessato (non che ora mi interessi qualcosa).

da Fauno 17/11/2022 21.44

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

Qualcuno di FIDC sa dire quale sarebbe l'articolo del codice penale violato?

da Oscar 17/11/2022 19.14

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

L'isola del Giglio ha 24 kmq. di superficie. Ha 1.400 residenti fissi, turisti a parte. Solo un ignorante può chiamarla scoglio. Non è INFS o suo antenato che ne ha proposto l'introduzione sull'isola.

da Remigio 17/11/2022 17.28

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

Perfettamente in linea con Hunter 74.

da Frank 44 17/11/2022 11.00

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

Mi associo in toto a Gianni e Marco. 1) Non si tratta di caccia, bensì di pest control; 2) i cacciatori dovrebbero farsi da parte; 3) gli animalisti sono una piaga da eradicare dal pianeta; 4) Ispra è l'emblema del nulla e parecchio dannosa, faziosa e anticaccia; 5) FIDC perde tutte le migliori occasioni per star zitta. Ecco ciò che penso.

da Hunter74 16/11/2022 22.09

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

... Ma lasciare che si arrangino le istituzioni con i loro amici ambientalisti... no vero.... cosa c'entra la caccia con queste operazioni proprio non si capisce.

da marco 16/11/2022 17.36

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

Quella non è “attività venatoria”. Si tratta solo di eliminare un piccolo gruppo di pecore semiselvatiche su uno scoglio al largo della Toscana. Pecore che si trovano li perché l’INFS (antenato di ISPRA) diretto allora da Mario Spagnesi (cacciatore) decise che era il posto giusto per loro. Oggi ISPRA (che non ne azzecca una) ha deciso che vanno eradicati e qualcuno ha chiamato bassa manovalanza ad eseguire il lavoro sporco. Opporsi a ISPRA, sempre.

da Gianni 16/11/2022 17.09

Re:Disturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autorità

aspetta e spera....

da ? 16/11/2022 17.06